Pocket

I Murray State Racers sono a sorpresa l'unica squadra ancora imbattuta!

Le posizioni di vertice restano più o meno invariate, e tra le top 5 le sole Kansas e Missouri subiscono una sconfitta.

Georgetown esce dalle prime dieci, Indiana è in difficoltà, Connecticut crolla e Murray State conserva l’imbattibilità. In una settimana di transizione ci sono prestazioni d’analizzare, con le classifiche di Conference che cominciano a consolidarsi. Aspettando le ennesime interessanti sfide della prossima settimana, andiamo a vedere come è cambiato il ranking.

 

1. Kentucky Wildcats (21-1)

Conservano la leadership nel ranking i Wildcats che non mettono fine alla loro striscia di vittorie, conquistando altre due W. Battono Georgia (57-44), grazie alla bella prestazione di Miller che, partito dalla panchina, mette 19 punti con 7/8 al tiro e 4/4 da tre. Kidd-Gilchrist firma una doppia doppia da 14p+11r, e Davis anche segna solo 4 punti (con soli due tiri), raccoglie 11 rimbalzi e piazza 5 stoppate. Il secondo successo arriva, senza problemi, contro LSU (74-50). Il miglior giocatore della serata è Terrence Jones che chiude con 27p e 9r, Davis chiude con una doppia doppia da 16p+10r alla quale aggiunge le “solite” 3 stoppate, mentre Miller, sempre dalla panchina, segna 13p in 29 minuti. Ora Kentucky per confermarsi al top della nazione, giocherà contro Tennesse e @South Carolina.

 

2. Syracuse Orangeman (22-1)

Dopo aver perso l’imbattibilità contro Notre Dame, gli Orangeman non subiscono altre battute d’arresto, vincendo, seppur a fatica, le due partite in cui erano impegnati in settimana. Contro Cincinnati (60-53) il successo matura solo negli ultimi 3′ di match, quando Syracuse piazza il break decisivo per portare il vantaggio in doppia cifra. Ancora senza Melo al centro dell’area, il migliore è Joseph (17p, 6r e 8/11 al tiro), ma giocano una buona partita anche Jardine (13p e 6ass) e Triche (11p, 3ass e 4 steals). La vittoria contro West Virginia arriva al termine di un match tiratissimo, sempre in equilibrio, deciso dai liberi di Triche a 1’13” dalla fine e dalla stoppata di Keita, che era però irregolare, sull’ultimo tiro della partita da parte di Kilicli. Nelle fila degli Orange, il migliore è Triche (18p), mentre Joseph segna 13 punti conditi da 7 rimbalzi e 3 assist. La prossima settimana Syracuse giocherà @St. Jhon’s.

 

3. Ohio State Buckeyes (19-3)

Settimana senza difficoltà per Ohio State che batte senza problemi Penn State (78-54), trascinata dalla grande partita di Sullinger che chiude con 20p e 13r; Buford aggiunge 15p e 9r, e Craft 11. L’altra vittoria arriva sempre sul campo di casa contro i Wolverines di Michigan (#22). Per i Buckeyes è decisivo il secondo tempo (40-28 di parziale) per portare a casa la W. Ben quattro uomini raggiungono la doppia cifra, con Smith Jr. che firma una doppia doppia da 17p+12r. Gli altri sono Sullinger (13p e 5r), Thomas (12p) e Buford (12p). Ora Ohio State dovrà affrontare il non semplice impegno @Wisconsin (#20).

 

4. Missouri Tigers (19-2)

Perdono posizioni i Tigers che subiscono un’inaspettata sconfitta contro Oklahoma State (72-79). Dopo essere stata avanti per l’intero match, negli ultimi 3′ Mizzou subisce un parziale di 8-14 che indirizza la sfida verso i Cowboys. Per Missouri, che non riesce a limitare Le’Bryan Nash (27p, 4r e 4ass) e Williams (20p), sono inutili i 25p+12r di Ratliffe, i 17 di Denmon e i 10 di Flip Pressey. Mizzou si riscatta pochi giorni dopo vincendo contro Texas Tech (63-50). Stavolta la difesa dei Tigers funziona, e in attacco bastano così i 22p di English e i 19p di Denmon, mentre Flip Pressey distribuisce 12 assist, segnando solo 3p. Dopo questa inattesa battuta di arresto ora giocheranno @Texas e poi ospiteranno Kansas (#8).

