Niente da fare per i nuovi Knicks contro i Magic di Howard

Lakers e Mavs mettono pressione agli Spurs che perdono a Memphis.

Nelson e Howard guidano i Magic nella vittoria contro i Knicks.

Vediamo com’è andata.

WARRIORS 100, PACERS 109

Grazie alla freddezza di Danny Granger (16/16 dalla lunetta) i Pacers battono i Warriors ed evitano la seconda sconfitta in casa consecutiva. L’asso di Indiana ne infila 8 nell’ultimo quarto mentre è consistente la prova del trio George-Hansbrough-Jones che porta 36 punti dalla panchina. Per i Warriors c’è la 20a sconfitta esterna della stagione nonostante la grande prova di Reggie Williams (25 pts, 5/7 da 3).

KNICKS 110, MAGIC 116

In una gara da 97 (!) tiri liberi, Orlando batte New York e centra la terza vittoria consecutiva. Decisivi i 14 punti nell’ultimo quarto di Nelson e l’ennesima prova da MVP di Howard che mette a referto 30 punti, 16 rimbalzi e 5 assist. New York spreca un vantaggio di 11 punti e si dimostra già dipendente dalla produzione dei suoi “Big 3”. Il trio Anthony-Billups-Stoudemire segna quasi l’80% del fatturato totale (85 punti) con l’ex Suns che cattura solo 2 rimbalzi (nessuno in difesa).

MAVERICKS 101, SIXERS 93

Non si ferma il rullo Mavericks che conquista la 17a vittoria delle ultime 18 giocate ed espugna anche Philadelphia avvicinandosi ulteriormente ai San Antonio Spurs. Benissimo Jason Terry che segna 30 punti coadiuvato dal solito Nowitzki che ne infila 22. Con il tedesco, i Mavs fanno davvero paura. Philadelphia soffre a rimbalzo e concede il 53% a Dallas. Non bastano i 16 punti e le 4 triple di Meeks.

HORNETS 90, RAPTORS 96

Ultimo impegno per del viaggio in Europa per i Toronto Raptors che battono gli Hornets e conquistano il 17° successo stagionale. Grandissima prova di Calderon che stravince il duello con Paul e mette a referto 22 punti con 16 assist. Bargnani dopo lo stop per l’influenza contribuisce con 14 punti. New Orleans perde la seconda partita di fila con un Paul sottotono (7 pts, 5 asts) mentre Belinelli segna 13 punti in 23’.

SPURS 93, GRIZZLIES 109

Rivincita dei Memphis Grizzlies che battono i San Antonio Spurs con Popovich che concede minutaggi limitati ai suoi (il più impiegato è Neal con 27’). I Grizzlies tirano 0/5 da 3 ma dominano a centro area con Arthur e Randolph che combinano per 21 punti e 9 canestri a testa. San Antonio perde una miriade di palloni (22) con Hill che stecca alla prima da vice-Parker (6 pts, 6 TO) e con il solo Neal a chiudere in doppia cifra (14 pts).

PISTONS 90, BUCKS 92

Vittoria dei Milwaukee Bucks che battono i Pistons grazie ad un decisivo Jennings sui due lati del campo. Prima segna il canestro del +4, poi stoppa il tentativo da 3 di Bynum e successivamente deposita il 2/2 dalla lunetta che mette al sicuro il match. Per l’ex Roma ci sono 21 punti con 8/19 dal campo mentre Delfino chiude in doppia doppia (16 pts, 10 rebs). Per Detroit non basta uno Stuckey da 25 punti con 7 rimbalzi e 5 assist.

LAKERS 90, WOLVES 79

Tutti contenti al Target Center. I Lakers escono con una vittoria e Kevin Love si prende la sua doppia doppia quotidiana, la numero 47 consecutiva della stagione. Los Angeles vince nonostante il 30/80 dal campo e con la coppia Artest-Gasol che chiude con 5/20 al tiro. C’è però il dominio a rimbalzo (53-39) con Bryant segna 20 dei suoi 24 punti nel secondo tempo. Minnesota s’aggrappa a Johnson che mette a referto 20 punti per la 47a sconfitta della stagione.

ROCKETS 103, TRAILBLAZERS 87

Bel successo dei Houston Rockets che sbancano il Rose Garden con una eccellente prova offensiva (58%) e tre giocatori sopra i 20 punti (Scola, Martin, Lowry). Da sottolineare la prova del play dei Rockets che oltre ai 21 punti segnati chiude con ben 11 assist a referto. Per Portland c’è la seconda sconfitta casalinga di fila nel giro di 48 ore. Bene Batum (22 pts) mentre è sotto il par la prestazione diAldridge (14 pts, 3 rebs) con Wallace chiude in doppia cifra (14 pts, 10 rebs) uscendo dalla panchina.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

176 thoughts on “NBA – Knicks ko ad Orlando, bene Lakers e Mavs

  1. Et voilà, abbiamo una nuova Miami: solo in 3 in grado di segnare a New York…
    Io mi astengo perchè non ne ho motivo (oltretutto si tratta di 3 giocatori che mi piacciono da matti!!!), ma mi aspetto presto le stesse critiche verso i Knicks che sono piovute in questi mesi sugli Heat. Forse peggio, perchè a livello di talento se Stoudemire è meglio di Bosh, Billups ed Anthony non sono meglio di Wade e James…
    Questa moda delle superstar che si riuniscono per puntare facile al titolo mi fa sempre più schifo, ci sono squadre che giocano in 3 anzichè in 5, imbottite di giocatori improponibili o quasi e totalmente scoperte in un paio di ruoli, problema che di certo non ti porta a vincere il titolo.
    Mah…
    Continuo a tener fede alla mia teoria: un team necessita di due superstar (es. Gasol-Bryant), possibilmente non pagate uno sproposito per poter firmare giocatori di complemento che abbiano un livello di talento medio-alto (es. Odom-Artest-Bynum) + gregari validi a completare il roster. Ok, i Lakers hanno il monte salari più alto della lega e non tutti possono permetterselo, ma il senso del mio discorso credo sia chiaro…
    Detto questo, vedo cmq un futuro interessante per NY se riusciranno a rifinire il roster come si deve…

    Grandissimo Mr. Big Shot, che non vuole essere da meno dei suoi due illustri compagni dimostrando in queste prime partite con la nuova casacca di essere ancora un grande campione, seppure in là con l’età.

    Complimenti anche a Nelson che nella sua carriera l’ha sempre sofferto, e forse anche per questo e per l’assenza di Turkoglu stanotte si è caricato la squadra sulle spalle nell’ultimo periodo.
    Howard molto continuo e produttivo ultimamente, non vincerà l’MVP ma se ai playoff aumenterà ancora l’intensità ci divertiremo tantissimo pur partendo col seed #4.

  2. Sconfitta che ci sta alla 4 partita insieme dei “nuovi” Knicks, contro una squadra che al momento ci è superiore…Sono d’accordo con McGrady, si sta creando una situazione simile a quella di Miami, anche se il gioco di D’Antoni dovrebbe favorire un pò tutti i giocatori in campo senza che ci si basi su solo 3 giocatori…Melo ancora male al tiro, 8 su 24 è veramente pessimo! Bene Billups invece, che ormai si conferma partita dopo partita! La cosa che mi consola comunque è che alla 4 partita insieme, tirando col 38% dal campo, abbiamo perso solo di 6 punti, considerando in più che Orlando stanotte ha tirato col 52% direi che ci sta e qualche segnale positivo, come dice McGrady, c’è!

    McGrady: le critiche fatte a Miami non è necessario ribadirle ai Knicks: primo perchè nessuno sano di mente pensa che questi Knicks ora come ora possano arrivare al titolo (te lo dico da tifoso), secondo perchè nessuno mette in discussione il fatto che in entrambe le squadre si sta creando la stessa situazione: 3 giocatori a tirare e gli altri a far comparsate! Rimango dell’idea che siamo messi male sotto canestro, troppo leggeri, Stat voleva un 5 che gli permettesse di giocare da 4, era cosi impossibile prendere qualcuno? Altra cosa: per quanto mi piaccia Billups, non è un play classico, per me questa squadra continua ad aver bisogno di un giocatore alla CP3, ATTENZIONE non sto dicendo che viene CP3 per favore evitiamo i soliti banali discorsi sul salary cap ecc ecc…Dico che serve un giocatore in grado di coinvolgere tutti i compagni, dare il tempo al gioco ecc ecc…Ovviamente non è che Billups fa schifo, anzi me lo tengo strettissimo, però ha caratteristiche ben diverse da quelle di un Deron, di un Nash, di un CP3

    Stanotte b2b in casa contro NOLA…Poi contro Cleveland…Vincerle entrambe sarebbe importante per i playoff

  3. Effettivamente la lega sta prendendo una brutta piega propio quello che il salary cup doveva evitare tante star in una sola squadra poi vedi 3 giocatori che fanno 80% dei punti a partita e gli altri stanno a guardare.New york ha smembrato la squadra per Anthony e Billups ma non mi sembra piu forte dei bulls o di Orlando anche perche sotto le plance oltre a Stoudemire c’e il vuoto assoluto.

  4. i knicks vanno bene ci vuole tempo
    si è tirato malissimo 37% contro gli oltre 50% degli orlando e per poco si vinceva
    la ifferenza semplicemente è stata che nel 4° nelson le ha messe tutte e melo no finendo con un orrido 8/24. se melo giocasse più per la squara ieri nonostante howard si vinceva facile
    lo capirà piano piano

  5. L’ovest sta diventando una tonnara. Per gli ultimi 4 posti c’è di tutto. Anche i Rockets ci provano nonostante siano a 3 gare dall’ottavo posto. Per loro una vittoria importante contro una diretta concorrente. La vittoria dei Grizzlies era prevedibile mentre la sconfitta degli Hornets è sanguinosa.
    Li ha steccato alla grande Paul mentre Calderon è stato superbo. Gli italiani benino, con un Belinelli che ha giocato il finale di gara dando un contributo importante. Bargnani sottotono nei primi tre quarti quando si è caricato di falli (5) per poi essere maggiormente incisivo nell’ultimo con 6 punti, un assist e uno sfondamento subito.
    Amir Johnson ha rischiato la tripla doppia con 7 stoppate, 10 rimbalzi e 8 punti. Sarà strapagato ma nell’ultimo mese le sue prestazioni giustificano lo stipendio. Mi sta facendo una buona impressione Johnson (Bulls) che ha portato fisicità e buone giocate. In fondo la trade per una scelta non è stata malaccia.
    Importante vittoria dei Bucks per continuare a crederci nonostante le assenze (Bogut, Ilyasova e Gooden) mentre Mavs, Lakers, Magic e Pacers portano a casa la loro W. Speriamo che Chandler recuperi dall’infortunio in vista dei PO.

    Giocare in tre è sempre difficile e a NY i problemi non mancano. Nonostante tutto se la sono giocata fino in fondo. Ora vedremo contro gli Hornets cosa faranno.

    Sixers
    Hanno preso un allenatore specializzato nel tiro per Evans!
    Kings
    “Johnson (Sac’s mayor) said Sacramento will work to build a new sports arena with or without the Kings.”
    Qualcuno mi spiegasse il senso di questa dichiarazione. Rifiuta di spendere denaro pubblico per cofinanziare la nuova arena e poi la promette a prescindere che i Kings rimangono?
    La barzelletta terminerà il 14/15 aprile quando si deciderà se accettare il trasferimento dei Kings ad Anaheim. La stessa città che peraltro in passato aveva cercato di ospitare i Clippers.

  6. Oddio dopo Michele e la rivalità con BOS (ed ormai le nostre battaglie sono in cantina…ma sono sicuro riprenderanno presto) ora escono tanti funghetti simpatizzanti NY.

    Vorrei capire come si fa a dire che NY la vinceva facile se melo giocasse più per la squadra: Melo gioca per sè, è quel tipo di giocatore non è che da un momento all’altro si mette a distribuire assist alla Stockton.

    La struttura di NY volenti o nolenti e la medesima di Miami, progetto destinato a parer mio a fallire se non inseriscono 2 centri di medio-livello e un play di riserva all’altezza.

    Miami ha uno sconfinato talento in più e sopperisce con questo. NY no.

    49-11 (o qcs delgenere) il saldo dalla panchina in favore di ORL: questo la dice tutta.

    Strutturata così NY non va da nessuna parte, tanto più che Bilups va verso i 34…

    Noi benino, primo quarto favoloso, secondo penoso, bene i restanti 2.
    Howard è ormai un vero MVP di questa Lega, miglior difensore per il terzo anno di seguito, primo giocatore nella storia ad aver raggiunto quota 7000 rimbalzi, instoppabile in attacco: è l’unico giocatore che fa sembrare 20 anni più giovani i suoi avversari diretti, a volte sembra giochi con i bambini. Strapotere.

    Nelson se gioca così ci si diverte sul serio, continuo a dire che se lui e Hedo tornano ai loro livelli migliori ce la giochiamo con tutti fino in fondo.

    A proposito, da buon italiano dico che ieri abbiamo vinto senza Hedo e Gilbert:-)

    • è anche vero, però, che sappiamo benissimo tutti quanti che nella realtà, e non tanto nei premi nba, il miglior difensore non è quello che stoppa di più e/o che prende più rimbalzi, c’è anche ben altro nell’essere un buon difensore, duncan, garnett o noah sono molto buoni come difensori, magari complessivamente anche sopra a howard, parlando di rotazioni, di non saltare sulle finte, poi se duncan avesse avuto quando è entrato in nba il fisico e l’agilità di howard sarebbe stato su un altro pianeta, dovrebbe passare qualche estate a lavorare col buon timoteo, allora si che saremmo al top assoluto, anche se è pure vero che coi se non andiamo da nessuna parte, ma lo dico principalmente per lui…
      primo nella storia a raggiungere i 7000 rimbalzi vuol dire “più giovane” vero? spero ti sia espresso male… sennò kareem mi cala improvvisamente di considerazione, però penso solo ad un errore di “esposizione”, vai tranquillo… ciao!

  7. Senza il salary cap rigido, l’NBA è destinata a fallire. Arriveranno altri russi, magari anche qualche arabo (anche se può sembrare una barzelletta) strapieni di soldi e si inizierà ad ammassare talento dove si può, in barba alla Luxury Tax.
    Diventerebbe una schifezza in puro stile calcio europeo.
    Io sono favorevole.

  8. tracymcgrady

    insomma, definire comprimari odom-bynum-artest,,,, i lakers a differenza di heat o NY non hanno 3 stelle di pari livello ma 5 giocatori con gerarchie ben precise, un po come nei celtics

  9. la partita dei NY conferma quelle che, nonostante la trade, continuano ad essere le lacune della squadra: difesa blanda, e un centro degno di questo nome. E’ ovvio che squadre con centri potenti (e Orlando ha il centro più dominante della lega) non fanno altro che sottolineare queste lacune.
    Detto e considerato che difficilmente si riuscirà a coprire il problema di un 5, io continuo a dire che finchè D’Antoni non li fa difendere, NY continuerà a non riuscire a far pienamente fruttare i suoi talenti.
    Ultima nota che c’è stata giustamente sottolineata nel recap qui sopra: non è concepibile che un giocatore dotato dell’atletismo di Stat prenda 3 rimbalzi in una partita, non esiste proprio. Tirare fuori i coglioni, pleaz!

