MAGIC 97, CAVALIERS 86

Troppo Dwight Howard per i Cleveland Cavaliers che capitolano per terza volta di fila, la 56esima in stagione. Gara quasi perfetto per il centro dei Magic che mette a referto 28 punti, 18 rimbalzi, 4 stoppate, 4 recuperi con 9/11 dal campo. Bene anche Bass (22 pts) mentre i Cavs tirano con il 39% al campo con soli tre giocatori in doppia cifra.

PACERS 102, NETS 98

Altra gara difficile ed altra sconfitta per i New Jersey Nets che privi di Deron Williams subiscono il 4° ko di fila. Indiana è trascinata dal duo Granger-Hibbert con i due che combinano per 44 punti e 17 dei 35 canestri di squadra. Bene anche Collison che mette a referto una doppia doppia da 15 punti e 12 assist. Per i Nets, il solito Lopez da 20 punti e 14 punti dalla panca di Vujacic che infila 4 triple.

CELTICS 96, KINCKS 86

Con un finale di gara esiziale, i Boston Celtics espugnano il Madison Squadre Garden e infliggono il 3° ko stagionale ai Knicks.  Il parziale con il quale Boston chiude la gara è di quelli da lasciare a bocca aperta (23-4) con un Garnett da 24 punti e 11 rimbalzi. New York (7-9 dalla Melo-trade) tira 7/22 da 3 con Anthony che ne infila 22 con 7/17 dal campo.

KINGS 92, BULLS 132

Chicago conquista il 50° successo stagionale con una nettissima vittoria sui Kings, schianti di ben 40 punti. C’è gloria per tutti i giocatori di coach Thibodeau con 8 in doppia cifra e con una clamorosa serata al tiro da 3 (12/17). Rose è comunque il top scorer insieme ad un Kyle Korver da 18 punti. Per Sacramento, 132 punti subiti ed il solo Thornton a convincere (25 pts, 9/14).

JAZZ 85, GRIZZLIES 103

Successo importante in chiave playoff per i Memphis Grizzlies che respingono il timido assalto dei Jazz con una vittoria convincente. I padroni di casa portano 7 giocatori in doppia cifra con Randolph che chiude la sua gara con 19 punti, 13 rimbalzi e 5 assist. Conley smista 11 dei 33 assist di squadra mentre per i Jazz ci sono ben 19 palle perse, oltre ai 15 punti di Millsap.

WARRIORS 96, SPURS 111

Vittoria agevole ma grande spavento per i San Antonio Spurs che perdono Tim Duncan per infortunio (si parla di 2 settimane di stop). La squadra di Popovich segna 11 triple ed è trascinata dal duo Parker-Ginobili con il primo che mette a segno una doppia doppia (17 pts, 15 asts) mentre l’argentino infila 28 punti in 31’. Bene anche Splitter (10 pts, 14 rebs). Per i Warriors, 5° ko di fila con il duo Ellis-Curry che si ferma a 7/21 dal campo.

RAPTORS 90, NUGGETS 123

Il miracolo non riesce due volte ed  i Raptors dopo il blitz ad Oklahoma City viene sommersa dai Denver Nuggets. Il bottino è di 10 vittorie in 14 gare da quando Melo è volato a New York con la squadra di Karl che fa veramente paura in attacco dove Lawson è giù un leader (23 pts, 8 asts). Smith va vicino alla tripla doppia (13 pts, 10 rebs, 8 asts) mentre Bargnani (20 pts) è l’unica luce di Toronto.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

106 thoughts on “NBA – Celtics corsari a NY, bene Nuggets e Spurs

  1. risultati nella norma..fossi nei knicks comincerei a guardarmi le spalle..i jazz direi che escono anche ufficialmente dalla corsa ai po,..ho visto qualcosa dei rap a denver..difensivamente(si fa x dire)scandalosi..non ce n’è uno che abbia la benchè minima ide di cosa fare..

  2. celtics bravi a non far fare a NY la loro partita ed a snaturare la loro struttura costringendoli ad un ritmo basso. il resto è stato facile e cioè aspettare i loro passaggi a vuoto che puntualmente sono arrivati e sfruttarli con un finale che è una chiccheria da rivedere anche in replica stasera su sky.
    che paura Spurs! Timmy è il pilastro mentale della franchigia pur essendo questo il suo peggior anno da pro. Da questo infotunio però potrebbero arrivare due vantaggi inaspettati: 1) lavoro fisico ed atletico per rendere il + presentabile possibile timmy; 2) vedere Splitter finalmente all’opera, come tanti di noi avrebbero voluto già da tempo, con un minutaggio interessante e con l’opportunità di allargare la rotazione sotto canestro dove tim ed antonio potrebbero averne ulteriori benefici. io in thiago ci credo molto e penso che sia molto intelligente e mi aspetto che a questo punto dell’annata abbia assimilato il sistema di popovich e possa dimostrarlo.
    ultima cosa: bulls celestiali! ad est, sopratutto se hanno il fattore campo, chi li ferma?

  3. Splitter è alle prese con il “rookie year” di Popovich. L’anno prossimo non scende sotto i 25′ di media.

    Offensivamente deve migliorare tantissimo ma difensivamente è già da NBA…

  4. Memphis

    12 mila spettatori per una gara di cartello che valeva i PO!!!! Evidentemente i tifosi e/o appassionati hanno altro da vedere!!!! Comunque vittoria corroborante mai in discussione che si permette di far giocare Haddadi. Le notizie buone non finiscono qui perchè l’accordo tra Zach e la franchigia sembra vicino. Invece la tegola Gay continua visto che i tempi di recupero si allungano. Peraltro il calendario delle prossime tre gare recita: @Celtics, @Bulls e Spurs che potrebbe vanificare il vantaggio di 2/3 gare sulle inseguitrici. Insomma dovranno sudare fino alla fine.

    Nuggets-Raptors
    Passeggiata dei primi, utile per la classifica, ritorno su standard scadenti per i secondi. E’ vero che erano in back-to-back ma un conto è difendere contro i Thunder un pò monotematici in attacco un conto e fermare una squadra che distribuisce i punti tra i suoi giocatori. Gli italiani non hanno inciso perchè Gallo ha fatto il suo in un’orchestra che suonava benissimo Andrea è naufragato difensivamente come i suoi compagni aggiustando le cifre a babbo morto. Da notare che la stoppata subita era irregolare…… ehehhehehehh

    NY-Celtics
    Sopra di 8 a 8 minuti dal termine ed è finita la gara. Spazzati via dai Celtics senza pietà. Knicks sono così prendere o lasciare. Il loro calendario recita: due sfide contro i Magic una contro i Sixers ed una a testa contro Bulls e Celtics che saranno le ultime due. Per i Sixers calendario un filino più “facile”.

