I Blazers infliggono una nuova sconfitta agli Heat

LAKERS 101, HAWKS 87

Continua a salire di livello la difesa dei Lakers che conquistano l’ottava W consecutiva e alla Philips Arena rompono un digiuno lungo 3 anni. Gli Hawks non superano il 39% dal campo con la squadra di Phil Jackson che basa la sua vittoria anche sulla bella prestazione di Bynum, autore di una prova da 16 punti, 16 rimbalzi e 3 stoppate. Bryant ne infila 26 in 32’ mentre Gasol smista 5 assist. Ad Atlanta, al 12° ko interno, non basta un Horford da 17 punti e 9 rimbalzi.

WARRIORS 95, CAVALIERS 85

Nono successo esterno della stagione per i Golden State Warriors che espugnano Cleveland grazie alla solita coppia Ellis-Curry con il primo capace di infilare 6 triple nel secondo tempo. I due combinano anche per 14 rimbalzi e 13 assist, oltre ai 47 punti a referto.  Ai Cavs non è sufficiente un primo quarto da 30 punti e con il +12 in tasca. La squadra di Scott va sotto (55-77) nei tre quarti successivi con il solo Davis a smuovere le acque (19 pts).

SIXERS 110, PACERS 100

Continua lo splendido momento dei Philadelphia Sixers che infilano la 3a vittoria consecutiva, l’ottava nelle ultime 10 e con i New York Knicks ad una sola mezza partita di distanza. Ben 7 giocatori in doppia cifra con un Young da 18 punti ed un Iguolada che chiude con una doppia doppia da 16 punti e 10 assist. Indiana perde una infinità di palloni (13 ats, 20 TO) e s’affida al Hansbrough che in 30’ di gioco mette a referto 26 punti con 11/14 al tiro.  Non abbastanza per evitare il 4° ko di fila.

BUCKS 95, WIZARDS 76

Successo agevole per i Milwaukee Bucks che complici i ko dei Pacers, ricominciano a risentire l’odore di playoff. La vittoria in quel di Washington porta la firma di Jennings e Salmons. Per l’ex Roma ci sono 23 punti, 4 assist e 10/20 dal campo mentre per la guardia uscita da Miami University il bottino è di 22 punti. Washington domina a rimbalzo (52-42) catturandone ben 19 in attacco ma paga la brutta serata al tiro della coppia Wall-Young che chiude con 9/30 dal campo. Per i Wizards è la 9a sconfitta nelle ultime 10.

TRAILBLAZERS 105, HEAT 96

La crisi continua. A Miami passano anche i Portland Trailblazers che infilano la quarta vittoria di fila e resistono alla coppia James-Wade (più che ai Miami Heat) che combinano per 69 punti, ben il 71% del fatturato della squadra di Spoelstra. Portland compie il blitz grazie ad un super Aldridge (26 pts, 11/20) e alla gran partita di Wallace autore di 22 punti e 9 rimbalzi uscendo dalla panchina. Miami tira il 51% con un Bosh da 3 canestri e 7 punti in 40’.

ROCKETS 110,  SUNS 113

Phoenix crede ancora ai playoff e lo dimostra vincendo una sfida tirata contro i Rockets di un grande Lowry (32 pts, 7 triple). Per i Suns c’è la strepitosa gara di Warrick che sostituisce l’infortunato Frye in quintetto e chiude con un score invidiabile: 32 punti, 8 rimbalzi, 4 assist e 14/18 dal campo. Benissimo anche Carter che sbaglia solo 4 dei 17 tiri presi e mette a referto 32 punti con 5 triple. Nash chiude la gara con i tiri liberi ma lascia a Houston la possibilità di pareggiare allo scadere ma Miller non raccoglie l’invito.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

142 thoughts on “NBA – Continua la crisi di Miami, bene Lakers e Suns

  1. [..]Jackson eventually did. “This is the NBA — no boys allowed,” he said. “Big boys don’t cry. But if you’re going to, do it in the toilet where no one can see.”

    grande jackson come sempre!!!

  2. è crisi per gli heat.
    però dico che se questa crisi doveva arrivare questo è il momento giusto per loro.
    non troppo presto e non troppo tardi…

    come si dice,non tutti i mali vengono per nuocere.
    lebron lo sa meglio di tutti,visto che negli ultimi anni con i cavs è arrivato ai playoff con l’entusiasmo alle stelle,per poi tornarsene a casa alla prima vera difficoltà.
    certi problemi meglio risolverli adesso che ritrovarseli quando conterà.
    chiaramente certi problemi gli heat quest’anno non riusciranno a risolverli,però ormai oltre ai problemi tecnici siamo arrivati a quelli psicologici,questi si che si possono superare.
    questa squadra oggi ha perso fiducia,secondo me giocano con la paura di perdere,non hanno più il controllo del match in mano come qualche settimana fa…

    ripeto,se possibile,temo di più gli heat in prospettiva titolo dopo questo periodo nero,piuttosto che degli heat convincenti per tutta la regular season…

    certamente da ora in poi vedremo per davvero che attributi ha questa squadra…

  3. è resuscitato vince carter…

    certamente i suns hanno un trio di esterni che qualche anno fa avrebbe sconvolto questa lega…

  4. a mio parere si avvicinano più al concetto di squadra i nuovi knicks che questi heat
    e anche in panchina mi sembra messa meglio new york
    di sicuro un primo turno knicks heat non lo vedrei così a favore di miami…….

  5. Faccio le mie “scuse” a Doug Collins, che avevo dato come bollito (e non da oggi) ad inizio anno, ed invece, passato il primo mese, ha dato ai 76ers gioco e vittorie. Squadra davvero bella da vedere, solida sui due lati, con 6-7 uomini regolarmente in doppia cifra, buon bilanciamento tra esterni e front line, e con Igoudala uomo ovunque

    Carter incomprensibile, questo per 2 mesi è scomparso dalla NBA, ora resuscita e spara 60 punti in due partite. Suns ancora in zona P.O., ne sarei ben felice per Nash

    Miami senza pace, ti aspetti uno statement, ed invece ne perdono un’altra, in casa, contro una squadra buona ma nn irresistibile. La mia domanda è: ma siamo proprio sicuri che nn sarebbe il caso di mandare a cagare Fonseca? Parlare di titolo mi sembra utopistico, ed i giocatori (Big 2 in primis) non mi pare seguano molto il filippino.

    Non si cambia coach a 20 partite dalla fine, ma questi gli stanno giocando contro. Riley non si brucia per un mese di partite, al limite subentrerebbe il prox anno, ma un Van Gundy, un Mike Fratello, al limite un Larry Brown? Ipotesi fantasiose, ma tanto, perso per perso, almeno prendi uno con le idee chiare ed un po’ di palle

  6. Partita sicuramente migliore stanotte,complimenti a Portland che ha tirato veramente bene.I possessi in attacco sn stati alteranti e questo ha permesso di avere una buona percentuale al tiro certo a parte Wade e James gli altri non hanno tirato bene(Miller 1/7)….pultroppo BAsh si dimostra di nn essere all altezza di una grande squadra,di poter coesistere con altri Big ieri sera posso dire che abbiamo perso per lui…ha difesa malissimo infatti LA tira con 50% faceva ciò che voleva e anche in attacco,dove ti aspetti che bilanci le carenze difensive,nullo!!!TIrava da solo e sbagliava 3 su 11!Intanto Giovedì c’è LA arriviamo a pezzi chissà se nn sarà la svolta…ma con quella difesa nn credo!!!

  7. Su phila, quoto in tutto e per tutto iyw…squadra che gioca una buona pallacanestro, certo ovviamente i limiti ci sono (frontline leggerina?) però hanno diversi esterni interessanti.

    Su Miami, quoto Gallo.
    avrei preferito che arrivassero ai playoff nel pieno delle loro convinzioni e che quest’ultime si sgretolassero alla prima serie seria (scusate la cacofonia), senza avere nemmeno il tempo di accorgersene.
    Invece, così mi pare che, per forza di cosa, stanno imparando a conoscere anche i loro limiti, e secondo me, questo li renderà più forti (fino a che punto non lo so).

    Lakers super-convincenti
    ho visto la partita fino al terzo quarto…non ho mai visto bynum in questo stato di forma…salta come un ossesso…speriamo non cali quando conterà per davvero.
    Mi ha stupito la facilità con cui si è vinto, senza nemmeno ingranare la terza.
    però, devo dire che è la seconda partita consecutiva che vedo degli hawks, e mi sembrano in totale crisi evolutiva di gioco…hinrich sarà meglio di bibby, ma io li preferivo prima.

  8. 20 punti totali per il resto della squadra. Così si fa sempre una fatica bestiale a vincere. La crisi stà nella incapacità del supporting cast di mettere punti in generale e soprattutto quando il terzo violino stecca. Miller nullo, Chalmers a fasi alterne, Bibby può dare il suo ma non più di tanto mentre i “centri” a forfait. Così è dura. Se torna Haslem lo benediranno.

    Lakers facile facile, hanno ingranato la terza, Portland vince una gara importante, i Suns hanno fatto fuori i Rockets dalla corsa mentre i Sixers scherzano i Pacers. Pacers seguitissimi dal pubblico (neanche 10 mila).

    Bucks accorciano le distanze a 2.5 gare dall’ottava piazza. Salvo miracoli l’ottava ad est avrà un recordo perdente addirittura con meno di 40 W, tipo 37/38.

  9. evvai altri 8 euro… questa volta lakers, warriors e sixers, poi c’erano giocabili anche i rockets e i blazers, perdoni giangio ma non me la sono sentita, mentre avrei cannato bene i rockets, anche se finchè c’hai un warrick da 32+8+4, son buoni tutti a vincere…
    ciao!!!!

  10. Portland finalmente “sana” con Roy e Wallace dalla panca sarà indigesta a molti, credo sia più forte degli Heat di oggi punto. I due sopra citati dal pino sono inlegali… ma il loro “segreto” credo sia, oltre al bravisssimo coach e a LaMarcus, il sig. A. Miller, uomo d’acciaio che difficilmente mette su cifre ma non ti lacia mai, possibile che dopo oltre una decade di Nba sia ancora sottovalutato?
    I 76’rs si stanno riprendendo solo adesso dalla sua partenza

    • concordo pienamente con Kevin Di Felice… Bynum ha finalmente imboccato la via della maturità. Numeri a parte, ha una presenza in campo che non avevo mai visto in passato, infortuni permettendo, la chiave per il three peat è lui più che Kobe…

  11. Ragazzi, io starei molto ma molto attento a Portland. PEr diversi motivi:

    1 – Hanno una coppia di lunghi inferiore solo a quella dei Lakers a mio avviso: Lamarcus-Camby.. me ne trovate una migliore a parte quella di LA?

    2 – Hanno un play espertissimo in chiave PO, uno che sa far girare la squadra a meraviglia mettendo in ritmo sia gli esterni che i lunghi, di giocare sia in velocità che a metà campo. A me Miller piace da matti, play vecchia scuola come ne son rimasti pochi

    3 – Chi nella lega può far uscire dalla panca un duo come Roy e G. Wallace?? Ammesso che il primo resti sano, hanno due uomini in panchina capaci di cambiare l’inerzia di qualsiasi partita

    4 – Col rientro degli infortunati (a parte Oden) sono coperti in tutti i ruoli. Quello che manca è un centro di riserva, ma a parte quello non vedo lacune nel roster

    5 – Hanno carattere da vendere, grande spirito di squadra, un grandissimo allenatore, e sanno fare bene sia in attacco che in difesa.

    Ripeto, occhio ai Blazers, perchè questi al primo turno potrebbero piazzare lo scherzetto. E se l’anno prossimo torna Oden in condizioni decenti e Roy recupera, avremo una delle contender per il titolo

  12. riguardo a Kobe… ha scavalcato Moses Malone nella classifica marcatori all time… ora nel mirino ha niente popò di meno che il suo “amico” Shaq, che presumibilmente supererà l’anno prossimo….