 

5. North Carolina Tar Heels (18-3)

Arrivano due semplici vittorie per i Tar Heels che nel primo match si aggiudicano il derby contro NC State (74-55), trascinati da una grande prestazione di Zeller (21p+17r). Barnes mette 15 punti; Bullock, partito in quintetto, ne segna 11; Marshall distribuisce 11 assist, e Henson sfiora la doppia doppia con 9p e 10r, ai quali aggiunge 5 stoppate. La seconda vittoria, sempre in scioltezza, matura contro i Yellow Jackets di Georgia Tech (93-81). In un attacco che gira a mille, il migliore è Barnes (23p e 8/14 al tiro). Zeller segna 17p, Henson 13p, Bullock 11 e Marshall oltre ai 7p, distribuisce i classici 12 assist. La prossima dovrebbe essere un’altra settimana tranquilla per UNC che sarà impegnata sui campi di Wake Forest e Maryland.

 

6. Baylor Bears (19-2)

Dopo aver perso due partite consecutive, le prime della stagione, arrivano due W questa settimana per Baylor. Contro Oklahoma, i Bears, guidati da un ottimo Jones III (21p+12r), conquistano il successo per 77-65. Oltre al sophmore giocano una buona partita e raggiungono la doppia cifra anche Miller (13p), Jackson (16p e 7ass) e Jones (11 dalla panchina). Contro Texas invece il successo è difficile da conquistare. Pur stando sempre in vantaggio per 40 minuti, Baylor deve aspettare gli ultimi secondi di partita per poter avere la sicurezza di conquistare la W. Ancora una volta il migliore è Jones III che chiude con una doppia doppia da 22p+14r. Miller aggiunge 18p, Acy chiude con 10p e 10r, Heslip ne mette 11 e Jackson distribuisce 7 assist e segna 7 punti. Ora i Bears sono attesi da una settimana “on the road” dovendo giocare prima @Texas A&M e poi @Oklahoma State.

 

7. Duke Blue Devils (18-3)

Sul campo di Maryland (74-61) il successo matura nell’ultima parte di partita (parziale di 28-14 negli ultimi 13′). Protagonista della vittoria è Mason Plumlee che piazza una doppia doppia da 23p+13r. Kelly, dalla panchina, segna 14p e Rivers ne aggiunge 10. Contro St. Jhon’s (83-76), invece i Blue Devils sono al comando per tutti i 40 minuti di gioco, resistendo al tentativo di rimonta dei Red Storn nei minuti finali del match. Top scorer della serata è Kelly che chiude con 16p e 9r. Giocano un’ottima partita anche Mason Plumlee (15p+17r), Dawkins (14p) e Rivers (12p e 5ass). Ora Duke giocherà @Virginia Tech e contro Miami.

 

8. Kansas Jayhawks (17-4)

Perde terreno Kansas che in settimana subisce la prima sconfitta nella Big 12. Eppure i Jayhawks avevano cominicato con il piede giusto, conquistando un’importante vittoria sul proprio parquet contro Texas A&M (64-54). Ancora una volta il protagonista del successo è Robinson che chiude con 18p, 10r e 4 stoppate. Taylor continua il suo buon momento segnando 17p, mentre Whitey segna 10p e piazza 8 stoppate. Ma, come già anticipato, la sconfitta arriva sabato sul campo di Iowa State (64-72). Contro i Cyclones, Kansas soffre per tutto il match, ritrovandosi spesso ad inseguire, senza riuscire mai a piazzare il giusto break per conquistare la W. A fine partita l’intero quintetto dei Jayhawks raggiunge la doppia cifra: Robinson (13p e 7r), Whitey (10p), Taylor (16p+10ass), Releford (10p) e Johnson (10); ma non bastano per evitare la sconfitta. Ora per ripartire, e conservare il primo posto nella Big 12, Kansas ospiterà Oklahoma, prima di giocare, sabato, sul campo di Missouri (#4).

 

9. Michigan State Spartans (17-4)

Dopo una settimana difficile, gli Spartans conquistano due vittorie e ritornano nella top 10 del ranking. Prima arriva la schiacciante vittoria contro Purdue (83-58). Dowson è il top scorer a quota 14, Nix dalla panchina ne mette 12, Thorton 11 e Appling 10. Green chiude con 8p, 12r e 7ass. Dopo gli Spartans hanno ospitato Minnesota (68-52). Altra W, la numero 400 per coach Izzo. Il migliore per Michigan State è Green che segna 22p, raccoglie 14r e distribuisce 6ass; mentre Dawson si conferma a buoni livelli segnando altri 16 punti, aggiungendoci anche 4 stoppate. Per continuare questo buon momento ora gli Spartans giocheranno @Illinois e poi ospiteranno il derby contro Michigan (#22) per la rivincita.