    Spurs
    Si fa male Timoteo ma la fortuna arride ai suoi. Rimarrà a riposo fino alle ultime due per poi fare ritorno in campo per carburare in vista dei PO. Splitter giocherà e avrà tempo e modo di farsi vedere e di rendersi utile. Secondo me sarebbe importante ai PO per allungare la rotazione dei lunghi.

    Bulls continuano a macinare vittorie, obiettivo prima piazza mentre i Pacers mettono fieno in cascina.

  5. Mamma mia Zac!

    Ciccio bello finalmente s’è svegliato ed a 30 anni finalmente sta dimostrando che è una delle migliori ali grandi della lega. Che rimpianto non averlo visto nei suoi migliori anni con un cervello duncaniano.

    Memphis da Play Off, Hollins per due volte vicino all’allenatore dell’anno e stavolta con poco Rudy Gay nel finale di stagione.

    Per il resto che dire:

    Bah, soprattutto che i Knicks mi convincano sempre meno e che gli Warriors da un mese stanno facendo Tanking, ma ad est sarebbero ad una W dai Pacers.

    Peccato vederli perdere intenzionalmente anche perchè senza infortunii si poteva essere almeno all’altezza di Houston, che però in quanto ad infortunii “qualcosina” ha pagato.

    Boh, a sto punto speriamodi pescare bene, ma alla 11 chissà cosa si pesca a ‘sto draft di pippe.
    Qualcuno mi dice qualcosa su John Henson, Sophmore da North Carolina??

  6. Ciao a tutti,
    belle W di Bulls e Nuggets. Chicago continua la corsa verso il primo posto ad Est, stagione veramente spettacolare quella dei tori.

    Denver continua a dimostrare che…. “ando vai se la squadra non ce l’hai…” ai poveri NYK.
    Stanotte veramente pessimi, ‘melo e Stat (le star) su tutti. Appena i C’s gli hanno messo il fiato sul collo si sono sciolti.

  7. nuggets vs raptors

    partita imbarazzante.
    sembrava finita già prima che iniziasse realmente.
    anche perchè la differenza tra le due squadre è netta,in più i raptors erano in b2b,quindi sono sembrati appagati della vittoria del giorno prima a oklahoma city,quindi hanno pure giocato con un atteggiamento svogliato,quindi quando è così si capisce fin dalle prima battute che non può esserci storia…

    bargnani a mio avviso l’unico dei canadesi che si è salvato.
    mentre dall’altra parte hanno fatto festa tutti.
    nuggets che come al solito hanno impressionato dal punto di vista della quantità offensiva.
    quasi tutti i giocatori del roster ad ogni gara possono tranquillamente andare in doppia cifra,proprio perchè questa squadra è piena di gente che sa finalizzare il gioco.
    in più sotto george karl questa squadra è anche molto bella da veder giocare.
    normale che in una gara del genere il gallo non abbia avuto modo di mettersi troppo in mostra,anche perchè l’hanno fatto semplicemente tutti…

    knicks vs celtics

    due vittorie importanti per i celtics,entrambe in rimonta.
    quindi da questo punto di vista possono respirare,anche perchè dopo la sconfitta di houston molti avevano previsto un ulteriore crollo,ed invece puntualmente questi hanno smentito tutti.
    knicks che invece di migliorare sembrano peggiorare partita dopo partita.
    ma intanto da quando è arrivato ai knicks i tifosi di new york fanno fatica a vedere il vero melo.
    comunque paul pierce ancora oggi dimostra di essere uno dei migliori leader nei minuti finali.
    pazzesco il suo ultimo quarto davanti allo stesso melo…

    bulls che sembrano lanciatissimi,ma anche loro non si possono permettere di rilassarsi, perchè gli avversari sono in agguato,difatti contro i kings hanno giocato al massacro…

    comunque vero chi dice poco male l’infortunio di duncan,però non capisco perchè popovich non l’abbia fermato prima.
    ormai sono quasi certi del primo posto,in più non mi sembra che per battere i warriors avessero a tutti i costi bisogno del caraibico.
    stesso duncan che adesso dovrebbe rientrare ad inizio playoff.
    a mio avviso questi playoff per lui saranno fondamentali in prospettiva ritiro o meno.
    dovesse fallire in prima persona,poi sarebbe un vero peccato vederlo continuare,perchè lui è duncan,un giocatore che una volta sfiorava la perfezione,quindi farebbe ancora più male vederlo in stile olajuwon dei suoi ultimi anni di carriera.
    invece in caso contrario niente da dire se dovesse continuare,come sembra comunque a prescindere…

    chi crede alla favola che deron rimarrà ai nets anche dopo l’estate 2012?
    con lui ad est potrebbero anche “rubare” un posto ai playoff,senza invece dimostrano di essere molto vicini a quelli dello scorso anno.
    impressionante vedere sempre che differenza di qualità media ci sia tra le due conference.
    anche i grizzlies sono vicinissimi ai playoff,con il solito randolph rigenerato dall’aria di memphis.
    ad ovest ci sono nuggets,blazers,hornets e grizzlies che fossero a est sarebbero probabilmente tutte davanti agli hawks.
    non penso anche davanti ai magic,con quest’ultimi che come al solito vengono letteralmente trascinati da superman,questo anche contro i cavs.
    non ci fosse stato rose meritava lui l’mvp,perchè sta disputando una stagione individuale davvero incrededibile.
    appunto,a livello individuale,se togliamo i vari record di squadra,io non vedo nessuno che in questa stagione ha fatto meglio di lui…

  8. Ma i Knicks hanno deciso di non andare ai Play off???
    Da Toronto si può dire che non ci si aspettava molto di più dopo il “miracolo” di ieri…

    Sto iniziando a fare dei ragionamenti, ma non riesco a capire, se ci qualificheremo, quale squadra affrontare ai Play Off…
    Lakers e Spurs assolutamente no, quindi da evitare 7 e 8 posizione, mentre non so capire se meglio OKC o Dallas…forse Dallas…