  13. molto ma molto bene i sixers..iyw ha perfettamente ragione..squadra bilanciata,govane..po sicuri e meritati.poi probelemi certo ce ne sono..frontline molto leggera e cap intasato.il salto di qualità passa da turner per forza di cose..miami..non sono una squadra,tutto qui..2 fenomeni non so poi quanto compatibili,uno che crede di esserlo,poi nulla..in ogni caso ottima ma ottima davero portland..lakers che stan entrando in condizione,come poteva anche eser ovvio..e suns che non molano.sarei contento x nash,e spero prendan il posto di noh,che è una squadraccia e mi pare l’unica in evidente calo…

  14. 31 11 8 con 14 su 20 dal campo,49% in stagione…ma poi quando Miami perde la colpa è sempre e solo di Lebron….mah

  15. Noto che qui si tende a sottovalutare un pò il reparto lunghi di Dallas…Posto che quello dei Lakers è senza dubbio il migliore e non ci piove, anche quello di Boston è eccellente (Shaq-Krstic-Garnett-Jermaine-Davis), e altrettanto eccellente io trovo che sia quello di Dallas (Chandler, Nowitzki, Haywood, Mahimni e Marion)

    Il roster di Dallas per quanto mi riguarda, è il più completo e lungo della lega: non sto dicendo il migliore, perchè il migliore è senza dubbio quello dei Lakers, però Dallas ha una signora squadra:

    CHANDLER – Haywood
    NOWITZKI – Marion
    BUTLER – Brewer, Stojakovic e Cardinal
    BEABOUIS – Terry e Stevenson
    KIDD – Barea

    Obiettivamente un roster del genere dove lo trovi? Secondo me Dallas, Lakers e Boston hanno senza dubbio i roster migliori, lievemente distaccati gli Spurs…Però Dallas, e non se ne fa quasi mai menzione, ha un signor roster

  16. Continuo a ritenere inspiegabile la mossa Arroyo-Bibby. Una roba senza senso…
    Una mossa che a mio avisso stanno pagando e pagheranno cara. Poi giocare in 3 era dura, in 2 è pressochè impossibile, Bosh (non che sia il mio giocatore preferito) ma a inizio anno era partito alla grande, e in molte vittorie era stato lui la chiave di volta (a Los Angeles, tanto per ricordarne una).
    James si è rimesso a giocare, come ai tempi di cleveland, e sembra non rispettare nemmeno più lo status di Wade.
    Sarebbe fondamentale un allenatore in grado di farsi sentire, a livello di talento sono superiori a tutti in questa lega, ma non riuscranno a vincere, almeno per quest’anno.

  17. @ Gallo

    Anche io concordo con te. Se gli Heat dovevano imboccare un tunnel nero pece meglio farlo ora che si ha il tempo di uscirne prima dei playoff. Più avanti sarebbe stato impossibile.
    Questa squadra o si rialza con motivazioni fuori dal normale e con risultati fanta-filmatografici, o rischia di spaccarsi già al primo anno.

    Più seguo questa squadra e quello che arriva da Miami, più mi rendo conto che forse questi hanno quasi l’obbligo di vincere o come minimo andare in finale già quest’anno….
    Wade sta notte è uscito dal campo peggio di un deportato incazzato a testa bassa e con passo veloce-velocissimo, mentre invece James (forse sedato eheh) abbracciava tutti a centro campo dopo la 5 sconfitta consecutiva……bò!

    i Lakers

    Se Bynum è questo la difesa ne guadagna moltissimo….si è messo a saltare pure!!!!!!!!!! …e quando lo fa, ed inizia a farlo spesso, il rimbalzo o è suo, o è suo. Molto bene davvero.

    E adesso Lakers-Miami. Di solito i gialloviola sono bravi nel resuscitare i cadaveri….non dico nient’altro.

    SORPRENDENTI I SIXERS E I BLAZERS, per motivi diversi, ma davvero APPALUSI AD ENTRAMBE.
    Attenzione ai lakers se dovessero beccare Portland al primo turno.

    Dopo questa notte la speranza di vedere Spurs-Suns al primo turno ancora non è svanita.
    Forza STEVE!

    E’ vero che c’è stata una “migrazione” di stelle da ovest ad est, ma se guardiamo le due classifiche vediamo che i Phoenix Suns al momento sono fuori dai playoff, mentre se fossero nella costa atlantica sarebbero sesti!
    Oppure Houston che con 33-33 e 11simi ad ovest deve dire probabilmente addio già ora ai playoff. Ad est sarebbe COMODAMENTE ottava e sicura di giocare la postseason.

  18. iyw

    si vi prego…datemi Larry Brown a Miami…vi prego..2 settimane e poi altro che Columbine..

    • :-D
      lo dicevo a inizio stagione che avrei visto entro dicembre il ritorno di riley, adesso probabilmente è tardi, la post season e la prossima stagione ci (mi) diranno se avevo ragione…

  19. sui blazers,penso che ad ovest nessuna se li vorrebbe ritrovare davanti al primo turno,perchè potrebbero allungare qualsiasi serie.
    però oggi onestamente senza il miglior roy e senza oden non penso che potranno fare di più.
    certamente al completo questa squadra almeno sulla carta se la gioca con chiunque…

    sui sixers.
    ripeto quanto ho sempre detto.
    il primo periodo di collins da allenatore è di quelli che danno la scossa in positivo all’ambiente.
    sempre stato così,poi però alla lunga il suo modo di allenare svuota i giocatori,quindi a mio avviso non può durare troppo a lungo come coach di una squadra…

    terza gara di fila di iguodala in doppia cifra negli assist.
    sempre detto,questo è il lebron james dei poveri…

    giulio

    quoto il tuo discorso sui mavs.
    comunque a livello di lunghi non sottovalutiamo i bulls…

    sugli heat.
    ripeto,dopo questo periodo non potranno che essere molto più consapevoli di quello che li aspetta.
    fare un r.s. da 65 vittorie spesso può illudere certe squadre a sentirsi forti e senza veri punti deboli.
    poi però alla prima difficoltà rischi di rimanere spiazzato.
    vedere i mavs nel 2007,ma anche i cavs nel 2009 e lo scorso anno.
    quindi prendere simili striscie negative ad un mese dai playoff non potrà fare altro che bene a questa squadra,considerando soprattutto che stiamo parlando di una squadra nuova.
    non a caso qualsiasi squadra in ogni sport prima di vincere quasi sempre matura con delle sconfitte…

    su spoelstra,mi vorrei riallacciare al discorso che fece tranquillo su lebron durante la telecronaca tra spurs e heat.
    ovvero,se hai un coach che per ovvi motivi non ha il giusto carattere da mettere davanti alla squadra,ci vorrebbe quel giocatore in grado emotivamente di dare la scossa.
    a me lebron,ma lo stesso wade,non mi sembrano i due leader capaci di fare questo.
    sono due leader ma a modo loro.
    dovrebbero essere molto più severi con se stessi e i propri compagni…

    detto questo,pat riley non sarà il coach di questa squadra,ma ha sempre un discreto potere/carisma per mandare un messaggio ai suoi che stimoli/sblocchi l’ambiente…

  20. Bah frontline migliori di quelle dei blazers ce ne sono e neanche poche, quella dei Mavs, dei Bulls…anche perché chi sono Aldridge e Camby (che ha 37 anni) e poi il nulla. Roy esce dalla panca, ma è a dir poco menomato.

  21. Gallo

    Ok che Spoelstra non ha il carisma di Riley o di tanti altri allenatori di questa lega..però porca miseria, a dispetto del grandissimo talento che hanno James e Wade, o sono due microcefali (e da un paio di dichiarazioni si può intuire ciò) oppure come fai a rifiutare categoricamente un qualsiasi tipo di strutturazione in attacco.

    Vado a memoria ma quando Wade ha vinto il titolo, con un’ottima squadra ma cmq da dominatore assoluto..Miami non giocava così..offensivamente Wade aveva moltissime licenze (ma vedi anche Kobe o MJ) però la squadra era ben strutturata e anche offensivamente girava. Come fai a non capire che senza un impianto di gioco non vai???

  22. valenba

    io penso che il problema più grande dei cavs di questi ultimi anni non era tanto un supporting cast non all’altezza,perchè questo è scontato visto i risultati.
    ma era la mancanza di un sistema di gioco.
    io ritenevo i cavs i favoriti al titolo lo scorso anno,ma ho cominciato ad avere molti dubbi già nella serie contro i bulls,dove pur con più talento attorno il gioco era sempre lo stesso.
    eppure a natale contro i lakers togliendo più la palla a lebron e facendolo muovere di più senza ricordo che risultarono molto più imprevedibili ed efficaci…

    i grandi fenomeni vanno disciplinati tatticamente,altrimenti fai fatica ad andare oltre un certo ostacolo.
    era così per i bulls di jordan del periodo collins,ed è stato così nel periodo di lebron ai cavs.
    ma la colpa di questo non è di lebron,ma del coach che dovrebbe essere in grado di “sacrificare” il talento individuale della sua stella per poter avere quel sistema di gioco che lebron non ha mai avuto in carriera…

    phil jackson ha avuto la personalità e l’intelligenza di costringere jordan a muoversi in un sistema di gioco che gli togliesse responsabilità.
    evidentemente brown e spoelstra non riescono ad andare oltre.
    erano e sono convinti che giocando così si può vincere.
    io dico che l’impossibile non esiste,soprattutto quando oltre a lebron hai pur sempre un altro fenomeno al suo fianco.
    però ciò non toglie che con un sistema offensivo ben organizzato questa squadra in attacco sarebbe molto più imprevedibile a difesa schierata…

    ok che wade e lebron sono sostanzialmente due giocatori piuttosto simili,quindi molto meno compatibili di altre coppie 2-3,però cavolo,disciplinare il loro gioco all’interno di un sistema offensivo più equilibrato sarebbe un bel passo avanti…

    le cifre di lebron parlano chiaro.
    una squadra che vuol vincere il titolo non può avere un giocatore che segna così tanto e al tempo stesso mette a referto così tanti assist.
    vuol dire che continui a dipendere troppo offensivamente dal singolo,quindi se limiti lui poi automaticamente si blocca tutto.
    almeno gli heat hanno wade,come alternativa extralusso,i cavs neanche quello.
    poi tendo a precisare che la colpa di tutto ciò non è di lebron ma di colui che lo dirige.
    ad ognuno il suo ruolo,lebron è un giocatore,spoelstra è l’allenatore,se gli heat giocano così non può essere colpa di lebron…

    • La penso esattamente come te, sia per quanto riguardi i Cavs versione 2010 che per quel che riguardi gli Heat 2011.
      Lebron deve entrare in uno schema di gioco. Questo suo partire dal palleggio per penetrazione o scarico ha gia dimostrato di non portare oltre un certo punto.
      Che fine fanno questi contro Magic o Celtics quando davvero si deciderà la loro stagione?

  23. poi vabbè,la storia nba parla chiaro.
    il titolo nba lo vincono solo squadre che sanno giocare a basket.
    per sanno giocare a basket intendo coperti da un sistema di gioco vero ed equilibrato…

    certo,guai a far passare lebron come l’ibrahimovic della nba.
    ovvero il giocatore che se lo hai in squadra vuol dire che non puoi giocare un bel calcio nel caso di ibrahimovic, o un sistema di gioco equilibrato nel caso di lebron…

    lebron ha talmente tanto talento che può essere devastante in qualsiasi maniera.
    per me lo potrebbe essere ancora di più all’interno di un sistema che lo costringa molto di più a non avere troppo la palla tra le mani…

    poi ripeto,anche dopo questi discorsi io non escludo la possibilità di titolo da parte degli heat.
    perchè l’eccezioni esistono.
    non a caso nel 2007 i cavs lebron dipendenti eliminarono un orchestra di gioco come quei pistons,oppure l’anno dopo rischiarono di eliminare i celtics giocando sempre alla stessa maniera.
    ma quei cavs avevano solo lebron,questi heat hanno anche wade,ecco perchè pur giocando così a mio avviso restano sempre pericolosi.
    poi ripeto,con un altro gioco lo sarebbero ancora di più,questo è scontato.
    ma contenti loro contenti tutti.
    certamente spoelstra ha mancanza di personalità,ma probabilmente anche di competenza tattica,altrimenti non saremmo qui a fare certi discorsi.
    che poi a pensarci bene non ci vuole un genio per capire questo.
    ma è lo stesso discorso del fallo o non fallo quando sei sopra di 3 a pochi secondi dalla fine.
    tutti sanno qual’è la scelta più giusta,ma nessuno la prende.
    idem qua,tutti sanno che lebron sarebbe più efficace e renderebbe la sua squadra molto più pericolosa/efficace/imprevedibile se messo nel contesto giusto,eppure si continua così.
    evidentemente la lezione cavs non è bastata…

  24. .. ma tornerà mai Greg? .. lo spero .. adesso con Geraldone .. e se Roy torna il giocatore pre-operazione .. possono fare gran belle cose! Go Blazers!!!!

  25. Il divario fra est e ovest doveva ridursi se non annullarsi e invece a me sembra persino aumentato, conto ancora nonostante tutto sui Buks ai PO, credo ce la possano ancora fare, arrivando intorno al 50% o poco sotto, Indiana non se li stà meritando, i Bobcats cedendo Wallace hanno di fatto abdicato, Gerard a portland sposta e molto, la profondità del roster dei Suns è eccezionale, li vedo anche loro anora ottavi o addirittura settimi, a est sarebbero quinto, persino i Warriors sarebbero ai Po a est alla faccia dell’equilibrio…

  26. Portland senza infortuni sarebbe stata una contender….penso che roy possa tornare quello pre infortunio , ha una classe infinita è veramente forte e comunque da quando è rientrato stà facendo benissimo , quando avrà trovato continuità e rincomincerà a partire titolare , credo sarà quello di sempre!!….per oden la vedo molto bigia!!…penso possa tornare ma non forte come ce lo immaginavamo, comunque farebbe molto comodo lo stesso.
    Comunque tutti questi infortuni, sono serviti a far esplodere altri giocatori ( vedi aldridge)…e a creare un grande spirito di gruppo ….se Roy si sbriga nel recupero , ai P.O saranno cazzi amari x tutti

  27. Portland si era irrobustita con la trade di Wallace, e lo ha dimostrato contro degli Heat in crisi non solo tecnica ma anche umana. Il frontcourt dei Trail Blazers stupra quello quasi impalpabile degli Heat anche per colpa di un Bosh che non trova il suo spazio in campo, e in difesa soffre i 4 ben più fisici di altre squadre…
    e infatti è nel e attorno al pitturato che Miami “scopre” di essere più vulnerabile. Direi che stanno pagando un azzardo che molto tifosi e non avevano sottolineato prima dell’inizio della RS: spendere un sacco di soldi e trovarsi sguarniti in molte posizioni.
    Finora l’analisi di chi, anche in questo sito, aveva sottolineato le lacune di 4 e 5 nel roster di Miami, sembra azzeccata.

