Quattro successi casalinghi su quattro incontri disputati, questa notte, con la sola sfida tra Hornets e Thunder a tenere alta la tensione fino all’ultima sirena.

Negli altri tre incontri, infatti, Miami ha avuto la meglio su Washington, privata ancora della sua prima scelta assoluta; Dallas si è aggiudicata il derby texano contro i deludenti Rockets; mentre Utah si è sbarazzata facilmente dei Bucks alla ES Arena.

Washington Wizards @ Miami Heat 94 – 105

Vittoria importante per gli Heat di coach Spoelstra, sul quale iniziano a circolare pesanti indiscrezioni, e protagonista di un faccia a faccia privato e chiarificatore con LBJ poche ore prima del match.

I Washington Wizards non costituiscono cerco un test probante, anzi, se possibile, pur vincendo, gli Heat hanno involontariamente confermato quello che sembra essere il loro più grande limite, con il trio Bosh-James-Wade a realizzare 76 dei 105 punti di Miami. L’ex Raptor ne mette 20 con un brutto 5 su 14, James arriva a 30, condendoli con 6R 5A e 7TO, mentre Wade ne mette a referto 26 con 8R e 6A.

Sull’altra sponda si salva il Gilberto nazionale, 23 5R e 7A con 9 su 21 dal campo, mentre un JaVale McGee insolitamente uscito dalla panchina si limita ad una scheletrica doppia doppia da 10 e 10.

New Orleans Hornets @ Oklahoma City 89 – 95

Vittoria targata Westbrook per i Thunder, contro uno dei team più sorprendenti di questo primo mese di regular season.

12 dei 25 punti del #0 di OKC, infatti, arrivano in quel parziale di 14 a 0 chiuso sull’88 a 81 Thunder a meno di un minuto dalla fine. Paul, 17 e 14A, prova a riaprirla prima con una tripla in comode rate dalla linea dei liberi, poi trovando Ariza sull’arco per il -4. Nell’altra metà campo, Durant, 26 e 11R, fa 4 su 4 a cronometro fermo e con la successiva tripla di Belinelli si spengono sul ferro anche le ultime velleità di New Orleans.

Houston Rockets @ Dallas Mavericks 91 – 101

Ennesima solida prestazione per Dirk Nowitzki, che con 20P 10R e 3BS festeggia degnamente la nomina a Player of the Week per gli scorsi sette giorni. A coadiuvare il tedesco ci pensano Caron Butler, 19P di cui 13 nel solo terzo periodo, e, dalla panchina, Marion e Barea con 14 e 11.

Per i Rockets pessima serata al tiro, con il .358 di squadra, nonostante una panchina da 48 punti complessivi, Lee 13, Miller 11 e Hill 10. Martin ne mette 17 con 4 su 15.

Milwaukee Bucks @ Utah Jazz 88 – 109

Sesta W consecutiva per i Jazz, che restano a ridosso della vetta della Western Conference battendo senza troppe difficoltà una Milwaukee deludente e sfortunata in questo avvio di stagione.

Brilla finalmente la stella di Al Jefferson, 22P e 11R per il centro ex Wolves, mentre D-Will smazza la solita doppia doppia da 22P e 10A. Bene anche Watson e Price dal pino, 22P con 9 su 15 in combo.

Per Milwaukee si salvano il solito Jennings, 27P 4A e 3S, ed il redivivo Ilyasova, in quintetto per la seconda volta consecutiva e autore di 18P 6R e 3S.

Post By Max Giordan (979 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

128 thoughts on “Miami respira, Dallas e OKC crescono

  1. prima le spintonate al coach ora le mani addosso con gli avversari tra due partite prevedo la sparatoria a cleveland!!!

  2. ahahah a cleveland sarà far west…

    a parte gli scherzi, miami in casa con i wizards senza wall avrebbe vinto anche senza coach.. troppo divario tecnico tra le due squadre..
    i test sono altri..
    james comunque chiede la testa di spoelstra..

  3. Replico qui in relazione al post di ieri, vista la pioggia di critiche dopo che avveo proposto, come quello più fattibile, lo scambio Melo X Curry+Chandler

    Mi dite tutti che è molto misero, ma io non vedo: A come Denver possa permettersi di tirare la corda, visto che Melo all’80% se ne andrà gratis via fra 8 mesi. Gratis! Senza giocatori, scelte, niente di niente in cambio. E abbiamo già visto nei casi di Raptors e Cavs cosa sighnifichi ciò per squadre in realtà “provinciali”: il deserto.
    Dall’altra parte, e giustamente, non vedo perchè squadre che potrebbero prendere melo in cambio di nulla fra 8 mesi, dovrebbero smontare ora la squadra: io se fossi Chicago e Nets, ma neanche con la pistola puntata alla tempia darei via Noah o Lopez, date le circostanze!
    Allora occorre trovare un punto d’equilibrio tra le due cose. E visto che qualcuno qui ha sbandierato un possibile scambio con giocatori tipo Q-Rich e Pietrus, uno bollito e l’altro limitato e con pochi margini di crescita, io credo che un 23enne che gioca nello stesso ruolo di Carmelo e che secondo me già dall’anno prossimo a Denver potrebbe viaggiare a 18-20 di media sia una buona contropartita. O preferite il nulla per denver (dato che Noah, Lopez e Gallinari, direi anche giustamente, se li scordano)?

  4. big o
    d’accordissimo col tuo discorso, alla fine come dici te denver rischia di perderlo per nulla quidni tanto vale portare a casa un buonissimo giocatore chandler oppure il gallo.. dipende da cosa nel caso offrisse new york..
    ok che a livello di talento lo scambio sarebbe in favore dei knicks che prenderebbero una stella in cambio di un ottimo giocatore, però date le circostanze denver rischia seriamente di perdere melo senza trovarsi niente tra le mani..

    ripeto che per me gli unici che possono o si devono muovere sono i magic o i mavericks che con melo aggiungerebbero il tassello mancante per lottare fino all’ultimo.. le altre possono benissimo aspettare a fine stagione..

  5. williams ormai costantemente 20p e 10a fortissimo, utah sesta di fila mi sorprendono in questo inizio di stagione avrei previsto un calo senza boozer invece adesso stanno facendo anke meglio. Miami ke vincono…ci mancherebbe altro contro washington senza wall in casa.