    • d’accordo sul discorso 3 rimbalzi, stoudemire mi è sempre piaciuto un casino, ma se avesse anche lui un cervello “alla duncan”, allora staremmo su un altro pianeta….
      possibile che siano così idioti da non capire l’importanza di un lavoro duro? cazzo, dov’è finito il “love for the game”????

    • Stat ha preso 2 rimbalzi mentre nelle due precedenti ben 21. Quindi capisco che il dato fa “impressione” ma in una gara ci sta. Alla fine statistiche alla mano ne prende 8.5 a gara.

      Fatto salvo la difesa d’antoniana, questi possono vincere qualsiasi gara ma devono tirare benissimo e sperare che il supporting cast faccia il compitino. Al momento le loro ambizioni sono di giocarsi i PO, testare gli “altri” e capire da che base partire. Se poi dobbiamo giudicare il gioco io passo la mano. Non mi piace e mai mi piacerà.

      Sulle qualità del trio di NY e di Miami vedo una differenza di talento e di capacità di difendere a favore dei secondi.

  10. scusate ma l’avete vista la partita?
    fino a 7′ dal termine new york era in vantaggio (howard o non howard) poi nelson ha infilato qualcosa come 3 o 4 tiri di seguito mentre melo li ha sbagliati e la partita è andata.
    New York ha tirato con il 37% Orlando con il 52%. A Miami si è vinto con percentuali pessime.
    Segno che la difesa proprio schifo non fa….

  11. Ma non è che si riapre la corsa al primo post ad ovest?Con l’infortunio di Parker gli Spurs perdono parecchio, ovviamente è cosa che non ci riguarda, troppe partite di distanza ma attenzione ai Mavs.

  12. Sasipunk

    Ho utilizzato il termine “comprimari” solo per distinguerli dalle due vere stelle, nn volevo sminuire questi giocatori. Il quintetto di LA è di ottimo livello, ma Bryant è indubbiamente una spanna sopra gli altri, poi viene Gasol e via di seguito.
    Se consideriamo Superstar principalmente gli All Star e pochissimi altri che all’ASG dovrebbero andarci ma per diversi motivi non ci vanno, Bynum Odom e Artest, per quanto bravissimi, risultano come comprimari rispetto ai due giocatori di maggior spicco dei gialloviola.
    Tutto qui.

    Ale

    Dovrei sottolinearti che mancavano Turkoglu e Arenas, magari anche per questo eravate sopra fino a poco dal termine.
    Per me la vera differenza non è nelle percentuali, ma nel fatto che Orlando al momento ha un organizzazione soprattutto difensiva migliore e un attacco equilibrato con una grossa dote di punti dalla propria stella e poi diversi giocatori in doppia cifra + grosso apporto dalla panca. Questo ti permette di non andare troppo sotto quando i tuoi titolari rifiatano.
    Cosa che Miami o NY non possono permettersi, Orlando e soprattutto Boston ed LA si, e questo conta e conterà ai PO…

  13. Ale

    La difesa fa schifo.

    Se giochi contro gli Heat che hanno tre giocatori + accozzaglia puoi batterli se il tuo supporting cast ti da un contributo (30 punti) e vince la “sfida”. E parliamo di due squadre identiche per tipologia di roster.
    Se invece affronti i Magic e ne fai 25 su 110 diventa difficile. Identica situazione a Cleveland con il trio che sforna 84 punti mentre il resto 25. Casualmente due sconfitte.

  14. Ale, se rileggi il mio commento vedrai che non sono minimamente stato drastico. Ho solo notato che ci sono alcune carenze evidenti, nel gioco di D’ Antoni e nel roster, che vengono evidenziate da alcuni scontri mentre contro altre squadre non si manifestano proprio per la differenza di incontro.
    Esempio: contro Miami tali carenze non vengono troppo alla luce perchè neanche Miami ha un vero 5, ma ha anzi una PF, Bosh, a parer mio ampiamente sopravvalutato, che nell’accoppiamento difensivo si trova Amar’e o anche Turiaf, e soffre. Miami gioca perlopiù di isolamenti di Wade e James, quindi anche una difesa non proprio perfetta può riuscire ad arginarli, con gli aiuti (vedi stoppata finale di Stat su James). Inotlre, Miami non è in grado di accoppiare un difensore in grado di prevedere le giocate di Billups.
    Contro Orlando i Knicks si trovano di fronte una delle squadre che, per caratteristiche, sottolinea di più queste carenze: IL 5 assiomatico, dominante, che in pratica non trova accoppiamento difensivo neanche lontanamente adeguato. Amar’e ha un grosso limite difensivo, molte volte sta alto sulle gambe e va in cerca dell’aiuto o della stoppata, e il “5” difensivo di NY, buon difensore, è palesemente sottodimensionato, specie se si trova di fronte un Howard qualunque!
    Ora, le carenze a livello di roster probabilmente quest’anno non verranno ulteriormente colmate, e si sapeva che difficilmente sarebbe cambiata la posizione in classifica, ormai abbastanza assodata.
    Quello che può cambiare, che dovrebbe cambiare mano a mano che alcune cose vengono alla luce durante la RS, è la strategia, mi sembra persino naturale. E la strategia la fa D’Antoni. Non sono un amante del suo gioco, che in altri contesti ha fatto anche buoni risultati, ma mi sembra oggettivo che il suo gioco, in un roster come quello newyorkese, non faccia latro che sottolineare queste mancanze.

    Poi certo, sicuramente “la palla è rotonda” può capitare che qualche volte entri agli altri e qualche volta a te, ma i limiti oggettivi è bene averli presenti, e le grandi squadre non hanno mai cercato scuse quando perdevano. Se perdi è perchè o sei più debole (anche in maniera contingente sia chiaro) o hai giocato peggio. Discorsi tipo “se entrava quello, se sbagliava quell’altro” io li lascio volentieri ai tifosi di calcio.

  15. c’ho messo un pò a rispondere e nel frattempo alert ha scritto quel che ensavo anch’io. Quoto ;)

  16. come spesso succede Howard “tiene” i pari ruolo avversari ai minimi stagionali a rimbalzo…

  17. Mirco

    Ovvio il piu giovane nella storia, perdona la mancanza!

    Ale

    Il basket non è chi tira meglio vince, anche se il ns. buono svg parla di it’s only to’ make a shot.

    Ci sono mille altri fattori che determinano una partita. Mi sembra ovvio.

    • pari ruolo è una parola grossa! ;) già è dominante quando si trova davanti un pari ruolo, ma qui il fatto è che NY non ha nemmeno un pari ruolo….il che la dice lunga sull’esito della partita! ;)

  18. Non volevo essere frainteso. Allo stato attuale tra Orlando e New York c’è un’abisso come squadra.
    Però la partita di ieri se l’è vinta Nelson a mio parere non tanto l’organizzazione…..vero comunque che mancavano Turkoglu e Arenas.
    Comunque date tempo a NY crescerà…..il problema è stato perdere sia gallinari che chandler
    uno dei 2 doveva essere il sesto uomo

    • imho erano entrambi abbastanza sprecati come sesto uomo, basta vedere cosa han già dimostrato in pochissime partite a Denver, con un minutaggio un pò più alto e un vero allenatore :D

      • Quoto, uno dei due come sesto era illegale, soprattutto Chandler che mi sembra maggiormente in grado di attaccare la partita quando conta rispetto al Gallo.
        Ok, sarebbero stati sprecati, ma a parte che uno dei due fa cmq il sesto anche a Denver, e poi una grossa squadra da titolo deve avere un sesto uomo molto forte, vedi Odom.

  19. The Magician

    le statistiche nell’nba contano parecchio per giustificare una sconfitta.
    ieri sembrerà strano ma NY h preso più rimbalzi offensivi di Orlando, ha perso meno palle (solo 8 rispetto alle 15 di Orlando) e rubato 9 palloni a 2. Questo si è tradotto in quasi 20 possessi in più rispetto a Orlando. Non pochi. se mi tiri con un 46/47% invece che 37% la vinci.

    Io dico solo che New York non è così disastrosa come la si vuol far passare. Ieri a mio giudizio male le percentuali dei panchinari e di Melo . 8 su 24 me lo può fare un chandler qualsiasi non una superstar

  20. Brazz e tutti gli altri partecipanti

    La lista è finita. Che ce dovemo fà?

  21. Ale

    Nessuno fa passare NY come disastrosa, ci mancherebbe.
    Negli scorsi giorni ho commentato la trade di Melo facendo pendere l’ago della bilancia più verso i Knicks che verso i Nuggets, ma solo perchè quando riesci a prendere una superstar per me hai sempre ragione.
    Il problema è che tre sono troppe, perchè Billups se nn è una superstar è qualcosa di molto simile. Di conseguenza sarà dura senza un supporting cast adeguato. La solita solfa già sentita per Miami, infatti evito di annoiarvi oltre.

    Detto questo, è solo RS.
    Orlando e NY si incontreranno ancora due volte in questo mese, c’è anche il recupero della gara annullata al Madison a Novembre per l’amianto sul parquet (se nn ricordo male).
    Vediamo se le nostre teorie troveranno conferme o smentite! ;-)

  22. sconfitta sixers che ci sta,in volata coi mavs in piena forma..po comunque sicuri,direi..la moda di ammassare talenti..fa schifo concordo..amo la nba da sempre proprio perchè tutti possono vincere programmando bene,perchè esiste ricambio,perchè non ci sono il milan,inter juve della situazione,..salary rigido,punto…

  23. ah.anche secondo me i knicks così non van da nessuna parte,ma proprio nessuna..via il baffo,in primis..

  24. tunz
    non lo so..pubblicala sul forum..oppure la postiamo nel mio blog,direi una delle due..

  25. Sul forum mi sembra abbastanza invasivo. Te la mando per mail?

    • volete un consiglio, anche se magari poi non interessa? mettete la “compilation” su megaupload e poi ci linkate l’indirizzo giusto qui, così ognuno avrà la prima delle sue compilation “made in playitusa”. chissà che non ce ne scappi qualcuna per ogni genere musicale, sulle preferenze di noi frequentatori… ciao!!!

  26. Per me i Knick sono peggio degli Heat, a prescindere dal talento. Chi avevano gli Heat prima dell’arrivo di Bosh e James. E cosa avevano i Knicks? Per me i Knicks dovevano ritoccare e non stravolgere, per ottenere cosa?
    Paul che fina ha fatto? Da Blazers sono contento, ma da sportivo no, perché ultimamente sta giocando non ai suoi livelli, per non dire peggio…
    I Warriors potevano rientrare anche loro nella tonnara ad ovest, ma sono troppo troppo incostanti.
    Ho sempre stimato Dallas con Kidd e il tedesco, e continuo a farlo anche quest’anno….vediamo cosa succede ai PO
    Popovich ha deciso che vuole incontrare i Grizzlies al primo turno?
    Toronto che vince con un Bargagni convalescente…e partono per l’Europa per incontrare i Nets…bella partita promozionale….
    Love mi piace, ma ho come l’impressione che giochi per le statistiche, e questo non è bello secondo me…

    • Lo fa solo per quello. La squadra è mediocre e l’unica nota lieta e la convocazione all’ASG e le doppie doppie. Vedremo il prossimo hanno con una squadra in teoria più competitiva se le prestazioni saranno le stesse.

      Paul sottotono. Ieri è stato fatto a pezzi da Calderon.
      Mi auguro che non faccia come Bosh, ovvero darla su nel finale di stagione. Va detto che non è in perfette condizioni atletiche.
      Comunque la situazione Hornets è particolare: da una parte c’è la speranza di fare i PO per ridare entusiasmo alla città e per convincere Paul a rimanere, dall’altra hai West che non sa se rinnovare o meno, perchè baserà la scelta su Chris. Se capisce che la loro guida alzerà le tende è molto probabile che non rinnovi. Quindi in soldoni se West rinnova al 99.9% Paul rimane.

  27. che paragone inutile quello di knicks vs heat…

    da una parte abbiamo una squadra(gli heat) che sono stati costruiti la scorsa estate per vincere fin da subito.
    mentre dall’altra parte abbiamo una squadra(i knicks) di prospettiva,che più riuscirà a raccogliere oggi sarà tanto di guadagnato per loro,ma non è adesso che puntano al colpo grosso.
    quindi perchè questi paragoni inutili?

    gli heat non dovessero vincere il titolo già quest’anno si parlerà di fallimento,mentre per i knicks questo discorso non vale.
    quindi ha poca importanza che oggi la squadra di d’antoni ha soli 3 giocatori in grado di produrre offensivamente,semplicemente perchè non è con questo roster che loro puntano alla vittoria del titolo,ma rimandiamo questi discorsi fra due stagioni, please…

    comunque con un record leggermente migliore,howard sarebbe l’mvp di questa lega.
    assolutamente dominante in quest’ultimo periodo…

    lakers che continuano il momento positivo.
    classica vittoria da grande su un campo di una piccola.
    gara giocata al gatto col topo,vittoria di squadra.
    adesso gara in casa contro la bestia nera bobcats e poi inizia il mini tour della verità…

    purtroppo i mavs vincono anche sull’ostico campo dei sixers di questo periodo.
    per l’ennesima volta la panchina produce come il quintetto di partenza,anche se stavolta il merito di questo va all’uomo solo al comando tale jason terry.
    mentre kidd continua a riscoprirsi kidd,altra tripla doppia per lui,un vero poeta di questo gioco…

    raptors che vincono senza gli straordinari offensivi del mago,questa si che è una novità.
    bene il beli dalla parte degli hornets…

  28. io fossi un tifoso knicks sarei ben felice di questa squadra…

    sulla carta ha tre stelle di questa lega,questo dopo anni in cui aveva difficoltà a trovarne una da mettere a roster.
    squadra reduce dalla vittoria sul campo degli heat,mentre ieri ha giocato fino all’ultimo per la vittoria su un campo difficile come quello di orlando…

    non vinceranno il titolo,ma possono dare fastidio a chiunque,sia in una gara singola,ma anche in una serie.
    sempre tenendo conto che non è adesso che devono cercare di vincere il titolo…

  29. Paragone ingeneroso e assolutamente non calzante.
    La scelta di NY è stata veramente rischiosa e sebbene non credo pagherà nell’immediato, potrà dare soddisfazioni a lungo termine. Certo, se a luglio si sbaracca di nuovo e si prende Paul per l’altra metà di roster che resta, allora possiamo cominciare a parlarne..