  9. alert70

    “Andrea è naufragato difensivamente come i suoi compagni aggiustando le cifre a babbo morto.”

    io invece l’ho visto come l’unico giocatore dei raptors che avesse veramente voglia di giocare.
    forse perchè aveva lo stimolo del derby col gallo.
    comunque in generale i raptors hanno giocato una partita che anche gli stessi cavs avrebbero faticato a ripetere…

  10. domanda da un milione di dollari:

    chi è oggi il miglior giocatore dei denver nuggets?

    i candidati sono tanti e tutti validi…

    afflalo
    lawson
    hilario
    felton
    gallinari
    chandler
    martin
    smith

    probabilmente oggi è impossibile dirlo,ma proprio questo equilibrio sembra essere la forza di questa squadra…

    • Domanda provocatoria, molto intelligente ma, se posso rispondere con una battuta, di sicuro non Afflalo.
      Comunque è vero che Denver con la trade è passata da essere la squadra di Melo (anche se forse era più di Chauncey) ad essere un’ottima squadra senza una Superstar, almeno che non diventi tale il Gallo. Buona situazione perchè, come mi pare di aver capito, “non ci sono mani appicicose”, ma c’è da domandarsi dove possa arrivare questa squadra.

      • beh, non so chi sia il migliore… ma secondo me il più insostituibile, o “meno sostituibile” è nenè, quindi io andrei con lui… anche perchè forse è anche un pò il leader della squadra (ammesso che ce ne sia uno)

    • Secondo me è Lawson, potenzialmente può diventare uno dei migliori PM considerando la giovane età, però il più insostituibile è Nenè perché non esiste un suo ricambio degno di nota, forse Andersen ma è più ala, invece Nenè è più centro. Il più talentuoso è inutile dire che è JR Smith, però per maturità non lo vedo ancora come l’uomo-simbolo di questa squadra. Il Gallo è un ottimo pezzo del puzzle, ma non lo vedo come l’effettiva stella dei Nugs, anche se le credenziali (talento e maturità) ci sono tutte tutte…

    • d’accordissimo sul discorso equilibrio, però un lungo è fondamentale per costruire una buona squadra, quindi se fossi la dirigenza nuggets blinderei nenè, poi anche lawson e gallinari, gli altri non sono indispensabili, però con un nucleo così si può combinare tanto…

  11. Buongiorno a tutti ;)….vi leggo da un pò ed oggi ho deciso di iscrivermi(dato ke d gente cn cui parlare di NBA se ne trova sempre di meno in giro)….tifo per i Lakers ad OVest(sarà banale,ma quelli della mia generazione c siamo appassionati all’NBA nel periodo di Kobe-Shaq quindi….) e x i Magic ad Est(motivo MCGRADY)…ultimamente mi sono molto appassionato alle vicende dei Grizzlies…davvero una bella squadra….giovane…tosta…completa sia offensivamente ke difensivamente…..che nonostante l’assenza di un certo Gay,continua a tenersi stretta l’ottava piazza….secondo voi a questa squadra per essere una futura contender cosa manca??Basteranno la crescita di Conley,Mayo e Gasol o serve altro?

    • io non sono un esperto, però secondo me a memphis servono due cose: il cervello di mayo, perchè il talento è spaventoso, se un giorno si illuminasse diventerebbe uno da 20 facili a partita, e in squadra con gay randolph e gasol non sarebbe male, e un coach con le palle, tipo larry brown, rick adelman o magari addirittura popovich… allora si che potrebbero fare un bel passo avanti, magari tra due o tre anni, in prospettiva calo di spurs e lakers, potrebbero entrare secondo me nelle prime 5 dell’ovest, primi non penso, perchè dovrebbero cedere due pezzi buoni del loro team per una stella vera… gay ha firmato un super contratto in estate, e per ora non ha dimostrato pienamente di valere quei soldi, ma è anche vero che se il team girasse meglio anche solo coi giocatori che ha allora sarebbe il leader di un ottimo team, e già li sarebbero più giustificati… comunque ho ancora molta fiducia sul futuro di gay, oltre che dei grizzlies in generale, anche perchè ad est degni rivali per “abbassargli” il record in RS non ce n’è… resta che hanno l’enorme sfiga di stare ad ovest, perchè questi ad est sarebbero SICURI da PO…

  12. comunque secondo me melo un pò soffre questo impietoso confronto nuggets-knicks del dopo trade…

    nelle ultime gare con i nuggets lo vedevo più in forma che mai,oggi invece sembra un altro giocatore…

  13. Per i Blazers, meglio i Mavs… Non ce lo vedo Miller correre dietro Westbrook e Ibaka è il tipo di giocatore che Alridge soffre, più di Gasol e Dirk.

    Per i Lakers infatti, preferisco NOH a Portland… :-D

    • Concordo….
      Certo, a parte Miller, come atletismo non siamo messi male…però OKC è veramente imprevedibile….

  14. denver bella squadra, ma ho il timore che ai playoffs senza un leader in campo naufragheranno tutti… tipo un 4-0, 4-1…

  15. sui knicks

    secondo me stanno pagando le troppe aspettative ,è vero hanno due top player ed un play in parabola discendente ma sono ancora al inizio della costruzione per diventare una contender ora hanno messo le basi ma gli manca ancora il giocatore per il salto di qualita e il contorno quindi aspettarsi di piu mi sembra eccessivo .per ora credo che raggiungere i p.o. sia il primo passo minimo ma mai scontato .
    naturalmente con d’antoni non si puo andare avanti .

  16. Per chi ha visto la partita
    Uscito Lawson
    chi ha giocato Play per i Nuggets?
    Jr Smith per caso?

  17. la cosa più imbarazzante guardando i knicks è il modo in cui d’antoni utilizza anthony: sembra diventato un tiratore perimetrale e niente più….ben diverso come giocatore dal fenomeno ammirato per 7 anni ai nuggets. è chiaro come la luce del sole che d’antoni debba essere allontanato, non si può prendere una super-star con tanti sacrifici e poi sminuirla in questo pseudo-ruolo, roba da matti…uno dei 5 migliori giocatori della lega, il miglior clutcher alla pari di kobe, relegato sul perimetro quando con l’altezza e la stazza che si ritrova potrebbe essere devastante vicino canestro o quantomeno in allontanamento. non si può fare una cosa del genere….! da non credere, allucinante! prendere adelman che con i rockets sta facendo l’ennesimo miracolo con una squadra senza stelle!!!! darebbe anche quella mentalità che d’antoni sta facendo mancare in tutto e per tutto!