    Phila sta passando un momento da dio, moltissimi buoni giocatori ma nessuna star, i Lakers hanno palesemente cambiato marcia e stanno devastando squadre su squadre, mentre i Suns ancora ci credono, e io con loro.

    Stanotte diverse partite interessanti, i NY di nuovo alla prova del nove, contro una squadra in splendida tendenza, con Phila che ormai li tallona a 2 cm, e Orlando e Chicago che hanno buone occasioni l’una per accorciare e l’altra per allungare le distanze con gli Heat. Gli Heat nella situazione di dover venir fuori da una crisi proprio nel momento più stressante dell’intera RS, con due outsider una davanti e una dietro…
    Questo finale di RS sta davvero diventando scoppiettante.

    PS: anche i Thunder devono dimostrare maggior costanza, e la partita contro Phila potrebbe essere una sfida interessante…

  28. Domani ci sarà la resurrezione degli Heat.Comunque bene così, avrei firmato per un 2-2 in questo mini ciclo in trasferta, ancora grandioso Bynum.

  29. giulio, purtroppo butler non lo rivedremo più in campo per questa stagione. peccato perchè prima dell’ingfortunio era stato il migliore dei suoi dopo dirk e a pari merito con chandler.

    complimentissimi ai blazers, macmillan altro candidato al coy.

    sixers in crescita costante, tra pochi giorni classicissima coi celtics a philly dal sapore sempre eccitante.

  30. finchè JAMES non imparerà a giocare a basket (fondamentali), far girare la palla, e ad avere almeno 2 tipi di tiri automatici rimarrà (come dice sempre mio fratello) un grande wide riceiver della NFL.

    • oddio..non sono d’accordissimo..però effettivamente come WR o TE in NFL avrebbe fatto la sua porchissima figura :)

  31. si ma scusate che c’entra lebron… questo ogni sera fa il suo e più del suo… il problema sono gli altri 3/5 della squadra + la panca semmai… per esempio stanotte bosh è stato ridicolo. poi ok gli heat non hanno chimica non hanno un sistema di gioco e non hanno un coach all’altezza ma criticare wade o lebron proprio no..

  32. Riallacciandomi al discorso del gioco offensivo di Miami e più in generale del roster..

    Secondo voi con un Riley o un Van Gundy ci sarebbe stata tutta questa differenza quest’anno ai p.o.?
    Mi spiego. io ad inizio stagione li avrei messi in semifinale o finale di conference perchè sono troppo deboli sotto (o poi magari vincono eh), a prescindere dall’allenatore. Cambierebbe qualcosa con un altro coach? E se si, perchè?

    E non è che magari Riley non si sia voluto esporre proprio perchè si era già reso conto di una mancanza troppo importante per poter seriamente ambire al titolo??

  33. Su Maimi
    penso che nessuno possa o voglia criticare LBJ o Wade presi singolarmente. Sarebbe fuori da ogni logica. Loro fanno il loro e anche di più come detto da qualcuno alcuni commenti fa ma il problema fondamentale è capire perchè gli Heat nn hanno un gioco strutturato in attacco! Secondo me Fonseca nn ha tutte le colpe per questo anzi.. finche LBJ nn capira che l’1vs5 può funzionare solo in alcune situazioni che i troppi isolamenti presi fanno + male che bene al loro attacco spece nel 4 quarto sarà dura che il gioco di Miami cambi… Se un super campione decide di fare come vuole lui difficile che il filippino riesca ad imporre la sua idea..

  34. alert mi è venuta in mente una trade suggestiva

    ovviamente solo se minnesota avrebbe una scelta + alta della nostra….

    ci potrebbe stare uno scambio tra rubio+ scelta minnesota+ 2 round scelta minnesota per evans e la nostra prima scelta?

    oppure ritieni evans valga un qualcosa di più?

  35. In effetti LBJ è quello che sta giocando meglio di tutti; tra tanti con cui prendersela lui mi sembra l’ultimo. Wade è molto più discontinuo quest’anno

  36. Evans per Rubio, scusa tanto, ma piscio alla grande; mi tengo Tyreke

  37. Roy

    Se il chirurgo non era drogato o troppo pessimista il discorso su Roy è chiaro: giocatore a rischio infortuni, con ginocchia messe male e con la prospettiva di giocare 2/3 stagioni al massimo senza esagerare. Si traduce in 24 minuti evitando se possibile il b2b. Su Oden lasciamo stare. Saranno fortunati se giocherà ma sempre con un cornetto scaccia sfiga a portata di mano.

    Quindi i discorsi con Roy sano e un Oden recuperato lasciateli nel cassetto.

    La fortuna Blazers è stata l’idiozia del signor MJ che capisce il “giusto” di basket nel ruolo di proprietario. Probabilmente fa a gara con Minnie e Rapt a chi è il peggiore.

    Miami

    Credo che alla base dei problemi ci sia la scarsa fiducia che il duo nutre verso la squadra. Salvo Bosh che può steccare una gara gli altri sono un pozzo nero. Miller una pippa immane che sta deludendo più degli altri, Chalmers non è costante nelle prestazioni mentre per gli altri i discorsi è meglio non farli. Se Ilga ha la fiducia di James offensivamente parlando in difesa il Lituano soffre come non mai. In una situazione del genere i tiri se li prendono sempre gli stessi. Il gioco di squadra latita e la fiducia va a sud.

    Quindi piuttosto che il coach, da cambiare sicuramente, il problema è come fare per far rendere di più la panca. Se segnano 20 punti siamo messi male e non è la prima volta che accade.

    Per me ci sono due possibili svolte:
    1- il supporting cast sale di livello a partire da Miller
    2- ritorna Haslem a dare il suo contributo.

    Non vedo altre soluzioni.

  38. tyrekeevans

    E’ una trade poco praticabile.
    Se i Kings vogliono tradare Evans va pure bene ma solo per pezzi pregiati. Se potessi offrirei lui + Udrih e una 1 scelta futura per Paul.

    Così avrei il fenomeno in regia una guardia tra Thornton e/o FA + Cousins + Dalembert (firmato a 5/6 mln) + un rookie (Jones se abbiamo culo). In panca ci sarebbero i Garcia, Thompson, Casspi, Jeter….

    Come squadra non sarebbe male per puntare ai PO.

  39. e che gli vogliamo dare per ambire al titolo anche cp3 e dh12!!!! così neanche giochiamo!!!

  40. alert

    non condivido le critiche ad mj per aver ceduto walllace che e senza alcun dubbio un signor giocatore pero con lui in squadra i bobcats nella migliore delle ipotesi lottavano per l’ottavo posto quindi non e una perdita cosi pesante visto che sono ancora in corsa cmq per un posto in post-season.
    il ragionamento di mj e” perche spendere tanto per un giocatore che non mi cambia la vita visto che anche se andiamo ai playoff tanto non abbiamo nessuna chance di passare al secondo turno visto che ci becchiamo i celtics.forse e meglio non andare ai po cosi ho una minima chance di aver la prima scelta assoluta”.
    condivido la scelta di mj di cedere wallace anche perche la squadra non aveva ne presente ne futuro con o senza gerald quindi meglio risparmiare e cercare di ricostruire su gente giovane.

  41. Il problema è che MJ vuole risparmiare e basta.
    Charlotte come futuro non è messa benissimo…peccato perchè solo lo scorso anno di questi tempi com Felton, Wallace, Jackson e brown in panca erano godibilissimi.

  42. non penso che il problema degli heat sia il fillipino anche perche e una creatura di riley da cui avra imparato qualcosa come la metodologia di allenare senza aver il carisma e l’esperienza del sup maestro.
    anche qua nessuno nasce con l’esperienza,stiamo sempre parlando di uno dei coach piu giovane della lega che e al suo terzo anno che si ritrovato in mano una squadra tutta nuova.
    qualunque allenatore(anche gente come riley,jackson o brown che e stato licenziato poco fa dai bobcats quindi…) avvrebbe avuto gli stessi problemi di spo anche perche a parte i big 3 non e che abbia chissa che grande roster a disposizione.
    la madre degli sbagli e stato pensare che sarebbe bastato prendere quei 3 e tanti discreti giocatori in la con gli anni per vincere il titolo semza tenere conto della complementarita della rosa.in fondo riley e stato costretto a puntare su dei vecchietti come il lituano,bibby,howard,magloire e su gente non proprio all’altezza come j.anthony,chalmers,jones,house.
    inoltre si sono infortuni gli altri 2 che potevano dare una mano alla squadra cioe miller(per 3 mesi) e haslem che e fuori da mesi.insomma ci credo che segnino solo in 3,come ci credo che abbiano la panchina meno produttiva della lega.
    infine sono sicuro che se riley fosse davvero convinto che fossero da titolo al primo anno avrebbe gia mandato a casa fonseca per prendere il posto.

  43. alert

    capisco…penso che però rubio diventerà uno dei migliori play…. e che con cousins si accoppi bene…. certo che avere paul sarebbe un sogno eh…

    • Rubio

      Bravo, forse diventerà uno che conta nella NBA ma devi considerare due aspetti:
      1- la difesa non proprio arcigna
      2- è giovane è non credo abbia le palle al momento per domare personaggi come Cousins che creano problemi a Westphal figuriamoci con un pari età seppur smaliziato come lo spagnolo.
      3- Paul sarebbe perfetto per dettare i ritmi di gioco, per leadership e per coinvolgere i compagni.

      Insomma se posso prendermi Paul non ci penso un secondo. La destinazione LA sarebbe un bel biglietto.

  44. si ma boston con i big 3 ha vinto ed al primo colpo con un boun rondo e l’incognita perkins a quel tempo…. e se vogliamo dirla tutti non i big 3 come quelli di miami…

  45. Tour Yaya

    1-Brown se ne è andato dai Bobcats, nessuno lo ha licenziato

    2-puoi avere tutta la preparazione tecnica del mondo, ma se i giocatori non ti ascoltano e non credono in te, hai ben poche chances. Alla domanda “ma con Riley o altri cosa cambiava”, la risposta è che Bosh non sarebbe comunque diventato Mutombo, ma forse in campo non si sarebbe visto il Magic 2 prendersi l’80 dei tiri, ed ogni singolo giocatore di complemento avrebbe portato il suo mattoncino, invece di sembrare un impiccio sia in attacco che in difesa…

  46. comunque colpe o non colpe,bisogna dire che in 5 partite gli heat hanno perso parecchio:

    hanno perso l’opportunità di avere il miglior record ad est…

    rischiano di perdere l’opportunità di avere il fattore campo a favore in un eventuale secondo turno…

    hanno perso molta dignità con la storia del pianto…

    hanno perso ogni possibilità di vincere con un loro giocatore per la prima volta nella loro storia il trofeo di mvp.
    prima di questa striscia lebron era il secondo candidato dietro a rose,oggi invece rischia anche di rimanere fuori dal primo quintetto nba…

    un primo quintetto che oggi potrebbe essere così:

    rose
    kobe
    lebron o durant
    nowitzki
    howard

  47. Vetriolo

    Leggi bene, io non ho parlato di front line dei Blazers, ma di coppia di lunghi titolare. Aggiungendo infatti che manca un centro di riserva. Alle spalle di Gasol-Bynum/Odom io non vedo nessuno superiore a Aldridge/Camby, al limite Bulls e Mavs sono sullo stesso livello. Boston dopo aver ceduto Perkins la vedo un filino inferiore (certo dipende da come e se torna Shaq), Utah potenzialmente ottima, le altre decisamente dietro

  48. E’ inutile che si continui a paragonare la vittoria al primo anno dei Celtics con quella che probabilmente non arriverà degli Heat:

    1 – Boston non trovò sulla sua strada avversari cosi forti come in proporzione se li trovano gli Heat…E mi riferisco proprio a Boston, a Chicago, ai Lakers, Spurs, Mavs…Boston non trovò nessuno di cosi forte nel suo cammino

    2 – I big 3 di Boston sono arrivati in un momento della loro carriera ben diverso da quello dei 3 di Miami, con una maturità diversa e uno spirito di sacrificio diverso…