  30. “Chandler che mi sembra maggiormente in grado di attaccare la partita quando conta rispetto al Gallo.”

    in quale vita?

    in questa no…

  31. comunque cp3 quest’anno mi ha sempre dato la sensazione di giocare con le marce…

    il cp3 di due o tre anni fa era altra roba.
    dominava con una ceta continuità.
    oggi controlla di più,ma non ha il supporting cast all’altezza per potersi permettere di controllare i match…

  32. Allora….
    22 – 11 senza Roy e non solo in campo…
    11 – 16 con Roy in campo, con 1 – 3 nelle ultime 4 in casa….
    Non voglio dire che sia colpa di Roy, assolutamente, ma credo che siamo proprio una squadra “strana”: diamo il meglio nelle difficoltà, anche estreme, mentre quando siamo in situazione quasi ottimale ci rilassiamo troppo e molliamo. Infatti nelle ultime 2 sconfitte abbiamo subito, durante la partita, dei parziali imbarazzanti.
    Certo 4 partite non fanno un campionato, ma le ultime prestazioni dovrebbero far suonare l’allarme, perché il nostro calendario non è per nulla facile.
    Oggi ci sono i Kings ammazza grandi…noi non siamo proprio una grande, ma ci abbiamo già perso…

  33. kevin love ha detto, tramite il suo agente, che se entro un anno minnesota non diventa una contender vuole andarsene……..no comment. impegnati a far vincere qualche partita alla tua squadra e pensa meno al tuo boxscore, Garnett ha passato gli anni migliori della sua carriera in quel buco di Minneapolis senza mai lamentarsi.

    magician, dammi retta: è meglio per voi se arenas non gioca eheheheh.

    • Io francamente non vedo cosa ci sia di male in atteggiamenti del genere. Ci sono franchigie che praticamente non vogliono vincere. Dev’ essere non poco frustrante rischiare di perdere gli anni fisicamente migliori in posti dove la dirigenza non è in grado di migliorare la squadra. Iperboli a parte, Minnesota potrebbe fare molto meglio, non vedo cosa ci sia di male in un giocatore che mira a vincere titoli. Garnett è rimasto lì dopo aver firmato una estensione milionaria, con la speranza che la dirigenza fosse in grado di tirare sù una buona squadra, dirigenza che tra sfighe e soprattutto decisioni pessime ha costretto Garnett a passare 8 anni a far vedere che superstar era in una squadra mediocre.
      E’ probabile che ina una squadra media love non farebbe questi numeri. Quindi perchè andare via? perchè solo un idiota starebbe a fare gran numeri in una squadra perdente.
      Garnett è stato un caso (sfortunato) diverso, ma nella sua diversità direi che è stato un esempio che nessuno seguirebbe. Nemmeno KG stesso se potesse tornare indietro.

  34. giangiotheglide

    che i blazers fossero una squadra pazza non è una novita.
    grandi nelle difficoltà,molto più piccoli quando le cose girano leggermente meglio…

    per me a voi fare i playoff o non farli cambia poco,sempre in queste condizioni.
    l’esperienza l’avevate già.
    ma questa squadra andrà analizzata al completo.
    con un roy in condizioni fisiche diverse,un oden recuperato e un wallace inserito allora si che potremo cominciare a capire qualcosa di questa squadra…

    tutto rimandato all’anno prossimo.
    poi capisco che ormai per voi tifosi blazers la paziena ha un limite,però non si può fare diversamente.
    questa squadra oggi ha troppi problemi per poter realmente puntare ad essere competitiva ad alti livelli.
    quindi è logico rimandare all’anno prossimo,anche perchè sulla carta e al completo questa è una contender fatta e finita…

  35. “comunque cp3 quest’anno mi ha sempre dato la sensazione di giocare con le marce…”

    “oggi controlla di più,ma non ha il supporting cast all’altezza per potersi permettere di controllare i match…”

    Per farsi dominare da Calderon ( dico, Calderon) adesso una scala le marce?

    Ma non erano i Lakers quelli che giostrano le marce in regular season? adesso pure CP3 si adegua eheheheh

    poi New Orleans ha un roster solido, David West ha cifre sontuose e Trevor Ariza è un ex campione NBA. Tra l’altro hanno appena fatto una trade ad personam ( criticatissima da Mark Cuban che ha parlato di palese conflitto di interessi vista la nuova proprietà degli Hornets……)

    Poi se ha compagni non all’altezza Paul e fa queste cifre, cosa dovrebbe dire Deron che ha smazzato 35 assist nelle ultime due partite e i cui compagni si chiamano Vujacic e Morrow……

  36. a proposito di play, un ovazione per jason kidd. 107 triple doppie in carriera. un mostro.

  37. A Ovest tutto torna in gioco. I Lakers ora fanno sul serio e non e’ da escludersi che vadano a prendersi il miglior record di RS. Spurs che perdono nel momento topico un pezzo dei Big Three e quindi rischiano di vanificare quanto di buono fatto finora. Vedremo Pop cosa si inventera’, io sinceramente la vedo molto brutta anche in ottica PO: il francese potrebbe arrivare acciaccato e rendere al 50-60%, mentre Manu e TD rischiano di doversi spremere per tenere il miglior record e avere qualche ricaduta pure loro.

    Onore a Dallas, che e’ tornata quella di inizio Regular pur senza Butler. Spero questo sia l’anno buono per loro, e che finalmente si tolgano qualche soddisfazione campioni come Kidd e Dirk, ma anche professionisti come Terry e Marion. Nonostante la decennale rivalita’, quest’anno dopo gli Spurs tifo decisamente per loro

    Howard se avesse ingranato qualche settimana prima sarebbe MVP delle lega a mani basse. Vedremo dove riuscira’ a portare Orlando; pero’ sono davvero felicissimo che abbia finalmente fatto quei tanto attesi progressi offensivi

  38. michele

    si parla di cp3,quindi perchè mettere in mezzo deron quando nessuno ha fatto un confronto fra i due?

    la realtà dice che il cp3 di quest’anno non è lo stesso cp3 del 2008 o del 2009,ovvero colui che era certamente il miglior playmaker della lega.
    già oggi avrei più dubbi.
    anzi,attualmente prima di lui metto certamente un rose,altro che un deron williams…

    comunque un eventuale movimento di howard continuo a ritenerlo solo leggermente inferiore a quello di un lebron,quindi il più importante movimento del dopo scelta di lebron stesso.
    se poi continua a migliorarsi così,allora beati coloro che avranno la possibilità di poterlo schierare nei prossimi 10 anni…

  39. big “o”

    ma va…

    più facile che i lakers arrivino quarti piuttosto che primi ad ovest.
    non scherziamo dai.
    l’unica squadra ad ovest che ha un piccolissima possibilità di raggiungere gli spurs,sono i mavs,ma non ci credo lo stesso…

  40. @alert
    Mi dispiace per Paul, avevo sentito che forse non stava benissimo, e anche l’anno scorso ebbe dei problemi, se non erro…
    Certo farsi dominare da Calderon…Io ieri non avrei scommesso un solo centesimo su questo!!!
    Possibile che la vittoria del Super Bowl abbia stravolto gli equilibri di quella città?
    Su Love vai contro la teoria di Bagatta, e questo non ti fa onore….:-)
    Anche Io sono convinto che con compagni più forti le sue medie si abbasserebbero, come è normale che sia…In più Bagatta insiste nel dire che Minnesota ha tanto talento e che sono giovani…ma il talento dove è??? Non hanno guardie, un centro che ancora non si sa se sia un giocatore…

  41. “lo stesso cp3 del 2008 o del 2009,ovvero colui che era certamente il miglior playmaker della lega.”

    “certamente”, come no…….

  42. @mircodiuboldo
    Ciao Mirco. Ho risposto al tuo quesito sui calendari Nba…Beh non solo noi abbiamo 2B2 in 5 giorni e in trasferta…E’ capitato anche ai Bulls, per esempio, e anche agli Spurs, mentre ai Celtics, stranamente….no….:-)

    • pardon se non ho riguardato nel post vecchio, quello sui blazers… chiedevo, era solo un dubbio, mi sembrava strana come cosa, però evidentemente è fattibile, poi che non ne abbiano i celtics, quel tuo tono mi fa sospettare che stai a’nfamà i miei biancoverdi… scherzo, ci sarà andata bene, sono proprio un bel casino i calendari nba… almeno quello! :-)

  43. Gallo

    Gli Spurs come ben sappiamo possono crollare da un giorno all’altro, io stesso non sono troppo fiducioso sul lorpo stato fisico. Possibilissmo che da qui alla fine ottengano un bilancio attorno al 50%. I mavs sono distanti da LA a malapena 2 partite, ossia nulla. GLi stessi Lakers dopo l’ASG hanno cambiato marcia. Francamente io non vedo impossibile un loro ritorno in vetta all’Ovest prima della fine della RS

  44. big “o”

    una squadra che fino ad oggi sta viaggiando in proiezione delle 65 vittorie,non può improvvisamente crollare solo perchè perde per una buona serie di partite un singolo giocatore,supper fondamentale…

    poi resto dell’idea che dei big three il meno importante oggi è proprio parker.
    ginobili lo considero il giocatore che trasforma più di tutti in positivo questa versione degli spurs.
    ripeto,lo vedo come il billups dei piston dei tempi d’oro.
    mentre duncan pur essendo scalato a terzo big,è certamente il più importante giocatore di questa squadra,considerando la povertà nel reparto lunghi che ha questa squadra…

    ieri criticavi i magic perchè non hanno fatto un tentativo per murphy.
    ma perchè gli spurs?
    avrebbe fatto così schifo a questa squadra avere un murphy in più?

  45. certo, cp3 era il miglior play al mondo nel 2009, lo stesso anno in cui billups lo fece salire sul pulmino portandolo a scuola nella serie denver-hornets.

    l’anno dopo deron contro gli stessi nuggets fece cinque partite di fila con almeno 20 punti e 10 assist ( record assoluto) e giocando senza okur e kirilenko.

    diciamo che è il tuo play preferito e facciamo prima. deron difende meglio e segna di più a parità di assist e visione di gioco . e in carriera ha ottenuto risultati migliori ( una finale e due semifinali di conference contro una sola semifinale), questi sono dati oggettivi, altro che “certamente”. poi può “certamente” piacere più paul che è un grandissimo giocatore, per carità.

  46. Big O, stai leggermente mettendo le mani avanti sui tuoi Spurs. Ma giusto leggermente eheheheheh.

  47. Pop potrebbe decidre di gestire ancor di piu’ la squadra e darla su, spaventato da altri infortuni. guarda i minutaggi con Memphis dopo tutto.. ripeto, io il loro 1 posto a Ovest non lo darei per scontato, assolutamente

    Murphy paradossalmente serviva meno ai Celtics (che avevano bisogno di un centro, non di un lungo perimetrale..) che a tante altre squadre, Magic e certo sPURS SU TUTTI, DATO L’AMORE DI pOP PER I lunghi tiratori. Il punto e’ che il sistema Spurs e’ complesso, e Pop se non ti allena per almeno qualche mese non ti schioda dalla panca. Un suo arrivo a questo punto della stagione sarebbe dunque stato troppo in ritardo

  48. 8 partite su 20 non le recuperiamo mai nella vita poi abbiamo un calendario difficile da domenica in poi, forse i Mavs possono farcela.

  49. Michele

    il fatto e’ che queste sono cose che dico da inizio anno. I Lakers sono da novembre e non hanno mai cessato di essere al 90% la squadra che si presentera’ in finale NBA per l’ovest

  50. murphy ai celtics serve perché è un ottimo rimbalzista e può far rifiatare un po’ garnett.

  51. michele

    non mi interessa quello che pensi…

    “diciamo che è il tuo play preferito e facciamo prima.”

    si ho il suo poster in camera…

    per me cp3 è stato il miglior playmaker nba nel biennio 2008-2009,poi certamente uno che preferisce deron a quel cp3 non è certamente pazzo.
    ma io tra i due mi prendo sempre cp3,problemi?

  52. Una cosa veramente inutile,
    ma chi volesse risolvere questo mio quesito…
    Ieri ha giocato per noi un certo Jarron Collins…sul sito della Nba non esiste nemmeno il collegamento, ma la sua pagina c’è…ma a parte questo,
    Sul sito di Portland, nella home, c’è una sua foto con canotta bianca, logico, ma con numero 9, non suo….
    Nell’articolo interno c’è una sua foto con canotta nera, non logico perché ieri abbiamo giocato in casa e lui non ha mai giocato con noi…a meno di una preseason che non conosco, e c’è scritto che indosserà il numero 31…
    Dove stanno gli errori? Possibile hanno fatto 2 fotomontaggi?
    Le sue ex squadre sono state Clippers e Phoenix e Utah, e non mi ricordo loro divise nere con bordi rossi….

    CHi ha voglia…

  53. poi vabbè scaramanzia…

    in questo blog sono abituato a vedere tifosi di certe squadre che si nascondono sempre…

    vedi i celtics dello scorso anno.
    per una volta dite le cose come stanno.
    se pensate che gli spurs non sono da titolo è inutile continuare a piangere un infortunio che terrà fermo parker dalle 2 alle 4 settimane.
    quindi tutto il tempo per recuperarlo al meglio in vista dei playoff,in più con una situazione di classifica abbastanza tranquilla…

    su murphy e gli spurs,ho sottolineato questo perchè ieri si criticava solo i magic…

    poi vabbè,i lakers sono a posto così,mentre altre squadre possono avere il diritto di continuare a rinforzarsi.
    d’altronde i celtics possono prendere un altro lungo di un certo livello,mentre i lakers devono restare così senza lamentarsi del proprio roster…

  54. nessun problema gallo, ognuno si prende chi gli pare. ho solo ricordato un po’ di dati oggettivi perché la memoria spesso latita in questo forum ( ad esempio il tuo grande amico dwaynewade2008 in passato aveva scritto che deron non era mai andato in finale di conference e cp3 sì quindi anche per questo paul era superiore) e io sono molto scrupoloso per queste cose.

  55. “vedi i celtics dello scorso anno.”

    boston l’anno scorso aveva problemi soprattutto fisici con garnett e pierce su tutti e anche ray era acciaccato ( tanto che si era parlato di una cessione ai wizards per butler) e perdeva un sacco di partite, tipo coi nets in casa. non era scaramanzia ma realismo, con i tuoi perni messi male fisicamente non si va da nessuna parte. l’infortunio di parker a me sembra una cazzata, in venti-venticinque giorni torna, altri 20 giorni per recuperare la piena condizione e per il 18 aprile è in forma smagliante.

    quanto ai rinforzi beh boston ha dato via cinque giocatori ( daniels che è rotto,perk, nate, erden, harangody) e ne ha presi solo tre ( green,krstic e adesso murophy), ci sono ancora due slot da riempire, non è certo uno sfizio, si riempiono dei buchi con i free agent che in futuro saranno riempiti dalle scelte prese da altre squadre per cedere quei giocatori.

