I Bobcats battono Wallace nel suo ritorno nel North Carolina

Nove partite nella notte NBA, con diverse sfide interessanti in vista play-off, il ritorno di Gerald Wallace a Charlotte e due sfide finite ai supplementari. Più, naturalmente, qualche sorpresa interessante. Vediamo com’è andata:

BLAZERS @ BOBCATS 92-97
Tutti aspettavano il ritorno di Gerald Wallace a Charlotte, ma alla fine è il suo ex compagno di squadra Stephen Jackson a rubare il palcoscenico e a regalare la vittoria ai suoi Bobcats, con un ultimo quarto prodigioso. Captain Jack segna 18 dei suoi 29 punti nell’ultimo periodo, cui aggiunge anche 10 rimbalzi. Egli viene ben coadiuvato da DJ Augustin e White (16 punti a testa), ma anche da Henderson (12) e Cunningham (11). I Blazers perdono una buona occasione per migliorare il proprio record, con lo stesso Wallace che si fa anche espellere per falli: la sua prova è comunque positiva, visti i 13 punti + 9 rimbalzi messi a referto. Alla fine le due squadre si equivalgono un po’ in tutto, ma sono i tiri liberi a fare la differenza: i Bobcats ne tirano 30, segnandone 26 (86%) mentre i Blazers ne tirano solo 16 e ne segnano 9 (56%).

CLIPPERS @ NETS 98-102 (OT)
Dopo un tempo supplementare i New Jersey Nets (privi di Deron Williams) riescono ad avere la meglio sui Los Angeles Clippers. Molto emozionante la fine dei tempi regolamentari, con Farmar, Griffin e Lopez che regalano il vantaggio di un punto alle rispettive squadre fino a che, con un secondo sul cronometro, Griffin non subisce fallo. Egli segna il primo tiro libero ma sbaglia il secondo, e la partita va all’overtime, dove i Nets segnano 8 punti e lasciano gli avversari a 4, vincendo la partita. Decisivo il contributo di Brook Lopez e Jordan Farmar (24 punti a testa), ma anche del sempre più sorprendente Kirk Humphries, che di punti ne segna 23 con un perfetto 8 su 8 al tiro e raccoglie anche la bellezza di 20 rimbalzi. Tra i Clippers, buona la prova di Griffin che sfiora la doppia-doppia (23 punti + 9 rimbalzi) e anche quella di Kaman, che segna pure lui 23 punti con un buon 11 su 17 al tiro.

CELTICS @ 76ERS 86-89
I Celtics cadono a Philadelphia, in una partita a dir poco equilibrata che sembrava veramente da play-off. Boston paga una giornata non esaltante da parte dei “Big Four”, dato che Rondo segna sì 12 punti ma distribuisce soltanto 5 assist, mentre Allen tira con 2 su 11 dal campo, Garnett 5 su 13 e Pierce segna soltanto 11 punti. Alla fine la parte del leone tra gli sconfitti la fanno i nuovi arrivati Krstic (16 punti, 15 rimbalzi) e Jeff Green (18 punti). I 76ers si rendono autori di una prova corale, mandando cinque giocatori in doppia cifra ma soprattutto lottando fino alla fine, in attacco e in difesa, contro un avversario molto temibile. Segnaliamo in particolar modo i 13 punti + 8 assist di Iguodala, i 14 punti + 10 rimbalzi di Hawes e i 14 di Brand.

PACERS @ RAPTORS 98-108
I Pacers ci mettono tutta la buona volontà possibile, ma dopo il primo tempo si trovano già sotto di 14 punti e i Raptors non gli lasciano scampo, nonostante una pessima serata di Bargnani (8 punti con un pessimo 1 su 13 al tiro per il nostro Andrea). Ma non c’è problema per Toronto, che ha a disposizione delle grandi armi su cui contare per una sera: Reggie Evans e Ed Davis, ad esempio, che sotto canestro raccolgono 29 rimbalzi complessivi. Oppure Barbosa, che parte dalla panchina e porta 29 punti alla causa. Tra i Pacers, le prove più positive sono quelle di Granger (25 punti) e Hansbrough (20).

