Pocket

Botta e risposta. Dopo il canestro at the buzzer di Rose in Gara 3, stavolta è James a decidere sulla sirena Gara 4, portando i Cavs sul due pari nella serie, grazie a questa vittoria per 84-86.

I Bulls, orfani di Gasol non arruolabile per la partita, hanno parecchio da rimpiangere. In un incontro dal punteggio basso, dove le difese si sono fatte preferire agli attacchi, i padroni di casa hanno prodotto gli allunghi più importanti, col demerito di non azzannare mai la partita, consentendo ai Cavaliers di riuscire sempre a rifarsi sotto.

Nel secondo quarto il primo allungo di Chicago, che sale sul 37-29, per poi perdere la bussola, con 6 minuti senza trovare il canestro. Cleveland apprezza e mette un parziale di 16-0. Nel terzo quarto lo strappo più incisivo, con il massimo vantaggio sul 69-58. Di nuovo passaggio a vuoto per i Bulls e parziale di 23-5 per i Cavs, che si rifanno avanti.

Poca lucidità e molti errori da ambo le parti. Alla fine tra i padroni troppi spreconi e gli ospiti sotto tono, soprattutto fisicamente, si arriva sull’84 pari. Si pensa ancora una volta all’overtime, ma ancora una volta c’è qualcuno a non essere d’accordo.

A timeout esauriti, Blatt approfitta della pausa presa dagli arbitri per vedere quanto resta da giocare, e improvvisa uno schema con James a battere l’ultima rimessa. Ma il Re non ci sta, cancella quanto preparato e decide, o la vinco io o si va ai supplementari. LeBron si prende la patata bollente e la mette li, sul fondo della retina.

Buzzer beater decisivo, tanto per mostrare a Rose di non essere da meno, e serie rimessa in ordine. Da annotare come Butler, molto solido in difesa come di consueto, lasci a desiderare proprio su quest’ultimo possesso.

Nonostante una partita altalenante, con ben 8 palle perse e molto nervosismo, anche nei confronti degli arbitri, James si prende la responsabilità più grande, e si fa perdonare una partita non impeccabile.

Dall’altra parte, Chicago paga la poca continuità. In più i quintetti piccoli di Thibodeau, hanno sofferto molto la presenza dei lunghi avversari, uno su tutti Mozgov, dominante in area.

Le statistiche rispecchiano l’andamento del match, ricco di errori e ribaltamenti.

Cleveland tira col 38.7%, solo il 20.0% da tre e il 95.8% ai liberi. Chicago per contro ha il 36.0% al tiro, il 42.9% dall’arco e il 91.7% dalla lunetta. Rimbalzi a favore degli ospiti, 44 a 40.

A livello individuale, per i Cavs, James realizza 25 punti 14 rimbalzi e 8 assist. 15 punti per Mozgov, 13 per Smith, 12 per Irving e Thompson. Per i Bulls, Rose ne mette 31, Butler 19, mentre Noah realizza 8 punti e 15 rimbalzi.

Tutto in equilibrio quindi, si torna in Ohio sul due pari. Serie fin qui non esaltante, dove l’improvvisazione e la poca freschezza fisica la fanno da padrone. Cleveland paga le defezioni e la scarsa condizione, Chicago ha mostrato solo a sprazzi l’organizzazione e la tattica con cui Thibodeau è in grado di fare la differenza.

Quinto atto previsto per mercoledì 13 maggio, ore 1.00 AM.

Post By Alessandro Infante (36 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.