    3 – I big 3 di Boston si sono integrati in maniera molto migliore di quelli di Miami per quella che è la stessa natura dei 3 giocatori: c’è il leader difensivo (l’impatto di KG è stato notevolissimo), e due attaccanti esterni (PP e Allen) che in difesa fanno il loro…Ciò non vale invece per Miami, e ribadisco che gran parte dei problemi secondo me nasce da questo: ci sono 3 attaccanti, di cui i due esterni si sbattono anche in difesa, mentre il terzo non difende minimamente e resta solo un attaccante! Un lusso che si nota partita dopo partita come Miami non si può permettere, ma immaginate soltanto cosa potrebbero fare questi se avessero preso il KG della situazione

    4 – I big 3 di Boston si sono trovati in un sistema di squadra, mentre i 3 di Miami no e si trovano a dover sostenere tutta una squadra…Non è Miami ma sono i 3 di Miami…Boston aveva il Thibodeau e il Rivers della situazione, secondo me questo non fa altro che accentuare come Spoelstra stia facendo discretamente bene, ma in fondo in fondo, non è adatto per portare una squadra al titolo…Lungi da me dire che è solo colpa sua comunque, ripeto, primo fattore è Bosh che è inutile per Miami, secondo il supporting cast inadeguato, terzo Spoelstra

    5 – I big 3 di Boston sono 3, a Miami si è visto soprattutto negli ultimi mesi, che si può parlare più del duo di Miami, Wade-James, che di un terzetto…Perchè la maggior parte delle partite Bosh le stecca, o meglio, è proprio lui il problema

    Specifico solo una cosa: il punto 1 è il punto fondamentale che contraddistingue i Celtics del titolo da questi Heat che molto probabilmente non lo saranno…Opinione personale…Ma chi non la ritiene giusta mi indichi chi si trovò difronte Boston del titolo che fosse forte come lo sono i Celtics 2011 o i Lakers 2011 per Miami…E voglio aggiungere una cosa: non voglio assolutamente condannare Bosh, lo si potrà valutare ai playoff, ora è presto ma io lo individuo come la causa principale dei problemi degli Heat, non tanto per colpa sua perchè si è sempre saputo che Bosh non difendeva, ma proprio per il tipo di giocatore che è, che per Miami è un lusso inutile

  49. GALLO

    Non sono d’accordo quando dici di James…Guardatevi le sue statistiche in queste 5 partite e poi ne riparliamo: come fu ai playoff 2010 è l’unico che si può salvare, perfino Wade è stato discontinuo mentre James il suo (e ricordiamo che il suo non è poco) lo ha sempre fatto! Però e questo è semplicemente unbelievable, perdono gli Heat e la colpa è del loro giocatore migliore solo perchè di cognome fa James!!!

    Diamo la colpa a un Bosh, a un supporting cast che è quello che è, a Spoelstra…Le sue colpe le ha sicuramente anche James, nessuno è escluso, ma quando mi si viene a dire che addirittura rischia il posto nel primo quintetto, io lo trovo ridicolo…Visto che per quello che so io, nelle 5 sconfitte Heat è l’unico che si può salvare e un giocatore da solo le partite non le vince

    • Che poi sinceramente aggiungo: della storia delle lacrime sinceramente non me ne può fregar di meno, è la classica montatura giornalistica che trova il tempo che trova! Mica vengono da Marte sti qua, sono esseri umani anche loro

      “molta dignità hanno perso con la storia del pianto”??? Semmai ne hanno guadagnata!

  50. James-Wade

    Ancora non hanno capito come gestire i buzzer. Strano che James notoriamente ben disposto a dare la palla ai compagni non lo faccia con un animale da finali come Wade. Posso capire che si sente in grado di battere l’uomo ma se ha Wade libero libero la palla gliela deve dare senza indugio anche se si chiama Lebron.

    Comunque panca ridicola. Non pensavo così dimessi.

  51. giulio

    non e affatto vero che bosh abbia steccato gran parte delle partite anzi bosh sta faccendo quello che gli viene chiesto cioe fare il terzo violino,inoltre sta difendendo come non ha mai fatto in carriera ,insomma bosh puo non piacere pero dire che il principale problema degli heat e una mistificazione dei fatti anche perche se fosse solo una questione di difesa,miami sarebbe tranquillamente da titolo visto che hanno una delle migliori difese della lega.

    iyw

    sara che brown non sia stato licenziato pero non mi pare che con lui i bobcats stessero andando bene anzi dopo di lui hanno un record migliore.
    non voglio mica dire che sia scarso pero dire che potrebbe essere la soluzione ai problemi degli heat non mi trova per nulla d’accordo.

  52. giulio

    quoto tutto.
    però su bosh vorrei ripetermi.
    nel senso che non è colpa sua o di chi l’ha portato a miami.
    semplicemente riley ha preso tutto il pacchetto.
    lo stesso bosh a mio avviso fa il suo,ovvero quello che ha sempre saputo fare lo sta facendo anche agli heat,ovvero finalizzare il gioco.
    ma non si può “condannare” lui se questa squadra è costruita male…

    io comunque continuo a non vedere la loro situazione così tragica.
    fossero messi davvero così male,allora non basterebbe neanche qualche ritocco per vincere.
    è evidente che questa striscia negativa ha più il sapore del blocco psicologico che altro.
    altrimenti non perderesti partite del genere con squadre sulla carta abbordabili,oppure gare dove ti fai rimontare vantaggi importanti…

    voglio ricordare che questi per due mesi(con i tre al completo) non hanno praticamente mai perso.
    comunque in quel periodo hanno pur sempre vinto in campi difficili come quelli di los angeles,orlando ed oklahoma city.
    hanno sfiorato di vincere a boston o a chicago due volte una senza lebron.
    io inviterei alla calma.
    non erano i favoriti prima,non lo sono neanche oggi,però non me la sento di dire che non hanno speranze…

    comunque su riley la penso sempre alla stessa maniera.
    ha costruito una macchina che porta una pressione assurda.
    in america nessuno perdonerebbe un eventuale fallimento a questi qua,questo fin da subito.
    quindi riley un rischio del genere a mio avviso oggi non se lo prenderebbe mai.
    riley è uno di quei coach che ha una reputazione intoccabile,però anche per lui un eventuale fallimento con lui in panchina in questi heat sarebbe una macchia che in america non gli “perdonerebbero”.
    tutto questo lo trovo ingiusto,ma è così…

  53. TOURE’

    Non hai capito…Io sto dando la colpa a Bosh non per le statistiche che ha, ma per il tipo di giocatore che è: in difesa mi spiace, è nullo, è come non averlo…Non so come spiegartelo, da una parte ti dico non è colpa di Bosh perchè lui è sempre stato solo un attaccante e nulla di più, dall’altra si può dire che oggettivamente la colpa è di Bosh perchè non difende e il reparto lunghi di Miami viene continuamente violentato dagli attacchi avversari…Se Bosh fosse uno specialista della difesa, mettiamola cosi, per me gli Heat starebbero facendo tutto un altro tipo di stagione! Ma Bosh è un’attaccante, loro hanno 3 attaccanti dove i due esterni difendono, mentre Bosh no, e il reparto lunghi ne risente tantissimo

  54. GALLO

    “nel senso che non è colpa sua o di chi l’ha portato a miami. semplicemente riley ha preso tutto il pacchetto.”

    Come sempre, mi leggi nel pensiero!!! Penso esattamente la stessa identica cosa, per questo dico che da un parte è colpa di Bosh, ma in fondo non lo è!

  55. GALLO rileggo il tuo commento e quoto tutto quello che dici, per me il pessimismo rimane comunque però perchè in generale Miami ancora non è una squadra, non gioca come una squadra, non è effettivamente la favorita…Però sono sostanzialmente d’accordo con quello che dici

  56. giulio

    dai,piangere dopo un eliminazione ai playoff è comprensibile,mentre mi sembra assurdo dopo una singola gara di regular season…

    sul lebron che rischia il posto nel primo quintetto io dico che può essere.
    durant ha anche lui grandi cifre,ed oggi ha praticamente lo stesso record di squadra di lebron pur con delle aspettative diverse da parte dei suoi thunder rispetto agli heat.
    guarda che in america gli heat per molti sarebbero stati una delusione anche se in r.s. non avessero vinto le 60 gare…

    un discorso che vale anche per kobe con i lakers.
    solo che kobe nel suo ruolo dietro non ha durant,anche se volendo puoi mettere rose,durant e lebron.
    ma bisogna dire che kobe e i lakers sono in decisa crescita,per forma e calendario possono addirittura toccare il muro delle 60 vittorie,cosa impensabile prima dell’asg…

    detto questo,lebron ha giocato bene in questa striscia ma fino ad un certo punto.
    siamo onesti,certi errori nel finale,soprattutto con questa continuità,tolgono parecchio al rendimento di lebron in questa striscia.
    comunque io reputo inutile il discorso che wade è discontinuo.
    lo è stato all’inizio quando non stava bene,ma dopo ha fatto semplicemente il wade.
    le statistiche parlano chiaro,ma non bisogna basarsi solo su quelle.
    ad esempio ricordo che nella gara di natale wade,se ci basiamo sulle nude cifre, non giocò proprio una gara indimenticabile.
    eppure a mio avviso,in quella partita fu lui l’uomo principale che spaccò la partita,sia per la sua difesa su kobe che per il suo essere totalmente immarcabile per chiunque dall’altra parte.
    come al solito anche per giovedì tendo ad aver più paura di lui che di lebron…

  57. james nn avra un durant dietro ma ha un wade:)…cmq quoto la tua ottima analisi..
    poco fa ho visto su youtube la serie di partite di kobe con oltre 50 e piu punti…una cosa irreale veramente…canestri assurdi di una bellezza stordente,una varieta di soluzioni in attacco incredibile…anke in difesa super…è vero ke il kobe 2005-2007 era ancora piu solista di come lo è oggi,ma quell’abilita nell’1vs5 nn si è mai vista…nei finale delle partite segnava anke con 3 uomini adosso…durant è ancora lontano da qll kobe come realizzatore almeno(anke assist man cmq)

    semplicemente strepitoso…lo consiglio a molti anke a ki sta antipatico

  58. Sul discorso del pianto non ci entro neanche perchè ripeto, lo trovo talmente stupido che mi sembra fin ridicolo che veramente se ne parli…Per me è un voler girare il coltello nella piaga, niente di più, da parte dei giornalisti americani…Proprio è un discorso che non mi tocca

    Su James fuori dal primo quintetto chiarisco una cosa: che possa essere fuori non lo discuto perchè anche Durant è un fenomeno, cosi come non sarebbe uno scandalo se Kobe ne stesse fuori per Wade…Però obiettivamente, al di la di tutto quello che possiate dire, per me la stagione di James è superiore a quella di Durant, e James è superiore a Durant, per cui non vedo perchè dovrebbe perdere il posto nel primo quintetto! Trovo strano poi come proprio te Gallo, che hai detto che non trovi la situazione cosi tragica, dici che adesso rischia il posto in quintetto considerando che nelle 5 sconfitte di Miami è sempre stato il giocatore migliore! Non mi stupirei d’altronde, ma te non rientri in questo discorso, come se tra due settimane, quando magari gli Heat sono tornati a vincere, si torna a parlare di James mvp…Dico solo, un pò di equilibrio, è assurdo dare la colpa a James per queste 5 sconfitte, assurdo proprio

    Inutile appendersi adesso ai finali di gara attribuendogli tutta la colpa…Ripeto: per quanto mi riguarda è un problema di organizzazione offensiva, non di James, se gli avversari sanno che avrà palla in mano e attaccherà solo lui, è chiarissimo che hanno tutto il tempo di schierarsi e coprire…Per cui io colpe in James non riesco veramente a vederle,

  59. naturalmente voglio sottolineare che ho più paura di wade non perchè lo reputo più forte di lebron,ma semplicemente perchè su lebron ci sarebbe la risposta artest,mentre su wade non vedo nessuno.
    il kobe di oggi non può pensare di poter limitare il gioco sempre molto dinamico di wade…

    poi bisogna anche dire che lo stesso lebron da quando artest è ai lakers ha sempre fatto il lebron.
    questo in tre partite su tre.
    paradossalmente i lakers riuscirono molto più a limitarlo l’anno precedente all’arrivo di artest,quando avevano ariza al suo posto.
    ma tutto questo penso sia casuale…

  60. giulio

    nessuno da tutte le colpe a lebron,ma anche lui ha le sue colpe…

    comunque io la situazione degli heat non la considero tragica,soprattutto in prospettiva titolo.
    semplicemente mi baso sulle aspettative che avevano e hanno gli heat.
    idem faccio la stessa cosa sui quintetti,dove non giudico quello che penso io,ma quello che potrebbero pensare coloro che devono votare…

    fosse per me metterei anche un ginobili nel primo quintetto,anche al posto di kobe…

  61. “Ripeto: per quanto mi riguarda è un problema di organizzazione offensiva, non di James, se gli avversari sanno che avrà palla in mano e attaccherà solo lui, è chiarissimo che hanno tutto il tempo di schierarsi e coprire…”

    giulio,questo discorso valeva anche per kobe lo scorso anno,quando fu in grado di segnare 6 canestri vincenti…

    lebron può essere decisivo nei possessi finali anche se tutti sanno che si prenderà lui quel tiro…

  62. gallo

    lebron come wade e kobe si limitano solo con una difesa di squadra assurda, perchè la difesa sull’uomo fatta bene porta un dispendio di energie notevolissimo(nemmeno artest difende sempre al 100%, un esempio di difesa pazzesca fu quella di bryant su lebron gli ultimi minuti della partita dell’anno scorso in casa contro i cavs)

    e poi appunto uno per quanto sia bravo in difesa(artest su lebron, battier su kobe) no può nulla quando uno è forte

  63. interessanti news sulla situazione lock out per il prossimo anno, la situazione sembra abbastanza delineata….