HAWKS @ BULLS 76-94
Grazie ad un secondo tempo dominante, i Bulls chiudono la pratica-Hawks e mandano un chiaro segnale in vista dei play-off: Atlanta dovrà fare molto di più se vorrà impensierire le potenze della Eastern Conference. Tra il terzo e l’ultimo quarto, i Bulls piazzano un parziale di 46-26 che regala loro una vittoria alla fine piuttosto comoda. A guidarli è sempre Derrick Rose, autore di 34 punti, ben supportato da Luol Deng (18) e dai temibilissimi Noah e Thomas, che di punti ne segnano solo 4 in due ma raccolgono rimbalzi come aspirapolveri (24 totali). La panchina di Chicago mette a referto 38 punti, ed ecco che il successo è servito. Gli Hawks dovranno ragionare sui propri black-out, su una panchina che non convince e che non sembra all’altezza della situazione (a parte Jamal Crawford) e sull’assenza di un leader che possa trascinare un gruppo di ragazzi che hanno comunque del buon talento a propria disposizione.

JAZZ @ TIMBERWOLVES 101-122
I Jazz sembrano davvero non riuscirsi a riprendere dal periodo negativo dell’ultimo mese, e anche se mantengono un buon record di 34 vittorie e 32 sconfitte, i segnali per il futuro iniziano a farsi piuttosto funesti. Alla fine i Timberwolves vincono con un ottimo margine di 21 punti, grazie soprattutto ad un parziale nel terzo quarto che ha di fatto chiuso la partita. Da segnalare l’ennesima doppia-doppia di Kevin Love (24 punti + 12 rimbalzi), ma anche i 23 punti di Beasley e i 13 di Milicic.

PISTONS @ THUNDER 94-104
Non è stata una passeggiata, ma alla fine i Thunder hanno avuto la meglio sui Pistons. E’ importante, per questa squadra di giovani ragazzi, trovare la continuità nei risultati e la cattiveria, che saranno armi fondamentali nei play-off. A guidare la truppa è come sempre Kevin Durant, autore di una prestazione da 24 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, ben coadiuvato da Ibaka (16 punti + 8 rimbalzi) e Harden (22 punti uscendo dalla panchina). I Pistons non demeritano, e soprattutto in attacco mostrano di poter dire ancora la loro, ma ormai in difesa non sono più quelli di un tempo. Segnaliamo comunque i 20 punti di Richard Hamilton, i 16 di Stuckey e i 15 di Prince.

KINGS @ SPURS 103-108
Ci pensa il trio delle meraviglia a comandare l’armata-Spurs verso una nuova vittoria, la 53esima stagionale. Parker, Ginobili e Duncan mettono a segno la bellezza di 66 punti, e riescono a condurre i propri compagni alla vittoria anche grazie al contributo di due fedeli scudieri, George Hill e DeJuan Blair (14 punti a testa). I Kings mandano in doppia cifra ben 7 uomini, ma non basta contro la squadra che sta dominando la regular season di quest’anno.

MAGIC @ WARRIORS 120-123 (OT)
Pazzi, pazzi Warriors. La squadra di Golden State trova soltanto 12 punti dalla panchina e punta in modo massiccio sui titolari, con Monta Ellis che rimane in campo addirittura per tutta la partita, eppure trova la vittoria contro una delle migliori squadre della Lega, gli Orlando Magic. Proprio Ellis risulta essere il “man of the match”, grazie ai suoi 39 punti, 11 assist e 6 rimbalzi, ben aiutato da Dorell Wright (32 punti, 8 su 17 dal campo, 8 su 11 da tre punti!), da David Lee (16 punti) e Stephen Curry (22 punti + 12 assist). Anche i Magic trovano alcuni uomini-chiave in buona serata, a partire da Nelson e Turkoglu (24 punti a testa), passando per Howard (13 punti + 21 rimbalzi) e Jason Richardson (30 segnature, tonde tonde).

Post By Giulio Benincasa (74 Posts)

Indirizzo e-mail: cesc_999@libero.it "La vita è una metafora del basket" (Phil Jackson)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

68 thoughts on “NBA – I Celtics cadono a Phila, Spurs e Bulls sempre più in alto

  1. Vogliamo parlare di harden !! dopo la pausa all star viaggia sui 18 di media… e vedendo le partite ha ancora molto potenziale da esprimere,..

    Forse i big 3 veri di okc hanno solo iniziato il loro percorso verso il titolo da ora…

  2. Pazzi Warriors? Pazzi magic caso mai che perdono con una squadretta nonostante il turko nelson e Jrich facciano un partitone, ma che cavole è preso a sta squadra, non si vincono due dui fila neanche contro i kings ed i cavs.

  3. ragazzi ma qualcuno cui piaccia il rugby qui dentro c’è? no, perchè l’Italia ha appena compiuto l’impresa più incredibile della sua storia!