    • D’Antoni non vede altro. Se ci fosse Duncan lo spingerebbe ad “aprire” il campo con soluzioni da tre. Immagina un Bargnani che già in area non ci vuole andare cosa farebbe sotto Mike. 10/12 tiri da tre a serata. Carmelo deve sorbirsi la cura e le visioni di Mike. Non capisco e mai capirò perchè un talento pazzesco debba andare a NY in queste coindizioni. Poi ci meravigliamo che LeBron sia andato in Florida. Chissà forse per il coach. Coach che vive di rendita. Prima lo sbolognate e meglio è. Ma credo che un altro anno ve lo dovete sorbire.

  18. Leon
    Ben venuto. I Grizzlies hanno una batteria di marcatori sull’uomo che nessuno ha nella lega. Il trio composto da Mayo-Allen-Battier è un lusso pazzesco. Se vorranno fare una trade sono certo che uno dei tre farà le valigie (Mayo in una trade oppure non rifirmano Battier). Il salary cap è ottimo con 36 mln + il contrato a Randolph. Ci sarà da firmare Gasol (credo di si) quindi manterrebbero il duo che tanto bene sta facendo. Peccato per Thabeet (ceduto) vera ciofeca di giocatore. Hanno di fatto buttato nel cesso una scelta altissima, la seconda. Conley non mi è mai piaciuto ma ha fatto il salto di qualità. La franchigia lo ha premiato con un contratto che onestamente ci sta. Prendere 8 mln di media rispetto ai 10 di Calderon credo sia sufficiente per capire che hanno fatto un ottimo accordo. Cosa serve? Per me dovrebbero prendere un’ala da affinacare a Gay perchè a parte lui non c’è molto altro (Arthur + Battier in scadenza) oppure puntare su un altro lungo da affiancare a Randolph se non rifirmassero Gasol. Sulle guardie sono messi bene in prospettiva ma non si sa se gli Xenry, Vasquez, Smith diventeranno buoni al fianco di Allen e Mayo (in rotta con la squadra). Allen non può essere il titolare della squadra ma deve essere un ottimo cambio e non so se Henry/Vasquez cresceranno al punto da meritarsi il quintetto. Per questo potrebbero operare in quel settore. C’è del materiale buono. In prospettiva sono molto competitivi per fare bene.

    Gallo
    Andrea ha giocato meno peggio degli altri, in difesa è stato sospetto anche perchè non sapeva dove mettersi. E’ spesso in posizione sbagliata come i suoi compagni. D’altronde due anni sono pochi per assimilare gli schemi offensivi!!!!!! Pare che vogliano rinnovare la fiducia a Triano!!!!!!
    Indubbio che il confronto con Danilo lo abbia stimolato.

  19. Ciao Leon,
    secondo me memphis ha ottime possibilità di far bene ma NON di diventare una contender.
    Hanno un roster molto vario e completo ma Gay mi da la sensazione di Quasar player, un giocatore che sembra una stella ma non lo è. Per carità, nella prima parte della stagione ha fatto molto bene, ma non mi sembra un giocatore in grado di spostare qualcosa. Ecco, con una vera stella al posto di gay e un ulteriore salto di qualità del “piccolo” Gasol qualche possibilità ci sarebbe (fermo restando che zac, tony allen e co. continuino a giocare come stanno facendo).

    Ciao!

  20. IN DIFESA NON SAPEVA DOVE METTERSI..ma parliam di uno juniores?..bò..ah bè certo,colpa del coach dimenticavo..non di uno che intervistato settimana scorsa,riguardo al”problemino” rimbalzi ha risposto”si chiama pallacanestro,mica pallarimbalzo”..direi che si va poco lontano con una mentalità del genere,direi..
    adesso dai,ditemi che son prevenuto..eh..detto questo,concordo con tutte le obiezioni del genere”è un ottimo attaccante”..ottimo no,troppo monotematico,ma buono ovviamente sì…

  21. Leon

    Benvenuto, certo sentivamo proprio il bisogno di un altro tifoso dei Lakers qui dentro, siete una specie in via d’estinzione, sai?! :-)

    Ovviamente non posso non parlare dell’infortunio a TD. Infortunio di gioco che poteva capitare a chiunque, certo, ma che non fa altro che ricordare a tutti come gli equilibri degli Spurs si reggano su di un filo sottilissimo. Basta niente e tutto crolla. Ora bisogna sperare che i tempi di recupero non si allunghino: Tim deve assolutamente rientrare 3-4 partite prima della fine della RS per riprendere il ritmo partita, altrimenti anche quest’anno gli Spurs affronterebbero i PO con l’handicap. Ma ormai ci abbiam fatto l’abitudine

    Certo che il primo turno PO a ovest sarà duro un po’ per tutti. Gli Hornets sono quelli con meno talento, ma hanno un ottimo impianto difensivo e Paul in primavera non è mai un cliente facile. Blazers, Grizzlies, Nuggets sono squadre che possono mettere in difficoltà chiunque, e far consumare energie preziose in vista del turno successivo. Tutto il contrario a est, dove Sixers a parte il primo turno sarà una passeggiata un po’ per tutte le migliori, anche se già dalle semifinali cominceranno i fuochi d’artificio.