    “Agenti di grido come David Falk o Leon Rose, hanno già detto chiaramente che la stagione salta al 95% perchè l’NBA ha i conti in rosso (si parla di un 1,2 miliardi di dollari di debito solo sull’esrcizio del 2010) e ha bisogno di un drastico cambio di rotta, altrimenti fallisce in 3-4 anni con le regole attuali.

    Ci sono cose che l’NBA decide in proprio perchè non comprese nel CBA, una di queste è la strutturazione del cap, l’NBA passerà quasi sicuramente al salary cap Hard in stile NFL, per due motivi il primo strettamente economico perchè con la moltitudine di eccezioni previste ad oggi di fatto le regole salariali vengono aggirate quasi sempre, il secondo è perchè il salary cap soft introdotto di fatto nel 98, non ha prodotto quel livellamento che Stern sperava, visto che dal 99 in poi, il titolo lo hanno vinto solo 5 squadre gli Spurs (4), i Lakers (5), Celtics Pistons e Miami (1).

    La parti appaiono distanti su tutti i temi principali, l’associazione giocatori non vuole abbassare ne i contratti al massimo salariale, ne concedere il 30% che i giocatori hanno dagli introiti extrabasket che è una richiesta che l’NBA pretende (giustamente l’NBA dice che se LeBron è famoso e firma contratti da 10M$ con una azienda di scarpe, è perchè l’NBA lo mette in vetrina e quindi pretende un ritorno dagli introiti personali), e si sta pure opponendo in tutti i modi al fatto che l’NBA imporrà sicuramente il salary cap Hard in stile NFL (togliendo quindi tutte le eccezioni tranne una rivisitazione della LBE, e togliendo pure i Sign & Trade che di fatto permettono firme al massimo salariale anche a chi è sotto il cap).

    Come detto sul cap Soft o Hard l’associazione giocatori non può metterci bocca, però per i giocatori una drastica riduzione delle eccezioni e l’eliminazione dei Sign & Trade sarebbe un colpo durissimo, perchè una squadra sopra il cap potrà firmare solo giocatori al minimo salariale, tranne che la rifirma di giocatori in uscita dal precedente contratto.

    Altre situazioni in ballo, età minima alzata a 20 anni per gli international e agli USA con due anni di college alle spalle (indipendentemente dall’anno di nascita), si parla di una sorta di collaborazione con l’NCAA concessa da Stern con tanto di drastico alleggerimento del calendario NBA nei Week End dei tornei di conference NCAA e del torneo NCAA. Regole più drastiche anche per i tagliati che non potranno tornare nella squadra di origine prima della stagione successiva (ora ci sono i canonici 30 gg di stop), contratti diversi per gli scelti al secondo, fondo pensione anche per i coach e altre cose.

    La situazione che sta emergendo è che i debiti dell’NBA non consentano grandi margini di trattative, e che se l’associazione giocatori non abbassa le pretese, la prossima stagione non si gioca, anche perchè Stern ha già fatto sapere che una stagione a mezzo è controproducente su molti fronti, non ultimo quello finanziario per un discorso di diritti TV e penali da pagare.

    Il mio parere è che 30 franchigie a questo livello economico (non sto parlando di giocatori) l’NBA non le può reggere perchè non ci sono 30 città negli USA in grado di sostenerle economicamente. Qui forse ha sbagliato anche Stern ad avvallare tante espansioni in realtà che in meno di un decennio si sono rivelate fallimentari (charlotte, Toronto, Minnesota, Vancouver), e nel frattempo farsi sfuggire realtà come Seattle dove c’era la passione e la solidità economica per sostenere un franchigia NBA.

    Inizio ad avere un sospetto, ossia, l’NBA ha bisogno di cambiamenti “profondamente drastici”, i conti sono quelli che sappiamo, e Stern è un uomo troppo lungimirante per non sapere che questa volta non serve un mezzo rimedio per metterci una pezza, ma deve ripensare il giochino per mandarlo avanti 15-20 anni più senza patemi. Gli Owner gli stanno chiedendo questo. Gli owner gli chiedono che se c’è un tetto salariale per contenere le spesse, vanno tolti i raggiri in modo che tutti partano ad armi pari e che l’avere capitali in più da spendere a livello di ingaggi non sia più un vantaggio.

    Forse a lui e all’NBA per primo serve un anno di stop, non per un discorso solo di regole salariali, ma per poter andare a sradicare problemi più profondi, magari anche chiudendo alcune franchigie e ricollocandone altre non tanto in base alle volontà degli owner ma a situazioni in grado di sostenere una franchigia NBA.

    Giusto per dirne una pare che l’NBA sarà portata in tribunale per aver avvallato la trade degli Hornets con Landry in arrivo, in quanto l’NBA in quella situazione da una parte era l’Owner e dall’altra l’organo che doveva controllare la regolarità della trade. In pratica c’è un conflitto di interessi e negli USA su queste cose non ci scherzano per niente.
    E’ ovvio che una situazione come quella degli Hornets non è sostenibile a lungo, e di franchigie messe economicamente male come gli Hornets ce ne sono almeno 4 o 5 con owner che farebbero carte false per disimpegnarsi in tempi brevi senza rimetterci altri soldi.”

    dal celticsblog

  64. Sono tornato ora dal lavoro…e mi sono addormentato ‘stanotte e mi sono risvegliato a partita finita….
    Torno in tempo per vedere Nba News. mi vedo il servizio della partita e poi…..Bagatta parla solo degli Heat, e 2 parole contate sull’impresa dei Blazers….
    Va beh, le luci della ribalta lasciamoli ad altri, noi pensiamo a qualificarci per i Play Off…che è quello che conta di più!!!

  65. Domanda: ma se stanno messi così male in NBA, dove comunque hanno un tetto salariale, stravendono i diritti TV, hanno ottimi ricavi dal merchandising (il “tarocchismo” esiste molto meno da loro che da noi) e via dicendo.. qual’è la reale situazione delle squadre di calcio europee, dove i monti ingaggi totali sono molto più alti, dove a livello di merchandising sono almeno due gradini sotto? Secondo me c’è una bolla pazzesca, e nel giro di qualche anno anche in europa le società di calcio faranno un botto pazzesco…

  66. giangiotheglide

    hai ragione,l’impresa dei blazers merita…

    non condivido quasi mai quello che dice bagatta,ma su chamberlain lo quoto al 100%…

    • Sai che c’è
      mi sa molto di calcio Italiano: se il Bari batte il Milan (prendo due squadre a caso, e perché prima contro l’ultima, non si offenda nessuno…) di cosa si parla in Italia? Che il Milan ha fatto ridere, non che il Bari ha giocato bene…
      E questo non mi piace…

      Però, senza riaprire la solita polemica, su Chamberlain ha ragione anche per me!

  67. vabbe oggi sono in giornata ‘avvocato difensore’ ….
    criticare bagatta e diventato quasi uno sport pero non me la sento di condannarlo per il fatto di aver parlato solo degli e non dei blazers.basta dare un’occhiata ai vari siti americani per saper che non fanno altro che parlare della crisi di miami e non dell’impresa di portland.puo non essere giusto pero i giornalisti parlano principalmente dei grandi mercati e meno dei piccoli,altrimenti se condanniamo bagatta bisognerebbe far altrettanto con gli altri.

    a proposito di lock out,la cosa piu interessante a mio modo vedere sembra l’adozione del giocatore franchigia da parte delle squadre,in altre parole ogni squadra potra puntare su un giocatore simbolo che sarebbe fuori dalla portata delle altre squadre,se esistesse quella regola un james non avrebbe mai lasciato cleveland tanto pet fare un esempio.

  68. torno a postare dopo tanto tempo di assenza, troppo casino con gli esami.. eheh..
    contentissimo per la vittoria dei sixers, battere i pacers significa essersi guadagnati i playoff.. ma la cosa che più mi rende contento è che giocano da squadra, non ci sono stelle o prime donne, tutti valgono quasi allo stesso modo, ognuno fa il suo dovere..iguodala che non sarai mai uno che fa 30 punti a partita, ma è uno che fa giocare la squadra, da tenere sempre ai sixers!

    ad ovest ottima vittoria in chiave playoff dei suns contro houston, warrick illegale e carter che sta giocando da vincredible! il loro accesso ai playoff dipende anche dagli hornets e se chris paul si riprenderà o meno dall’infortunio..
    milwaukee invece che torna nella lotta per l’ottavo posto ad est, charlotte è fuori dopo la cessione di wallace, così sono rimasti i bucks e i pacers.. vediamo chi la spunterà..

    in ogni caso la prima squadra matematicamente qualificata ai playoff sono i boston celtics!!! mentre la prima squadra esclusa sono i timberwolves!

  69. GALLO

    Non è vero, tant’è che mi viene immediatamente in mente quando fu, guarda caso, Fisher a far vincere la partita ai Lakers contro i Clippers!!! Non è sempre Kobe a mettere i buzzer beater, com’è giusto che sia…Phil Jackson lo sa e la differenza si vede…Invece a Miami ogni qualvolta c’è stato un finale di partita in volata, la palla la ha avuta James…E fin qui tutto bene…Se però ogni volta la ha lui e ogni volta conclude lui, tranne qualche sporadica occasione come il tiro che sbagliò Miller, il problema non è di James ma di Spoelstra che non è in grado di pensare a qualche soluzione diversa

    James non è un santarellino, e di certo se può tirare lui tira, ma io comunque non ho visto tutte queste soluzioni a sua portata invece che tentare la soluzione personale…Questo dico

  70. giulio

    no.
    ai lakers ogni tiro decisivo lo prenderà sempre kobe.
    gli altri hanno carta bianca solo in caso di mancata ricezione di kobe,che soprattutto a pochi secondi dalla fine può starci.
    ma stai sicuro che in qualsiasi situazione per un tiro decisivo ai lakers tutti sanno che la palla andrà a kobe…

    poi un conto è saperlo,altro discorso è fermarlo.
    questo vale sia per kobe che per lebron.
    lebron certi tiri li deve mettere proprio perchè è lebron…

    poi sono d’accordo nel dire che spoelstra sbaglia a dare sempre la palla a lebron in quella situazione quando in squadra avrebbe anche wade…

    a proposito di wade,ma che canestri ha fatto ieri contro i blazers?
    davvero un atleta impressionante….

  71. COmunque,
    prima di andare a cena…
    Ero convinvto che i Tears for Fears non ci avrebbero lasciato scampo, e come diceva qualcuno ieri, dovevamo metterci l’elmetto…
    Ed invece da quello che vedo e leggo l’abbiamo sempre controllato la partita..
    Se Wallace si ambienta come ha fatto ieri, se Roy fa il suo, che non è poco, quando serve, se Aldridge fa l’Aldridge di quest’anno, se Miller è solido, se Batum difende, se Matthews tira, se Rudy fa pazzie, se Camby prende i rimbalzi, se Mills fa punti importanti…troppi se lo so, ma…beh, sono curioso di vedere come arriviamo alla fine della stagione…e poi vedremo…

  72. michele

    ha detto che non è giusto non considerare la striscia di wilt di doppie doppie consecutive.
    anche se qua capisco i termini di paragone,perchè se consideriamo le cifre di wilt le cifre di un love sembrerebbero normali.
    ripeto,cifre di wilt irreali anche per i suoi tempi…

    ma soprattutto quoto bagatta quando dice che wilt è uno degli atleti più sottovalutati dello sport americano.
    questo era un giocatore di 2m15 con una tale forza fisica e atletica che negli anni 60 non poteva esistere,invece è esistito.
    già oggi un uomo di 2m15 con quei mezzi fisici e atletici sarebbe speciale,figuriamoci negli anni 60.
    poi come dico sempre,il fatto che wilt sia stato quell’atleta su quel corpo in quell’epoca è un suo merito,non un suo “demerito”…

  73. poi convinzione personale.
    quel wilt chamberlain in qualsiasi epoca avrebbe giocato sarebbe stato il miglior lungo della lega.
    ma non proiettato avanti con in più le metodologie di oggi,ma semplicemente prendendo il chamberlain degli anni 60 e mettendolo in qualsiasi epoca del basket…

    solo a veder le sue immagini si capisce che era un giocatore mostruoso…

  74. GALLO

    Non hai capito, quello che intendevo dire io è che

    1 – Nei finali in volata la palla va giustamente ai giocatori migliori, ai leader con mani di ghiaccio, per cui è ovvio e giusto che vada ai vari Kobe, James, Durant, Pierce e via dicendo…

    2 – Anche ai Lakers succede questo, ma non c’è una ricerca isterica verso Kobe…Se riescono a trovare Kobe chiaramente meglio, se no Jackson studia altre soluzioni

    3 – Ciò non succede a Miami, dove la palla la ha sempre James…E qui do la colpa a Spoelstra, che come dici anche te avrebbe anche Wade…Pochissime altre squadre hanno questa fortuna, penso ai Celtics (PP-Allen), agli Spurs (Ginobili-Parker), ai Mavs e via dicendo…Ma solo una squadra non sfrutta questa situazione e questa squadra guarda caso è Miami

    4 – Per cui James può provarci, ma non andrà sempre bene, e man mano che passano le partite, le squadre sanno che dovranno aspettarsi sempre e solo quello (cosa che non succede a Boston, ai Lakers, agli Spurs) per cui è ovvio che James farà ancora più fatica…Poi che Kobe come soluzioni offensive sia meglio di James questo non lo ho mai messo in discussione, sul punto non ci piove…Però James ha 26 anni, Kobe 32, diamo tempo al tempo

    Spero di essermi spiegato

  75. Kobe su Wade mi da la stessa sensazione che ho quando vedo Fisher su Westbrook, magari non proprio la stessa ma quasi, differenza di passo clamorosa, voglio vedere come si comporterà domani, penso che Bryant ci tenga a vincere anche perchè siamo l’unica contender che non ha battuto gli Heat e contro Lebron il bilancio in carriera negli scontri diretti piange, teoricamente dovrebbe star meglio di natale.