  6. Non ho sbandierato nulla, ho solo messo le possibili contropartite di Orlando… Che non erano Pietrus Q Rich ma Carter, uno dei primi 2, Anderson e forse pure Redick… Un contratto in scadenza 3 buoni giocatori… E Chandler è tutto da vedere in un sistema non D’Antoniano, che notoriamente droga le statistiche…

  7. Ripeto il mio commento di ieri…

    Dico, ma lo avete visto giocare Chandler? Zero selezione di tiro, zero intelligenza cestistica, e nn vedo neanche tutti questi margini di miglioramento…boh, ma che ci fanno i Nuggets?

    Tanto vale perdere Melo gratis, risparmi i soldi suoi, di Kenyon e fra un po’ pure di Billups

  8. IYW

    Perdonami, ma per un giocatore in scadenza cosa vuoi che ti offrano le squadre, 3/5 di quintetto?

    Pietrus e Redick sono tutt’altro che brutti giocatori….

  9. Ottima vittoria casalinga per i jazz. Sono sempre più convinto che Utah sia più forte dell’anno passato, perchè Al jefferson dà una dimensione difensiva che la squadra non aveva negli anni passati. Pur non essendo mobilissimo è un fattore a livello intimidatorio che Boozer non è mai stato. anche ieri per Big Al 4 stoppate! In più rispetto all’anno passato abbiamo un back-up nel ruolo di play ottimo in watson (anche ieri 7 assist per lui conditi da 12 punti), che permette a ronnie price di entrare da guardia, ruolo che a tratti ricopre anche deron williams. Sono molto curioso di vedere come sloan gestirà le rotazioni col ritorno di Okur e chi partirà dalla panchina, perchè a mio parere okur e jefferson insieme non sono molto proponibili in situazioni di confronto con ali grandi veloci. Certo i jazz al completo hanno un’ottima panca, molto meno celebrata rispetto ad altre, ma a mio parere inferiore a poche, perchè se è stata accolta come una buona aggiunta ad esempio theo ratliff per i lakers come cambio lunghi, se permettete io preferisco francisco elson, più giovane, più atletico, più sano e con esperienza in squadre da titolo!

  10. iyw
    comunque chandler ha 16 punti di media, ha comunque solo 23 anni, resta un ottimo giocatore.. e poi come già detto per un giocatore in scadenza è ovvio che la squadra che perderebbe il giocatore in estate un minimo ci perda….

  11. ak47
    d’accordissimo con te anche a me convincono molto questi utah jazz.. nettamente migliorato rispetto allo scorso anno..
    deron williams sontuoso, miglior play assolutamente della lega, raja bell ottimo difensore con un discreto tiro, kirilenko è in scadenza e in più ha ripreso a giocare per la squadra, millsap è esploso quest’anno, e al jefferson è molto meglio di boozer a mio avviso..
    la panca è ottima watson-price-cj miles-elson-okur.. l’unica cosa forse non mi convince molto hayward, tecnicamente ottimo, ma forse la nona chiamata è un po’ troppo..

    comunque ad ovest mine vaganti sono i mavericks e i jazz, hornets come previsto stanno perdendo colpi..

  12. Purtroppo l’unica nota stonata al momento è proprio hayward, ma diamogli tempo, anche perchè con sloan al primo anno si fatica un pò a giocare. è un classe ’90, ma se riesce a esplodere e giocare come ha fatto al college l’anno passato, pensa al secondo quintetto jazz con hayward da ala piccola e cj miles guardia al posto di price. un vero lusso!!!

  13. Show

    Scusami, ma per Melo, anche se in scadenza, credo che Denver voglia molto più che “tutt’altro che brutti giocatori…”

    Iggy

    Chandler fa 16 punti a partita con D’Antoni, nn proprio attendibile. Ha l’intelligenza cestistica della mia scrivania, nn sa cosa sia un passaggio, e nn si capisce che ruolo abbia. Nessuno nega che possa crescere, quello che qua mi pare nn si riesca a capire, è che il contratto in scadenza quello di Melo, nn di, boh, Devin Harris

    E per un giocatore franchigia (con tutti i suoi limiti), nn bastano giocatori “tutt’altro che brutti”, o semplici progetti. Serve gente con le palle

  14. perdere melo gratis sarebbe da stupidi, meglio scambiarlo con future prime scelte nel draft, con squadre che si sanno che non andranno nei playoff, e che quindi avranno prime scelte alte nella lottery….perderlo gratis sarebbe da coglioni…meglio scambiarlo con giocatori giovani dal draft…

    • sì quello è vero però credi che melo voglia andare ai timberwolves, ai sixers o ai pistons per poi trovarsi una squadra peggiore di prima??
      poi sapendo come è la lottery anche la squadra col record peggiore può perdere posizioni e la 4 scelta può non rivelarsi così utile..

  15. in your ways
    ok però allora che scambio faresti?? cioè pensi che i nets scambino devin harris oppure i bulls diano noah? oramai penso sia inevitabile che i nuggets perdano melo.. solo che a scambiarlo adesso riescono comunque a portare a casa discreti giocatori che non sono giocatori franchigia però buoni giocatori..
    mentre se non fanno niente rimangono con in mano un pugno di mosche..

    su chandler ti do in parte d’accordo, che non abbia la testa giusta per sfondare ok, però tecnicamente è validissimo, ottimo tiro, ottima penetrazione, uno capace di venire dalla panchina e di garantirti punti e sostanza..
    certo non vale la metà di melo però vista la situazione..

    comunque i nuggets per me stanno un po’ tastando il terreno, vedono chi offre meglio per melo considerando che il giocatore vuole andare solo in determinati contesti..

    • ci vogliamo mettere sulla testa che stiamo parlando di uno dei primi 10 se nn dei primi 5 giocatori della lega? uno degli attaccanti più devastanti della lega di appena 26 anni e nn di un jamison 34enne? vi sembra che possa aver senso scambiarlo x discreti giocatori come (con statistiche tra l’altro drogate) come chandler o con giocatori bolliti quali carter e q-rich o ancora con giocatori molto limitati come air-france? va bene che rischio di perderlo per niente, ma io mi sentirei offeso di queste proposte, preferirei perderlo gratis e tentare il tutto per tutto quest’anno.

      io delle squadre che potevano imbastire delle trade più interessanti le avevo trovate. la prima è dallas, una contender che può mettere sul piatto butler (nn una prima stella, ma sicuramente migliore di chandler e nn bollito con tra l’altro una contratto in scadenza) e beaubois (buon giovane con più margini di miglioramenti rispetto a chandler, anderson e redick), inoltre con l’acquisto di melo dallas si porterebbe ai livelli dei lakers.

      l’altra che avevo immaginato era golden state, dato che è una squadra giovane che sta facendo bene, può offrire ellis (realizzatore tremendo e molto giovane) più contratti in scadenza e con melo diventerebbe una mina vagante dato che il quintetto sarebbe curry, wright, melo, lee, biedrins (decisamente talentuoso). l’unico problema è capire se ha voglia di andarci nella baia, ma se andrebbe nell’attuale ny, perchè nn dovrebbe andare ad oakland

      tra l’altro si può sempre pensare ad una situazione contraria, cioè denver ha il contratto in scadenza di martin e per quale motivo nn dovrebbero provare a utilizzarlo per portare qualcuno tra le montgne rocciose?