 

10. Murray State Racers (21-0)

I Racers restano ancora imbattuti ed entrano per la prima volta nella top 10 nella loro storia. In calendario c’era una sola partita per Murray State, contro Eastern Illinois. Come detto è arrivata la vittoria, 73-58, firmata dai soliti Poole (18p e 6ass) e Canaan (18p). Il cammino dei Racers continuerà adesso contro Southeast Missouri State e @Tennesse-Martin.

 

11. UNLV Running’ Rebels (20-3)

Due sofferte vittorie per UNLV in settimana, entrambe all’overtime. La prima, contro Boise State (77-72), arriva grazie ad un parziale di 13-8 piazzato nell’OT, dopo essersi fatta recuperare 5 punti di vantaggio negli ultimi 2′ dei tempi regolamentari. Per i Running’ Rebels il migliore è Moser che chiude con una doppia doppia da 18p+21r, Stanback aggiunge 15p con 5/13 al tiro e Bellfield 13p con 6ast. Pochi giorni dopo è la volta di Air Force (65-63). Ancora una volta UNLV si fa recuperare 4 punti nel finale di partita, e all’overtime sono una tripla di Bellfield (15p e 7ast) a 2′ dalla fine, e un recupero di Stanback (2p e 1/10 al tiro) nell’ultima azione del match a dare la W ai Running’ Rebels. A fine serata il migliore per UNLV è Moser che piazza un’altra grande doppia doppia da 27p e 12r. Per continuare questa striscia di vittorie i Running’ Rebels giocheranno prima contro Colorado State e poi @Wyoming.

 

12. Florida Gators (17-4)

Per i Gators, in settimana, arrivano la quarta e quinta W consecutiva. Cominciano vincendo sul campo di Ole Miss (64-60), al termine di un match in cui sono stati a lungo sotto nel punteggio (-10 all’intervallo) e che solo negli ultimi 4′ sembra davvero nelle mani di Florida. Per i Gators il migliore è Young che segna 15p uscendo dalla panchina. Walker chiude con 10p e 9ast, Boynton ne mette 12, mentre Beal si ferma a 9 con 0/3 da tre. Sabato, sul parquet di casa, è poi arrivata una prestigiosa vittoria contro Mississipi State (#16) per 69-57. I Gators dominano a lungo il match, controllando il punteggio senza troppi problemi nella seconda metà di gara. Top scorer è Beal che segna 19p con 6/9 al tiro e 3/4 da tre; Murphy ne segna 14, Walker 10 e Rosario, dalla panchina, ne aggiunge 12. Florida adesso ospiterà South Carolina e Vanderbilt per cercare di allungare la propria striscia di vittorie prima della trasferta @Kentucky (#1).

 

13. Creighton Bluejackets (20-2)

Salgono a 10 le W consecutive dei Bluejays, vincendo senza troppi problemi le due sfide che avevano in calendario questa settimana. Battono Drake (77-69) stando avanti per 40 minuti, grazie all’ennesima grande prestazione di McDermott che segna 30p con 10/14 al tiro, ai quali aggiunge anche 9r. A dare una mano all’ala ci pensano Echenique (11p e 7r) e Manigat (15p con 5/7 da tre). La seconda vittoria arriva contro Bradley (73-59). McDermott si conferma il migliore dei suoi, segnando 24p, ancora con 10/14 al tiro; Echenique piazza una doppia doppia da 14p+10r, e Jones 14p dalla panchina. Ora Creighton giocherà contro Illinois State e @Northern Iowa.

 

14. Georgetown Hoyas (16-4)

Perdono posizioni gli Hoyas che escono sconfitti dal parquet di Pittsburgh, nel loro unico impegno settimanale. Il punteggio finale è 60-72, con gli Hoyas che non riescono mai ad entrare in partita, trovandosi sempre sotto nel punteggio. Vanno in doppia cifra per G’Town Porter (14p e 6r), Thompson (11p) e Sims (10p e 5ast). Adesso Hoyas dovrà ripartire prima ospitando Uconn e poi USF.

 

15. Marquette Golden Eagles (18-4)

Due vittorie per Marquette che non interrompe il suo momento positivo. Contro USF (67-47) i Golden Eagles dominano per l’intero match, trascinati dal solito Johnson-Odom (17p con 6/15 al tiro), mentre Crowder e Gardner ne aggiungono 15. Sul campo di Villanova, Marquette recupera 18 punti di svantaggio e piazzano un parziale di 8-0 per chiudere la partita. Ancora una volta il migliore per i Golden Eagles è Johnson-Odom che chiude con 26p, 6r e 5ast; coadiuvato da un ottimo Crowder (doppia doppia da 20p+11r), mentre Wilson segna 12p uscendo dalla panchina. Le prossime sfide di Marquette saranno contro i Pirates di Seton Hall e @Notre Dame.