  4. Una cosa sui bulls: li ho visti giocare diverse volte quest’anno, e spesso non hanno avuto il roster al completo, soprattutto per gli infortuni di boozer e noah! tutti dall’inizio dell’anno, diciamo che sono ad una guardia dal diventare una contender, e che sarà difficile negli anni futuri con un salary in crescita aggiungere un altro giocatore di livello! ecco la mia osservazione è che questi hanno un reparto lunghi anche in panca ottimo: il turco è un corpaccione, gibson è un giovane in crescita e thomas anche a 100 anni è uno che sa il fatto suo! ecco, non è che l’errore è stato fatto prendendo boozer? insomma con i soldi che gli hanno dato si arrivava ad un allen molto facilmente ad esempio! mettete he got game a questa squadra e toglietegli anche boozer e per me abbiamo una contender! riassumendo, ma quanto aggiunge sto boozer a questi qua?? a me non sembra molto, e quello che ti dà in una metà campo, tendi a perderlo nell’altra…

  5. Big 0
    la vera impresa è quella francese, non si sono neanche allenati assieme questa settimana, con una supponenza che a volte li contraddistingue, e una volta avanti di 12 hanno praticamente smesso di giocare! se segui un po’ il gioco, sai bene che se la si rigioca 50 volte, perdiamo 49 volte…

  6. Alfredo

    Ovvio che se avessero giocato al meglio avrebbero vinto, ma non è questo il ragionamento giusto. Altrimenti non seguiremmo l’NBA quest’anno, tanto sapremmo già che vinceranno i Lakers; non vedremmo la Champions che tanto vincerà il Barcellona e così via. Per fortuna lo sport non è scontato e la palla è rotonda (anzi, ovale!)

  7. Sui Bulls

    Io li ho visti diverse volte, ed il bello è che hanno uno stile di gioco perfettp per i play-off. Gioco ragionato, tanti punti in pitturato, difesa dura. A ben vedere non hanno bisogno di una guardia da 20 punti, ma di un buon tiratore da 3, che sappia difendere e togliere a Rose un po’ dei pressione offensiva. Insomma, come detto, un buon giocatore e non un All star andrebbe più che bene

  8. che vittoria!!! philadelphia batte anche boston e questa vittoria sancisce il ritorno ai playoff, contentissimo ancor di più per come gioca la squadra, giocano a memoria, sanno il fatto loro, e giocano tutti assieme, nessuno è indispensabile come durant o rose nelle loro rispettive squadre ad esempio.. poi anche la difesa ieri sera è stata ottima, gran recupero di brand su kg nel finale..
    infine, dopo aver letto tante tante volte rumor riguardanti iguodala, ogni giorno diversi, come a volerlo mandar via a tutti i costi.. ebbene oggi il numero 9 si sta prendendo la squadra sulle spalle, oltre alle triple doppie, tanti assist, sempre nel vivo del gioco e sempre tanta difesa!! io non lo cederei mai e poi mai, l’ho detto prima della deadline e lo dico a maggior ragione adesso..

    sui celtics beh si sente la mancanza di perkins, krstic in attacco è anche meglio ma in difesa ha tutte le sue lacune, vedi la doppia cifra di hawes.. comunque ritengo i celtics la squadra più forte della lega, in una serie a 7 di playoff li vedo superiori a tutti, quindi in un possibile incrocio di playoff sono gli unici che vorrei assolutamente evitare..

  9. sui bulls io vado controcorrente, sbaglierò e il loro record e le loro ultime partite sono lì a dire tutto il contrario ma io li vedo sempre sotto celtics e heat.. ok adesso difendono da dio, sono continui nonostante tutti gli infortuni però non mi convincono.. anche la coppia boozer-noah non la vedo così forte come molti di voi dite.. sarà ma per me non arrivano alle finali di conference…

    e comunque altra grande prestazione di monta ellis, giocatore eccezionale di cui se ne parla troppo poco, realizzatore come pochi altri!!

    a proposito di realizzatori, eccovi i 52 punti di jimmer fredette contro new mexico!! http://www.youtube.com/watch?v=3dZ-cBDchTk

  10. Big 0
    e chi te lo ha detto che vincono i Lakers? è un paragone poco calzante il tuo, perchè sai bene che la differenza tra la francia e l’italia nel rugby è molto maggiore della differenza tra i lakers e le altre contender (boston, spurs, dallas, miami), anzi molti pensano che qualcuna di queste è anche superiore ai lacustri! e lo stesso per il barcellona, la differenza con real, manchester e chelsea è certamente non paragonabile a quella tra francia e italia! diciamo che il rapporto esatto tra francia e italia è quello esistente in una partita secca di play-off tra boston e i raptors (per secca intendo una gara 7, non una partitina di regular bada bene)!