  16. Visto l’esempio LeBron, io al posto di Melo farei un pò di riflessioni prima di andare via da Denver.
    Poi alla fine magari LeBron avrà ragione e vincerà il suo titolo, però non la sta vivendo bene, è passato da un ambiente in cui tutti lo veneravano come Dio, a un ambiente dove ha problemi col coach, senza contare il pubblico che prima o poi inizierà a spazientirsi.

    • Ma che va a farci Melo a New York??? Io fossi in lui spingerei per i Bulls….Lou Deng + Gibson + scelte future…….mica proprio male…….

  17. IYW

    Il problema è proprio quello… Non è Denver ad avere il coltello dalla parte del manico…. O decide di perderlo gratis o accetta le offerte altrui, ben sapendo che la contropartite non includeranno giocatori di prima fascia… Poi lo si anche io che per Melo bisognerebbe sacrificare il 90% dei giocatori franchigia delle altre squadre…. Tu sei stato molto chiaro sulla tua posizione -“meglio perderlo gratis”-, io sono per la corrente opposta… Direi di chiudere qui il discorso e vedere come si evolverà la cosa.

  18. Utah sta giocando bene e continua ad essere un’ottima squadra ma in ottica p.o questi son troppo bassi per poter ambire al titolo..e mi spiace un casino perchè è una di quelle squadre dove tutti sanno cosa fare..dove c’è un vero sistema di gioco sui due lati del campo.

  19. scherzi a parte, la mia speranza è di vederlo il prox anno in quel di new york al fianco di stat e magari anche cp3..

  20. Il discorso Anthony è complicato anche dal probabile lockout dell’anno prossimo. Se non si trova un accordo con Denver, rischia di dover firmare un nuovo contratto con le nuove regole che sicuramente saranno penalizzanti.
    Perciò Denver non ha interesse a lasciar scadere il contratto, ma neanche Carmelo ce l’ha. E non ce l’hanno neanche le squadre interessate a lui, che in un’ipotetica nuova asta rischiano di restare a becco asciutto di nuovo.

    Sembra tanto un coltello senza manico…

  21. Ok, io sarò di parte in quanto tifoso dei bulls, ma rispetto alle varie voci di scambio che ho sentito quella proposta dai bulls (gibson, deng e la prima scelta dei bobcats) non mi sembra tanto male per denver

  22. ma uno scambio con washington?
    è oggettivamente una discreta squadra, con wall e melo sarebbero una discreta realtà, giovane e con un contorno ricostruibile

    in cambio? Arenas. questo sa giocare e lo sanno tutti, anche se sembra diventato il giocatore più odiato e scarso del globo. ed è altrettanto ovvio che arenas e i wizards hanno tutto l’interesse a separarsi

  23. Showstopper

    Io sono perfettamente d’accordo con te col fatto che il coltello dalla parte del manico ce l’ha Melo, però ritengo anche che Denver nn abbia alcun interesse a mettersi in casa giocatori che nn siano più che utili alla causa…e per me Chandler nn lo è…

    Ci sono squadre, come Dallas (Beaubois, Butler), Bulls (Deng, Gibson, Brewer) Rockets o Portland che secondo me potrebbero dare di più in cambio. Poi oh, nn dico che nn possa finire ad Orlando o NY. Certo sarà anche difficile trovare acquirenti, le squadre che possono dare talento giovane in cambio sono tutto fuorchè contenders, e perderebbero Melo questa estate

  24. Arenas ottima contropartita per un Melo, ma ha un contratto troppo vincolante oltre al suo carattere imprevedibile, altrimenti sarebbe già andato via da Washington.
    E poi la convivenza con Billups dove la mettiamo? Arenas deve avere la palla in mano quasi sempre, per me gli serve una squadra che abbia bisogno di una PG anche se lui è più realizzatore che assistman.

    Deng? Meno talentuoso e decisivo di Arenas, più discontinuo, contratto altrettanto pesante e vincolante.
    Tirate voi le conclusioni…

  25. Cmq è sbagliato paragonare la situazione dei Knicks con quella dei Warriors, ad esempio. Al momento è più completo e valido il roster di Golden State, nn ci sono dubbi. Ma se io sono una superstar NBA vado a cercare gloria non solo in una grande piazza, ma dove so di trovare un’altra superstar che con me forma un duo notevole attorno al quale mi auguro venga costruito in fretta qualcosa di buono.
    Se poi so che un certo Chris Paul è tentato da unirsi al gruppo il prima possibile, allora la scelta è davvero facile…

  26. i nuggets o si accontentano di giocatori di contorno oppure lo lasciano andare gratis a giugno…e,piuttosto che fare la fine di toronto con bosh, credo che i vari pietrus e redick sarebbero abbastanza utili alla causa(+ contratto scadenza di vince)

  27. per me invece se togli ellis, warriors e knicks si equivalgono.. e non ci piove che melo preferisca andare ai knicks.. è la sua prima scelta..
    per il resto, chicago e dallas sarebbero le più appetitose, buone squadre, discrete contropartite, dipende tutto dalla volontà di melo…

    • è vero gsw senza ellis e ny al completo si equivalgono. il problema è che x prendere melo anche ny deve togliere qualcuno. adesso prova ad immaginare ny senza ad esempio il gallo (visto che x me è l’unica contropartita sensata): a mio avviso i warriors senza ellis valgono decisamente di più di ny senza il gallo

  28. cmq melo non necessariamente deve scegliere una squadra in base al fatto che cia sia un altra stella di grandissimo valore…guardate i tre fenomeni di miami che figura stanno facendo fino ad ora…chris paul invece milita in una squadra che non ha grandi nomi che pero ha un record positivo….secondo me e la pensa anche federico buffa, rimanere a denver per la situazione che ce non sarebbe una scelta del tutto errata, l unica cosa e che e una squadra poco futuribile, pero la base ce…io fossi in denver cercherei di svecchiare la squadra, anche se risulta difficile….cmq farei di tutto per tenerlo…se proprio e lui che vuole andarsene allora lo cambierei per future scelte nel draft

  29. cambiando argomento, cosa ne pensate di tutti questi free agent rimasti??
    -jamal tinsley
    -aleksandr pavlovic
    -adam morrison
    -antonio daniels
    -ike diogu
    -mikki moore
    -larry hughes
    -ronald “flip” murray
    -jarvis hayes
    -jerry stackhouse
    -antoine walker
    -antoine wright
    -jannero pargo
    -trenton hassell
    -mark blount
    -darius miles
    -damien wilikins
    -desmond mason
    -sean williams

    dai non sono poi così male, qualcosa di buono c’è ancora..