    Opinione personale: quest’anno avremo i PO più belli dell’era post MJ, mai visto tanto talento ed equilibrio. Da leccarsi i baffi

  22. Ah, secondo me Triano ha alle spalle la mafia Italo-canadese che lo protegge. Incredibile come si possa parlare di confermargli il posto per l’anno prossimo

  23. big “0”

    non posso che esser d’accordo con te su Triano, già l’anno scorso quando hanno buttato un’occasione d’oro per andare ai playoff l’avrei preso e mandato a prendersi un lustro sabatico prima di tornare in nba.. ma tant è…

  24. Che sia italiano o meno non fa alcuna differenza, Andrea è un giocatore mollo, che finche approccia con questa mentalità non adrà mai da nessuna parte… Non è leader… si deve dare una svegliata, se no rimarrà nemmeno un secondo violino, ma un decoroso membro da supporting cast…

  25. Comunque Doug Collins sembra il fratello con lo sguardo intelligente di Bagatta. Oh, la somiglianza c’è tutta eh…

  26. io non capisco il perchè ogni giorno ci debba sempre essere questo attacco a bargnani…

    cioè, si sottolineano sempre le stesse cose,come se si volesse pretendere che da un momento all’altro un giocatore possa svoltare a 360 gradi.
    bargnani per ora è questo giocatore,punto,non serve ogni volta sottolineare che è molle o che difensivamente ha dei grossi limiti…

    poi io sono il primo che lo critica quando è giusto farlo,ad esempio qui ho riportato io il suo pezzo d’intervista sui rimbalzi su sky,dove a mio avviso fu a dir poco scandaloso…

    però cavolo,non è giusto sempre sottolineare i suoi difetti per criticarlo a prescindere.
    guardiamo anche in che contesto gioca,guardiamo anche cosa porta alla sua squadra e non solo cosa non porta.
    in questa lega ci sono tanti giocatori che hanno i suoi stessi difetti ma che a differenza sua non sanno finalizzare il gioco in una maniera così efficace,eppure si parla sempre di lui come del male della nba o peggio ancora, come del male dei raptors…

    a mio avviso continua a pagare il fatto di essere stato scelto alla numero 1,altrimenti non mi spiego ogni volta tutta questa pressione negativa nei suoi confronti,anche in una stagione dove a mio modesto parere non avrebbe potuto fare di più,considerando che parliamo sempre di andrea bargnani non di tim duncan,altrimenti certi discorsi avrebbero senso.
    dopo qualche anno penso che i limiti di un giocatore li abbiano capiti tutti,quindi inutile ogni volta sottolinearli.
    bargnani per ora è questo,punto.
    nessuno cambia da un giorno all’altro.
    se lo criticate così tanto vuol dire che vi aspettate molto più da lui,che ci può stare,ma almeno dopo non siate incoerenti nel dire che non è neanche tutto questo gran talento.
    perchè se segna 22 punti a partita e non va bene lo stesso,allora vuol dire che secondo voi potenzialmente il giocatore vale…

    ripeto,questione di aspettative.
    conosco benissimo bargnani,i suoi pregi e i suoi difetti.
    sempre pensato che potenzialmente può essere uno dei migliori finalizzatori della lega,difatti quest’anno ha in parte confermato questo,quindi anche per questo penso che la sua stagione sia certamente positiva,record o non record dei suoi raptors.
    in questa squadra doveva essere il punto di riferimento offensivo in grado di produrre molto e così è stato.
    quindi per questo va bene così.
    poi chiaramente si può migliorare e si deve migliorare ancora,nessuno può permettersi di fermare la propria evoluzione,questo a qualsiasi età e a prescindere dal proprio valore.
    ma il succo del discorso non cambia,ovvero che io non critico gli hornets se questi non dovessero vincere il titolo,semplicemente perchè penso che non sono in grado di farlo.
    quindi se si critica bargnani anche dopo una stagione così,allora vuol dire che si pensa che il giocatore ha grande talento,altrimenti che senso ha criticarlo ogni giorno?

    una cosa esclude l’altra e viceversa…

  27. brazzzz

    Lascia perdere l’intervista, vale come un moscerino spiaccicato sul parabrezza. Quello che vale è la sua mollezza in tante occasioni quando la luce si spegne mentre quando è sveglio qualcosa di buono lo fa vedere.
    Piuttosto mi lascia perplesso il motivo per cui una squadra non abbia idea di posizionarsi negli spazi giusti e di fare le rotazioni degno di questo nome. Ti pare possibile che 14 giocatori non sappiano ancora come difendere di squadra? Qualche gara la vedo e ancora oggi c’è Andrea che spiega a Ed Davis dove si deve posizionare in attacco e in difesa. Fa tu.

    Quindi sarà pure una sega micidiale ma è un morbo che prende tutti. Non c’è uno che difenda di sitema. Solo buona volontà.

    Sull’attacco non è monotematico. Massacriamolo ma offensivamente sa far punti in tanti modi: da tre, in palleggio arresto tiro, in penetrazione e in post basso dove dovrebbe crescere ancora.

    Triano
    E’ il primo allenatore non americano della NBA e scommetto tutto che lo terranno anche per il prossimo anno semplicemente perchè ritengono che quest’anno fosse l’anno zero. Quindi salvo sorprese sarà li sul pino con una squadra in teoria più talentuosa. Se fallirà ovvero meno di 30 W lo manderanno via altrimenti son cazzi amari. In primis per OLOWOWIZTKI.

  28. Il discorso della prima scelta è inutile da fare. Se la prima pallina fosse andata ai Blazers non l’avrebbero preso quindi tutto sto scandalo non ci sarebbe stato. Piuttosto va compreso che idea si erano fatti in Canada sull’utilizzo di Andrea al fianco di Bosh. Francamente non capisco che visioni avessero. Era palese la confittualità tra i due. Se proprio volevano un centro avrebbero dovuto scegliere Aldridge da affiancare al numero 4.

  29. terrei a sottolineare che nei bulls, nonostante il titolare con il minutaggio più alto sia deng con 33 min, gli altri sotto i 28 min, tutto il quintetto base è andato in doppia cifra tra i 14 e i 18 punti, sono quasi perfetti…

  30. dopo questa intevista sono più tranquillo…

    gallinari:

    “Adesso sto bene,anche se fino al termine del campionato non sarò mai al cento per cento,mi dovrò portare questo fastidio se voglio giocare.
    Per rimettermi completamente devo aspettare la conclusione della stagione,poi mi serve solo del riposo”

    quindi niente nazionale?

    “Assolutamente no!
    La nazionale non si tocca.
    Quest’anno ci sono gli Europei,ci sarò e credo che ci saremo tutti e tre,io Belinelli e Bargnani.
    Anzi,sono già carico all’idea di indossare la maglia azzurra per un avvenimento così importante,non vedo l’ora di cominciare”

    dai,speriamo che aprano un grande ciclo azzurro di vittorie…

    • Se non li vedo non ci credo. Quando alla prima palla a due li vedrò in campo tirerò un sospiro di sollievo ma fino ad allora no. Troppe delusioni.