  11. Hai visto big 0, già iggy pensa che i celtics siano avanti a tutti! trovami qualcuno che dica che l’italia è superiore alla francia! mi sembra un esempio da tifoso spurs speranzoso :))))

    • ahahah neanche farlo apposta… comunque i miei favoriti numero 1 rimangono sempre i celtics!!!

      • In effetti sembravamo d’accordo! comunque li buttate fuori voi ai playoff i verdi, oggi gli
        avete dato un antipasto :)))

  12. Alfredo

    Il problema dei lunghi di Chicago è che tolto Boozer, nn hanno mezzo giocatore capace di produrre punti in pitturato. Noah, Gibson, il Turco ed il venerabile Thomas sono ottimi per fare legna, ma serve più talento, e Booz (che pure costa uno sproposito) colma questa lacuna

    Inoltre, i Bulls sono una squadra proiettata nel futuro, posso fare bene già quest’anno ma in realtà puntano al titolo a partire dal 2012, mettere nel motore Ray Allen (che comunque credo volesse rimanere a Boston) mi pare inutile, troveranno un 2 coi controcazzi strada facendo…

    Comunque, leggendo ASB, sembra sempre più scontato nn solo che ci sarà il lock-out, ma le probabilità che la stagione nn parta proprio sono altissime. Urgono cambi radicali, e saranno diti al culo per tutti

    pronostici stanotte

    Miami
    Portland
    Washington
    N.O.
    Bulls
    76ers
    Lakers
    Rockets
    Denver

  13. michele, ho scritto quella provocazione solo perchè tu l’altro giorno hai gratuitamente sparato fango su Love criticandogli il fatto che la sua squadra non vince, mentre i Jazz lottano per un posto ai playoff. Tra l’altro considero Jefferson come uno dei primi 4-5 lunghi della lega come padronanza dei movimenti in post.

    Sulla precisazione della copertina di Rock Bottom dico solo una cosa: non c’è niente di più patetico di un moccioso che fa il saccente

  14. ai bulls basterebbe MAYO per essere un pericolo costante per i prossimi 5 anni
    e se James fosse stato piu furbo lo sarebbero gia ora altro che MIAMI…………

  15. @inyourweis
    Sei andato oggi? E domani?
    Io oggi sono andato fuori, ma ironia della sorte mi sono sentito male e niente pranzo…(sto con un tè e fette biscottate): era destino…

  16. In your weis
    Verissimo, in effetti boozer dà una pericolosità perimetrale e quindi una dimensione diversa all’attacco, però io quando ho visto i tori senza di lui (ultima oggi pomeriggio su sky), ho visto comunque una squadra cazzutissima, insomma da uno che prende i soldi che prende lui mi aspetterei che sposti qualcosa in più di quanto invece realmente accade! oppure lo stesso noah: contro orlando è stato in campo poco più di 10 minuti perchè non teneva howard e spese 6 falli in un amen, gioca il turco 35 minuti e arriva la w comunque! insomma il loro record è fatto sostanzialmente con loro due mai assieme o quasi! però almeno il francese non chiama 15 milioni l’anno…

  17. Che rabbia!!!
    Ma se sbagli tutti quei tiri liberi non hai scampo!
    Eravamo anche sul +10 ma poi siamo crollati, riuscendo a recuperare nel finale.
    Ma a Charlotte la festa a Wallace la volefano fare in tutti i sensi, e soprattutto Captain Jack si è impegnato parecchio…
    Peccato per la classifica, e stasera sarà ancora più dura ad Atlanta, ma uscire con 2 vittorie in questo tour ad est non sarebbe male…ma si poteva fare meglio…

  18. Larrok

    A che ti riferisci con l’ultima frase?