  30. Space Jam Urban Legend
    It was reported on ESPN Sportscenter and other media outlets that Gordon as a child played the role of Michael Jordan’s son Marcus Jordan in the movie Space Jam. IMDB lists an “Eric Gordon”, born circa 1989 as playing the role. However Eric Gordon said in a Chicago Sun Times article that he has only met Jordan twice; both times at Jordan’s high school all-star games.

    (non ricordo chi aveva sparato sta cazzata).

    comunque concordo con Iyw. se devo portarmi a casa carter e altra paccottaglia (con tutto il – non eccessivo – rispetto per il giocatore che è stato), preferisco tenermi melo e provare a convincerlo a restare. cosa non facile ma almeno tanto vale provare e mettergli pressione addosso e tentando a gennaio di fare qualcosa.

    mi piacerebbe vederlo ai clippers, a portland o a dallas. perchè altrimenti l’ovest si impoverisce troppo.

    qualcuno ha visto t-mac giocare? a parte le statistiche, impressioni su come sta in campo?

  31. Visto che stiamo facendo fantabasket perchè Melo non potrebbe andare nella ridente Sacramento? Di gente buona Denver ne avrebbe a partire da Cousins, Thompson, Garcia, Greene, Dalembert (contratto in scadenza) e perchè no Evans.

    La mia è una provocazione ma il punto è il solito: che vuole fare il ragazzo? Vuole andare a NY perchè è NY, perchè con D’Antoni si vincerà un titolo, oppure vuole andare in una contender? NY non è una contender anche con lui, in più il gioco d’antoniano fa ridere, quindi o si va a Chicago oppure a Orlando. Dallas la vedo assurda perchè non so come coabiterebbe con il tedescone. Portland già sarebbe meglio.

    Sono fazioso lo so ma a me Westbrook mi fa impazzire. Esagererò ma vedo più decisivo lui nei finali del gemello Kevin. Mi sembra di vedere quella faccia tosta e fiducia tipico di chi si sente forte. Durant ha i mezzi per esserlo ma se dovessi dare l’ultimo pallone preferirei vederle nelle mani di Russell.

    Intanto Spoeltra gongola per la sua ultima o penultima W. Certo che Fonseca ha resistito a Wade ma non a James.
    Quando ci sarà la gara tra CLE e MIA? Me la gusterò.

  32. iggy

    Morrison, Murray, Pavlovic, Pargo, il meglio del meglio. A parte gli scherzi mi piace Daniels e Diogu non è malaccio. Tinsley sarebbe ottimo, sarebbe purtroppo.

    Ma se alla fine Melo rimanesse a Denver? Nei prossimi 2 anni i Nuggets avranno spazio salariale per acquisire freeagent. Insomma Melo può sempre essere una calamita per potenziali acquisizioni. Certo senza di lui Denver non è che sia il massimo ma neanche un lager.

  33. E se melo lo prendessero i jazz x il russo con contrattone in scadenza e cj miles e hayward ad esempio?

  34. LEbrone a Denver e Anthony a Miami…questo era il giocatore perfetto per noi!!!
    Cmq se Wade nn regala un quarto o come ieri un tempo possiamo divertirci lo stesso!
    MV3

  35. @ iyw

    scusa era per iggy. scherzavo sulla tremebonda lista di free agent.

    per i tifosi knicks: ma randolph possibile che faccia così cagare? cazzo mi aspettavo molto di più, sembrava un ottimo prospetto.

    secondo me i clippers dovrebbero fare qualcosa per smollare il barone. anzi, i clippers dovrebbero fare qualcosa per smettere di essere i clippers. tipo cambiare proprietà e valorizzare quell’animale di griffin dandogli una squadra. magari in qualche modo arrivasse melo

    bledsoe, gordon, melo , griffin, kaman.
    scusa se è poco…

  36. Alert concordo in pieno, io fossi nei Neggets resisterei ad ogni offerta e proverei a convincerlo, spazio ne hanno anche loro nei prossimi 2 anni! poi se va via amen, ripartiranno da zero, ma scambiarlo per carter, deng e compagnia a cosa servirebbe, a ripartire da 1? vale la pena rischiare se non arriva un’offerta adeguata

  37. Alfredo

    Però detto sinceramente…se i Bulls offrissero Deng e Gibson, un pensierino ce lo farei…Deng è sempre messo in mezzo ad ogni trade, che nn sia un fenomeno nn ci piove, ma ha 25 anni, è uno scorer di alto livello, difende, e tutto è fuorchè un rompicoglioni…il che nn guasta mai…

    Gibson ha 25 anni, è un giocatore solido, nn una stella, ma un 4 che se affiancato da un 5 decente fà il suo. Certo nessuno dei due sarebbe un giocatore franchigia, però sarebbero una buona base a cui affiancare man mano dei compagni di alto livello…

  38. che squadre ci sono in giro a parte miami (discorso a parte) e toronto (discorso a parte, ma proprio rispetto all’nba) ad avere bisogno del cosiddetto play? per me il Barone ormai è fuori dai giochi, non riesco a trovare una squadra a parte i raptors in cui potrebbe essere appetito..