  76. “,il fatto che wilt sia stato quell’atleta su quel corpo in quell’epoca è un suo merito,non un suo “demerito”…”

    Questo mi sembra proprio un discorso che calza a pennello anche per James, per cui mi chiedo cosa ne penseranno quelli che di solito si nascondono dietro al “James fa quello che fa solo grazie al suo fisico”…Gallo, te sei escluso

  77. Sono tardo, lo so.. ma se sono in crisi economica con un cap rigido non si perdono i “soldini” della luxury? Soldi che in teoria chi può spendere rispalma su chi non può.. e su sterling :D

  78. Cambiando discorso, mi è sembrato di capire che HARRISON BARNES sia intenzionato a rendersi comunque eleggibile…Qualcuno sa qualcosa di più?

    Prossimo draft comunque mi sembra ricco, per lo meno nelle prime dieci posizioni, di diversi prospetti interessanti nel ruolo di terzo…Sicuramente su tutti svettano Perry Jones e Barnes che sono quelli più talentusi, ma poi ci sono anche i vari Derrick Williams, Terrence Jones…Insomma, 4 su 10 non sono pochi…E visto che nelle prime posizioni ci sono squadre che hanno un gran bisogno di un terzo su cui puntare, penso a Cleveland, penso a Sacramento, penso a Minnesota, a Washington, si potrebbe creare una situazione interessante, in cui con un pò di fortuna, queste 4 pescano proprio un ala…Di certo il fatto che ci siano un Irving e un Sullinger di mezzo non guasta! Particolarmente spero che un Irving, un Sullinger e un P.Jones non finiscano ai Cavs, ma visto che hanno due scelte nelle prime dieci e molto probabilmente avranno la prima, mi sembra difficile

  79. Giulio
    E’ vero che se gli heat non sono in un buon momento la colpa non è necessariamente di james…che probabilmente è stato il migliore della squadra fino a questo momento! Il fatto che tutte le colpe vadano come sempre a lui denota come tutti probabilmente e anche inconsciamente lo ritengono superiore a wade! Voglio dire…lo scorso anno non ha giocato una serie buona con i celtics( o almeno non da james) ed è stato massacrato: fosse successo a wade avrebbe fatto x me meno notizia! fosse successo a kobe(come secondo me è successo alle finals…che le considero giocate alla pari della serie di lebron con i celtics) con i lakers fuori sarebbe stato massacrato anche lui…questo perchè attorno a questi due si sono create aspettative quasi insostenibili( soprattutto con lebron)! Cmq io resto convinto della mia idea: loro non vinceranno perchè non c’è un sistema di gioco offensivo che riesce a sfruttare il talento di lebron…come succedeva ai cavs! sto qua rende x me al 70% al massimo! l sistema di gioco pesa più di avere un centro vero o una presenza a centro area…

  80. giulio

    “Questo mi sembra proprio un discorso che calza a pennello anche per James, per cui mi chiedo cosa ne penseranno quelli che di solito si nascondono dietro al “James fa quello che fa solo grazie al suo fisico”…”

    infatti.
    magari fra 20 o 30 anni ci saranno magari 3 o 4 giocatori alla lebron,invece che uno come è oggi.
    ma lebron avrà sempre il merito di essere stato questo atleta con questo fisico in una nba dove non si vede nulla di simile,sia oggi che in passato…

    ancora una volta quoto tranquillo con il suo paragone col football americano.
    ma siccome di nfl non sono esperto,faccio un paragone con l’atletica.
    lebron è uno sprinter con la forza fisica di un lanciatore.
    sarebbe un decathleta di livello mondiale,come lo sarebbe stato wilt…

    comunque se possibile wilt era un atleta ancora più impressionante,considerando appunto che era quell’atleta su quel fisico negli anni 60,ovvero in un epoca in cui l’uomo volante della lega era definito un baylor che oggi sarebbe un atleta normale.
    io penso che wilt per gli anni 60 fosse visto davvero come un marziano…

  81. Troppe squadre in contesti assurdi. Salary cap fuori controllo e introiti calati. Fino a qualche trempo fa non avrei mai creduto che ad Indianapolisi ci fossero 9000 spettatori per una gara di RS con la squadra locale in lotta per i PO!! E parliamo di uno stato che vive per il basket.

    Urge un cambiamento. Salary cap rigido con poche eccezioni e ricollocamento di alcune franchigie se non si possono eliminare.

    Memphis, New Orleans, Sacramento, Minneapolis, Milwaukee sono tutte realtà a rischio. E’ inutile averle in città dove l’interesse è quello che è. Incredibile vedere NO e Memphis con pochi spettatori nonostante abbiano squadre valide.

    Fossi a Stern le sposterei senza storie: Seattle, San Diego, Vancouver, Kansas City e Pittsburg potrebbero essere delle valide alternative.

    Per assurdo l’Europa potrebbe essere una ciambella di salvataggio incredibile che si tramuterebbe in introiti notevoli. Realtà come Londra, Parigi, Berlino, Mosca e il duo Barcellona/Madrid avrebbero i galloni per gestire una franchigia NBA. Altro che realtà come Minneapolis, Memphis, sacra,ento etc…

    Non si farà perchè sarebbe impegnativo strutturare il calendario e convincere gli americani a condividere il giocattolo al di fuori dei loro confini. Inoltre bisognerebbe anche accettare l’idea di giocare in contesti che non parlano la loro lingua. Al di la di tutto sarebbe bello.

  82. Secondo me il problema Heat è anche un altro,ovvero che Bosh non è un grande attaccante,mentre tutti si attendono che lui lo sia…

    Poi una domanda generale:pensate davvero che Riley possa tornare? Io sono più che dubbioso…tanto che si parlava di Rivers per il potenziale dopo-Spoelstra (DOC che non vedrei poi tanto male).

  83. Giulio

    Perchè sperare che una potenziale stella futura non vada ai Cavs? Parliamo tanto di draft come modo di allocare efficientemente il talento ed evitare che si concentri sempre nelle stesse franchigie, e poi speriamo che un giovane di prospettiva non vada in una franchigia povera e di scarso appeal? Ma a maggior ragione speriamo che vada lì, è proprio a questo che serve il draft!

  84. melo91

    non scherziamo dai,la serie dello scorso anno contro i celtics di kobe è stato sicuramente migliore di quella di lebron sempre contro i celtics.
    paragonerei la serie di lebron dell’anno scorso contro i celtics a quella di kobe del 2008 contro i biancoverdi.
    ma certamente kobe una gara 2 e soprattutto 5 come quelle che giocò lebron lo scorso anno nelle finals non l’ha giocate…

    comunque milan eliminato.
    onestamente pochi rimpianti a pensare che ci sono squadre più forti,su tutte le due spagnole.
    però uscire dopo che su 180 minuti schiacci l’avversario per 145 minuti un pò brucia.
    ma forse meglio uscire adesso e concentrarsi solo sul campionato,che magari andare avanti per poi essere eliminato dal barcellona,anche se nel calcio mai dire mai…

  85. la squadra che sta dominando il campionato di calcio italiano esce contro una squadra inglese che l’anno prossimo disputerà a malapena l’Europa League, segnando 0 gol in due partite… mi sa che c’è qualcosa che non torna… ormai il nostro campionato è sceso a livelli ridicoli. E stasera il Milan ha fatto molto ma molto poco per recuperare, le poche occasioni che ha avute sono state semplici episodi, dato che la continuità di gioco è mancata completamente. Vediamo l’Inter che combina domani…

  86. BIG O

    Non perchè spero personalmente che un Jones vada ai Lakers, ai Knicks, o ai Celtics…Semplicemente perchè preferirei che andasse in un contesto in cui si può creare subito qualcosa di interessante e vincente…Personalmente Sacramento, Washington e Minnesota mi sembrano squadre che potrebbero fare un percorso diverso da quello che potrebbe fare un Jones con i Cavs…Semplicemente perchè temo che si ripeterebbero i 7 anni di sconfitte come con LeBron! E siccome ritengo Sacramento un contesto migliore, Minnesota anche e Washington pure, gli auguro di andare la, perchè ritengo che questo tra 3-5 anni sarà già tra l’elite della lega

    Poi c’è da dire una cosa, anche i Cavs non sono cosi pessimi come dice il loro record:

    CAVS – Varejao, Jamison, Hickson, Parker, Sessions, Gibson, Davis
    SACRAMENTO – Cousins, Evans, Thorton, Casspi
    MINNESOTA – Love, Johnson, Beasley, Flynn, Randolph, Telfair, Webster, Rubio
    WASHINGTON – Mcgee, Blatche, Wall, Young

    Per cui tutti e 4 queste squadre prendendo come prima scelta Jones farebbero un upgrade non da poco, e di certo non mi strapperei i capelli se andasse a Cleveland, ma preferirei veder tornare ai vertici dopo anni squadre come Sacramento, Minnesota, Washington, che squadre come i Cavs che hanno avuto l’occasione della vita e l’hanno sprecata

  87. E comunque i Cavs quest’anno avranno due prime scelte altissime, con un po’ di fortuna 2 nelle prime 5: metti che prendono Irving e Jones, a questi aggiungi Hickson che per me è pronto a viaggiare vicino ai 20+10, ed ecco che hai già tra 2 mesi i potenziali nuovi Thunder. Occhio ragazzi, perchè nella lega le cose cambiano molto ma molto velocemente!

  88. io non so che partita avete visto,ma io ho visto un buonissimo milan,considerando che giocare in inghilterra non è facile controllare la partita come il milan ha fatto oggi.
    poi si può dire che agli inglesi gli bastava il pari,questo sicuro.
    detto questo,per quanto visto nelle due gare il milan non ha meritato di uscire…

    però ripeto,poco male,i rimpianti li hai quando pensi di essere in grado di giocarti il torneo.
    onestamente contro alcune squadre,su tutte il barca,solo con un miracolo il milan potrebbe vincere.
    meglio concentrarsi sul campionato,dove non si vince dal 2004…

  89. ahauahauauahauh la faccia di merda di galliani dopo la sconfitta è sempre una delle migliori cose che la tv possa offrire!!! ahahah

    per il resto quoto larrok, ibra come al solito giocatore da dentro o fuori!

    ps
    al di la del fatto che il campionato italiano non è un granche(juve e roma fanno ridere, ci sono solo milan e inter) rimane sempre il milgliore, in spagna è assurdo che real e barca facciano un campionato a parte con le altre che partono gia sconfitte e perdono 7-0(classico atteggiamento rinunciatario spagnolo, col cazzo che il real vince 7-0 col chievo)

    cmq il tottenham è una bella squadra, non ha il campione ma ha 18 giocatori di altissimo livello…porca puttana de laurentis ci deve comprare subito sandro!!

  90. Gallo

    Giocavi col Tottenham, quinto nella Premier, non al Bernabeu. Tu pensi che lo United (per dire un’altra capolista nel proprio campionato) avrebbe affrontato così una partita del genere? Non scherziamo, su.