  19. ALfredo

    dai, non essere puntiglioso; io esprimevo un concetto, ossia che non sempre la squadra sulla carta più forte poi vince, perchè ci sono i cosiddetti fattori imponderabili che possono sovvertire i pronostici. Poi le differenze, ovvio che non sono neanche misurabili visto che comunque parliamo di sport diversi. Ma le partite vanno sempre giocate e vinte sul campo, e l’Italia oggi è stata più brava della Francia, esprimendo anche un gioco migliore, meritando pienamente

    IYW
    vero che Chicago ha sostanzialmente solo un giocatore che porta punti sotto canestro, ma anche Boston ha solo KG con quelle prerogative, eppure è una delle pretendenti. I Bulls ottendono molti punti nel pitturato, esattamente come i Celtics, ed è questo il dato più rilevante in ottica PO a mio parere

    Love
    c’è chi dice che tende a stare molto in campo per arrotondare le statistiche. In realtà gioca intorno ai 36 minuti per partita, diversi meno che tanti altri All Star. Ovvio che debba migliorare sotto altri profili, ma come attaccante e soprattutto rimbalzista è davvero un portento!

  20. Scusate,
    visto che non sto benissimo, magari mi sbaglio a leggere….
    Ma l’Over Time tra Warriors e Magic è finito 22 a 19?????
    Leggo Bene????
    MA SIAM PASSI???? Come direbbe Crozza-Bersani…
    Uno score del genere non si segna a volte in un quarto!!! Ad esempio ieri Boston Phila 19 – 18…

    I Warriors, per rimanere in tema, se ci avessero creduto un po’ di più…

  21. Permettetemi poi una riflessione sul lockout. Dico, ma a chi conviene? Ai giocatori non di sicuro!

    Ma ce li vedete quelli con un contratto da 20 M a stagione non scendere in campo e perdere così tutto lo stipendio stagionale?? Parliamo di decine di milioni per loro, e d’accordo che sono ricchissimi ma perdere tanti soldi non deve certo fargli piacere! Idem per quelli magari guadagnano meno, anzi a maggior ragione per loro che magari non si sono ancora messi il futuro “al sicuro” con guadagni pregressi. Insomma, a me sta storia pare tutto un bluff, il sindacato dice che lo stop è probabile per tirare la corda, ma alla fine sono convinto che si giocherà regolarmente

  22. Big 0
    ma io ti quoto, l’Italia ha giocato meglio e ha vinto meritatamente contro una squadra con un’arroganza da schiaffi! scherzavo solo con i paragoni, non mi sembravano propriamente indicativi :)))!

  23. Tanto più che a subire certe scelte non sarebbero i giocatori di oggi, ma casomai quelli delle generazioni future. Quindi a quelli già dentro, in fondo, più di tanto non gliene frega

  24. su boozer in effetti qualcosina in più era anche lecito attendersi! su mayo non saprei se può diventare la soluzione per i bulls, boh non lo vedo così decisivo, anzi penso che è un po’ troppo mangiapalloni per giocare vicino a rose.. però non vedo neanche alternative!
    certo se fosse veramente arrivato joe johnson questa estate………

    ma scusate, ma invece se ci sarà veramente il lockout i giocatori son veramente liberi di andare in europa o dove vogliono a giocare? i contratti nba rimangono sempre gli stessi?

  25. Big 0
    Non è così semplice il discorso, i giocatori non sono certo gli operai di pomigliano che quel porco di marchionne può facilmente ricattare perchè faticano ad arrivare a fine mese! questi a fine mese ci arriveranno sempre, se hanno una linea comune e non si fanno manipolare, possono arrivare fino in fondo

  26. Iggy
    in teoria possono, ma se si infortunano poi le società possono rescindere immediatamente il contratto. Insomma, a Washington pregano giorno e notte che Lewis varchi l’oceano e gli prenda un accidente :-)

    Alfredo
    beh, ma tu ci vedi questi che rinunciano a decine di milioni di dollari? I proprietari in fondo non perderebbero nulla dallo stop, ma i giocatori perderebbero una camionata di soldi. Se non giocano, non beccano nemmeno un dollaro di stipendio. Secondo me non hanno voglia di veder sfumare così guadagni per cui si sono impegnati a fondo tutta una carriera…

  27. big o

    vero che garnett è l’unico veramente pericoloso in attacco tra i lunghi in attacco(anche se glen davis fa il suo)però tra gli esterni pierce e ray allen garantiscono tanti punti.
    non vorrei che con l’assenza di boozer l’intero attacco gravasse sulle spalle di derrick rose

  28. Iggy
    pensa che io dissi in estate che per i bulls era meglio joe johnson che lebron, perchè il leader a chicago già c’era e non serviva un altro a “gestire” le operazioni! inoltre vedevo un’incompatibilità tecnica tra l’ex 23 e rose…! mi beccai insulti di ogni tipo, ma la sostanza per me non cambia, quello era il perfetto secondo violino, buon difensore, gran tiratore, il problema è che atlanta gli ha offerto una barca di soldi, e lui crede di valerli…

    • eh già a quei soldi allora era meglio non prenderselo JJ e aspettare un’altra guardia.. anche se i bulls tutti quei soldi non avrebbero neanche potuto darglieli.. comunque d’accordissimo meglio JJ che lebron, anche se non molti si aspettavano una crescita del genere da parte di rose!