  39. Ma “Sexy” Jerome James “gioca” ancora o si è dato definitivamente al porno… Sul sito NBA non esiste più… Tra l’altro come lo definì Buffa: “vicerè del money for nothing” (il re era Marbury)

  40. Ci sono tante squadre che con melo sarebbero contender immediate!!!!
    Il problema è trovare una contropartita valida, cosa non troppo facile, e capire che passa per la testa di melo, non vorrei che facesse lo stesso errore di lebron, che secondo me si è fatto attirare più dalle figurine che dalle reali qualità delle squadre in base alle sue caratteristiche!!!

    esempio, per me le soluzioni ideali per lui e credo che anche a contropartite possano starci sono magic e bulls, ma soprattutto orlando dovrebbe sacrificare qualcosa in più di quello che si è letto.
    i magic dovrebbero dare il polacco, reddick e pietrus + una scelta x melo
    i nuggets riceverebbero un lungo, che benchè non sia un fenomeno è un lungo e due ottimi giocatori di complemento + una scelta da poter usare per la panchina, inoltre a fine anno gli scade il contrattone di kenion martin e potrebbero utilizzarlo per prendere un bel giocatore da affiasncare a billups
    bhe i magic che ve lo dico a fare, nelson-carter-melo-lewis-howard, a livello di quintetto tanta roba, panchina piuttosto corta, am chissenefrega!!!

    Coi bulls secondo me la contropartita da trovare è più dubbia, perchè di deng col contrattone non me ne faccio molto, gibson è un lungo(più o meno) che comunque sostituisce kmart e la scelta , sinceramente non conosco la posizione, quindi non mi esprimo, però se utilizzati bene i soldi di kmart mi permetterebbero di rimanere non dico competitivo ma accettabile!

    altra soluzione per vincere sarebbero i jazz, ma se fossi denver vorrei un lungo a tutti i costi, in modo da avere in casa il sostituto di martin o un quarto lungo di valore a nello utha non ne vedo, quindi nada per me

    Poi c’è l’opzione dallas, che però per me presenta lo stesso problema e cioè il lungo come contropartita, e non ne vedo che possano venire via da la, quindi il resto mi interessa relativamente

    Per me ny non ha una che è una posssibilità di portar via melo tramite trade, se non sono pazzi a denver, non vedo un giocatore cedibile di ny che possa interessargli, sinceramente neanche gallinari

    Per me rimane un’altra opzione che è quella dei clippers con kaman e altro come contropartita,a formare un bel terzetto con gordon e griffin ma sono i clippers e sinceramente non vedo la luce hehehehehehehe!!!

    Altra roba non ne vedo, e sinceramente se fossi denver sarei interessato all’offerta di orlando, però non so se sia possibile dal punto di vista salariale, quindi al momento è tutto avvolto nel mistero!!!!

  41. ak47

    melo farebbe diventare contender alcune squadre, come jazz, bulls, mavs, e in parte magic(che contender gia lo sono…ma hanno fatto la cagata di carter)

  42. Gatzu

    Ecco, al polacco nn ci avevo pensato…quello si che secondo me sarebbe appetibile…lui da cambio di Howard nn ci vuole giocare, un 5 da 15 minuti a partita i Magic prima o poi lo ritrovano (che ne so, un Turiaf, Pachulia, Mohammed, una roba così…), e Marcin con 30 minuti a disposizione potrebbe risultare interessante…

    Ci metti poi Vince, Pietrus (o un Reddick, o quello che ti pare), e forse Denver ci potrebbe anche stare…poi d’estate scade Martin, scambi Billups (che secondo me mercato ne ha), e via con la gioventù (JR, Lawson, Nenè, Gortat)

    Con Melo, Orlando avrebbe quel giocatore che negli ultimi due minuti si prende i palloni che scottano…certo in difesa lui e Lewis potrebbero essere un bel problema…però nn è che Vince incanti troppo…

  43. iyw
    Io sinceramente carter non lo vorrei e preferirei pietrus e reddick, però non so se è necessario per la situazione salariale, se devo ripartire preferisco farlo con gia due discreti giocatori, abbastanza giovani ma con esperienza e che non rompono, senza andare sul mercato freeagent, però ribadisco, non so la situazione salariale!!!

  44. In your ways: vero, Deng a me piace un sacco, perchè è uno di quei giocatori di cui nessuno parla, e invece in campo si fa il culo, difende, e ha punti nelle mani, oltre ad essere relativamente giovane, però chiama sempre 11 milioni, mica noccioline…! io resto dell’idea che l’ipotesi più affascinante per Carmelo sono i Clippers, che potrebbero offrire Kaman(che sano è un bel giocatore), e una scelta alta visto il record di quest’anno! a quel punto Griffin-Gordon-Melo sarebbero caxxi amarissimi per molti, servirebbe solo avvelenare il Barone e disfarsi del suo contratto…

  45. forse la miglior gara in assoluto dei big two più bosh.
    wade e lebron hanno segnato 56 punti in due ma hanno messo a referto anche 11 assist e 14 rimbalzi.
    ok che il test contro i wizards era tutt’altro che impossibile,però sono sempre segnali positivi,i due possono e devono completarsi a vicenda…

    certo che arroyo in quintetto non si può vedere,meglio non sottovalutare il rientro di mike miller,non un fenomeno ma un giocatore importante che in attacco potrà dare una grossa mano agli altri tre.
    strarà a spoelstra decidere come utilizzarlo.
    io lo farei partire nel quintetto di partenza con lebron playmaker.
    il tiro di miller e soprattutto i suoi movimenti senza palla torneranno utili,quindi penso che vedremo ben altra versione offensiva da parte degli heat con lui sul parquet.
    lebron playmaker e un progetto che può starci,considerando che il numero 6 degli heat passa la palla meglio del 95% dei playmaker puri di questa lega,poi con tutto il rispetto un conto e far girare la squadra quando in campo hai arroyo o chalmers e un conto e farlo con un tiratore come miller che resta sempre un giocatore offensivamente fastidioso…

    con miller ovviamente non risolvi niente da un punto di vista fisico sottocanestro,ovvero quello che resta,dampier o non dampier,il limite più grande di questa squadra.
    però l’impressione che il rientro di miller potrà essere la chiave per sbloccare definitivamente il duo di fenomeni,quello che alla fine fa la vera differenza per questa squadra…

  46. ak47
    mi sa che con questa offerta servono tre contratti di melo hahahahahahahahaha!!!!!!