  31. SPURS
    Probabilmente ha ottenuto ciò Pop voleva: infortunio, 2 settimane fuori e ingresso in rotazione di Splitter. Così si trova Duncan con più energie ai Playoff e Splitter meglio inserito nel gioco della squadra in quanto secondo me è l’unica vera alternativa a Duncan, quindi con una bega in più sotto canestro che ai playoff darà molto fastidio agli avversari. Però mi sorge un dubbio: mica che TD l’abbia fatto apposta a farsi male?

  32. intanto RUDY GAY fuori per tutta la stagione…. e questa è una brutta tegola per Memphis…

  33. Peccato per Gay.
    Duncan invece riposo fino ai playoff e poi dentro.

    @ gallo

    G.Karl, in un intervista mandata da sky nell’intervallo tra knicks e celtics, oltre a lodare Gallinari si chiedeva come mai l’Italia di basket con quei 3 ottimi giocatori non vince di più. Alla fine ha detto “manca solo un play di livello!”

    Io non seguo il basket nazionale, ma chi potrebbe essere questo famoso play per completare i big3?

  34. io spero che i knicks non vadano ai playoff cosi è la volta buona che si levano dalle palle D’Antoni. Anche quest’anno è uno schifo (salvo rari casi vedi vittorie contro Spurs e Heat o le 12W consecutive), solo che stavolta le scusanti e le giustificazioni non sono quelle del 2009 e del 2010…. la squadra aveva prima della trade e continua ad avere una circolazione di palla che definire farragginosa è un eufemismo, continua a non difendere (tranne un paio di partite quà e là frutto a questo punto del caso), continua a non avere uno straccio di gioco, continua a spadellare da 3 anche nei momenti clou insomma è come detto prima uno schifo.
    I Knicks non avranno un roster stellare e non saranno neppure da finali di conference, ma non sono neppure da 35-35. Le sconfitte patite contro Cavs(3), Kings, Clippers, T-Wolves, Indiana (2), Warriors, Bucks(2), cioè contro squadre più scarse e tutte dal record perdente sono senza scusanti anche considerati i modi in cui spesso sono avvenute.

  35. fabio r

    maestranzi,giacchetti,hackett…

    penso che a livello di play l’italia non ha fenomeni,però ha gente che offensivamente può completare il gioco dei 3.
    diciamo che il vero giocatore da trovare è il lungo fisico da affiancare a bargnani,ovvero quel lungo che faccia il classico lavoro sporco.
    rocca sarebbe perfetto…

    comunque offensivamente la nostra nazionale sarà molto simile agli heat come produzione.
    ovvero che dipenderà molto dai 3 giocatori nba,quindi può anche essere che per gli altri ci saranno le briciole come negli heat.
    anche se non bisogna dimenticare i vari mancinelli,aradori e datome,gente che offensivamente e non solo,potrà tornare molto utile come alternative al trio…

  36. comunque il vero play sarà come al solito belinelli.
    lo stesso gallinari avrà spesso la palla tra le mani per inventare per se stesso e per gli altri.
    lusso che gli anni scorsi non abbiamo mai avuto al fianco del solito duo…

    alert70

    stavolta ci sono gli europei,quindi è tutto diverso.
    a meno di infortuni,ci saranno tutti e tre…

  37. Gigli e mancinelli non mi dispiacciono. Io metterei Andrea da C e Mancinelli da 4 (spero sia questo il suo ruolo).

    Hackett? italo-americano?

    ps: poi si potrebbe chiedere a Barnes eheheh!!

    • Hackett è italiano a tutti gli effetti. Non sta giocando male ed è alto due metri per cui ha anche la stazza per affrontare i play europei di livello.

  38. ma io tutte ste critiche a d’antoni non le capisco…chiunque veda le partite dei knicks si accorge che questi non giocano (in attacco ovviamente) come una squadra dantoniana…la palla è spesso ferma e i seven second or less sono un ricordo…difensivamente poi…tra d’antoni e gli interpreti scegliere il colpevole non saprei…ma penso che il problema vero sia l’attacco troppo fermo…il problema sta notte non è stato difendere, ma segnare…prendi un parziale di 11 a0 nel4° quarto vuol dire che nn hai mai segnato e i celtics vanno in contropiede o cmq eseguono e segnano…siamo sempre li,se l’idea è farne uno più dell’altro,o attacchi come i suns d’antoniani,e forse ci riesci, altrimenti se fermi sempre la palla e non giochi a quei ritmi è difficile…
    l’analisi dopo un mese e mezzo dalla trade è che le impressioni immediate erano giuste…ne anthony ne billups sono giocatori da run and gun…solo che non si sono adeguati loro al gioco, ma il resto della squadra a loro…forse il problemaè quello

  39. fabio r
    il play…
    dato che a pianigiano piacciono i play tiratori penso che la scelta ricadrà tra maestranzi,vitali, giacchetti e mordente…
    rimango dell’idea che il più forte sia poeta(che non è tiratore e che pianigiani rifiutò a siena dopo che minucci l’aveva preso) e che hacket sia un giocatore sopravvalutato che non merita la nazionale… solo perchè ha fatto il college nn significa che sia forte…anche dante calabria ha giocato a north carolina :P

  40. Poeta ha degloi ottimi istinti offensivi ma non difende. E per Pianigiani è il male maggiore. Andrà con Mordente/Maestranzi mentre Giachetti credo che non ce la faccia causa l’infortunio.

    • Giachetti sta per rientrare Alert… è già tornato ad allenarsi col resto della squadra, lo rivedremo in poche settimane, se non già domenica prossima…

  41. kahuna

    Se come dici te Melo non è adatto al run and gun che cazzarola se lo sono preso a fare smantellando quel poco di buono che avevano. O cambiano il coach, per me sarebbe la soluzione di molti mali, oppure Carmelo viene lobotomizzato al gioco d’antoniano, auguri.

    • appunto… :p
      lo sapevano che antonhy era questo…e mo???
      che poi…pure lui…
      a lebron si muovono sempre critiche sul fatto che vuole palla in mano quando sarebbe più pericoloso da innescato…ma perchè, questo qui,se si mette a tirare senza per forza mettersi in post e farsi l’uno contro uno in isolamento non avrebbe giovamenti???!!!