 

16. Virginia Cavaliers (17-3)

Due importanti successi per i Cavaliers in questa settimana. Contro Boston College (66-49) arriva una semplice W. Scott guida i suoi con 18p, Mitchell (10p) e Evans (10p e 6ast) vanno in doppia cifra. La seconda vittoria, più sudata, arriva sul campo di NC State (61-60), resistendo al tentativo di rimonta finale provata dai Wolfpack. Virginia, che comanda per l’intero match, ha come miglior realizzatore Scott che segna 18p, mentre Zeglinski e Harris arrivano a quota 12p. I Cavaliers ora giocheranno contro Clemson e poi @Florida State (#24) per cercare di scalare altre posizioni nel ranking.

 

17. San Diego State Aztecs (18-3)

Settimana amara per gli Aztecs che, dopo aver ottenuto un semplice successo sul campo di Wyoming (52-42), grazie alla buona partita giocata da Tapley (12p) e Franklin (12p+11r); subiscono una scottante sconfitta sul parquet di Colorado State (60-77). Gli Aztecs non entrano mai in partita, trovandosi sempre a rincorrere, senza mai riuscire ad impensierire i Rams. Per San Diego State non bastano in 24p e 10r di Franklin, e i 10p di Tahmes e Tapley. Ora gli Aztecs dovranno cercare il riscatto ospitando prima Boise State e poi TCU.

 

18. Saint Mary’s Gaels (21-2)

Restano imbattuti nella WCC i Gaels che conquistano altre due W. Sul campo di Loyola Marymount, dopo un primo tempo equilibrato, Saint Mary’s prende il largo conquistando il successo per 71-64. Il migliore è Holt che segna 19p, Dellavedova chiude con 13p e 7ast, Jones firma la doppia doppia da 11p+15r e Waldow ne mette 10. La seconda vittoria arriva senza alcun problema sul campo di BYU (80-66). Top scorer della serata è Waldow che segna 19p e raccoglie 8r; Jones sfiora la doppia doppia chiudendo con 13p e 9r, mentre Dellavedova finisce con 10p, 7r e 4ast. Per continuare imbattuti il proprio percorso nella West Coast adesso i Gaels ospiteranno San Diego.

 

19. Wisconsin Badgers (17-5)

Continua il gran momento dei Badgers che conquistano un importante successo contro Indiana (#17). A guidarli alla vittoria è la propria difesa, che concede all’attacco degli Hoosiers solo 50 punti, rendendo sufficienti i 12p di Evans, e i 10p di Taylor e Bruesewitz. Reduci da un ottimo momento, ora Wisconsin giocherà @Penn State e poi contro Ohio State (#3).

 

20. Indiana Hoosiers (17-5)

Perdono posizioni gli Hoosiers che in settimana subiscono una brutta battuta d’arresto proprio sul campo di Wisconsin (#25). Frutto di un attacco pessimo, Indiana perde 50-57, con i soli Watford (12p) e Jones III (12p) che vanno in doppia cifra. Il riscatto per gli Hoosiers arriva sul proprio campo contro Iowa (103-89). Stavolta l’attacco gira al massimo e ben sei uomini vanno in doppia cifra. Top scorer della serata è Zeller che segna 26p; Watford arriva a quota 15p, Jones III segna 14p e distribuisce 9 assist. Gli altri a scollinare oltre quota dieci punti, sono Sheehey (10p), e i due “panchinari” Elston (11p) e Oladipo (12p). Dopo un periodo di alti e bassi adesso gli Hoosiers dovranno cercare costanza di rendimento giocando prima @Michigan (#22) e poi @Purdue.

 

21. Florida State Seminoles (14-6)

Continua il buon momento dei Seminoles che conquistano un’agevole vittoria contro Wake Forest (75-52). Il migliore per Florida State è Snaer che segna 18p con 6/9 al tiro, Gibson ne mette 10p e White 11 uscendo dalla panchina. La settimana prossima i Seminoles giocheranno contro Georgia Tech e Virginia (#18) per confermarsi leader nella ACC.

