TOP

Mariota e l’attacco Ducks vs Goff e la Bear Raid

calIndubbiamente una delle partite più belle della settimana, soprattutto nella prima metà. Una partita molto altalenante e con un passo frenetico, dove dopo un parziale di 24 punti consecutivi dei Ducks, si sono fatti rimontare anche grazie a due turnover su due drive consecutivi, che hanno portato a 14 punti svelti di Cal, poi risposti con un TD in 30 secondi di Oregon per finire la meta` sul 38-28. Insomma e` stato questo il ritmo di una gara che ha regalato molto spettacolo, ed ha fatto vedere perché questi due attacchi sono tra i migliori dell’intera nazione (Cal ha il 4 miglior attacco aereo nella nazione e Oregon ha il quinto miglior attacco per punti segnati).

Mariota e` stato come sempre l’uomo più brillante, sopratutto nei momenti più importanti della gara. Ad inizio partita e` stato lucidissimo, completando grandi lanci nel medio lungo. Soprattutto un lancio ad inizio partita dove su corsa a sinistra ha sfornato un lancio col conta giri sulla sideline sinistra, ha fatto partire il lancio in piena corsa, sembrando identico a Colin Kaepernick. Mariota ha anche mostrato un po’ di imprecisione, soprattutto nel trascorrere della gara. Ma nella red zone ed in generale nelle letture della difesa, nei tempi veloci con cui ha gestito l’attacco e` stato strepitoso. Da notare la prima interception lanciata dal QB dei Ducks, che e` stato anche sfortunato, visto che aveva un uomo libero nella end zone ma si e` fatto deviare il passaggio, che e` poi diventato facile da prendere per i Bears. I due WR/TE grossi dei Ducks, Dwayne Stanford e Pharaoh Brown sono stati fondamentali per l’attacco di Oregon, segnando entrambi 2 TD e mostrandosi troppo imponenti per i difensori di Cal da fermare. Abbiamo visto anche un altra bella gara da parte del ormai ex RB Byron Marshall, che ha giocato la sua migliore partita da WR quest’anno ricevendo 4 passaggi e trasformandoli in 133 yard e 1 TD. Il suo TD di 54 yard ad inizio terzo quarto ha aperto la partita e dato il colpo di reni definitivo ai Bears. Il gioco di corsa dei Ducks continua ad essere dominante, trovando un altra buonissima prestazione dal freshman RB Royce Freeman. La OL ha continuato a mostrare buoni segnali con un altra bella gara da parte dei veterani, il LT Jake Fisher ed il centro Hroniss Grasu. Grasu sopratutto ha giocato una gran partita in corsa, creando gran spinta e mostrandosi anche agile su screen e blocchi in movimento.

L’attacco di Cal non e` stato da meno tenendo il passo dei Ducks nel primo tempo non solo col braccio di Goff ma anche con le corse del dual threat QB Luke Rubenzer, usato su diverse giocate per dare un look diverso all’attacco Bears. Cal ha giocato una buonissima partita finendo con 560 yard totali d’attacco (i Ducks ne hanno fatte 590) ed un Goff molto in partita completando 32/52 passaggi per 360 yard e 2 TD. Goff a me sembra sempre di più il candidato principale ad essere il miglior QB della prossima classe che sia il 2015 o 16, la maturazione del suo gioco nelle letture, nella forza del braccio e anche nel fisico e` evidente. Con miglioramenti in difesa i Bears potrebbero fare veramente paura nella North Division per i prossimi anni.

Il Drive della vittoria degli Utes

Non e` certo stato l’anno più facile per Travis Wilson, il Junior QB di Utah che nonostante la stagione da favola per la sua squadra e` stato messo spesso in discussione, ed ha dovuto anche guardare certe partite dalla sideline. Ma nella partita più importante per gli Utes nella loro giovane storia da squadra della Pacific Conference il coaching staff ha dato fiducia al QB gigantesco (6-7), che e` stato capace di vincere la partita con un gran drive finale. Il RB Devontae Booker, ormai emerso come stella dell’attacco ha tenuto l’attacco di Utah in partita fino all’ultimo drive, dove in svantaggio di 21 a 17 e con 2:08 rimasti sul cronometro, Wilson ha preso palla alle proprie 27 yard. Il QB e` stato composto contro una difesa di gran talento e con interpreti molto pericolosi. Ha completando 4 su 7 passaggi, dovendo creare tutte le yard nell’area e portato Utah ad una vittoria importantissima per tenerli vivi in tutti i campi possibili. La giocata più importante Wilson l’ha fatta su un 2nd Down e 3, con pressione dal lato destro ha fintanto il passaggio e cominciato a correre sulla fascia sinistra del campo, ha preso il primo down ma ha continuato a correre, e a 5 yd dalla endzone quando la difesa stava per acchiapparlo, ha sospinto il suo corpo lungo buttandosi in aria verso la meta. Uno dei DB di USC e` stato capace di spingerlo fuori campo proprio una yard prima di segnare. Ma la giocata, la grinta mostrata, il sacrificio di mettere il proprio copro sulla linea pur di vincere e` stato chiaro. Con 17 secondi rimasti Utah doveva solo gestire il cronometro prima del TD passato da Wilson a Kaelin Clay per una yard e la vittoria di 24-21.

Utah ha fatto un’altra bella partita in difesa limitando l’attacco Trojans a solo 21 punti non ostante le belle prestazioni del RB Buck Allen e il WR Nelson Agholor, entrambi andati oltre le 100 yard. Gli Utes hanno ora una grandissima occasione ed e` tutto possibile se continuano a giocare così.