  47. Io tutti gli scambi che coinvolgono Carter, Kirilenko e giocatori simili (in scadenza e super-pagati) li eviterei fossi nei nuggets, se devo far scadere un contrattone mi tengo quello di Carmelo che almeno vale quello che guadagna…! ecco gortat-redick e pietrus quello si che sarebbe uno scambio come suggeriva gatzu, certo la panchina dei magic si indebolisce e non poco, però hai finalmente il go to guy…

  48. logico che la panchina si indebolisce un pò, soprattutto non hai un sostituto di howard che comunque è solito avere problemi di falli, però per melo ci sta e comunque qualcuno alla dampier lo trovi, per il resto hai richarson, duhon, bass e sicuramente dimentico qualcuno, quindi neanche il nulla cosmico, inoltre carter prima o poi scade, secondo me sarebbe positiva per tutte e tre le parti, forse troppo e per questo non si farà, troppo facile!!!!!!
    Il quintetto però sarebbe di altissimo livello, fra i primi tre sicuro!!!!!

  49. sul discorso melo ci si dimentica che la causa principale di questo possibile divorzio con i nuggets si chiami alani vazquez,ovvero la moglie di melo.
    si dice che lo voglia a tutti costi portare in una grande città,su tutte new york…

    ho letto che al loro matrimonio celebrato la scorsa estate abbia fatto brindare cp3,amare e suo marito per un eventuale unione futura ai knicks.
    non sottovalutiamole queste cose,vedere il caso pechino con i tre amici che oggi giocano negli heat…

    infatti a pensarci bene la cosa strana e questo improvviso malumore di melo.
    io onestamente ero uno di quelli che sono rimasto più “spiazzato” dalla non volontà di melo di prolungare il contratto con i nuggets e quindi di forzare un addio.
    i segnali non erano questi prima della scorsa estate.
    poi se ci pensiamo bene tutto questo rumore e iniziato dopo la scelta di lebron,il che potrebbe voler dire che melo abbia aspettato le mosse di lebron per prepararare le proprie.
    una volta che lbj ha scelto gli heat e non i knicks lui e la moglie probabilmente hanno pensato che i knicks erano la destinazione migliore…

    comunque da segnalare le ultime dichiarazioni di gallinari sulla gazzetta dello sport di qualche giorno fa.
    a domanda se si fosse mai considerato un giocatore incedibile per i knicks,lui ha risposto più o meno così:

    “dal primo giorno che sono ai knicks mi hanno subito detto che in questa lega le cose possono cambiare in fretta e quindi meglio non illudersi”…

    io onestamente conoscevo un altra storia,almeno i knicks hanno sempre sostenuto il contrario nei confronti del gallo…

  50. vabbè si facevano ipotesi. cmq kirilenko è in scadenza, okur prenderebbe il posto di martin in scadenza e hayward è un rookie.

  51. Ak47

    Denver nn ci fa niente con un Okur di 31 anni sempre rotto…AK è in scadenza, ed il rookie nn mi sembra ancora così appetibile…

    Alfredo

    Nessuna persona sana di testa va a giocare ai Clippers…tu parli di talento, ma ai Clippers per essere da titolo servono minimo 3-4 anni. Ed i centri sono merce troppo rara per privarsene così a cuor leggero

    Il loro 3 i Clippers lo hanno in casa, scelto all’ultimo Draft. Melo resterebbe 4 mesi, e poi farebbe le valige, sicuro al 1000%. Sarebbe uno scambio inutile per tutti, tranne forse che per i Nuggets

  52. gallo
    bhe però se un atleta professionista ragiona così è giusto che non vinca nulla, comunque penso che se a denver arriva la proposta dei magic, melo ci va e di corsa, e poi rifirma pure alla svelta perchè se vuole vincere e non fare il buffone quella è una squadra con potenziale per i prossimi 5 anni!!!!
    Oggettivamente ny, anche con lui non va da nessuna parte, servono almeno altri 2 giocatori dopo lui, e uno dei due deve essere deron o cp3!!!!!!!!

  53. Melo
    Dovremmo partire da un presupposto: i Nuggets vogliono in una eventuale trade un centro. Il fatto che premessero per Noah ne è la testimonianza. Per cui Dallas è improponibile: inoltre la convivenza tra Melo e Nowitzki non mi sembra percorribile.

    Orlando farebbe al caso loro perchè potrebbero offrire Gortat, + altri a scelta. Polacco molto buono, solo che il suo valore non emerge appieno perchè oscurato da superman.

    Altre franchigie che potrebbero dare qualcosa di appetibile non ne vedo salvo Clippers (Kaman) e Portland (Oden). Oden potrebbe essere una pedina spendibile, certo è rotto ma non si sa mai. Portland rinuncerebbe al centro ma avrebbero un signorino sano e niente male.

    Ovvio che se poi Melo decidesse di andare a NY senza se e senza ma perchè desidera diventare il compagno di stanza di Chris Paul allora non ci sarà trade che tenga.

  54. alert70
    scusa ma denver che accetta oden come contropartita non si può sentire, non sanno neanche loro se lo rifirmeranno perchè questo sta a pezzi, mi sembra improponibile, anche se portland ha tanta roba che può interessare, ma non un lungo e di sicuro non oden

    Sui jazz non saprei, hanno così tanto spazio salariale da poter puntare melo?????
    sarebbe tantissima roba, ma non credo

  55. Secondo me queste storie delle mogli sono delle grandi puttanate…Melo può cambiare una ragazza a sera se vuole (e magari lo fa), pensare che le paturnie di una tizia possano pesare al punto da condizionare la carriera di uno così…poi Anthony, uno con un ego grosso come tutto il Colorado, che si fa condizionare…nn ce lo vedo proprio…

    No, io direi che invece LBJ ha sfondato una porta (facendo da parafulmine per tutte le critiche di questo mondo), che Melo o CP3 potrebbero seguire presto…ormai gli Stockton ed i Malone nn ci sono più, le bandiere che si sacrificano ad oltranza per una sola maglia anche se nn vincono mai sono in via di estinzione…e personalmente nn mi dispiace affatto…

    Melo è in Colorado da 8 anni, si potrà dire che ha guadagnato una barca di soldi, ma grazie (anche) a lui i Nuggets sono arrivati nel 2009 dove mai erano arrivati prima. Billups ha 34 anni, e quello che rimane del supporting cast nn ti mette chissà quale allegria (anche se nn è malaccio). Se ha voglia di cambiare aria, fa più che bene

    Lo fa per avere maggiori possibilità di vittoria? Perchè attratto da un mercato maggiore? Per giocare accanto a qualche amico alla CP3? Comunque cavoli suoi, fa benissimo. Stiamo vedendo con Miami che il basket nn sono le figurine, nn basta mettere 3 fenomeni assieme per avere la W in tasca