    Del Barca si diceva lo stesso lo scorso anno, poi abbiamo visto come è andata. E con l’Arsenal ha avuto un aiutino non da poco ieri sera. Squadre invincibili non esistono, tantomeno nel calcio dove l’incertezza su partita secca è molto maggiore che non nel basket

  91. sasipunk

    purtroppo il milan esce dopo aver subito quel gol all’andata in contropiede dove lennon si è ritrovato davanti yepes,grande guerriero ma non esattamente thiago silva che in quella gara giocava a centrocampo…

    statistica che la dice tutto,il milan quest’anno tra campionato e coppa ha perso 5 partite.
    in ognuna di queste mancava uno tra nesta e thiago silva al centro della difesa.
    quando i due giocano insieme il milan non ha mai perso.
    semplicemente la miglior coppia di centrali del mondo.
    thiago silva non lo scambierei neanche per cr7 o messi,esagero ma neanche tanto…

  92. GALLO

    Non sono d’accordo su Kobe vs Celtics…Soprattutto per la differenza di compagni su cui Kobe poteva contare rispetto a James nei Cavs, per cui è normale che le lacune di Kobe si siano notate di meno…Fattore questo, che non so perchè non hai considerato…Kobe ha sofferto tantissimo anche lui contro i Celtics, e non sono d’accordo quando dici che “kobe una gara 2 e soprattutto 5 come quelle che giocò lebron lo scorso anno nelle finals non l’ha giocate…” Nelle scorse finals bene gara 1, male gara 2, male gara 3, bene gara 4, bene gara 5, bene gara 6, male gara 7…Senza contare che a turno hanno salvato baracca Fisher, Gasol e Artest, se Kobe non avesse avuto simili compagni il risultato probabilmente sarebbe stato un altro…Senza contare le finals 2008, in cui soffrì ancora di più come hai sottolineato te

    Si è sempre detto che nessuno è convinto che con Kobe al posto di James nei vecchi Cavs, i Cavs avrebbero vinto il titolo…Allora mi chiedo perchè non si tiene conto quando si paragonano le prestazioni dei due contro i Celtics…Kobe una gara 2 e una gara 5 come quelle giocate da James non le ha mai giocate per il fatto che poteva contare su gente come Gasol, Odom, Artest, Fisher e non su Varejao, Jamison, Parker, Williams, e non venitemi a dire che questo non ti da una sicurezza mentale diversa perchè se no veramente siete poco obiettivi…A me Kobe è sembrato impotente contro i Celtics tanto quanto me l’è sembrato LeBron…Senza contare che il Rondo dei Cavs fu stratosferico a livello sub atomico, bene contro i Lakers ma non a quei livelli, e sappiamo tutti quanto incide Rondo su una partita

  93. big “o”

    purtroppo qui si commette lo stesso errore che si fa nel basket.
    il totthenam è una buona squadra,ma certamente non è il barcellona.
    ma il punto è che anche il milan non è uno squadrone.
    anche se si tifa per una squadra bisogna ammetterne i limiti.
    per me il milan contro le grandi d’europa avrebbe avuto seri problemi.
    poi hai ragione nel calcio mai dire mai,però onestamente i rimpianti li hai solo perchè il milan non meritava di uscire per quanto visto nelle due gare,non certamente perchè ci si illudeva di vincere la champions.
    io almeno non l’ho mai fatto…

  94. SI ma cio’ nn toglie che il milan e’ stato eliminato dal tottenham, mica dall’arsenal o dal bayern monaco che reputo squadre mediocri lo stesso.Gli spurs (del calcio) sono circa lo shaktar e il milan, primo in classifica nel campionato italiano, nn ha neppure segnato un misero gol in 180′, il calcio italiano ormai e’ in netto declino, si vede da nazionale e club,ormai anke le squadre ucraine ci asfaltano senza storia.

  95. Gallo

    Il guaio è proprio questo. Che la squadra che sta dominando il campionato di serie A non sia più uno squadrone. Questo ti fa capire quanto siamo scesi in basso calcisticamente. Che poi io, personalmente, mi sarei comunque aspettato molto di più, se non altro per il potenziale offensivo del Milan, che invece ha segnato ZERO gol in due partite ad una buona squadra, ma nulla più

  96. giulio tu ti basi sulle singole cifre.
    ad esempio in gara 3 ti dico che kobe tirò male ma giocò una grandissima gara difensiva.
    invece lebron in gara 5 fu completamente fuori dalla partita per tutti e 48 i minuti.
    non provò neanche a reagire,difatti non solo io mi sono stupito per questo…

    kobe anche in gara 7 tirò malissimo,ma è sempre stato aggressivo…

    poi verissimo che aveva compagni diversi.
    però ti ricordo la gara 5 di boston.
    dove kobe segnò 21 punti consecutivi nonostante i suoi compagni sembrassero in sciopero.
    tanto che tranquillo disse di non aver mai visto un parziale così impressionante di un singolo giocatore che non fu cavalcato dai compagni.
    kobe in quella gara dimostrò di fare cose pazzesche anche se nel frattempo i vari gasol,artest,fisher e bynum furono umiliati dai biancoverdi.
    ripeto kobe non ha tirato in generale bene in tutta la serie,che ci può anche stare considerando che difesa aveva davanti.
    ma ha avuto il merito di essere sempre aggressivo,questo in ogni circostanza,anche quando il tiro non gli entrava o i compagni lo abbandonavano,come è accaduto spesso nelle gare di boston…

  97. giulio

    vabbè,allora wade che aveva compagni ancora più ridicoli di lebron,guarda come giocò contro i celtics…

    dai non scherziamo,la serie di kobe contro i celtics è stata sicuramente migliore di quella di lebron…

    big “o”

    ma infatti questo è il problema attuale del calcio italiano.
    caduto in basso,questo sì.
    anche se dal 2003 ad oggi nessuna nazione ha vinto più champions di noi,con due vittorie negli ultimi 4 anni.
    e in mezzo ci sarebbe anche una coppa del mondo…

  98. melo91

    poi precisa quello che scrivi.
    dici che se wade avesse giocato come giocò lebron contro i celtics nessuno l’avrebbe massacrato come fu massacrato lebron.
    vero,ma è anche vero il contrario.
    wade può giocare anche come kobe o lebron ma non verrà mai esaltato come questi due…

    questo semplicemente perchè è meno personaggio.
    basta vedere duncan,che per me vale uno shaq come carriera.
    eppure spesso ai tempi in cui entrambi erano al top sembrava che shaq fosse su chissà quale livello di distanza da duncan,questo solo perchè uno giocava ai lakers ed era più personaggio in generale…

    ma a me onestamente del personaggio mi interessa poco quando si giudica un giocatore.
    ecco perchè per me wade è sullo stesso livello degli altri due a prescindere che sia meno popolare….

  99. James: gara1 bene, gara2 male (ma cmq un 24+7+7, se gli altri avessero fatto il loro la partita si vinceva), gara3 bene, gara4 bene, gara5 male (ma a differenza dei Lakers, nessuno ha salvato la baracca al posto suo), gara6 bene…Ma scusa allora la tripla doppia di James? Che c’entrano i 21 punti consecutivi di Kobe? Io sono del parere che se fai una tripla doppia una partita stai cercando di vincerla, non di perderla

    Kobe fu sempre aggressivo? Ci credo, si stava giocando il titolo all’ultimo minuto, James tale possibilità non l’ha avuta proprio per il supporting cast con cui giocava…Secondo me si sta mitizzando questo fatto di un James nullo ai playoff creando un pretesto, perchè cosi non è, può aver steccato una partita, ma se non ci fosse stato lui sarebbe stato un 4-0 netto…Ripeto: ambedue contro i Celtics mi sono sembrati impotenti, la differenza l’ha fatta il supporting cast…

    Se poi mi vieni a dire che mi baso sulle statistiche mi fai incazzare perchè non è vero, semplicemente io da spettatore imparziale valuto tutti gli elementi che ci sono da valutare, e se li prendi in esame tutti si nota che nessuno dei due contro i Celtics ha brillato…Kobe ha vinto perchè aveva dei compagni all’altezza, James no!

    GALLO tu di solito lo sai, te l’ho sempre detto, sei il tifoso Lakers più equilibrato con cui parlo, per cui spero capirai quanto sto per dire: sul punto non avremo mai la stessa opinione perchè è normale da tifoso che te tendi un attimo a “sopravvalutare” qualsiasi aspetto delle partite di Kobe! Io non avendo particolari interessi non ho problemi a dire che entrambi steccarono alcune partite, certo gara 5 di James fu inguardabile, ma è un’episodio, può capitare ed è capitato anche a Kobe…Con la differenza che le prestazioni di Kobe vengono meno accentuate perchè ha potuto contare su una qualità di compagni diversa, tutto qua…Secondo me se Kobe fosse stato nella situazione di James ai Cavs, ci sarebbe stata anche per lui la famosa gara5

  100. Ma che c’entra Wade? Anche lui soffre i Celtics, l’anno scorso fece una serie spaventosa, ma i Celtics avevano capito ampiamente come risolvere il problema, giocava lui e gli altri venivano fermati…Tant’è che fu 4-0 e tant’è che si è visto quest’anno Wade che prestazioni ha fatto in 3 gare con i Celtics: pessime…

    Non sto dicendo che la serie di James fu all’altezza di quella di Kobe, ma che quella di Kobe fu superiore solo perchè aveva in squadra gente come Gasol, Odom, Artest, Fisher

  101. D’accordo con gallo, giudicare la serie di Kobe solo dal punto di vista offensivo è sbagliato, ciò non toglie che se i Lakers avessero perso Kobe con quella performance in gara 7 passava una brutta estate.

    • Nessuno giudica la serie di Kobe dal punto di vista offensivo e basta, questo l’ha tirato fuori il Gallo ma io non l’ho MAI detto!!!

      Semplicemente oltre a valutare il giocatore, valutate anche la squadra nel complesso, Kobe ha potuto contare su un aiuto, James palesemente NO

  102. giulio

    se tu guardi gara 3,noterai che kobe tirò male,però giocò una grande gara difensiva.
    quindi perchè si deve dire che giocò male solo perchè tirò male?

    poi dici che kobe aveva compagni più forti ed era in finale.
    allora ti dico che al primo turno e con compagni inferiori a quelli di lebron lo stesso wade contro i celtics fece una grande serie,questo nonostante i suoi compagni tirassero con % che definire scandalose e dire poco…

    quindi una cosa esclude l’altra.
    poi guai a sottovalutare per l’ennesima volta quella serie di wade,perchè allora non si fa altro che confermare quanto ho detto prima,ovvero che wade viene troppo sottovalutato…

  103. @inyourweis
    Quando parti?
    Io non sono in forma, ma 2 tiretti me li farei…una schiacciata non so se ce la faccio, ma ci proverò…:-)

  104. giulio

    ecco fatto.
    per lebron vale il discorso che kobe avesse compagni più forti.
    ma per wade no,semplicemente perchè uno si chiama wade e l’altro lebron,eppure wade aveva compagni ancora più deboli…

    “Ma che c’entra Wade? Anche lui soffre i Celtics, l’anno scorso fece una serie spaventosa, ma i Celtics avevano capito ampiamente come risolvere il problema, giocava lui e gli altri venivano fermati…”

    allora visto che si dice che lebron non avesse compagni all’altezza perchè non si fa lo stesso ragionamento?

    dai,a volte per come trattate wade quest’ultimo meriterebbe di denunciarvi.
    anche quando dite che adesso è discontinuo,ma dove?
    giocare bene 5 o 6 gare per poi far male quella dopo non vuol dire essere discontinuo,ma vuol dire essere umano…

    “Tant’è che fu 4-0 e tant’è che si è visto quest’anno Wade che prestazioni ha fatto in 3 gare con i Celtics: pessime…”

    altro discorso da denuncia.
    prima di tutto wade ha giocato 2 gare su 3 contro i celtics a novembre,ovvero quando aveva poche gare nelle gambe visto che saltò tutta la preseason.
    ma poi come dico sempre,le sentenze facciamole dopo i playoff…

  105. davvero,a me dispiace difendere sempre uno come wade,perchè non meriterebbe di essere così sottovalutato…

    lo ripeto sempre,qui tutti a dire povero lebron,ma io penso sempre che tra i due se esiste un giocatore sottovalutato quello è wade non lebron…

  106. “Semplicemente oltre a valutare il giocatore, valutate anche la squadra nel complesso, Kobe ha potuto contare su un aiuto, James palesemente NO”

    in gara 4 e soprattutto gara 5 io non ho visto questo aiuto,eppure kobe giocò molto bene,per non dire in maniera favolosa come nel terzo quarto di gara 5.
    ripeto,il tutto in un momento in cui i suoi altri 4 compagni venivano umiliati dai biancoverdi.
    a chi non ci crede gli basta andarsi a rivedere quella partita…

    • PErchè per esempio gara-6 dei Cavs non l’hai vista? Si potrebbe dire la stessa cosa di James: James giocò divinamente, i suoi compagni no…Dove sta la differenza? Ti stai allontanando dal discorso principale appigliandoti alla singole partite, sei ormai fuori tema

  107. Vabbè, come avevo immaginato sul punto non ci senti neanche te, non stare ad attaccarti a gara3, ammettiamo anche che sia stata la partita perfetta di Kobe, ma valuta la serie nel complesso…Anche Kobe soffrì i Celtics, c’è poco da fare tant’è che pure te hai ammesso che se i Lakers avessero perso Kobe sarebbe stato massacrato: questo cosa dimostra? Ammetti implicitamente che aveva colpe notevoli in caso di sconfitta…Però Kobe ha vinto grazie all’aiuto dei suoi compagni e sappiamo com’è andata

    Invece per me James ha le sue colpe non si discute, ma ciò non toglie che sia stato praticamente l’unico a giocare (salviamo un decente Shaq e qualcosa di Williams) contro Boston: per cui secondo me la sconfitta dei Cavs non è colpa di James, ma colpa del supporting cast dei Cavs…Anche James ha le sue colpe, ma se fosse stato aiutato come è stato aiutato Kobe dai suoi compagni, probabilmente il risultato sarebbe stato diverso…Se non riesci ad ammettere questo mi spiace, ma sei poco obiettivo sul punto

    Detto questo chiudo perchè sono discorsi fatti e rifatti, probabilmente ti dico se non fossi un tifoso Lakers (ma cerca di capire che non ti sto dando dell’ottuso dicendo che sei un tifoso), riusciresti a vedere le cose in una prospettiva diversa e allora saresti d’accordo…Ma comunque non importa, sono punti di vista

  108. Gallo

    Wade proprio non c’entra, l’hai tirato fuori tu non so perchè motivo perchè io ho ammesso subito che contro i Celtics giocò una serie strepitosa…Se poi tu vuoi dirmi che le prestazioni di Wade quest’anno sono condizionate dagli infortuni per me sei pretestuoso, non condivido assolutamente però se la vedi cosi amen

    Però adesso capisco come nascono leggende metropolitante come quelle di un Wade sottovalutato: ma chi ha detto niente sul suo conto? E’ il mio giocatore preferito ti pare che lo sottovaluto? Te hai detto che lo si sottovaluta, te hai detto che io lo sottovaluto basandoti sulla serie contro i Celtics, quando io ho subito ammesso che ai playoff fu strepitoso (ma ripeto, la chiave della serie l’avevano palesemente in mano i Celtics che hanno deciso di “lasciarlo giocare”) e adesso sono io quello che lo sottovaluta???