  56. tra l’altro ricordo quando si paventava uno scambio ray allen – caron butler che certi tifosi lacustri ( tipo il mitico larrok) parlarono di rapina a mano armata di boston nel caso si realizzasse…..eheheheheheh

  57. si,ma un conto è dire che i celtics hanno problemi fisici che ostacoleranno il lor cammino,mentre diverso è dire che i celtics sono cotti,come furono definiti lo scorso anno dal 90% del blog…

    quanto ad oggi.
    hai garnett,green,krstic,davis,shaq non vedo tutta questa esigenza di prendere un altro lungo.
    poi ripeto,per me hanno fatto bene a prendere murphy.
    ma è un discorso che vale anche per i lakers se vogliono rinforzare la loro panchina.
    ma invece qui per molti i lakers non hanno il diritto di muoversi,mentre le altre si,compresa la finalista dello scorso anno…

    due pesi e due misure?

  58. Ora anche i bambini rompono. Love già detta le regole. Sono d’accordo con Michele sull’opportunità di giocare per la squadra invece di pensare al boxscore. Purtroppo questo è l’andazzo.

    Paul

    Fisicamente non sta benissimo. Il discorso delle marce non mi convince mentre ho la sensazione che le motivazioni conticchiano.
    Guardando il salary cap non sono messi benissimo con un rinnovo di West da perfezionare, il contrattone di Okafor che pesa come un macigno e le firme di almeno due guardie e di altri 3/4 giocatori. Se pensiamo che 42 mln garantiti sono per Paul, Okafor, Ariza, Jack e Pondexter non è che hanno molto spazio a disposizione. Se vogliono firmare West dovranno sborsare almeno di 9/10 mln quindi rimarrebbero le briciole per gli altri.
    Non vedo come Paul possa intravedere un futuro brillante in Louisiana. Il dispiacere è che questa squadra passerà velocemente da fare i PO a contender per il pick numero 1.

  59. Alert

    se scomparissero gli Hornets non farebbero un soldo di danno. La franchigia inutile per definizione: senza proprietario, senza tifosi, senza citta’ tra poco… andassero in Canada a Vancouver, oppure sparissero del tutto

  60. comunque sui lakers mi fa piacere pensare che oggi tutti sono ritornati a temere kobe e compagni dopo che fino a qualche settimana fa questa squadra era definita da molti sul viale del tramonto…

    ma un pò di equilibrio fa così schifo?

  61. Non ci provare con me Gallo: sempre detto che sono i favoriti numero 1 per il titolo, quindi non tirarmi in mezzo su un discorso del genere!

  62. ma infatti boston non prenderà altri lunghi: ci sono garnett, davis, krstic, murphy e i due o neil. con green che può giocare da 4.

    boston prenderà un back up per rondo o uno per ray/pierce ( tipo brewer) perchè west non da’ completo affidamento ( si è di nuovo infortunato). poi sono free agent che puntellano il roster, mica fenomeni eh!

    non so se ci sono due pesi e due misure: di sicuro per mesi ci sono stati discorsi, ad esempio sull’opportunità dell’arrivo di melo ai lakers, che davvero stancavano perchè erano oltretutto infondati ( melo si è offerto a cani e porci solo come strategia per alzare il prezzo e quei geni dei Knicks ci sono cascati in pieno).

  63. Hornets franchigia inutile, concordo. Questa della proprietà NBA è una barzelletta. Poi sono originari di Charlotte, ricordiamo. Sarebbe meglio si trasferissero a Seattle per rimediare alla vergogna dei Sonics derubati……

  64. michele

    ma almeno chi come me vuole dei lakers più competitivi,poi non pretende che le altre non si rinforzino.
    invece altri ragionano diversamente…

    big “o”

    non metto in mezzo te.
    però capisci che fino a qualche settimana fa mi dovevo trovare a discutere del perchè i lakers erano così poco convincenti.
    non bastava spiegare che anche l’anno scorso convinsero poco in r.s.,oppure che di solito le squadre di phil jackson ai lakers tendono a cambiare l’approccio a 360 gradi tra r.s. e playoff come nessun’altra squadra.
    oppure che dopo che hai vinto due titolo può essere normale prendere la r.s. ancor meno seriamente.
    non bastava nessuna giustificazione…

    invece oggi,dopo 5 vittorie consecutive,imporovvisamente tornano a far paura come nessun’altra squadra…

  65. big “o”

    comunque sugli spurs per te il discorso è diverso…

    se piangi per un infortunio di parker dopo che sei nettamente prima ad ovest e comunque hai tutto il tempo di recuperarlo al meglio per i playoff.
    allora vuol dire che anche te non credi a questa squadra per il discorso titolo…

    poi vabbè,per me il problema degli spurs attuali non è l’età,intesa come possibili problemi fisici.
    ma è proprio un problema di roster.
    per me non hanno un roster all’altezza del titolo…

  66. “He’s probably a little better at it than Kobe [Bryant] is, because Kobe ignores the offense,” Jackson said of Artest.

    Eh eh eh, iniziano i mind games dello Zen.

  67. Bobcats, Hornets, Kings (al momento), Memphis non hanno pubblico e appeal. Seattle sarebbe una bella destinazione anche per compensare il fattaccio. Però rimane lo scoglio Arena. La KEY arena non ha gli standard richiesti e quindi un approdo avverrebbe solo se la città ne costruisse uno nuovo. Vancouver è splendida ma vallo a dire agli americani. Loro sentono Canada e rabbrivisiscono. Sono stupidi perchè non sanno cosa si perdono. Poi ci mettiamo le tasse e l’ignoranza.

  68. Gallo

    Il problema numero 1 per gli Spurs e’ l’integrita’ fisica. La condicio sine qua non per lottare per l’anello e’ che tutti arrivino in primavera al 100%, dopo di che bisognera’ sperare che LA renda sotto il suo potenziale, per qualsivoglia motivo (appannameno fisico, calo di motivazioni, problemi di spogliatoio ecc.) Secondo me, tolti i Lakers poi gli SPurs, anche per motivi di accoppiamento, se la giocano con tutti piu’ o meno alla pari (ovviamente Boston ha qualcosina in piu’ di noi). Credo a San Antonio solo se si arriva ai PO al top, senno’ non c’e’ neanche mezza speranza di vincere l’ovest e eliminare i Lakers

  69. SU Seattle

    come dice Alert, inutile continuare a ricamare su quanto sia bella la citta’ e caldo il pubblico: finche’ non avranno un’arena adeguata agli standard, la NBA se la sognano. E direi che e’ anche giusto cosi, la LEga non puo’ andarci a perdere, soprattutto in questo momento delicato economicamente. Vancouver invece, anche da questo punto di vista, non dovrebbe avere problrmi, e inoltre i Grizzlies avevano avuto notevole successo, non ricordo a dire il vero perche’ li abbiano spostati e portati a Memphis (dove se li cagano poco o niente). Questioni politiche forse

  70. comunque oggi dopo che praticamente si è chiuso il mercato,discorso titolo per muà.
    lakers,celtics e heat…

    quindi non è cambiato niente.
    i mavs dimostrano di avere un talento all’altezza del titolo,ma non sarebbero i mavs se non fossero i mavs,quindi niente titolo…

    per bulls e thunder è ancora presto,ma daranno tanto fastidio,mentre per i magic è semplicemente troppo tardi.
    per gli spurs,continuo a ritenerli,roster alla mano,non all’altezza del titolo.
    da questo punto di vista sono sempre più convinto che le due texane andrebbero unite,ovvero il talento dei mavs e la mentalità degli spurs…

    i knicks ad est sono una squadra da evitare,ma questo non vuol dire che sono pronti per il titolo,anzi.
    poi vabbè se vogliamo considerarli tali,allora anch’io mi metto a considerare altre 10 squadre pronte per il titolo.
    ad esempio gli hornets se non vinceranno il titolo tutti a processare cp3 o monty williams.
    alla fine questa è la piega che sta prendendo il discorso knicks.
    la gente paragona questa squadra agli heat senza considerare che una deve vincere già oggi,mentre l’altra ha un altro progetto.
    però va bene,inutile continuare a parlare con il muro…

    comunque dicevo,discorso titolo che non cambia anche dopo questo mercato.
    l’unica cosa da sottolineare gli aggiustamenti in casa celtics.
    strano per una squadra che a mio avviso non andava modificata più di tanto.
    ma sapranno il fatto loro…

  71. boh..io l’unica cosa che ho detto dei Lakers è che han affrontato una regular season che, se fossi stato un tifoso, li avrei picchiati con un bastone..mosci, distratti e svogliati..

    per le partite di ieri sera ho visto tutta NOH-TOR ed un pò di NYK-ORL ottima prova corale di Toronto contro degli spenti Hornets..Andrea non avrà fatto li straordinari offensivi ma quando NO è rientrata dal -10 della fine del terzo quarto fino ad 1 possesso e Toronto si era incartata pesantemente in attacco –> 3 isolamenti e 3 canestri per il Mago..subito dopo altro isolamento, raddoppiato, assist per la tripla di Calderon e per finire azione successiva sfondo preso contro Landry-> +7 a 2:30 dalla fine..

    Billups invece mi ha stupito in positivo, non come qualità, perchè è un fuoriclasse e lo sappiamo tutti..ma per la voglia e la professionalità che ci mette nonostante l’abbiano tradato non proprio con il suo benestare..Melo invece per ora tende a rallentare troppo l’attacco del baffo.

  72. si,infatti,sui lakers da titolo o sul viale del tramonto discutevo da solo qualche settimana fa…eheh

    certo che comunque molti hanno la coda di paglia…

    basta andarsi a rileggere i commenti di quando i lakers perdevano ad esempio in casa contro i celtics.
    non ci vuole mica tanto…

  73. Gallo ogni tanto non si capisce se ci sei o ci fai. Se una squadra che ha vinto il titolo si rinforza, e gioca una stagione fino ad ora deludente, analizzi quelle che sono le sue prestazioni, ed i dubbi sono più che leciti. Han giocato da cane contro tutte le squadre con un record sopra il 50%, l’upgrade in panca non ha reso quanto doveva (chiaro che s’è rotto barnes), ci sono state un pò di dichiarazioncine che potevano far intuire un pò di tensioni interne.

    Detto questo insieme a Boston hanno il migior roster della lega, ma SE non cambiano marcia (troppo presto per dire che l’abbiano cambiata) rischiano di non arrivare in finale di conference. Oppure pensi che giocando così possano vincere il titolo? Non me ne frega un caz.zo delle previsioni sui p.o. Dopo che li avrò visti giocare 2-3 partite della prima serie esprimerò i miei giudizi..anche perchè la palla di vetro non ce l’ha nessuno..neanche te. Puoi sbrodolarti fin quando ti pare su Coach Zen, Artest e il fatto che possano vincere ovunque, ma come pjuò succedere tutto questo, perchè ne hanno ampiamente le possibilità, si può rompere uno tra Kobe e Gasol (spero che TUTTE le contender arrivino al TOP) e il cambio di marcia te lo metti su per il sottocoda.

  74. valenba

    “Gallo ogni tanto non si capisce se ci sei o ci fai.”

    curioso,pensavo la stessa cosa su di te dopo aver letto quest’ultimo commento…

    cosa hai risolto dopo questo commento?
    niente,assolutamente niente…

    forse i lakers,regular season o non regular season,hanno il diritto per quanto dimostrato gli ultimi anni di avere più credibilità di altre squadre?

    quindi inutile continuare a giudicare le prospettive di una squadra basandosi solo sulle gare attuali.
    altrimenti consideriamo ogni squadra che ha una striscia positiva una squadra da titolo e ogni squadra che ha una striscia negativa non da titolo…

    forse per me ha più significato quanto certe squadre hanno saputo dimostrare recentemente quando conta piuttosto che un rendimento di una regular season?

    certi discorsi evitali.
    se poi hai la coda di paglia sono problemi tuoi,non miei,visto che io non ti ho manco nominato…

  75. “Han giocato da cane contro tutte le squadre con un record sopra il 50%”

    come no…

    con i celtics sono 1-1,idem con i bulls,con i thunder sono 2-0.
    0-1 con gli heat,0-1 con i mavs,ma con quest’ultimi ancora devono giocare le gare allo staples.
    0-2 con gli spurs,con una gara persa all’ultimo secondo…

    con gli hornets sono 3-0,con i grizzlies 2-2,con i knicks 2-0,con i nuggets 2-0,con i magic 0-1,con gli hawks 1-0,con i sixers 2-0…

    hanno un record 43-19,gli basta chiudere in 14-6 per ripetere lo stesso record dello scorso anno.
    anno in cui dovrebbero aver vinto il titolo…

    quindi non capisco i motivi per il quale si debba discutere sulle reali possibilità da titolo di una squadra che ha vinto gli ultimi due anelli e tutto sommato pur disputando una regular season da 6 ,viaggia sempre oltre le 55 vittorie…

    se loro non possono avere una certa credibilità allora chi può averla oggi come oggi?

    poi ripeto,troppo facile ritenerli finiti o quasi quando le cose vanno male per poi ritenerli di nuovo i più forti quando le cose vanno bene…

    “Dopo che li avrò visti giocare 2-3 partite della prima serie esprimerò i miei giudizi..anche perchè la palla di vetro non ce l’ha nessuno..neanche te. Puoi sbrodolarti fin quando ti pare su Coach Zen, Artest e il fatto che possano vincere ovunque, ma come pjuò succedere tutto questo, perchè ne hanno ampiamente le possibilità, si può rompere uno tra Kobe e Gasol (spero che TUTTE le contender arrivino al TOP) e il cambio di marcia te lo metti su per il sottocoda.”

    ma che discorsi sono?
    qui non si tratta di prevedere il futuro,ma si tratta semplicemente di credibilità.
    una squadra come i lakers non può all’improvviso perdere una credibilità costruita in 3 anni solo perchè a 3/4 di r.s. non si trova in cima all’ovest.
    lo capisci?

  76. Se ti scrivo che insieme a Boston hanno il miglior roster della lega secondo te cosa vorrà mai dire? Se giocheranno al 100% in finale ci andranno Lakers e Celtics.
    Il mio commento è rivolto al fatto che ti autocelebri sempre e cmq anche quando non c’è un cazzo da autocelebrare..nessuno ha mai messo in dubbio che i Lakers per qualità di roster ed esperienza non siano la squadra da battere..è stata messa in dubbio la qualità di gioco espressa fino a quel momento. Semplicemente vengono analizzati i vari momenti di più o meno forma di tutte le squadre. Se fai i discorsi in ottica futura le cose sono 2..o prevedi il futuro (allora gioca al Superenalotto invece di scrivere sui forum) oppure ti ostini a fare delle valutazioni sempre e cmq astratte dal contesto. Non ci si deve far influenzare dalle strisce positive o dalle strisce negative, e su questo siam d’accordo..però si fa per parlare un pò e tirà du cazzate..sai che palle dire sempre la stessa cosa..
    La mia domanda allora è..ma che la guardi a fare la regular season?