    I proprietari lucrano a dismisura sui giocatori, ed in tasca glie ne viene molto, quindi se Melo è stato pagato Tot, è perchè Tot x 2 (o x 3, etc) ha fatto rientrare nelle tasche dell’owner. Vedere lo schifo che ha fatto questa Estate Gilbert, che senza LeBron starebbe ancora a pascolare le vacche in Ohio, mi fa vomitare

    Preferisco veder un giocatore cambiare maglia,che marcire in una realtà mediocre come KG a Minny. E se per qualcuno è lealtà (verso cosa? solo perchè ti pagano? E la lealtà verso te stesso dove sta?) ha deciso di rimanere, ha ragione tanto quanto LBJ, Bosh o chiunque altro decida di andarsene

    Nn ho sentito mezza parola di critica verso Joe Johnson, che ha 29 anni ha deciso di rimanere agli Hawks, nn per “lealtà”, ma solo perchè i soldi che prende lì nn glie li dava nessuno. E così facendo, si è forse giocato le ultime chance di lottare per il titolo. Nn ho sentito mai criticare quei giocatori, avendo la player option, nn escono dal contratto, anche se sono strapagati, anche se nn si alzano dalla panca, anche se diventando free agents potrebbero raggiungere una title contender

    La misura del “tradimento” di una star è la sua fama? Le aspettative dei tifosi? Il suo potenziale? A questo punto preferisco un LBJ che dice chiaramente che vuole vincere, e per farlo rinuncia a diverse decine di milioni di dollari

  56. In your ways: “Nessuna persona sana di testa va a giocare ai Clippers”…ahahahahah, porca miseria, ma sti Clippers non se li fila nessuno? aminu è bravo e lo scrissi anche qualche giorno fa, merita minuti, hai ragione, e come già dicemmo ai Clippers servirebbe un maestro sulla panca, e capire se hanno pazienza (3-4 anni come dici tu),e se tutti credano al progetto perchè la base è ottima!
    gallo: sembra chiaro che Melo voglia i Knicks, anche se con Lebron sembrava lo stesso…! la cosa certa è che Danilo sarà ceduto in caso di arrivo del 15 di Denver, e a mio avviso per la sua crescita del ragazzo uscire dal sistema D’antoni non sarebbe sta tragedia

  57. gatzu83

    per me se melo va ai knicks e perchè ha già la parola di cp3.
    tutto un movimento a catena,così come e stato per gli heat.
    davvero qualcuno pensa che bosh sia andato agli heat senza avere la certezza che anche lbj lo avrebbe raggiunto?

    ricordo che lebron in conferenza disse che aveva scelto all’ultimo momento,nessuno sapeva cosa sarebbe stata la sua scelta,nemmeno gli heat.
    io non ci credo…

  58. comunque questa storia delle bandiere di una volta e piuttosto falsa.
    in ogni decennio qualche grande campione ha sempre cambiato maglia o avrebbe voluto farlo…

    nell’era jordan,drexler lasciò i blazers per raggiungere olajuwon,barkley lasciò i sixers per i suns e poi gli stessi suns per i rockets.
    olajuwon nel 93 voleva lasciare i rockets,idem ewing con i knicks prima che arrivasse pat riley.
    lo stesso payton abbandonò i sonics per finire ai bucks.
    chamberlain lasciò i warriors per andare ai sixers e poi ai lakers.
    robertson lasciò i royals per andare nei bucks di kareem,stesso karrem che dopo qualche anno a milwaukee decise di trasferirsi ai lakers.
    walton non finì la carriera nei blazers e potrei continuare ancora…

    le bandiere esistono o non esistono oggi come e sempre stato.
    anche oggi ci sono i bird i magic i russell o gli stockton,che possono essere kobe,pierce,duncan o nowitzki…

  59. gallo
    ma anche a ny, hanno tutti questi soldi per firmare tutti e due, per di più con l’incognita nuovi contratti??????? io non credo, se non vuoi fare come miami che ha smantellato la squadra per acquisire i tre amichetti, devi farlo tramite trade, ma non hanno materiale, quindi non saprei, come si è visto in tre non è scontato vincere, io se fossi in lui andrei ad orlando se si presentassero le condizioni, in alternativa ai bulls e in terza battuta ai jazz.
    Se vuoi vincere o provarci in tempi brevi, queste sono le strade reali, le altre per me non hanno queste possibilità

  60. gatzu83

    io fossi in lui andrei ai bulls.
    con rose,noah e boozer potrebbe formare un team vincente fin da subito e dal grande futuro…

    certo,credo che chiunque sia affascinato dalla città della grande mela e dai knicks,in più sono anche perdenti da 40 anni,altro punto a loro favore…

  61. Io invece preferirei che Minnesota non fosse considerata una realtà mediocre, e che Garnett avesse avuto la possibilità di vincere lì…! il salary cap rigido è una soluzione interessante, perchè il talento diluito gioverebbe alla lega, e lo dico da tifoso lacustre, la squadra che più di tutte sfora! francamente le differenze iniziano a diventare troppo nette, fra un pò l’Nba sarà come la serie A di calcio! certo che se poi un lebron, un artest, un barnes, si accontentano di prender meno pur di vincere, a quel punto siamo destinati all’implosione definitiva, perchè neanche il salary rigido potrà salvare la lega! ci saranno 5-6 franchigie pronte a vincere, le altre destinate all’anonimato!

  62. io anche fossi stato lebron sarei andato ai bulls hahahaha!!!! però non so perchè non ci va mai nessuno, bhoooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    comunque anche ai magic con howard non sarebbe male o ai jazz con deron!!!!

  63. Rafael

    Ma se i Jazz a fine stanno oltre 59 milioni, me lo dici come farebbero a prendere Anthony??? Manco se il gm diventa Lucky Luciano…

    • pardon, ho fatto confusione col cap vista la scadenza di Ak47..

      Guardando alla situazione generale dei salaries ho notato un paio di cose..
      Per Dallas è il definitivo “now or never” (visti i contratti pesantissimi di Marion e Haywood), a GS ci sono margini per lavorare bene in futuro puntando sul trio Ellis-Curry-Lee (cosi come a Indiana con Collison-Granger-Hibbert),
      Sacramento in primis, poi Houston, i ricchi Nets, i Knicks e Minnesota avranno molto spazio, ma per chi?

      PS: Molti lunghi in scadenza..Gasolino, Zach, Murphy, Humphries,Landry, Dalembert…

  64. gatzu

    Perchè Oden no. E’ un rischio bello grosso ma visto che vogliono un centro magari puntare su uno ora rotto che può guarire perchè no.