  42. i playmaker che più si sposano al gioco dei tre sono maestranzi e giachetti,questo lo si è visto anche la scorsa estate.
    sono playmaker puliti che si adattano perfettamente al dominio offensivo che i tre nba avranno nel gioco di pianigiani…

    vitali e poeta sono più registi puri,quindi se ho belinelli e gallinari loro due non sono proprio i giocatori ideali…

    hackett invece quest’anno è cresciuto molto,in più difende duro sull’uomo,quindi può essere una valida alternativa…

    mancinelli per me deve essere il sesto uomo che può sostituire gallinari o lo stesso bargnani nel ruolo di 4 tattico.
    ma il lungo da affiancare a bargnani come al solito deve essere un giocatore che completi il mago,per questo dico rocca…

    barnes?
    magari…

  43. Hackett quest’anno ha fatto un bel salto in avanti, se il suo tiro da 3 diventa meno ondivago farei giocare lui, Giacchetti, Poeta, Maestranzi difensivamente sono un autentico disastro, e accanto a quei 3 serve chi difende e serve gente che abbia un buon tiro da fuori visto che i raddoppi saranno inevitabili! d’accordo con gallo, in molte fasi il play sarà proprio il beli, e carraretto avrà tanti minuti, come difesa e tiro da fuori non c’è in Italia molto meglio di lui…

  44. Ho visto la partita di NY.Credo che tutto ciò che è successo, nel bene e nel male, sia ascrivibile al comportamento di C’s.Un primo tempo svogliato, di una mollezza difensiva ai limiti dell’irreale.Stoud e Melo, hanno fatto ciò che hanno voluto , da fuori e nel pitturato.La second unit dei Celtics che non l’avrebbe messa nmmeno in una vasca da bagno.Nel secondo tempo, quando i Celtics hanno cominciato a difendere come sanno e, complice un calo dei Knicks, dovuto anche al btb,non c’è stata storia.Il parziale di 23-4, col quale Boston ha surclassato NY, negli ultimi 6 minuti parla da solo.KG ha fatto a fette Stoudemire,PP si è dimostrato ancora una volta un fenomeno.Ha dormito per 30 minuti e quando ce n’è stato bisogno, si è caricato la squadra sulle spalle e l’ha trascinata al trionfo.Bene anche il Rondo degli ultimi 2 quarti.Non il Rondo supersonico che siamo abituati a vedere, ma in netta ripresa rispetto a quello delle ultime uscite.Aldilà di qulche jumper fuori misura, ha travolto tutto ciò che gli si parava davanti.
    Che dire di NY.Io sono uno di quelli ,che crede che la trade non l’abbia poi rafforzata così tanto.
    Il gioco è monodimensionale.Palla a Melo o a Stoud..e Dio vede e provvede.La difesa è una parola che non riescono a trovare nemmeno sul dizionario.E per quanto Chauncey si sforzi di mettere un pò d’ordine, il concetto di gioco di squadra, è praticamente inesistente.La facilità con cui i Celtics, giocando appunto di squadra, li hanno rimontati e spazzati via, è stata imbarazzante.
    D’Antoni rifletta..sicuramente le colpe non sono tutte le sue.Forse la trade gli ha tolto qualcuno degli equilibri che era riuscito a creare.Ma, mi sembra che nel corso degli anni, i difetti delle sue squadre, restino invariabilmente gli stessi.

  45. Vitali e Giachetti sono tutto meno che tiratori. A dire il vero, Vitali è tutto meno che un giocatore di basket, e soprattutto come atteggiamento Bargnani in confronto a lui è Rodman, e ho detto tutto. Jacopo almeno è bravissimo nel giocare in transizione e a ritmi sostenuti. Hackett l’ho visto poco, ma a Treviso l’anno scorso ha deluso molto. Maestranzi è il preferito di Pianigiani appunto per le sue qualità di tiratore e perchè difende benino, ma come play puro è scarso anche lui. Ad ogni modo, considerato che la palla in mano l’avrà ben poco e che creatori di gioco saranno Belinelli e Gallinari, lui può andar bene.

    Il problema è il centro: in quel ruolo Gigli sarebbe perfetto, essendo ottimo davvero negli aiuti difensivi (coprendo le lacune di Bargnani) e bravo nei rimbalzi (idem). Poi è uno che in campo si sbatte. Purtroppo sono 2 anni che non gioca 2 partite di fila, e tuttora sembra molto distante dall’essere integro fisicamente. Crosa e Cusin per motivi diversi a certi livelli non sono accettabile. Rocca invece in rotazione farebbe la sua bella figura. La vera svolta sarebbe rendere eleggibile Eze, che ha il passaporto ed è sposato con un’italiana. Ma non so se siano stati fatti passi in tal senso dalla federazione (un branco di incapaci morti di sonno…).

    Per il resto abbiamo un trio che come talento in Europa ha pochi eguali, ed un gruppo giovane che però ormai gioca insieme e si conosce da tanti anni. Abbiamo una profondità mai vista prima, con la crescita di Aradori e l’esplosione finalmente arrivata di Datome, oltre al Mancio abbiamo cambi in cambio di dare respiro ai 3. I due problemi, comunque sopperibili a mio avviso, sono in play e in centro. In più abbiamo senza dubbio uno dei migliori allenatori di Europa, uno che insieme a Pasqual del Barca secondo me è 10 anni avanti a tutti, Messina compreso.

    Pronostico: sarà Pianigiani il primo coach europeo della storia. Messina se ne parla da troppo e non se n’è mai fatto nulla, un motivo ci sarà. Il primo sarà Simone, tra 5-6 anni

    • “Vitali è tutto meno che un giocatore di basket, e soprattutto come atteggiamento Bargnani in confronto a lui è Rodman, e ho detto tutto”
      Aahahhahahahahahahahahhahahahahahhaha, sono caduto dalla sedia, straquoto

  46. Cavolo, avete fatto una miriadi di nome per lo spot da play.
    Peccato non avere un riferimento sicuro in questo ruolo…sembriamo proprio gli heat (con i dovuti distinguo): abbiamo la guardia (beli-wade), l’ala piccola (gallo-lbj) e l’ala forte (bosh-mago) e ci mancano il play ed un centro.

    Per il play si potrebbe tornare da Poz magari…così ci evitiamo le sue “perle” nelle telecronache.