L’attacco (no huddle) di Stanford

stanHo criticato spesso e volentieri l’attacco di Stanford questa stagione. Ma sembra finalmente esser cambiato qualcosa nella partita di sabato contro Oregon State, dove Stanford ha fatto qualcosa di nuovo usando un attacco no huddle che ha portato a un rendimento completamente diverso. I Cardinals sono fortissimi in difesa, questo si sa. Ma finalmente hanno segnato 38 punti trovando anche il modo di dare la palla di più ai propri playmakers come Ty Mongomery e Christian McCaffrey. Il QB Kevin Hogan ha fatto una buona gara completando 18-28 passaggi per 277 yard, ma non e` stato perfetto lanciando anche 2 INT. Hogan non potrà permettersi certi errori questa settimana se vorrà tenere il passo dei Ducks. Ma sicuramente la no huddle e` stato un passo nella direzione giusta per questo gruppo.

Honorable Mention

Scooby Wright III

L’eroe della vittoria contro Oregon con il suo fumble forzato su Mariota per finire la gara, Scooby Wright il LB tutto fare dei Wildcats sta avendo una grande stagione. Wright e` fortissimo in pass rush e l’ha mostrato contro Washington State forzando ben 3 fumbles. Scooby ha ora 5 fumbles forzati questa stagione, primo nella storia di Arizona ad avere tali numeri dal 1973. Solo un sophomore, si sta rendendo importantissimo per Arizona questa stagione, e sarà essenziale nel proseguire della stagione.

Il ritorno di Taylor Kelly e la vittoria di ASU a Seattle

Taylor Kelly merita una menzione per il suo ritorno. Ed anche se e` un po` arrugginito, ha comunque portato i Sun Devils ad una vittoria contro i Washington Huskies a Seattle, cosa non certo facile. Da aggiungere anche i continui miglioramenti della difesa di Arizona State. Attenzione a questi diavoli del deserto perché stanno trovando la forma giusta proprio nei mesi più caldi.

WORST

UCLA che si fa quasi (ma proprio quasi) battere da Colorado

uclaSembrava troppo facile nel primo quarto per i Bruins. Il loro LB stellare Eric Kendricks aveva intercettato un brutto passaggio di Sefo Liufau sul 14-0, a fine quarto UCLA era in vantaggio 17-0. E anche i tifosi più leali di CU, come il sotto scritto, stavano cercando altro da guardare. Ma l’attacco dei Bruins ha cominciato a rallentare, gli spazi aperti che aveva Paul Perkins nel gioco di corsa ad inizio gara non c’erano più. E pian piano la difesa Bruins ha cominciato ad avere difficoltà nel fermare il running game dei Buffs, sopratutto il sophomore Micheal Adkins, che ha corso per 107 corse su 17 portate.

Hundley e` stato il pieno esempio di tutto quello che lo rende grande e così promettente, ma anche un giocatore incompleto e molto frustrante. Ha corso molto bene nella gara, rendendosi essenziale sopratutto nel secondo OT dove ha portato la palla due volte, e trovato il TD della vittoria. Ma che fatica! Hundley non e` stato molto preciso, e i Bruins ancora una volta hanno avuto zero passaggi lunghi.

Myles Jack e Kenricks sono stati grandi, mostrando la loro velocità da sideline a sideline, ma ovviamente non bastano, se questa ancora giovanissima  Colorado e` stata quasi capace di rimontare e vincere. Anzi, azzarderei dire che se non per un possesso buttato via per colpa del clock management a fine secondo quarto i Buffs avrebbero avuto i 3 punti in più per vincere la partita in regulation. Questi Bruins hanno ovviamente un sacco di talento e sono sempre pericolosi, ma la mancanza di costanza nelle prestazioni e` principalmente la ragione per questo rendimento deludente.

La difesa di Oregon

Se Oregon vuole ambire veramente a un record di 12-1, ad un titolo di conference, a un posto nei playoff e chissà a un National Championship allora questa difesa deve migliorare e lo deve far in fretta. Contro Cal, i Ducks sono solo stati capaci di limitare i Bears ma mai a fermarli veramente e se non per i 59 punti segnati dall’attacco si starebbe parlando di un altra storia. Lo sappiamo tutti che l’attacco aereo dei Bears non e` facile da fermare, ma anche la difesa in corsa non e` stata adeguata concedendo 193 yard e una media di 5,1 yard a portata. Anche nel marcare le tracce corte, e screen pass del RB Bears Daniel Lasco i Ducks sono stati completamente inefficaci. L’incapacità della difesa contro la corsa può essere sopratutto un problema con squadre come Stanfrod e Utah ancora da affrontare.

Il continuare dei problemi per l’attacco di Washington

A Seattle vivono di difesa oramai. E anche l’università principale della cita e` conosciuta per la gran difesa, ma l’attacco non sta rendendo per niente. La gara di sabato contro Arizona State ne e` stato un altro grande esempio. Ancor prima che cominciasse la partita gli Huskies hanno ricevuto una bella batosta, con la notizia che il QB Cyler Miles era fuori partita per una concussion (commozione cerebrale). Il sostituto Troy Williams ha avuto problemi a creare giocate positive, con due INT e 139 yard passate l’intera gara. Anche l’attacco in corsa ha avuto così tanti problemi quest’anno che Shaq Thompson il LB dinamico e leader dei Huskies, ha corso per 21 volte nel tentare di dare una mossa all’attacco (correndo per 98 yard, Shaq Thompson e` incredibile!). Questa squadra sta deludendo abbastanza le aspettative e non sta giocando all’altezza della sua grande difesa. Se le cose non migliorano di fretta i Huskies rischiano d’essere la peggior squadra nella North Divison.

Post By Andre Simone (22 Posts)

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta