E gara 7 sia. Probabilmente nessuno dopo la fine del 3° quarto, con i Clippers avanti di 19 punti, si sarebbe mai aspettato un epilogo del genere.

Eppure,in quelli che sarebbero potuti essere i loro ultimi 12 minuti di questa stagione, i Rockets trovano la forza, non solo di rimontare, ma addirittura di vincere questa partita. 

Nell’ultima frazione di gioco, coach McHale prova una mossa a sorpresa: fa accomodare Harden in panchina. Senza quello che fino a poco tempo fa era uno tra i candidati al premio di MVP, i Texani segnano 40 punti e portano la serie a gara 7.

 I primi due quarti sono un trionfo degli attacchi: 126 punti segnati (64-62 per i Clippers). Nel 3° quarto Chris Paul e soci trovano l’allungo che sembra essere quello decisivo per chiudere partita e serie.

Harden spara a salve: a fine partita i punti per il Barba saranno 23 ma con un rivedibile 3/14 dal campo. I Rockets sembrano essere al capolinea quando precipitano sul -19: messi alle strette, i Razzi di Houston reagiscono.

Josh Smith comincia a sparare da 3 ripetutamente (4/7 dalla linea dei 7.25 e 19 punti totali), Corey Brewer contribuisce con punti pesanti (19 complessivi anche per l’ex Gators) e in difesa la squadra lavora più che egregiamente. 

Infatti, Blake Griffin che fino al 3° periodo aveva infilato 28 punti, non segna più. Non basta ai Clippers l’ennesima prova monumentale di Chris Paul (doppia doppia da 31 punti e 11 assist). Il tabellone luminoso, alla fine dei 48 minuti di gioco recita 119-107 per i Rockets.

La franchigia di Houston che sembrava ad un passo dal burrone, ora si ritrova a giocare l’ultima e decisiva gara di questa serie tra le mura amiche del Toyota Center. Ai Clippers rimane il rammarico di aver gettato alle ortiche un’occasione ghiottissima per chiudere la serie ed andarsi a giocare le finali di conference, le prime della loro storia.

Post By Raffaele Loffredo (11 Posts)

Studente universitario,classe ’91,appassionato di sport Americani,principalmente di basketball e football.

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

One thought on “I Rockets rimontano dal -19 e vincono Gara6

  1. McHale finalmente ha capito che il bench-a-Harden rende molto di più dell’hack-a-Jordan.

Commenta