 

22. Mississipi State Bulldogs (17-5)

Perdono posizioni i Bulldogs che in settimana conquistano una vittoria e una sconfitta. Prima faticano più del previsto ad avere la meglio su LSU (76-71). A trascinare Miss-State al successo è Moultrie che segna 28p e raccoglie 12r, a dare un importante aiuto all’ala sono Hood (13p), Bost (9p+10ast) e Steele (15p uscendo dalla panchina). La L per i Bulldogs arriva poi @Florida (57-69) in una partita in cui Mississipi State si trova subito ad inseguire, e nel finale di partita perdono colpi senza riuscire a combattere fino alla fine per la vittoria. Moultrie firma una doppia doppia da 12p+13r, Bost ne mette 12p e Bryant 11, ma non servono per ottenere la W. Adesso i Bulldogs dovranno ripartire, ospitando Auburn con l’obiettivo di conquistare la vittoria.

 

23. Michigan Wolverines (16-6)

Per Michigan arriva la prima vittoria esterna nella Big Ten, vincendo sul campo di Purdue (66-64). Protagonisti della partita sono Hardaway Jr. (19p), Morgan (12p+7r), Douglass (12p) e Smotrycz (10p partendo dalla panchina). Pochi giorni dopo, sempre in trasferta, arriva la sconfitta @Ohio State. Il finale è 64-49 e i Wolverines, escludendo i primi minuti di partita, non riescono a restare a contatto con i Buckeyes. In un attacco che gioca male, gli unici a salvarsi sono Hardaway Jr. (15p) e Burke (13p). Michigan resta in corsa per la vittoria della Big Ten, e le prossime due partite, contro Indiana e @Michigan State, saranno molto indicative per capire quali sono le possibilità dei Woverines.

 

24. Gonzaga Bulldogs (17-3)

Una sola partita, e una vittoria abbastanza comoda per Gonzaga in questa settimana contro Portland (74-62). I Bulldogs nonostante un pessimo 1/11 da dietro l’arco, mettono in mostra un buon attacco che vede Bell (18p) essere il miglior realizzatore, ma giocano un’ottima partita anche Harris (17p+10r), Sacre (16p) e Pangos (12p). Superato questo ostacolo, ora i Bulldogs continueranno il loro giro di trasferte sfidando BYU e Pepperdine.

 

25. Vanderbilt Commodors (16-5)

Rientrano in classifica i Commodors che al momento si trovano al terzo posto nella SEC e sono in un buon periodo di forma; a conferma arrivano due W questa settimana. Conquistano un semplice successo contro Tennesse (65-47), guidati da un ottimo Taylor (23p e 9r), e con Jenkins che gioca una buona partita conclusa con 16p. La seconda W arriva, con non poche difficoltà, contro Middle Tennesse (84-77). A trascinare Vandy al successo è Jenkins (26p) che segna 7 punti negli ultimi 4′. Ezeli aggiunge 21p con 11/13 ai liberi, e Taylor ne mette 17. Per continuare questo buon periodo ora i Commodors giocheranno due partite in trasferta, @Arkansas e @Florida (#11).

 

 

…escono di classifica:

Connecticut Huskies (14-6)

Escono di classifica gli Huskies che in settimana subiscono un’altra sconfitta, stavolta sul parquet di casa, contro Notre Dame (48-50). UConn continua il suo momento difficile, faticando a trovare la giusta chimica tra le sue tre stelle: Lamb, Napier e Drummond. Gli Huskies restano una squadra dal potenziale da prima della nazione, e per il prosieguo della stagione possono recitare il ruolo di outsider. Da qui al termine della stagione UConn ha tutte le possibilità di tornare nel ranking, e se dovesse trovare la giusta chimica…

 

Kansas State Wildacats (15-5)

Dopo aver conquistato una semplice vittoria contro Texas Tech (69-47) grazie ai 16p di Irving e 13p di McGruder; perdono inaspettatamente contro Oklahoma (60-63), pagando una brutta serata al tiro dalla lunga distanza (3/17) e con il solo McGruder (19p) che gioca ad un ottimo livello nella metà campo offensiva. La L subita sul parquet di casa, è costata l’esclusione dal ranking ai Wildcats che la settimana prossima giocheranno sul campo dei lanciatissimi Cyclones di Iowa State e poi contro Texas A&M. Due sfide difficili per poter rientrare nella top 25.  

Post By Galians (53 Posts)

Dalla prima partita di LeBron seguo il mondo NBA, la coppia Buffa-Tranquillo mi ha fatto innamorare! La semifinale tra Duke e UConn nel torneo NCAA 2004 invece mi ha fatto scoprire un mondo ancora più fantastico, quel college che produce passione e talento, Marzo è il mese più bello dell'anno. @Rgalians su Twitter

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.