    ;-))

  47. alfredo

    carraretto è un altro giocatore che l’anno scorso ha dato equilibrio.
    lui e giachetti per me sono stati decisivi nel dare equilibrio ad una nazionale che all’inizio trovò difficoltà da questo punto di vista…

    però quest’anno con il trio al completo,ovvero con un gallinari in più,lo stesso carraretto avrà molto meno spazio.
    non dimentichiamoci che nel ruolo l’italia ha diverse alternative…

    certamente come dissi la scorsa estate,con un gallinari in più questa squadra fa un salto di qualità impressionante,anche perchè il gallo come al solito saprà adattarsi a qualsiasi situazione.
    in pratica non è quel tipo di giocatore che può togliere un certo equilibrio che si era trovato.
    porterà molta più qualità e leadership senza rompere certi equilibri,quindi il massimo per questa squadra…

  48. ”si chiama pallacanestro,mica pallarimbalzo”
    Cioè, è qualcosa di fantastico!!! Qualcuno sa dove posso trovarla l’intervista integrale, sempre che ci sia?
    Comunque è un’uscita da mentecatti…

    • Non hai il senso dell’umorismo!!!!!!

      Eze
      Non è detto che le pratiche non siano partite. In fin dei conti ci andrebbe di lusso per le olimpiadi del 2012.

      Credo che una chance Pianigiani la debba dare ad Hackett. Quest’anno è maturato molto e in fin dei conti un buon difensore. Visto che l’attacco Heat fagociterà 80% dei punti avere un play che difende schifo non farebbe. Maestranzi è bravo ma non dimentichiamoci che la scorsa estate giocavamo contro la Finlandia, Israele… non proprio delle corazzate. Non oso immaginare il povero play alle prese con i big europei.

  49. Comunque super-sottovalutato qua dentro hackett, capisco che avendo giocato al college molti si aspettano qualcosa in più, e l’anno scorso è stato nullo, però quest’anno sta giocando meglio di tutti i play da voi citati, e difensivamente se c’è da prendere Teo, rubio, o parker è di gran lunga il migliore

  50. rimango della mia idea…giacchetti e maestranzi i sicurissimi dello spot…poeta probabile a casa (purtroppo, è il più regista)…rimango dell’idea che i 3 sono fortissimi ma tantissima importanza avrà l’impatto di mancinelli…è evidente che in talune stuazioni è lui a tirarti fuori dei guai…l’unico vero giocatore di post della nazionale

  51. fabio r

    a prescindere da tutto,il poz resta un genio del nostro basket.
    la sua testa “malata” l’ha fatto essere così “spericolato” in campo,quindi per certi versi l’ha anche aiutato,ma anche no…

    fosse stato più equilibrato avrebbe potuto fare molto di più.
    a livello europeo raramento ho visto playmaker così talentuosi.
    questo nel suo ultimo anno ancora dominava nel nostro campionato.
    capace anche di vincere nello stesso anno la classifica marcatori e quella degli assist,non proprio un impresa da poco.
    mi dispiace che in nazionale,soprattutto per colpa sua,l’abbiamo sfruttato poco.
    anche se comunque i suoi mattoni li portò eccome alle olimpiadi di atene…

    certamente un persongaggio,ma soprattutto un giocatore così,mancherà sempre al nostro basket,poco ma sicuro.
    per me è un mito…

  52. come dimenticare la coppia pozzecco-meneghin.
    due teste di cavolo come poche altre,ma che ai tempi di varese facevano divertire per davvero…

    altri tempi del nostro basket,dove era molto più bello seguire il nostro campionato.
    l’anno della stella di varese,gli europei(senza il poz),poi il mcdonald open a milano,dove per 3/4 sognarono l’impresa contro gli spurs.
    gara in cui il poz umiliò avery johnson e santiago tenne botta contro duncan e robinson.
    ricordo che in quel weekend si parlò seriamente di un eventuale passaggio di meneghin in nba,lo stesso stern parlò bene del figlio del grande dino.
    ma di quella gara contro gli spurs si ricorderà per sempre l’ingresso in campo nel finale di un autentico fenomeno…

    • l’ unico periodo, l’ unica squadra italiana che ho seguito.

      Anche se ora che me lo nomini e mi riviene in mente.. Santiago era il più brutto cestista professionista che abbia mai visto!!

      p.s. un fenomeno che dava consigli anche a un certo caraibico!! :D

      • per meneghin si parlava di Vancouver, ma pare sia stato lui a non voler fare il salto..
        Mentre pozzecco aveva fatto un camp coi Raptors..

  53. hai capito,bagatta è riuscito a sporcare il tabellino in 19 secondi…come non ha importanza :p

  54. I miei 12 convocati per l’eurpeo, se fossi Pianigiani

    PG:: Maestranzi, Hackett
    SG: Belinelli,Aradori,Carraretto
    SF: Gallinari,Mancinelli,Datome
    PF: Bargnani, Gigli
    C: Rocca, Crosariol

    Crosariol non mi piace, ma un centro pesante bisogna portarlo per forza. Teniamo conto che giocheremo spesso con un quintetto veloce, con Gallinari, Datome o Mancinelli in PF. A meno di infortuni io a livello europeo vedo una squadra molto competitiva, sicuramente sulla carta in lizza per entrare nelle prime 6 ed andare al preolimpico

    • E dite che sarà meglio del sito della Nba…?
      Vediamo un po’
      e sinceramente non credo che ci sia bisogno di un sito in Italiano per seguire una partita Nba…:-)
      Comunque facciamo una prova, proprio stasera volevo vedere Portland Wizards…

  55. A proposito del livello che abbiamo adesso in Italia………….parziale Olympiakos 41 Siena 7.

  56. NY Corner:

    Kelenna Azucomesiscrivenonloso va ancora sotto i ferri..

    Cavolo, mi spiace.. io ci vedevo un ottimo ottimo (ripetizione volontaria) giocatore in prospettiva.

    Melo
    -arriva nella BigApple
    -arriva al primo allenamento e si accorge che sono in 4 in roster
    -gli spiegano che sono tutti andati in colorado
    -scopre che Stat ha un bonus di 1000 dollari ogni volta che ritarda su un aiuto di almeno 2 sec
    -si accorge che il suo allenatore non si lamente se lui non si sbatte in attacco/difesa
    -si accorge che il suo allenatore di defence conosce solo Defence Devil
    -si accorge che il suo allenatore dopo i primi sette secondi in attacco si estranea dalla partita assumendo un’ espressione attonita tipo real doll.

    io al suo posto starei già pensando alle ferie (non che sia professionale ma penso sia la realtà)

    Il gruppo di inizio anno è smantellato. Se ne riparla l’ anno prossimo..

Commenta