  29. iggy

    quelli con il contratto in caso di lockout scordatelo ma non verranno mai in europa,è una cosa troppo complicata,magari quelli senza contratto…

  30. no infatti!!!! ci perderebbero troppi soldi, non gli conviene, capisco shaq che oramai è a fine carriera e di soldi ne ha guadagnati abbastanza, ma un joe johnson o un carmelo anthony, i soldi che prendono non glieli danno da nessun’altra parte.. magari è veramente una protesta dei giocatori contro l’abbassamento del salary cap, ma da qui a dire che non giocheranno la stagione!!
    e poi scusate in caso di lockout, il fatto di giocare o non giocare dipende dai singoli giocatori, ma quindi le squadre in tal caso ne dovranno firmare altri? o il campionato non inizia proprio?

  31. alfredo

    io non penso che nemmeno johnson creda di valere 120 mln,ma d’altra parte ha visto che atlanta gli offriva il max e a lui interessavano i bigliettoni e li ha presi

  32. A giugno JR Smith e J-Rich sono liberi, sono i primi che mi vengono in mente, anche Afflalo se non sbaglio, tutti buoni per Chicago…

  33. Big 0
    No, io credo che alla fine troveranno, ma certamente i giocatori non cederanno come dei disperati, quindi possono trattare anche 6 mesi o 1 anno, non arriveranno mai a casa e troveranno il frigo vuoto ( a meno che Sir Charles non sia andato da loro in visita…)! possono tirare la corda molto, molto più, di qualunque altro lavoratore sulla faccia della Terra!

  34. tifoso knicks
    state attenti che i miei sixers non mollano la presa!!! comunque a parte tutto, bello vedere due franchigie storiche come knicks e sixers ai playoff..

    sul lockout la mia non era una domanda di “speranza”, era proprio una domanda perchè da qualche mese a questa parte si continua a leggere che in caso di lockout molti giocatori andrebbero a giocare oltreoceano e infatti continuavo a chiedermi come sia possibile una cosa del genere visto i contratti che hanno con le franchigie nba..

  35. ma sai che fossi i Bulls un pensierino a Belinelli ce lo farei davvero?
    Costo contenuto, discreto difensore, ottimo tiratore. Sicuramente 5 volte un Bogans.

  36. vedendo i bulls di oggi,non sarei più così convinto che per fare quel salto di livello verso il titolo avrebbero bisogno di una guardia con tanti punti nelle mani.
    anch’io ho sempre pensato questo.
    però con questo rose,con un deng così produttivo,con un secondo finalizzatore come boozer e con un pivot come hoah,il tutto sotto thibodeau,forse la guardia perfetta per questa squadra sarebbe un giocatore che gli stessi bulls avevano fino a qualche anno fa.
    parlo di sefolosha,super difensore da mandare sulle piste degli esterni più pericolosi,dove oggi hanno poche risposte.
    sarebbe perfetto da affiancare a rose,così come è perfetto oggi in mezzo a westbrook e durant…

    con un quintetto rose-sefolosha-deng-booer-noah,questa squadra farebbe paura…

  37. Tifoso
    spero vivamente per lui che non creda di valerli…
    Iggy
    Arrivare sesti o settimi ad est cambia pochino
    Mamba
    Tra le guardie da te citate afflalo sarebbe il più idoneo…

  38. comunque i bulls e i thunder in prospettiva sono le squadre più affidabili della lega.
    gli heat probabilmente vinceranno di più,ma non avranno mai lo stesso equilibrio di queste due squadre,che sono state costruite in maniera molto più equilibrata…