  77. Ma scusa allora vuoi dire che a prescindere da quello che succederà i Lakers sono favoriti al titolo?

  78. scusa,ma te sei completamente suonato…

    qui non è questione di autocelebrarsi.
    perchè non sono “furbi” quelli che anche dopo questa r.s. considerano ancora i lakers come i favoriti,ma piuttosto sono “fessi”quelli che dopo questa regular season li hanno considerati sul viale del tramonto.
    invece di fare l’avvocato del diavolo,vatti a rileggere alcuni commenti di qualche settimana fa,poi vediamo se molti avevano solo dubbi oppure sui lakers pronosticavano prospettive ben peggiori…

    “La mia domanda allora è..ma che la guardi a fare la regular season?”

    la r.s. ha un importanza relativa,soprattutto per quelle squadre come i lakers che non hanno più nulla da dimostrare per avere poi una certa credibilità.
    qui purtroppo si passa dal considerare gli heat a fine novembre come una squadra che faticherà a superare il primo turno playoff per poi passare a considerarli una squadra quasi imbattibile a metà gennaio…

    si passa dal considerare gli spurs come una squadra cotta a inizio regular season per poi considerarli una contender qualche mese dopo.
    ma mi chiedo:
    come si può cambiare completamente opinione quando il roster di quella squadra è completamente lo stesso?
    se erano cotti e vechi prima come fanno poi ad essere improvvisamente una contender?

  79. Non sono d’accordo con chi reputa gli Spurs con un roster inferiore alle corazzate. Nei PO salvo stravolgimenti si gioca in 7/8 e non vedo tanta debolezza nei texani. Poi la storia abusata che i Mavs sono i Mavs per cui in un modo o nell’altro capitoleranno!!!! Sono discorsi che sanno di aria fritta.

    Ogni anno fa storia a se; i Mavs hanno Chandler che gli da una dimensione in area che ai texani era sconosciuta, Haywood non mi fa impazzire ma 15 minuti li può dare senza combinare casini, Kidd sembra in salute, Peja lo devi considerare e il duo Dirk/Jason viaggia che una bellezza. Se arriveranno sani lotteranno come belve e li vedo molto più pronti rispetto al recente passato. Proporre il duo Chandler/Haywood da più garanzie, ed è ben altra cosa rispetto ad un Dampier come centro titolare. Per cui il grosso limite dei Mavs nella frontline non è sparito ma si è attenuato, e il vantaggio dei Lakers non è così tale. Il discorso testa non regge: se sai di avere il roster adeguato te la giochi.

    Spurs
    Spurs sono un’incognita nel senso che tutti sono curiosi di vedere cosa farà il buon TD e la panca. Per come la vedo io il problema non si pone perchè Hill ha già dato garanzie, Neal non è un bambino, Blair è basso ma sa il fatto suo mentre il trio non lo cito nemmeno. Richardson è un’incognita ma credo che peggio dello scorso anno non possa giocare. Splitter, Bonner e compagnia devono dare minuti di qualità ma non aspettiamoci 20 minuti a testa. Avendo il fattore campo saranno gli altri a dover espugnare l’alamo e non credo sarà impresa facile. Peraltro si stanno gestendo alla grande con minutaggi ridicoli considerato il loro record.

    Thunder
    Brutta bestia. Se Perkins/Mohammed daranno il loro contributo sotto le plance saranno dolori. Questi corrono, hanno talento, hanno un Robinson capace di tutto con l’unica incognita del terzo violino, una volta ad appannaggio di Green. Però ditemi chi li può sottovalutare. Se fino alla trade non avevano nulla o quasi sotto canestro ora hanno perlomeno gente fisica che difende e che può darti dei punti. Perchè passare da Krstic a Perkins c’è una bella differenza. Unica incognita e vedere quanto Perk riuscirà a rendere in un sistema difensivo diverso. Però sarà sempre meglio di Nenad.

    Lakers
    Sono favoriti ma non possono scherzare col fuoco. Salvo stravolgimenti non arriveranno primi nella conference per cui dovranno fare più viaggi del previsto. Se girano son dolori. Per me l’incognita rimane Fisher + la panca escluso Lamar mentre i soliti noti daranno il loro senza problemi. Favoriti numero uno.

    MIAMI

    Perchè gli Heat devono per forza vincere quest’anno? Loro punteranno a vincerlo nei prossimi 2/3 anni. Lo sanno perfettamente che con quel roster faranno fatica. Poi certo il trio fa spavento ma non può bastare senza supporting cast. Molte delle loro fortune passerà da quanto farà Bibby e Haslem vero ago della bilancia. Con lui gli Heat avrebbero 4 bocche da fuoco nei finali.

    Bulls-Magic
    Sono incognite belle e buone. Ai Magic partire in seconda fascia li farà bene. Meno pressioni e tutto da guadagnare. Bulls ad una guardia dall’essere da titolo. Come i Thunder brutta bestia.

    Celtics
    Hanno stravolto un pò il roster con l’acquisizione di Greene Murphy. Non ghanno molto tempo per organizzarsi ma a loro l’imperativo e recuperare gli infortunati. Se fossero in salute sono i favoriti alla Finale NBA.

  80. Big “O”

    tranquillo, a memphis classica sconfitta senza quasi lottare degli spurs, che ogni tanto si prendono una partita di pausa, con pochissimo minutaggio dei big per poi, ne sono sicuro, ricominciare a giocare e vincere.
    L’assenza di Parker non farà perdere assolutamente il primo posto ad ovest!!!! E poi torneranno presto le sue scorribande! ;-)

    Infine, da simpatizzante lakers, ti dico che io VOGLIO gli Spurs sani, in palla e soprattutto col miglior record in NBA, perchè visto che per noi ormai prenderli è un miraggio, tanto vale che abbiano il vantaggio campo anche contro Miami in una possibile finale, dove tiferei SENZA ALCUN DUBBIO PER I TUOI!!! certo, spero ci vadano i lakers in finale, ma dovessero passare gli spurs tiferei senza dubbio per loro e soprattutto contro LeBron.

    Prima dello scambio perkins mi fidavo di più di Boston come anti-Heat, ora sono un po’ più scettico.
    Se prima davo ai verdi un 40% di possibilità, ora gli do un 30% scarso, fattore campo o meno.

  81. “Ma scusa allora vuoi dire che a prescindere da quello che succederà i Lakers sono favoriti al titolo?”

    ma fai a finta di non capire?

    perchè una squadra che ad inizio anno era considerata la netta favorita ad ovest poi solo perchè viaggia su un record comunque in proiezione delle 55 vittorie deve perdere tutta la credibilità?
    perchè di questo si tratta, quando poi dopo alcune sconfitte si ritiene i gialloviola come una squadra se non finita,quasi…

    massimo puoi avere più dubbi,ma non puoi considerarli sul viale del tramonto…

    poi i discorsi favoriti al titolo li puoi fare con qualcun’altro.
    perchè io non ho mai avuto una favorita assoluta per il titolo.
    massimo posso preferire leggermente i lakers ai celtics o viceversa,ma parlare di favorita assoluta è un altro discorso…

  82. valenba

    Bargnani

    Ho visto la gara ed effettivamente l’impatto di Andrea è stato determinante per la vittoria favorita anche dalla serata ottima di Calderon e soci. Quei 4 possessi sono stati perfetti. Insomma il ragazzo sta facendo passi in avanti anche nell’essere determinate quanto conta. Ora non vedo l’ora di gustarmelo dalle tribune sabato. Sono fortunato perchè potrò anche ammirare Deron Williams.

  83. non è una questione numerica il problema del roster degli spurs.
    ma è una questione che dietro sono una squadra da titolo,sottocanestro no…

    con il solo duncan paghi caro il confronto con i lunghi gialloviola o quelli celtics in una serie.
    discorso che può valera anche per gli heat.
    infatti questo è il motivo per cui io non li considero i favoriti numeri 1 al titolo.
    ma restano l’unica alternativa a celtics e lakers,semplicemente perchè loro dietro hanno pur sempre wade e lebron,due mostri assoluti…

    sui mavs.
    ripeto anche gli anni scorsi non erano da titolo,questo più per mentalità che per reale mancanza di talento.
    hanno un chandler in più,ma non è che gli anni scorsi senza chandler avessero sfiorato il titolo.
    davvero il solo chandler vale tutta questa differenza tra un primo turno nba e il vincere un titolo?

    ripeto,per me vale sempre il solito discorso.
    al 99,9% il titolo di quest’anno lo vincerà una tra lakers,celtics e heat.
    ognuno ha le sue convinzioni,questo sono le mie.
    al campionato l’ardua sentenza…

  84. sui lakers: mantengo la mia opinione e continuo a dire che sono agli sgoccioli…possono vincere quest’anno (se ci riescono) ma la pacchia è finita.
    su seattle: da tifoso sonics spero che fin quando ci sia stern al comando della lega rimarremo una città senza squadra. dopo tutto lo schifo che ha fatto il commissioner la città di seattle non deve portargli in tasca nemmeno un centesimo…quindi anche se soffro della mancanza del mio team tuttavia mi va bene così. che trovi altri mezzi di guadagno, il “buon” stern, noi gli abbiamo giurato guerra, anzi spero che economicamente la lega vada sempre peggio e che stern sia fatto fuori. la storia degli hornets ha del ridicolo poi: la lega si sbatte per salvare una franchigia dal mercato molto piccolo, ma 2 anni fa ELIMINA il decimo mercato degli stati uniti (il primo dopo le grandi aree metropolitane tra l’altro). INCONCEPIBILE ed ASSURDO. e non credete alla storiella dell’arena, dato che a tutt’oggi la KEY viene utilizzata per ogni evento sportivo (le seattle storm ancora ci giocano!) ed è uno dei palazzetti più funzionali dell’intera NBA (tra la KEY e l’arena di OKC non c’è confronto, ma bennett della sua non si lamenta, nè pretende che se ne costruisca una nuova!!!! veramente il colmo.)
    su paul: che stia pensando già ai knicks??? ok la forma fisica, ma cp3 pare svuotato a livello di motivazioni, almeno questo è quello che percepisco io.
    sui knicks: io non sono un nuovo tifoso knicks, ma ho sempre dichiarato, fin dalle prime volte che ho scritto su questo forum, che è stata la squadra per la quale simpatizzavo dopo il mio tifo sonics. e risale a tanto tempo fa, ai tempi di ewing, starks, oakley, jackson e compagnia bella ed in seguito al fantastico trio houston-sprewell-johnson con ewing agli sgoccioli della sua avventura arancioblu (tra l’altro poi passò a seattle!). logico che con la scomparsa dei gialloverdi mi sia concentrato su di loro che ora mi stanno a cuore come se fosse seattle, anche se in ricordo dei vecchi tempi non sono indifferente a durant e tiferò per lui e simpatizzerò sempre per la squadra dove giocherà fino al suo ritiro (ora i thunder ma in futuro secondo me sarà qualche altra squadra!!!!). Detto questo come parentesi (dovuta al fatto che si dice che ora i tifosi knicks spuntano come funghi ma non è il mio caso!!) ho visto stanotte la partita contro i magic: sarebbe bastato avere percentuali leggermente migliori e la si portava a casa (36% contro 52% è un divario troppo ampio) oppure avere un panchinaro più efficiente (questa la vera differenza tra new york ed orlando!). perdere di soli 6 punti con una panchina da appena 25 punti con 5 uomini mi sembra cmq qualcosa da cui partire per costruire. quoto il discorso di gallo: heat devono vincere subito, new york ha un progetto (e resta da prendere solo paul per completarlo) e i risultati si dovranno valutare sul lungo periodo, a partire da quando i “veri” big three potranno giocare assieme. onde evitare disguidi dico che considero billups un campionissimo, un fenomeno….se avesse 27 anni io vorrei lui invece di un altro play ed il progetto sarebbe di primo’ordine, ma purtroppo va per i 35 anni e quindi bisogna pensare anche che magari tra un anno il suo posto potrebbe essere preso da qualcun’altro………e non mi ripeto sul nome. solo in quel momento cmq si potranno giudicare i knicks. e cmq al momento le squadre futuribili sono 3: thunder, heat e knicks (ovvio che sono legati ancora all’acquisto della terza stella ma già da ora con un miglioramento di 2-3 uomini dalla panchina possono ambire a grandi traguardi).

  85. Direi che in questa regular season i Lakers stanno facendo i lakers da… regular season.
    Era in qualche modo già programmata una partenza non a razzo, almeno fino all’all star game (vuoi perchè fino a dicembre Bynum era out e Kobe veniva da un intervento al ginocchio).

    Il vero problema dello staff lakers è stato vedere questi spurs, così in alto in maniera imprevedibile, altrimenti era una gestione di r.s. (almeno ad ovest) più che perfetta.

    Ora pare vogliano almeno il secondo posto per poi provare ad andarsi a giocare l’ovest nel campo di duncan. Certo, sconfitte come quelle di cleveland si potevano evitare…ma per quanto paradossale possa sembrare, per Jackson quelle sono partite su cui può lavorare in vista dei playoff e già questa striscia di 5W dice molto di come mentalmente questa squadra si gestisce.

    Non si è voluto toccare il roster, e alla fine lo ritengo saggio. E’ l’ultimo anno di jackson, ha voluto intatta la squadra che ha allenato sin’ora, che gli ha dato 3 finali consecutive e non voleva perdere tempo con nuovi da inserire nella triangolo (un po’ il discorso di Pop negli spurs e del suo sistema indigesto da insegnare in pochi mesi prima dei playoff).

    Speriamo poi che Barnes torni presto e poi vinca il migliore (credo proprio gli heat….).

  86. fabio r

    io non sono preoccupato del fattore campo ad ovest…

    per due motivi:

    1)i lakers al completo ad ovest per me vincono fattore campo o non fattore campo…

    2)in più non è detto che per arrivare alle finals devi per forza incontrare gli spurs.
    perchè bisognerà vedere se riusciranno ad eliminare i thunder.
    questo ovviamente se i lakers dovessero arrivare secondi,cosa alla portata di kobe e compagni,visto che contro i mavs ancora si devono giocare impotanti scontri diretti…

    detto questo,ovviamente meglio giocare sempre col fattore campo a favore.
    soprattutto perchè risparmi parecchie energie.
    poi ripeto,se sei certamente la più forte,come i lakers lo sono ad ovest,non puoi preoccuparti di incontrare gli spurs o i mavs col fattore campo a sfavore…

    basta vedere i celtics lo scorso anno.
    certamente superiori a cavs e magic,difatti hanno vinto due serie col fattore campo contro.
    poi in finale hanno incontrato una squadra dello stesso livello e difatti hanno perso all’ultimo proprio per colpa in parte del fattore campo.
    ma infatti il vero problema del record attuale dei lakers a mio avviso è quello di essere dietro a celtics e heat,non a spurs e mavs…

  87. Qualcuno mi può spiegare perchè gli Heat devono vincerlo quest’anno e non l’anno prossimo o tra due anni?
    Quest’anno ci sono due corazzate Lakers e Celtics che sono imbottite di 30enni e oltre nei ruoli chiave mentre loro sono senza roster. Avranno modo di migliorarlo questa estate sfruttando il fattore freschezza a loro vantaggio e un anno di convivenza in più. I rivali salvo stravolgimenti saranno più vecchi con un presumibile calo del rendimento. I Bulls e i Knicks potrebbero salire di colpi mentre ad ovest Lakers, Spurs e Mavs sono nelle medesima situazione. Chi potrà emergere saranno i Thunder. Quindi per quanto possa essere assurdo vedo più difficile per loro vincerlo quest’anno che nel prossimo.