    Gallo, devo scappare, magari continuiamo domani anche se preferirei di no perchè non se ne esce, tu hai il tuo punto di vista (che secondo me è leggermente leggermente di parte, per quanto tu di solito non lo sei mai), e io ho il mio ;) ciao a tutti

  109. giulio

    non è questione di essere tifoso.
    io non ho mai detto che kobe ha giocato una serie da 10 contro i celtics,ma semplicemente ha fatto meglio di quanto ha fatto lebron,a prescindere da tutto il resto…

    io penso che le giustificazioni che fai per lebron valgono solo per lui.
    sono convinto di questo quando poi si sminuisce un wade in tutto e per tutto,che eppure aveva compagni inferiori a lui…

    comunque io non ho detto che kobe sarebbe stato massacrato in caso di sconfitta,anche se questo è effettivamente vero.
    però ripeto sempre la gara 5 dove kobe fece di tutto per far vincere i suoi mentre i suoi compagni l’abbandonarono.
    diciamo che se avessero perso il titolo anche quella gara 5 sarebbe stato giusto ricordare.
    io invece ricordo che lebron in gara 3 con un primo quarto alla kobe del terzo quarto di gara 5,spinse i suoi a dominare l’intero match a boston,se non sbaglio vincendo di quasi 40 punti.
    comunque onestamente è difficile giustificare la gara 5 di lebron contro i celtics.
    perchè non è che ha tirato male,ma peggio, è stato abulico…

    comunque la miglior serie dei tre big contro i celtics lo scorso anno l’ha fatta wade,poi kobe e poi lebron.
    quindi altro che essere di parte,si tratta solo di dire le cose come sono andate realmente…

  110. beh dire che wade è discontinuo per me significa sottovalutarlo…

    ma questo è un discorso generale che non riguarda solo te.
    wade rispetto a kobe e lebron è sottovalutato.
    la sua carriera parla chiaro,non mi va di ribadirla…

    comunque hai ragione,meglio finirla qui altrimenti non se ne esce più fuori…

    • Wade è discontinuo, mi spiace ma è vero, lo adoro ma questo è quanto…Dipende anche dalle condizioni fisiche che non sono eccellenti, ma questo è quanto

      Se poi te con DISCONTINUO intendi che io lo sottovaluto, sono problemi tuoi ma non è la realtà perchè una cosa è dire che è discontinuo, una cosa è dire che è sottovalutato…Io adoro Wade, ma lo vedo di un millimetro dietro a James e Kobe, ma se questo non vuol dire sottovalutarlo per te, non so davvero cosa risponderti

  111. “,a prescindere da tutto il resto…”

    Ah perchè giocare con Gasol, Fisher, Odom, Artest e con in panca Phil Jackson ti pare la stessa cosa di giocare con Varejao, Jamison, Parker e Mo Williams e con in panca Brown? Ma dai Gallo, come fai a non accorgerti di essere di parte quando dici queste cose

    “io penso che le giustificazioni che fai per lebron valgono solo per lui.sono convinto di questo quando poi si sminuisce un wade in tutto e per tutto,che eppure aveva compagni inferiori a lui…”

    ma chi? chiiiiiiii? chi l’ha sminutio? Io ho solo detto che ANCHE LUI come tutti soffre i Celtics, ho subito ammesso che giocò una grande serie lo scorso anno, ma quest’anno anche lui li sta soffrendo…Per favore lascia Wade fuori da sti discorsi perchè mi sembra che ti stai arrampicando sugli specchi con non capisco quale scopo e siccome è un giocatore che adoro e mai mi permetterei di sottovalutare, mi sto un pò innervosendo ;)

  112. giulio

    vedo che continui…

    kobe ha giocato alla grande contro i celtics anche quando il supporting cast l’ha abbandonato,vedi gara 4 e 5.
    come lo spieghi questo…

    poi mi dici perchè tiri fuori il discorso wade.
    ci credo,trovi una giustificazione a tutto quando parli di lebron.
    ti sto dicendo che wade ha dimostrato di giocare meglio di kobe contro i celtics pur avendo compagni inferiori.
    quindi i discorsi che fai per lebron dovrebbero valere anche per wade,ma invece anche su wade te ne vieni fuori con teorie assurde…

    te lo ripeto.
    qui è difficile uscire da questa cosa.
    kobe aveva compagni migliori di lebron e ha giocato meglio,wade aveva compagni inferiori a lebron ma ha fatto nettamente meglio.
    ci sono i due estremi,eppure lebron in ogni caso ha fatto peggio.
    impossibile negare l’evidenza…

    comunque chiudo davvero.
    anche perchè io non mi invento niente,questo è la realtà degli ultimi plaoff.
    poi se si giustifica ogni cosa che vale per lebron,allora inutile continuare,difatti chiudo,stavolta per davvero…

  113. Continui a ribadire sempre le stesse inutili cose a cui ti ho già risposto ma te non hai risposto, tornando ancora a ribadire le stesse cose…

    “,a prescindere da tutto il resto…”

    Ah perchè giocare con Gasol, Fisher, Odom, Artest e con in panca Phil Jackson ti pare la stessa cosa di giocare con Varejao, Jamison, Parker e Mo Williams e con in panca Brown? Ma dai Gallo, come fai a non accorgerti di essere di parte quando dici queste cose

    “io penso che le giustificazioni che fai per lebron valgono solo per lui.sono convinto di questo quando poi si sminuisce un wade in tutto e per tutto,che eppure aveva compagni inferiori a lui…”

    ma chi? chiiiiiiii? chi l’ha sminutio? Io ho solo detto che ANCHE LUI come tutti soffre i Celtics, ho subito ammesso che giocò una grande serie lo scorso anno, ma quest’anno anche lui li sta soffrendo…Per favore lascia Wade fuori da sti discorsi perchè mi sembra che ti stai arrampicando sugli specchi con non capisco quale scopo e siccome è un giocatore che adoro e mai mi permetterei di sottovalutare, mi sto un pò innervosendo ;)

    E se mi fai l’esempio di gara5 di Kobe io ti faccio l’esempio di gara6 di James…Ma anche qua, mistero, non c’è risposta…

    Poi ribadisco, che mi fai passare per quello che vuole difendere a tutti i costi James mostra solo che non hai seri argomenti da ribattere, perchè io non ho avuto problemi a dire che James contro i Celtics non fece una gran serie playoff…Torni ogni volta fuori col discorso Wade quando io non ho mai messo in discussione che giocò grandi playoff! Mentre tu non riesci proprio ad ammettere che Kobe non fece una serie di playoff contro Celtics come quella di James solo perchè ha avuto dei compagni che a turno gli hanno salvato il culo! Mi spiace ma QUESTA è la VERITA’, se tu prendessi in esame TUTTI GLI ELEMENTI e non solo quelli che ti fanno comodo, apriresti gli occhi…

    Tu non ti inventi cose su James ma non prendi in esame tutti gli elementi perchè se no avresti conclusioni diverse, però ti inventi di sana pianta che si sottovaluta Wade, questo si…Perchè non venirmi a dire che tu lo metti nello stesso piano del buon Kobe…Please, chiudiamola qua, ognuno ha le sue idee, a posto cosi

  114. giulio

    guarda che hai fatto tutto te…

    dire che kobe ha giocato meglio di lebron perchè aveva compagni migliori è troppo comodo.
    cioè quello che tu hai fatto ieri è stato quello di giustificare lebron per ogni cosa.
    tipo per i suoi tiri sbagliati nei finali di partita,quando lo giustifichi per delle attenzioni e responsabilità che in quei momenti valgono per tutti.
    senza magari sottolineare che in certe gare lui ha sbagliato tiri importanti anche quando non aveva fin dall’inizio la palla tra le mani…

    ripeto,trovi delle teorie assurde per giustificarlo sempre,questo è il mio punto di vista…

    poi in realtà che melo91 ha detto una cosa del genere:

    “che probabilmente è stato il migliore della squadra fino a questo momento! Il fatto che tutte le colpe vadano come sempre a lui denota come tutti probabilmente e anche inconsciamente lo ritengono superiore a wade! Voglio dire…lo scorso anno non ha giocato una serie buona con i celtics( o almeno non da james) ed è stato massacrato: fosse successo a wade avrebbe fatto x me meno notizia!”

    tu hai detto di essere d’accordo al 100%.
    ecco un altro motivo per il quale mi fa pensare che voi sottovalutate wade.
    perchè non spiegate pure che wade nella stessa partita può fare 40 punti e magari lebron 15 ma i titoli principali li prenderebbe sempre lebron,perchè più popolare.
    poi basta dire che wade è discontinuo,portate i fatti…

    comunque non paragoniamo la gara 6 di lebron con la gara 5 di kobe.
    prima di tutto in quella partita se non ricordo male lebron perse tantissimi palloni e comunque non giocò una grande partita come fece kobe in gara 5,quando tu dimentichi sempre che kobe stava giocando da solo.
    purtroppo ripeto,troppo comodo sottolineare sempre che avesse compagni migliori.
    io ti posso dire che kobe tante volte ha giocato alla grande pur in serie dove i suoi compagni giocarono sottotono.
    basta pensare alla serie 2009 contro i celtics,dove gasol fece fatica a vincere il duello con scola,brooks umiliò fisher,artest vinse il duello con ariza ma kobe giocò sempre da kobe.
    questo fatto dei compagni migliori tu lo cavalchi fin troppo.
    ripeto,puoi avere compagni più deboli,ma giocare una gara 5 come la giocò lebron contro i celtics non ha giustificazioni.
    lo stesso lebron che nel 2008 sempre contro i celtics e con compagni ancor più scarsi fece certamente una serie migliore rispetto a quella 2010…

    poi puoi pensare quello che vuoi, a me non mi interessa.
    fidati quando kobe ha giocato male solo stato il primo a sottolinearlo,tipo la serie 2008 contro i celtics dove avrebbe potuto fare molto di più.
    comunque ognuno ha la sua opinione,se si parla di wade io da sempre lo metto nella categoria di kobe e lebron.
    ma soprattutto per me la carriera di wade fino ad oggi vale quella di lebron,ed ho spiegato tante volte il perchè.
    invece a sentire molti sembra che lebron chissà cosa avesse fatto più di wade per essere considerato così superiore a lui.
    ecco perchè continuo a ritenerlo un giocatore sottovalutato…

  115. Perfetto, sono io che giustifico James (ma portando alla luce tutti i fatti), e non tu che difendi da tifoso Lakers Kobe…”dire che kobe ha giocato meglio di lebron perchè aveva compagni migliori è troppo comodo.”…Non è che forse è TROPPO COMODO per te nasconderti dietro questa che palesemente non è una risposta? Comunque apposto cosi

    Su Wade c’è poco da dire, a sto punto sei te che lo sopravvaluti, che è diverso: lo adoro, è il mio giocatore preferito, ma non ho nessunissimo tipo di problema a dire che è un millimetro dietro a James e Kobe…Ciò non significa che lo sottovaluto, ma semplicemente che lo ritengo meno forte di James e Kobe…Visto che insisti sul punto quando non ha assolutamente senso, chiudo qua

    Sulle statistiche di James è diverso, non sono io che lo difendo ma te che lo attacchi come fanno gli altri, ma tant’è che guarda caso sei stato tu stesso a far notare come Melo abbia la miglior percentuale nei finali 47%, poi c’è James 32%, Kobe 31%…Quindi non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, dato che tra l’altro io ho da sempre ammesso che a livello di soluzioni offensive Kobe è migliore di James! Apposto cosi

Commenta