  39. heat e knicks hanno puntato sulle stelle,quelli della florida hanno preso lebron e bosh da affiancare a wade,i knicks hanno preso anthony e stoudemire sperando di affiancarli ad uno tra cp3 e deron.
    quindi hanno deciso di puntare subito sui big e poi muoversi di conseguenza.
    mentre thunder e bulls hanno aspettato la maturazione dei loro uomini franchigia(rose-durant-noah-westbrook) ma nel frattempo hanno contemporaneamente costruito attorno a loro un supporting cast che li completi,quindi oggi è normale che sono più equilibrate e in prospettiva più affidabili…

    staremo a vedere chi delle quattro squadre raccoglierà i migliori frutti di queste “filosofie” diverse…

    ma certamente chi ha parlato di dinastia heat potrà rimanere deluso dai fatti.
    perchè come ho sempre detto,gli heat potranno anche vincere,già da subito,però ogni eventuale vittoria se la dovranno sudare fino in fondo,altro che lega chiusa,questo anche se dovessero rinforzare i vari reparti.
    semplicemente perchè per come sono strutturati non potranno mai avere lo stesso equilibrio di altre future potenziali rivali per la corsa al titolo…

  40. Beh vediamo come termina la stagione compresi i playoff, certamente in una contender da starter il Beli non è proponibile ma come sesto settimo uomo dalla panca ci potrebbe stare perchè no, alla Vujacic bei tempi per intenderci, chissà che Mitch non ci faccia un pensierino.

  41. secondo me MAYO bel difensore e punti nelle mani sarebbe perfetto certo di gente perfetta per questi bulls c’è ne afflalo andrebbe benissimo J.Rich secondome per una squadra che guarda al futuro lo vedo messo non benissimo mentre J.R.Smith come difensore e sopratutto per la scarsa continuita non mi convince …

    be un Lebron ai Bulls con un coach che credo riuscirebbe a disciplinarlo sarebbe stato secondo me illegale ma è un discorso inutile…..

  42. alfredo
    so bene che arrivare sesti o settimi è la stessa cosa anche perchè le posizioni delle prime sono ancora tutto fuorchè sicure! però a livello di bel risultato, arrivare sesti è meglio che arrivare settimi.. eheheh

  43. Ai Bulls serve una guardia che la metta da 3 con una certa continuità sugli scarichi di Rose e che abbia la capacità di costruirsi uno straccio di tiro in modo autonomo quando Rose è fuori o fatica ad attaccare in modo costante, visto che Bogans e Brewer in questo non sono fenomeni, anche se in difesa sono un fattore…

    L’ideale sarebbe uno tra JR Smith e Mayo ovviamente….

  44. in un futuro anche prossimo non sottovaluterei i Wizards che hanno materiale molto interessante mentre i Clippers se non fossero i clippers sarebbero una squadra che in pochi anni farebbe paura……

    questo per chi pensa che gli heat abbiano chiuso l’nba ….

  45. big O

    krstic e Davis garantiscono parecchi punti nel pitturato, anzi si può dire che il loro contributo sia essenzialmente quello ( soprattutto il serbo, il ciccione in difesa fa casino però riesce a essere efficace sotto la guida di KG).

    iggy

    per me è errato dire che ai Celtics manca Perkins dato che è tutto l’anno che praticamente non ha giocato con noi per infortunio e adesso è ancora fermo ai box a OKC..Non mi spiego come abbiamo fatto ad avere il miglior record a est giocando senza Kendrick, comunque un elemento chiave per noi fino a quella infausta gara 6 delle finals, ma sappiamo tutti cosa gli è successo …… Io direi che ci mancano più Shaq e Big Baby che si sono alternati nello spot da 5 per tutta la stagione…..ieri sconfitta giusta perchè Philly è davvero una buonissima squadra, abbiamo buttato via la partita coi Clippers iniziando a giocare sul – 18, quella sì non era da perdere.

    larrok, io invece trovo ridicolo che si parli di al jefferson solo in occasione di una partita sbagliata, venuta dopo una serie di trentelli e di grandissime prestazioni…….poi fatevi pure tutte le pippe sul grande uomo kevin love, mister ” mi sono già rotto le palle di stare a minneapolis, attorno a un talento come il mio o si costruisce una contender o me ne vado nel 2012″.

  46. Sul Lockout

    I giocatori che hanno contratti in essere percepiranno fino all’ultimo dollaro, non so se la NBA può congelare gli stipendi (ne dubito), ma nn esiste che una serrata dei proprietari significhi un nn pagamento dei giocatori. E’ il motivo per cui nel 2010 i vari PP, Jefferson o Nowitzki sono usciti dal contratto ed hanno rinnovato con contratti pluriennali, per evitare di essere FA nel 2011, e rimanere di conseguenza senza stipendio

    I giocatori sotto contratto NN POSSONO, per nessun motivo al mondo, giocare in un altro campionato che nn sia la NBA. Questo recita il regolamento. Lo potrebbero fare solo se autorizzati dalla squadra (cosa che nessun owner sano di mente farebbe mai).