  88. Brevissimo intervento per dire una cosa: Fabio R ma quanto gufi contro gli Heat?????????

    Sei l’unico che leggo del blog che ha tutta sta paura degli Heat, mi chiedo non è che la tua è una finta paura che cerchi di mascherare con una serie di gufate continue?! No perchè ogni persona con un minimo di ragione sa che gli Heat non valgono Boston, faticheranno con squadre come Chicago, Orlando, e magari pure NY, per non parlare dell’ovest, dove i Lakers, i Mavs e gli Spurs hanno roster ben migliori…Non discuto il fatto che devono essere considerati una contender, ma con 3 giocatori e per quello che hanno fatto vedere, soprattutto contro Boston, per me quest’anno il titolo lo vedono con il binocolo! Mi sembra che te invece li dipingi come quelli che non sono, alias quasi come i “favoriti” della eastern conference…Mi chiedo perchè?

    Poi se sono le tue opinioni personali mi scuso, però ti giuro leggo i tuoi commenti e mi sembra di leggere gufate! Te lo dice uno che ha gufato contro l’Inter per anni: porta solo guai ;)

  89. @ alert
    beh…dopo che unisci james-wade-bosh non vedo come non fai a puntare al titolo…..i celtics fecero la stessa cosa qualche anno fa e i risultati si sono visti…anzi gli heat hanno anche un altro pro: sono moooooooolto più giovani. quindi logico che l’obiettivo deve essere il titolo. certo se non vincono in questa stagione non si potrà dire che sia un fallimento ma certamente poi non potranno sbagliare nel 2011/2012!!!!!
    mi correggo sulle squadre del futuro: oltre ad heat-knicks-thunder avevo scordato i bulls. poi logico che le varie campagne acquisti potranno stravolgere le gerarchie ma al momento la lega dovrà passare necessariamente dalle imprese di queste 4. curioso come ora lo squilibrio sia a favore dell’est!

    • I Celtics avevano un trio non giovanissimo ma che si integrava a pennello. Avevano un giovane play, l’esperienza del duo Cassell/P.J Brown, Perkins, Powe e Big Baby quindi tutto sommato un eccellente gruppo. I punti deboli non erano tali da soccombere. In fin dei conti preoccupava più l’apporto di Rondo che altro. Rondo che dimostrò il suo valore.
      Gli Heat hanno due fuoriclasse e mezzo, Haslem e il nulla. Bibby gli darà una mano, Dampier, Ilga, James, Anthony non mi sembrano così determinanti con l’incognita Miller che è tale al punto che lo volevano mettere sul mercato. Se i Celtics avevano qualche incognita ma in generale erano più completi questo non lo si può dire per gli Heat senza centri, con il ruolo di play da affidare al duo Bibby/Chalmers con James pronto a sotituirli e Bosh che dovrà rendersi utile in difesa. Insomma di grattacapi ne hanno.

  90. opinione personale…

    una squadra che ha due dei primi tre giocatori del mondo deve puntare a vincere il titolo fin da subito…

    poi sarà ingiusto processarli se non dovessero riuscire a vincere già quest’anno,ma questo è un altro discorso…

    poi vabbè,ogni persona con un pò di cervello capirebbe che sulla carta lakers e celtics sono le due squadre più forti.
    ma soprattutto in america questo discorso non vale,visto che dopo la decisione di lebron hanno cominciato a parlare di squadrone imbattibile fin da subito…

    è il solito discorso di aspettative.
    per me possono vincere ma non sono i favoriti.
    quindi inutile processarli in caso di fallimento.
    altri invece li considerano i favoriti numeri 1,quindi se non dovessero vincere già quest’anno certamente agiranno diversamente nei loro confronti…

    sui knicks il discorso è un altro.
    questi non sono stati assolutamente costruiti per vincere il titolo già quest’anno.
    quindi è inutile continuare a paragonarli alle vere favorite…

  91. GALLO

    Non sono d’accordo quando dici che gli Heat devono vincere quest’anno! Specifico: sono d’accordissimo quando dici che i Knicks sono un progetto per il futuro e che quest’anno hanno il ruolo di mina vagante e non di contender, anche per il fatto che è una squadra che si è formata dopo l’all star game e non in estate! Ti quoto, hai perfettamente ragione sul punto…

    Però sono meno d’accordo quando parli degli Heat: nel senso, quando metti insieme James, Wade e Bosh è ovvio che lo fai per vincere e lo fai per vincere asap, cosi come è vero che Riley ha fatto (più o meno) tutto il necessario per prendere il miglior supporting cast possibile con quello che era rimasto, tra free agent e soldi disponibili…Però non sono d’accordo se mi dici che gli Heat devono vincere subito: ok, hanno l’obbligo, e sottolineo l’obbligo, di arrivare come minimo in finale di conference (e sai che io da Giugno dico che se questi incontrano Chicago, se la vedono brutta), ma non di vincere il titolo, non quando per lo meno, ci sono almeno 3-5 squadre migliori di loro! Certo, quando hai 3 stelle del genere devono provarci e possono anche riuscirci, ma io personalmente non vedrei una loro sconfitta cosi improbabile, ne tantomeno cosi scandalosa

    E soprattutto attenzione: perchè non c’è miglior progetto futuro che quello degli Heat!!! Hanno quei 3 che giocheranno insieme per anni, qualsiasi beota che deve scegliere in quale squadra andare a giocare per prima sceglierà, negli anni a venire intendo, gli Heat…Finchè non verrà a crearsi una situazione in cui avranno finalmente un roster equilibrato e completo pure loro, e allora…Allora si che saranno dolori, ma non adesso, adesso per me non sono assolutamente i favoriti, anzi…In ottica futura io giocatore di nba guardo a una squadra su tutte: agli Heat, poi ai Bulls, poi ai Thunder e poi ai Knicks! Non dimentichiamoci che il trio di Boston non reggerà ancora a lungo (purtroppo), stessa cosa dicasi dei Lakers!

    Poi nulla è già scritto, perchè mentre i Thunder ora come ora, per quanto mi riguarda, in ottica futura non hanno una rivale designata (anche se i Lakers si sa, non restano fuori dai vertici per più di qualche annetto)…Discorso diverso bisogna fare per gli Heat che in futuro dovranno scontrarsi con i Bulls e con i Knicks che sono altri progetti basati sul futuro e che non sono distanti da essere vere e proprie contender! Piccola postilla, la squadra che personalmente temo di più per il futuro, da tifoso Knicks, sono chiaramente gli Heat, ma Chicago è pressochè allo stesso livello, perchè gli manca un niente per essere perfetti, e hanno un roster equilibrato e un gioco di squadra che al momento, sia Heat che Knicks si sognano

    • Gallo, ma che sei veggente?????????? :D

      Mi hai risposto ancor prima che ti facessi la domanda: ahahahahahaahah a posto cosi, sorry

      • Parentesi, ti quoto quando dici “per me possono vincere ma non sono i favoriti. quindi inutile processarli in caso di fallimento. altri invece li considerano i favoriti numeri 1,quindi se non dovessero vincere già quest’anno certamente agiranno diversamente nei loro confronti”

        Vabbè, si sa già da “the decision” che se gli Heat non vincono 10 titoli nei 10 anni che vengono saranno iper criticati, iper insultati, per il solo fatto di aver LeBron in squadra…Vero Fabio r?!?!?!?! :)

        Specifico un’altra cosa: questi Lakers sono stati costruiti nel corso di diversi anni, i Celtics invece vinsero al primo anno ma il fatto di essere più vecchi di quanto non siano questi Heat non fu uno svantaggio ma un vantaggio!!! Inoltre, per quanto non in modo relativo, per me già allora i Celtics avevano un roster più equilibrato di quello che non hanno oggi gli Heat, e non avevano rivali “sulla carta” cosi impegnative e superiori come sono Boston, Lakers e Mavs per gli Heat al momento! Con questo non sto sminuendo il titolo vinto da Boston, anzi, ma sto semplicemente dicendo che Boston non si trovò rivali ai playoff con rivali che partivano favoriti rispetto a loro, come oggi si ritrovano gli Heat…Spero di essermi spiegato

        Ultima cosa e chiudo: dicevo che in ottica futura le squadre da guardare sono Heat, Bulls, e Thunder…Boston perderà tanto ma potrà ripartire comunque da Rondo e Green giusto per fare due nomi, e di certo non verrà snobbata dai free agent…Altrettanto, anche se ritengo in maniera superiore, saranno i Lakers del dopo Kobe! Per me ci sarà la fila per andare a giocare a LA, quindi non credo resteranno fuori dai vertici per più di due o tre anni…Se poi nel 2012 prendono Howard, cosa che io ritengo assai possibile, allora i Lakers del dopo Kobe non resteranno per niente fuori dai vertici ;)

  92. @gallo
    leggendo i tuoi commenti sopra ho visto che “accusavi” certi membri del forum di continuare a cambiare idea…io ti quoto ma secondo me questo viene da una mentalità diffusa in noi italiani di stampo “calcistico”..cioè vinci 5 partite consecutive e sei “da scudetto” poi ne perdi 5 e diventi scarso…credo che molta gente usi questo metro di giudizio(compresi certi giornalisti) senza contare che la RS NBA è formata da 82 partite da valutare, di certi momenti(es partite in trasferta consecutive) di partite consecutive giocate ,di “risparmio” in vista playoff ecc che molti italiani improntati in una visione calcistica faticano a comprendere…mi sembra un problema culturale..quotandoti su tutto quello che riguarda i lakers…attendo la tua risposta!

  93. “The Sonics were stolen from Seattle — literally, STOLEN, and if you don’t believe me, watch this movie — by Clay Bennett and Aubrey McClendon as David Stern watched it happen for reasons that still don’t make sense.”

    Bill Simmons, ESPN.com

    questa frase dice tutto e se qualcuno ha visto il film “sonicsgate” non potrà che confermare.

    quello della key arena è un alibi clamoroso, di quelli che berlusconi da’ in pasto al popolo bue che si beve tutto per giustificare le sue leggi ad personam. ci sono tuttora nella lega arene ben più vetuste della key ( che fu ristrutturata nel 1995 e inaugurata davanti a un david stern entusiasta). ad esempio il palace di detroit, la amway arena di orlando o la conseco di indianapolis, non è certo questo il punto.

    la verità è che i sonics furono rilevati nel 2006 da un owner di Oklahoma city il cui obiettivo è sempre stato quello di portare la franchigia nella sua città. e stern gli ha sempre dato corda, dato che tra i due c’erano anche interessi inconfessabili e diversi business in comune, svelati in una serie di email tra i due. stern ancora nel 2007 diceva che i sonics non si sarebbero spostati da seattle e nel frattempo tramite email complottava con il proprietario lo spostamento della franchigia.

    Ray Allen stesso ha più volte dichiarato che quanto successo ai Sonics è stato uno schifo.

  94. ma è arrivata l’ufficialità dell’arrivo di bibby agli heat?

    se fosse così,allora hanno fatto un bel colpo…

    bibby-wade-lebron-bosh-?

    per 4/5 ci siamo,dall’uno al quattro sono i più forti assieme ai celtics,peccato che il quinto chi mettono mettono non è all’altezza.
    però bibby-wade-lebron-bosh è tanta roba…

  95. doff

    hai ragione.
    però fortunatamente non sono tutti così.
    io prima ho detto che qui per molti il vento cambia troppo facilmente.
    poi vabbè,big “o” e valenba hanno risposta in prima persona come se mi riferissi a loro.
    ripeto,basta andarsi a rilleggere i commenti di qualche settimana fa,poi dire che siano stati onestamente non ricordo…

    ma questo per quanto riguarda i lakers.
    sugli spurs a mio avviso è ancora peggio…

  96. giulio

    il tuo discorso heat di oggi e celtics 2008 è assolutamente perfetto…

    sui big three dei celtics hai ragione,più vecchi,quindi più disposti a fare dei sacrifici per vincere,più esperti e più equilibrati…

    ma soprattutto oggi avversari molto più forti rispetto al 2008…

  97. comunque su una cosa gallo bird ha ragione.

    sui lakers ci sono troppi commenti divergenti a seconda del tabellino. perdono contro san antonio per un tap in all’ultimo secondo ed è crisi, vincono a OKC coi thunder che sbagliano due volte la conclusione per l’overtime e sono tornati i grandi lakers…..

    io ho sempre mantenuto la stessa opinione. al completo, se quindi continuano a non avere infortuni negli uomini chiave. sono i favoriti per l’ovest, anche con un terzo posto in griglia playoff ( anche se questo renderebbe certamente più complicato il loro cammino e quindi spero mantegano questa posizione, ma hanno tutti i mezzi per farcela lo stesso).

  98. “al completo, se quindi continuano a non avere infortuni negli uomini chiave, sono i favoriti per l’ovest,…”

    ho messo qui la virgola al posto del punto, prima non si capiva.

  99. michele

    “io ho sempre mantenuto la stessa opinione.”

    beh,te sei quello che “ride” se si parla di lakers da r.s. con le marce.
    quindi un pò incoerente lo sei…eheh

  100. “comunque su una cosa gallo bird ha ragione.”

    precisiamo una cosa,io ho sempre ragione…eheh

  101. io ho sempre parlato di preparazione atletica. è evidente che la vostra impostazione è quella di arrivare al top a maggio, quindi alti e bassi adesso sono fisiologici.

    Ovvio che rido quando si parla di marce. Perché quando arriva una serie di sconfitte ( come quella di orlando, charlotte e cleveland) subito il tifoso medio lacustre parla di arresto volontario, di pause mentali, di marce scalate, di mancanza di stimoli in rs etc etc. Dopo che nelle precedenti partite, con vittorie a boston e NY, c’era stato il coro del “si sta tornando a scaldare il motore ” eheheheeh, ma questo è solo un esempio eh!