    Discorso diverso per FA e Rookies, loro si che possono andare a giocare dove vogliono ( i più forti con le clausole rescissorie in caso di partenza NBA). E’ sostanzialmente sicuro che i vari campionati europei il prox anno avranno una tremenda infornata di giocatori NBA che svernano in attesa che la situazione si sblocchi

  47. scusate ma finisco un concetto ,clippers e wizards dovrebbero avere anche una scelta alta al draft … un tipo come Irving o Barnes potrebbe anche affrettare i tempi….

  48. Boozer
    Buon giocatore offensivo pessimo difensore. Con Thibodeau c’entra poco. Ha un ottimo agente al punto che costerà ai Bulls uno sproposito (75 mln fino al 2015!!!!!). Qualcuno dirà che un 20+10 potenziale fa sempre comodo ma ai PO le deficienze in difesa le paghi. E non c’è Noah che tenga.

    Il grosso problema sarà quanto ti darà in attacco. Se scollina sopra i 18/20 punti si può accettare una difesa non all’altezza, che manca di intimidazione e di fondamentali difensivi ma se il fatturato calasse allora sarebbero guai. Perchè nell’idea di Thibodeau la triade composta da Rose, Deng e appunto Boozer deve sfornare dai 50/60 punti mentre il suporting cast 20/30 punti con i compiti difensivi ben precisi. Qui una guardia farebbe comodo. Accrescerebbe l’arsenale offensivo dando pochi punti di riferimento agli avversari che oggi battezzano a più non posso il Bogans di turno e non solo.

    La situazione salariale non è proprio rose e fiori: Rose va firmato nel 2012/13 a non meno di 15 a stagione, una guardia di livello la devono mettere sotto contratto e non vedo come possano spendere meno di 6/8 mln a stagione per non parlare dei Korver, Brewer, Watson, Asik, Gibson che sarebbero tutti da rifirmare o da lasciare liberi sul mercato. Insomma il 2012 sarà un’estate particolare perchè la squadra di oggi potrebbe essere stravolta con tutte le incognite del caso.

    Intanto il prossimo anno avranno un salary da 62.

    Stasera bella sfida tra Heat e Grizzlies.

  49. Noviztki

    Lui ha detto che in caso di serrata vorrebbe giocare i Europa. Lo vedo Cuban usare cornetti porta fortuna di dimensioni apocalittiche. Quello che dice iyw è vero ma credo che alcune stelle potrebbero venire in europa se lo volessero veramente. Non vedo come un Cuban possa dire di no alle richieste del tedesco che ha fatto la sua fortuna. Idem per Kobe o altri big. Certo farebbero di tutto per scoraggiarli ma alla fine dovrebbero cedere. Poi mi sbaglierò.

    Lockout

    Alla fine partiranno perchè ci sono troppi soldi in ballo.

  50. In Your Weis

    mi sa che sbagli. I giocatori non vengono pagati in quanto il contratto collettivo scade. Poi, dato che loro non vogliono rinnovarlo alle condizioni preposte, i contratti singoli cessano di valere. I giocatori NBA non percepiranno mezzo dollaro, ne sono pressochè sicuro!

  51. in your weis

    Credo scatti la sospensione del contratto; se un’obbligazione principale non viene rispettata come minimo non ti pagano se non addirittura ti tagliano…

  52. Io la butto là… Per me sarà l’occasione di ridurre gli organici; probabile che faranno secchi una cifra di pipponi strapagati e scommetto che se la regola che ha detto Weis è esatta, salteranno fuori decine di avvocati pronti a fare il culo ad ogni stronzo che ha giocato pure un amichevole nel vecchio continente…

  53. I giocatori nn hanno un contratto con la lega, hanno un contratto con le singole società. Nel 99 i giocatori continuarono a percepire il loro salario, che io mi ricordi.

  54. http://www.hoopsworld.com/Story.asp?story_id=16524

    Ecco. i giocatori non vengono pagati, a differenza di coach e GM, che non appartengono alla player union. Viene anche raccontata una vecchia storia di Anthony Mason, cui Charlotte concesse un prestito nel 1999 nazichè il normale salario. Quindi no, non vengono pagati. Ergo, i primi a rimetterci da un eventuale sciopero sono proprio loro. Ergo 2: al 90% secondo me si giocherà normalmente

  55. in your weis

    La cosa mi sembra estremamente strana… Va contro ogni principio contrattualistico… Poi tutto può essere

Commenta