  102. Michele

    Tienimi fuori,non ti ho cercato.
    Poi per tutta risposta,quell’anno CP3 vero che non arrivò in finale di conference,ma fece comunque cose mirabolanti.
    Per quanto riguarda il tuo confronto tra le due point guard,visto che nessuno ha risposto alla tua sommaria e,permettimi,un pò fanciullesca visione di un confronto giocatore e giocatore,mi permetto di farlo io.
    Prima di tutto,consideriamo il CP3 degli ultimi due anni un giocatore circa al 50 % dal punto di vista fisico (e sono largo).
    Con un roster di gran lunga (a mio parere) più scadente,per buona parte di stagione stava avanti,facendo girare la squadra in maniera pazzesca,pur dando un minore numero di assistenze.
    Vorrei sottolineare che,nei compiti del playmaker,dare un assist è importante,ma non certo fondamentale.
    Difatti,se la squadra gira per il meglio,un playmaker non dovrebbe dare più di 7/8 assist a partita,è una logica di squadra,l’assist è solo l’ultimo passaggio,un buon attacco non può essere il play che inventa e gli altri lì ad aspettarsi il pallone.
    Detto ciò,non sto lì a giustifare,almeno non interamente,le cifre calanti di Chris.
    Dico solo che se non c’è bisogno di farne 20 e 12 per vincere,non diventa un aggravante non metter su quelle cifre.
    Se invece,consideriamo il vostro discorso,che mi par di capire valuti i giocatori quando entrambi erano al 100%,allora lì la musica cambia.
    E se Michele dice che Williams segna di più,la risposta sarà “guarda le cifre e non sparare minchiate”,se mi dice “a parità di assist” risponderò alla stessa maniera.
    La visione di gioco è invece più difficile da valutare e paragonare,entrambi eccellono in questo fondamentale (per me più dovuto al talento che altro),anche se ,a parer mio,Chris è un pelino sopra anche in questo.
    Se poi parliamo di difesa,c’è da considerare tante cose,prima di tutto la stazza.
    E’ facile dire che,in maniera più assoluta,in un uno contro uno non ci sarebbe assolutamente storia,c’è troppa disparità fisica,Williams avrebbe gioco facile.
    Paul,giustamente mi verrebbe da dire,soffre i play alti e grossi,anche il solo Fisher potrebbe abusare di Chris in post,ma per un semplice fatto di stazza.
    Detto questo,anche io penso che comunque Deron qua stia una spanna sopra,perchè stazza o no,è un difensore più efficace e continuo.
    Deron ha però avuto per anni una buona squadra e soprattutto,cosa a dir poco fondamentale per un playmaker,un grandissimo allenatore.
    Chris è finito a New Orleans,città che al Jazz avrà dato tanto,ma che come tradizione cestistica era appena agli albori,e appena agli albori sta già morendo.
    Non si può certo dire che abbia avuto grandi mentori,nè tantomeno grande supporting cast,tuttavia ha dimostrato di non esser inferiore a nessuno,tanto da esser seriamente considerato per il titolo di MVP.
    Non sarà,oggi,per meri problemi fisici,il miglior play della lega,ma poco ci manca.
    Al 100% lui è superiore a deron in quasi tutto,a mio parere,eccezzion fatta per la difesa.
    Poi ci mancherebbe ognuno pensa il cazzo che vuole,ma dire che certamente Deron sia/sia stato migliore del miglior CP3 mi pare quasi follia.

  103. @michele

    grazie per le belle parole in difesa dei sonics….quando ho visto “sonicsgate” ho pianto per un giorno intero….non piangevo da quando ero bambino e quella è stata l’ultima volta che mi è capitato di farlo…questo per farti capire quanto mi fa male non avere più i seattle sonics nella lega…soprattutto con questo durant!!!!! quello della KEY è un alibi senza precedenti, le missive tra stern e bennett uno scandalo, ma tutto ormai era già scritto…ecco perchè a seattle finchè ci sarà stern commissioner non vorranno il ritorno dei sonics, al massimo questo potrà accadere quando stern non avrà più niente a che fare con la nba, passassero anche altri 50 anni!!!! e lo slogan lì a seattle è: “hai rubato la nostra squadra, ora da noi non vedrai neanche un misero centesimo…tieniti la crisi caro commissioner!!!!”

    grazie ancora per aver ricordato lo schifo che abbiamo subito… ed in bocca al lupo per i celtics che ora con green (uno degli ultimi 2 bei ricordi che ho di seattle sportiva, l’altro è ovviamente kevin!) mi stanno sicuramente più simpatici!!!!

  104. michele

    parlo per me,io in realtà ho pensato che i lakers potessero affrontare una grande r.s. solo dopo il loro convincente inizio.
    ma poi onestamente,anche dopo vittorie convincenti,ho sempre pensato che il vero salto di livello lo faranno ai playoff.
    poi questo non toglie che si possa migliorare leggermente l’approccio,come sembra in queste ultime gare…

    comunque mi accorgo che sto diventanto troppo ripetitivo.
    ripeto fin troppo le stesse cose.
    questo semplicemente perchè certe convinzioni non basta la r.s. per togliermele…

    quindi è molto meglio che ritorni a scrivere quando davvero si inizerà a far sul serio.
    altrimenti per un altro mese e mezzo dovrei ripetermi per l’ennesima volta su certi argomenti…

  105. @michele e dwayne2008
    voi scegliete che vi pare…io come visione di gioco PURA io resto con la old school…kidd e nash!!da quel punto di vista ancora numero uno e due della lega….poi per tutto il resto non metto naso…ma come “talento nel passaggio” concedetemi il termine so che è brutto da esprimere…io vado con i vecchietti!! XD

  106. DWYANE

    “Deron ha però avuto per anni una buona squadra e soprattutto,cosa a dir poco fondamentale per un playmaker,un grandissimo allenatore.Chris è finito a New Orleans,città che al Jazz avrà dato tanto,ma che come tradizione cestistica era appena agli albori,e appena agli albori sta già morendo.Non si può certo dire che abbia avuto grandi mentori,nè tantomeno grande supporting cast,tuttavia ha dimostrato di non esser inferiore a nessuno,tanto da esser seriamente considerato per il titolo di MVP.”

    Sono d’accordo…Se devo dire la mia, CP3 ha qualcosa in più ma non cosi tanto rispetto a Deron, ma tenendo conto di tutti i problemi fisici che ha avuto e che continuano a perseguitarlo, francamente se devo scegliere se prendermi Deron o CP3 prendo Deron, solo perchè mi da più affidabilità dal punto di vista fisico e perchè i due sono veramente distanti di un millimetro! Però sono d’accordo con l’analisi che hai fatto…

    Pauroso tra l’altro come sto discorso calza a pennello anche per tutte le discussioni Kobe vs James, dove chiaramente Kobe è il Deron della situazione, James il Chris Paul della situazione!!! Con in più la differenza che Kobe ha 32 anni, James 26, mentre Deron e Paul un anno di differenza…Ma vabbè…Era solo un’affermazione, spero adesso non si riapra inutilmente il discorso Kobe vs James please :)

  107. Oh quando qualche tempo fa ho detto che vedevo Paul in difficoltà fisica mi avete tirato merda addosso…”ma che dici? Quest’anno ha una squadra più forte e non è costretto a fare tutto lui”. Ve l’ho detto sembra aver perso qualcosa fisicamente, l’ho visto farsi rimontare in contropiede da Villanueva…MISCREDENTI!!!

  108. se per quello neanche deron williams è al cento per cento quest’anno, si trascina un fastidioso problema al polso destro che gli ha fatto saltare anche diverse partite. lo riporto solo perché i fan di paul stanno sempre a frignare ehehehe.

    indubbiamente deron ha avuto un grande allenatore e paul no, così come la stazza gli permette di essere un miglior difensore ( anche se non è solo quello). ma queste sono scusanti per paul, non per chi deve scegliere chi sia il migliore.

    sul supporting cast solo un fan sfegatato di paul potrebbe pensare che boozer, ak47 e okur fossero più forti di west, chandler e stojakovic nel 2008. l’anno dopo arrivò pure Posey, fresco da una stagione da favola coi Celtics, si parlava di Hornets come anti lakers a ovest e finì in naufragio. david west è un due volte all star esattamente come lo è carlos boozer.

    poi non mi sembra che NO sia un posto cosi deprimente, è pure la franchigia di proprietà della Lega, che le ha dato una bella mano nell’ultima trade ( e Cuban ha parlato di scandalo giustamente). hanno una bella squadra. come se utah poi fosse los angeles o la miami del tuo amato flash….

    deron non farà i playoff quest’anno, vedremo paul cosa saprà fare, ha una bella opportunità di recuperare il terreno perduto.

  109. Landry per Thorton non mi pare chissà quale scandalo, il problema è che una squadra che viene gestita dalla lega faccia scambi.

  110. Michele

    Lo riprendiamo un altro giorno questo discorso,ricordamelo,ho delle cose da dire ma devo uscire urgentemente!!!

    Gallo=Bird

    Non volevo assolutamente difenderti e mi scuso davvero con tutti se ho dato l’impressione di esser d’accordo con te ;)

    Alert70

    Quoto tutto quello che hai scritto oggi anche se non ho avuto il tempo di commentare

    Sl3vin ecc..

    Non piangere,la vita è bella ma piena di ingiustizie :( Tieni duro

  111. michele

    visto che sei appassionato di statistiche,cp3 in carriera ha una media punti e assist superiore a deron quindi non raccontare balle.

  112. scusate se cambio discorso
    ma K.Love su 61 partite ha collezzionato la bellezza di 56 doppie-doppie ….
    tenendo presente che dallla stagione 99-00 ad oggi il record e di K.G del 2004 con 71 d-d in 82 partite be questo sta mettendo numeri veramente straordinari..
    per curiosita ma il record di doppie -doppie in una singola stagione? dal dopo W.Chamberlain naturalmente….

  113. Capisco la non difesa ma chiudere con 0 rimbalzi difensivi è assurdo…. poi quando Bargnani ne prende 5 giù insulti… vedere Stat nella propria metà campo è una delle esperienze da non fare nella vita….

    Detto questo, i Knicks hanno, dopo 4 partite, un solo ed unico padrone… tale Chauncey Billups, che, tra attraverso gli anni è passato tra “chi meglio tra Nash e Kidd” a “chi meglio tra D-Will e CP3” senza sentirsi quasi mai tirato in causa, quando i fatti farebbero presupporre il contrario…

    Lo dico ora, occhio ai Knicks.. giocheranno in 3, non difenderanno, subiranno scoppole da qui alla fine contro squadra già in vacanza, ma qualora ci fosse un unpset nel primo turno dei PO, citofonare NY…. già da oggi mi gioco loro vincenti in un primo turno vs una delle prime 4 ad est… e dal mio punto di vista la squadra contro cui si accoppiano meglio sono gli Heat…

  114. yaya

    come sempre non capisci un tubo, viene quasi da rimpiangere i tempi in cui dicevi i “magic battono i celtics che ci sia o meno garnett perché non fa differenza”.

    anche lebron vanta migliori statistiche di quelle di bryant alla sua età, quindi lebron è più forte di kobe per te? ne prendiamo atto eheheeheh,

  115. Michele ma quanto parli a vanvera?

    Se Yaya Tourè preferisce Chris Paul e riporta statistiche che rappresentano il vero, che problema hai? Ognuno ha le proprie opinioni personali…Anch’io preferisco CP3 a Deron, anche se ho spiegato per quale motivo tra i due prenderei quest’ultimo…

    “anche lebron vanta migliori statistiche di quelle di bryant alla sua età, quindi lebron è più forte di kobe per te? ne prendiamo atto eheheeheh”

    Primo: parla al singolare; “ne prendo atto”, perchè io, e non sono l’unico casualmente, non la penso come te e trovo che James sia un gradino sopra tutti…Anche se adoro Kobe, tra i due a parità d’età (e per me, per quanto mi riguarda già adesso) James è più forte di Kobe, al di la delle statistiche che lo confermano, anche perchè una simile superiorità io francamente nel Kobe di 26 anni, per quanto fosse altrettanto un mostro, non la ricordo…Già adesso per me in questa lega James è un gradino sopra tutti, tu e pinco pallino preferite Kobe? Benissimo, non vi posso biasimare ma certo non vengo a inventarmi cavolate per avvalorare la mia tesi…Cerca di rispettare le opinioni degli altri, non per tutti Deron è il migliore, non per tutti Kobe è il più forte, non tutti tifano Celtics

    Adesso ti lascio riaprire il solito discorso “tu non capisci niente, Kobe vale 1.000.000 James” “James spalla di Wade” “James perdente” “James ai playoff si nasconde dietro a Mo Williams” ecc ecc tutto quello che vuoi perchè mi sembra chiaro, che o la si pensa come te, o non va bene

  116. @ Giulio

    Gufo sugli heat????
    ma mi hai preso per un ignorante sprovveduto ragazzino susperstizioso e credulone di elementi pseudo-fantareligiosi tipo il voodoo, jettatura o karma negativo????

    Io sono un tipo nel mio picciolo magari avvolte un po’ pessimista, ma per nulla scaramantico!

    Se io do per favoriti gli Heat è perchè per me sono i più forti. Spero non sia così (questo è un’altrodiscoros), ma PER ME una squadra con wade, lebron e bosh + bibby, haslem, miller e il vincitore del tiro da 3, insieme mi pensare che siano i favoriti.

    Poi mica ho detto che vinceranno i Pacers, i Timberwolves, l’Armani jeans o l’Ascoli Piceno…credo di non essere il solo sul pianeta terra a ritenere i Miami heat possibili vincitori del titolo. Non è una previsione da matto, da neuro o da internato.

    Che centrano gli animali come il “Gufo”?

  117. FABIO

    Infatti ti avevo scritto “se è la tua opinione, mi scuso”…A posto cosi, come dici te non hai dato gli ultimi arrivati per favoriti per il titolo, però non capisco davvero che cosa ci vedi in più a questi Heat rispetto ai Celtics e ai Lakers…Mah…Detto questo, se è la tua opinione apposto cosi

    Non conosci l’antichissima pratica della “gufata”? Eheheheheheheheheh un giorno te la spiegherò ;)

  118. non ho mai scritto che deron ha statistiche migliori. ho solo scritto che ha oggettivamente fatto molto di più in carriera, più serie playoff giocate e vinte segnatamente, più anni passati al vertice, tutti dati inconfutabili. io posso citare serie playoff giocate da deron ad altissimo livello dal 2007 al 2010, i fan di paul saranno sempre fermi al 2008 ( una data talmente mitizzata che spesso, come successo in passato a dwaynewade, si scrive che quell’anno gli hornets arrivarono in finale di conference, cosa non vera).

  119. slevin,

    figurati!!!!

    i Sonics mi sono sempre stati simpaticissimi fin da bambino, soprattutto per il verde della maglia storica eheh. E spesso hanno incrociato la storia dei Celtics. Dennis Johnson ( RIP) è stato l’Mvp dell’unico anello di Seattle e poi una nostra bandiera. Dale Ellis era il fiero avversario di Larry Bird nelle gare da tre punti all’ ASG. E adesso con Ray, Jeff Green e Delonte abbiamo un bel terzetto di reduci Sonics, quindi sono sicuro che in tanti a Seattle faranno il tifo per noi ai playoff!

    Ha ragione BIll Simmons. The Sonics were STOLEN from Seattle!

    http://thomasbrentevans.files.wordpress.com/2010/04/durantreid1.jpg

  120. michele

    gli anni passano pero sei sempre il solito personaggio che continua con la solita retorica sui celtics,sonics,lakers eccc…
    e dire che pensavo che con gli anni le persone maturassero,nel tuo caso invece con gli anni peggiori.
    con questo chiudo la polemica.

  121. detto da te che per anni sei stato a gettare letame su Garnett, i Celtics e Lebron è molto credbile!

  122. michele

    beh in una eventuale finale tra celtici e lacustri il mio tifo sarà biancoverde visti tutti gli ex che avete a roster. ti ringrazio anche per l’immagine che conoscevo (mi sembra sia stata scattata in una partita contro i lakers), infatti l’alterno come desktop sul pc al logo dei tampa bay bucceneers, la mia squadra di nfl preferita.
    spero che in futuro possiate avere anche i servigi di kevin che teoricamente, senza lottery, sarebbe dovuto essere vostro!!! ma forse con lui in squadra sarebbe partita una rivoluzione fatta con i giovani che non vi avrebbe permesso di vincere un titolo, di fare una finale (persa senza demeritare, anzi andata via per sfortuna) e probabilmente di riprovare a vincere l’anello in questa stagione. però in un futuro non si sa mai….mi piacerebbe tanto rivedere il numero 35 con una maglia verde e se non potrà essere quella dei sonics magari sarà quella dei celtics….. ;)

  123. sì, era gara 1 della serie playoff coi lakers.

    beh durant credo rimarrà a lungo a OKC, hanno una squadra molto promettente e con Perk hanno preso un buon lungo, gli auguro di togliersi soddisfazioni e di godersi i soldi che noi non avremmo mai potuto dargli visto il nostro cap intasato.

    onestamente pensavo che il canto del cigno fosse stato lo scorso anno, ma per fortuna pare che i nostri vecchietti abbiano ancora cartucce da sparare, quindi ce la giochiamo.

  124. paul vs deron

    come dice qualcuno uno puo benissimo preferire l’uno o l’altro senza dire una cazzata, ma i dati sono dati

    ho letto di problemi fisici, prego dare un occhiata alle assenze di deron in queste stagioni, sono state piu di cp3

    ho letto che paul farebbe meno assist di deron (cosa del resto non vera) perche fa girare meglio la squadra!!!!!!!!!!! questa affermazione è da far rinchiudere in un grosso cinema (tipo arancia meccanica) e sorbirsi il gioco corale degli hornets con penetra e scarica di cp3…. anche qui prego dare un occhiata alle partite dei jazz
    deron ha si avuto un grosso coach, ma è anche quello che lo ha limitato statisticamente parlando

    ho letto che cp3 è un mingherlino, cosa assolutamente non vera, ci sono molti playmakers che sono fisicamente meno dotati di lui.

    l’unica cosa che secondo me cp3 è un pelino meglio è la leadership, ma non è che williams scherza. ho visto l’ultima partita dei nets e sembra che già abbia migliorato delle pippe clamorose. io dico che piano piano i nets miglioreranno.

    aldila delle cavolate lette in questo forum, deron è un professionista e secondo me non voleva lasciare utah cosi

  125. Discorso billups (sono in ritardo, sto guardando ora NYvsMIA :D)

    Eccezionale, tanto non mi piace esteticamente quanto è utile e sostanziale anche qui a new York da quello che vedo.

    Ma mi confondo o l’ anno scorso è stato sculacciato ai PO proprio da Deron?

    Io il dollaro se beccano i Celtici (Rondo) o i Bulls (Rose) non me lo gioco. Classe immensa ma fiato corto ormai.

  126. “Ma mi confondo o l’ anno scorso è stato sculacciato ai PO proprio da Deron?”

    già.

    però non ricordare che l’anno prima era stato billups a sculacciare paul, altrimenti le legioni di cp3 addicted ti danno del contaballe eheheheh

    • LoL.. non ci avevo manco pensato.. pensavo a Billups e non al confronto Deron/CP3.

      Poi penso che chiunque possa ammettere che il limite di Paul sono gli scontri diretti con play di “stazza” tipo Billups o Williams senza che ciò voglia dire che uno sia migliore dell’ altro.

      Mentre l’ ex play di denver non aveva questa pecca e l’ anno scorso (grazie per la conferma) per la prima volta ha letto la targa di Williams parecchie volte. IMHO un segno di declino fisico evidente.

      • tra l’altro chauncey non giocherà stanotte contro NO per un nfortunio alla coscia…..

  127. Si completa la barzelletta degli Heat, che come ho scritto ieri firmerebbero pure mia nonna da quanto son messi male sotto canestro. Ebbene, pare che Miami sia ad un passo dal dare un contratto ad Eddy Curry…

  128. i mavericks invece stanno prendendo corey brewer. è un ottimo elemento per la panchina, certo che l’assenza di butler per loro sarà problematica da coprire con l’ex wolves e peja.

  129. Miami
    Ci stanno anche provando a far girare la palla per 24 sec ma poi tirano sempre quei 3. Se non li fanno tirare in RS vediamo se e come i comprimari (non che abbiano compagni extralusso) reagiscono ai PO. A parte House ho parecchi dubbi che possano salire di rendimento. Beh.. vedremo se i 3 basteranno :D

    Qualcuno ha citato i celtics 2008. Per me -a parte un paio di veterani- erano tutti giocatori ad inizio di stagione di dubbissimo valore ma sono arrivati ai PO con una grandissima consapevolezza di se stessi (e coi cojoni ormai riquadrati) grazie alla RS.

  130. Ma si può sapere perchè ve la prendete tanto se uno preferisce CP3 a Deron, o uno preferisce James a Kobe, o uno Nash a Kidd??? Mah

    MARK 85

    Sei pregato di non inventare cavolate per lo meno…Partiamo in assoluto dalla più grande: “ho letto di problemi fisici, prego dare un occhiata alle assenze di deron in queste stagioni, sono state piu di cp3″ AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH! Classica dimostrazione di uno che per avvalorare quello che dice si inventa cose di sana pianta…Ma non è la prima volta che succede nel blog, che tristezza…

    Per smentirti è sufficiente fare quello che dici te, dare un occhiata alle assenze di Deron e di CP3, ebbene:

    2005 – 80 presenze per Deron, 78 per Paul
    2006 – 80 per Deron, 64 per Paul
    2007 – 82 per Deron, 80 per Paul
    2008 – 68 per Deron, 78 per Paul
    2009 – 76 per Deron, 45 per Paul

    Totale: Deron 439, Paul 345

    Ora, se la matematica non è un’opinione mi spieghi in quale galassia Deron ha avuto meno assenze di Paul? Grazie…I problemi fisici che ha avuto Paul e che lo tormentano ancora furono ben più gravi di quelli di Deron…Ma che poi ve lo ricordate il Paul di qualche anno fa? Seriamente qualcuno lo paragona al Paul di quest’anno?

    Paul fa più assist e segna di più di Deron in carriera, altro punto che è certificato, anche se ciò assolutamente non significa che sia un playmaker migliore di Deron…

    Paul non è un mingherlino? 183 cm per 79 kg: detto che Deron è di un’altra stazza per cui il paragone proprio non si pone, ti sfido a elencarmi quanti playmaker DI PRIMA FASCIA (perchè è di questi che stiamo parlando, non dei vari Boykins) hanno un fisico più esile del suo…”ho letto che cp3 è un mingherlino, cosa assolutamente non vera, ci sono MOLTI playmakers che sono fisicamente meno dotati di lui.” Nomi: grazie

    Non darò certo del matto a chi preferisce Deron, ma chi preferisce Deron e spara cavolate è pregato almeno di controllare le proprie fonti e non fantasticare

  131. giulio

    vedo che hai fatto una certa ricerca

    premesso che ho parlato degli ultimi anni e nel 2006 non seguivo cosi tanto la nba e di deron ho sentito dal 2007 in poi. e mi pare che pure deron abbia avuto dei problemi fisici.

    io non ho spulciato numeri ed è una cosa che non faccio mai, seguendo spesso i jazz ho notato certe stagioni che mancava spesso pure williams ed ha avuto problemi fastidiosi pure lui questi anni.

    2-3 cose si vedono anche ad occhio nudo, ed io vedo sempre paul accanto a nash parker etc e non mi sembra che sia piu basso, anzi.

    p.s. la stagione da 45 gare di paul, se non ricordo male hanno voluto valorizzare collison perche tanto la stagione era andata ed hanno recuperato cp3 con calma. ma puo darsi mi sbaglio, non sono uno studioso di statistiche, scrivo di memoria. tanto non me ne fotte che ci sia uno come te che usa questi toni

  132. cmq ho premesso che uno puo considerare paul migliore senza problemi il che vuol dire che sono quasi alla pari.

  133. Mamba

    Se perde 35 kg A GARA diventa quasi un atleta..

    Mark85

    I post,oltre a leggerli,devi capirli,non citare frasi a caso per poter metter giù due righe,senza punteggiatura oserei dire,per sputare sull’opinione di questo e di quello.
    Inoltre pare che,almeno in questo forum,la pensino tutti più o meno allo stesso modo.
    Quindi caschi male.
    Detto questo,niente di personale,è solo un consiglio.

  134. dwyane

    già, cera della filosofia nei post letti, non sono riuscito a capirli bene…

    però sono riuscito a capire le ultime righe inutili che hai pubblicato. che la pensino tutti piu o meno allo stesso modo e contro al mio pensiero non significa un cazzo. non riesco nemmeno ad immaginare come uno puo scrivere questa cosa su un blog di basket

    “Inoltre pare che,almeno in questo forum,la pensino tutti più o meno allo stesso modo.
    Quindi caschi male.
    Detto questo,niente di personale,è solo un consiglio.”

  135. “Inoltre pare che,almeno in questo forum,la pensino tutti più o meno allo stesso modo.”

    non è proprio così.

    chiedi a utenti storici come brazz, sasipunk, inyourweis: tutti preferiscono deron a cp3, pur apprezzando ovviamente anche il play degli hornets ( come potrebbe essere diversamente del resto).

    poi vabbè c’è il tuo grande amico gallobird, magari un giorno sarete concordi pure sul numero 8 dei nuggets eheheh.

    a si biri mellus!

  136. michele

    Grazie per avermi citato negli utenti storici pro-Deron :D

    D-Will è uno dei giocatori più sottovalutati nel panorama NBA e sinceramente non ne capisco il motivo… si dice che abbia un carattere difficile e che questo renda problematico relazionarsi con lui, ma non avendo riscontri reali non posso sentenziare nulla….

    Se andiamo a vedere le stats Paul ha qualche punto % in più in ogni campo, tuttavia andrebbe considerato il fatto che il sistema offensivo degli Hornets (se così si può definire, soprattutto nell’era Scott) era iper-Paul-centrico, mentre è innegabile che quello dei Jazz fosse molto più strutturato… Per chi fosse scettico su questa mia affermazione si vada a vedere le statistiche dei back-ups dei due sopracitati.. a parte Collison (che ha avuto tanto spazio dovuto alla mancanza del prodotto di Wake Forest), i play di riserva di Utah hanno globalmente fatto meglio di quelli di NO.. quindi sì Paul era “più fondamentale” di Williams all’interno della squadra ma aveva anche “più libertà”, o meglio un gioco che faceva leva sulle proprie caratteristiche, mentre Sloan ha “plasmato” il prodotto di Illinois secondo il proprio credo cestistico…
    Se invece facessimo riferimento agli scontri diretti, ecco che qui è D-Will a farla da padrone… e neanche di poco… penso che abbia vinto (vado a memoria, per i bacchettoni delle statistiche) il 75% degli scontri diretti… e su un campione di 6 anni, nella stessa Conference, mi pare un dato interessante.

    Confrontando i risultati ottenuti anche qui come non andare con l’attuale play dei Nets? Finale di Conference al debutto nei PO, 5 serie vinte, e 4 perse sempre contro la squadra che poi ha disputato le Finals (Spurs e Lakers, che in 3 occasioni hanno vinto pure l’anello). Chris ha disputato qualcosa come la metà delle partite di PO del rivale, vincendo “solo” 2 serie e venendo spazzato via da Billups nel 2009 (lo stesso Chauncey che vide la targa di Deron l’anno dopo).

    Sui roster: West-Chandler peggio di Boozer-Okur? Mmm ho i miei dubbi… secondo me come roster si equivalevano, forse più talentuoso come talento medio offensivo quello dei Jazz, sicuramente più attrezzato difensivamente quello degli Hornets…

    Sarà ma personalmente, per quello elencato e per altro (faccia tosta, capacità difensive, controllo del corpo), non faccio fatica a scegliere Deron Williams fra i due..

    Non capirò un cavolo di basket – e non che me ne curi particolarmente -, ma la mia scelta ricade sul futuro play dei Knicks (e attuale dei Nets, ndr).

  137. ahahah scusa , ti avevo dimenticato.

    il dato esatto negli scontri diretti è 12-4 per utah vs NO..

    ovviamente concordo su tutto!

  138. l’unico appunto deron ha vinto 4 serie playoff e non 5. poi non dite che sono fazioso e che manipolo i dati eh!

    due nel 2007 ( houston e golden state)

    una nel 2008 ( houston)

    una nel 2010 (denver).

    tre di queste vittorie avvennero con fattore campo avverso.

    le sconfitte contro spurs e lakers decise dalla supremazia sottocanestro degli avversari, lui sempre il migliore dei suoi. come disse il lacustre bodiroga “coi jazz vinceremo sempre perché sono dei nani….”.

  139. Più passano i giorni e più son dell’idea che ogni utente dovrebbe avere un limite di post giornalieri…

  140. MARK 85

    “io non ho spulciato numeri ed è una cosa che non faccio mai”…Nessun problema, solo allora non andare a dare delle statistiche che non esistono se non nella tua fantasia, non capisco perchè ti devi inventare le cose…La gente li legge i post, se tu scrivi una cavolata per dire assurdità, ti correggo…E tu su Deron/CP3 ne hai sparate più di una

    “non sono uno studioso di statistiche, scrivo di memoria” non ti preoccupare, ce ne siamo accorti…Non serve essere studiosi di statistiche per ricordarsi la differenza di presenze tra Deron e CP3…Inutile che cerchi di farmi passare per un topo di biblioteca, a me è sembrato IMMEDIATAMENTE strano quello che hai detto e sono andato a controllare…Fatalità, di quello che hai scritto non era vero niente…Fatalità ti serviva per dire che Deron è più forte di Paul

    Ti avevo sfidato a dirmi quali erano questi fantomatici playmaker con un fisico più esile di Paul, ma anche qua, ti sei nascosto in una non-risposta…D’altronde tu hai detto che ce ne sono e invece non ce ne sono…Nash, Kidd, Parker, Rondo (solo per citare i playmaker di prima fascia) sono tutti più alti e più pesanti di Paul…Vabbè lasciamo perdere

    E’ cosi difficile dire: “preferisco Deron, ma è vero, ho sparato una serie di cavolate infinite?” Ribadisco: Non darò certo del matto a chi preferisce Deron (quindi liberissimo di preferire chi vuoi, ci mancherebbe), ma chi preferisce Deron e spara cavolate è pregato almeno di controllare le proprie fonti e non fantasticare

Commenta