    Fossi a Petrie il GM dei Kings offrirei Dalembert + Evans per Melo. I Nuggets avrebbero un un probabile All Star che potrebbe convivere con Billups visto che tutto è meno che un play. Dalembert sarebbe in scadenza e quindi altri 12 mln da investire ai quasi 15 di K-Mart.
    I Kings avrebbero un All Star con un centro in prospettiva forte come Cousins e un salary cap più basso della lega. La sua presenza renderebbe più appetibile Sacramento e favorirebbe l’acquisto di freeagent (Paul nel 2012). Insomma si potrebbe riproporre quello che accadde con la rifirma di Webber.

    Alfredo

    I Clippers se cambiano owner diventerebbero immediatamente appetibili per chiunque. Basterebbe Prokororov alla guida per cambiare il vento. Invece Sterling intasca senza spendere più di tanto.

  65. Salary cap rigido? Si, buona opzione. Ma mi spiegate come fanno adesso le squadre? Ecco le squadre sopra il salary quest’anno:
    Boston 78
    Atlanta 68
    Charlotte 65
    Miami 67
    Phila 70
    Orlando 94
    Milwaukee 69
    Denver 83
    Golden state 65
    Dallas 87
    Houston 72
    Lakers 92
    Memphis 68
    Portland 70
    Phoenix 62
    New Orlans 66
    Utah 78
    San Antonio 70

    Molte di queste scenderebbero, per ovvie conclusioni di contratti. Ma se metti il cap rigido, praticamente nessuno può rifirmare e deve andarsene.

    Se questo non bastasse, la Eastern Conference paga circa 990 milioni di stipendi e la Western quasi 1020 milioni, per un totale di 2010 milioni. Se si divide questo numero 30 (stipendio medio di ogni squadra) si arriva esattamente a 67 milioni, cioè 10 milioni in più dell’attuale salary. Domanda del secolo: chi cazzo se lo riduce lo stipendio???

  66. Mailman
    Certo che se si abbassero lo stipendio non muore nessuno, cioè tutti a dire che Lebron ha fatto il grande gesto, perchè guadagna 14milioni invece di 20…! ma porca troia, mi spiegate cosa cavolo cambia nella vita di Lebron con questi 6 milioni in meno? a cosa deve rinuncare, alla casa? all’auto?

  67. Alfredo

    Son più che convinto che se ti dicono che da domani invece di 20 milioni ne guaagni 14, sta tranquillo che ti rode il culo come non mai. Poi a LeBron niente, perchè ne guadagna altri 30 dallo sponsor, ma ad un Joe Johnson sta tranquillo che di differenza gliene fanno eccome…

    Poi un’altra domanda: alle squadre che rimangono sopra il cap che gli fanno? Gli tagliano i giocatori?

  68. Guarda io non guadagno nulla purtroppo, se guadagnassi 2000 euro e domani me ne dessero 1400 mi roderebbe, francamente continuo a far fatica nel capire che differenza ci sarebbe nella vita di Joe Johnson guadagnando 13-14milioni invece di 20…! penso che chi sta sopra il cap debba tagliare qualche giocatore, fin quando non si rientra (magari lo si può anche alzare un pò rispetto all’attuale, visto che ad oggi sforano quasi tutte…)!

  69. lebron james parafulmine, l eroe che si sacrifica per la comunita nba…..inyourweis il tuo fanatismo per lebron e patetico….e solo un esaltato…certo ognuno gioca dove cazzo gli pare, ma la maniera di scegliere la squadra con the decision in televisione davanti a tutta l america dimostra la sua arroganza e il suo ego, kevin durant ha rinnovato in silenzio con gli okc thunder….

  70. Alfredo

    Oltre al trambusto dovuto a decine e decine di partenze, per far rientrare nel cap ogni stipendio andrebbe ridotto di quasi il 15%. Ti sembra cosa fattibile? A me sinceramente no…

  71. Mailman

    Il salary rigido sarebbe al momento gestibile per l’85% delle franchigie. Infatti se analizzi il payroll potrai notare come molte di esse che sono sopra scenderanno velocemente. Solo Heat (fino al 2014), Lakers (2014), Magic (2013), Hawks (2012 nel 2013 58 mln) e Celtics (2012) rimarrebbero al di sopra. Quindi se volessero farlo non sarebbe così traumatico e avremmo più talento diluito.

    Sono partito da un salary di 58 mln. Ritengo 60/62 una cifra adeguata che eviterebbe il disastro. Per quanto i big si possano limitare il proprio ingaggio non potrebbero scendere sotto i 12/14 a testa, quindi mettere tre di loro insieme diverrebbe impossibile considerando che sul libro paga ci sono 14 atleti.

  72. Vediamo Mailman, io non faccio l’economista, posso dirti che sarebbe bello che tutti spendessero la stessa cifra per i giocatori, in modo da rendere la lega più equilibrata! tu hai dato delle cifre prima, se il cap ad esempio fosse a 70 per farti un esempio, ai Lakers basterebbe tagliare Bynum e con l’uscita di Vujacic e Walton già rientrerebbero tranquillamente, non mi sembra sto dramma, rimarebbe uno squadrone, anche perchè Bynum non lo potrebbero prendere i Celtics, gli Heat, i Magic (costretti anche loro a tagliare) ma i Clippers o Sacramento…! ho visioni utopistiche, giusto?

  73. sul discorso bandiere sono d’accordo con gallo al 100%, IYW come sempre dice cose giuste e scevre di sentimentalismi
    Malone e Payton ai Lakers pur di vincere (il primo all’ultimo anno dopo una vita ai Jazz a due finali perse) mi infastidì, ma non è stato come un Richmond che si mise l’anello da spettatore giocando gli ultimi due minuti della gara decisiva o come G. Robinson agli Spurs e tanti altri (che tristezza) perchè giocò e dignitosamente, perdendo la sua terza finale (più tristezza) ma non è paragonabile neanche a Garnett che aveva ancora parecchie cartucce e non ha smesso ed è arrivato con una trade non male, non un furto insomma. L’anno dopo sarebbe andato via per niente come sarebbe per Melo insomma

  74. Alert abbiamo fatto un ragionamento molto simile, tra un pò Stern ci chiama per fare la riforma della lega :)

  75. Alfredo

    Concordo.

    Infatti guardando il payroll tutto stò casino non ci sarebbe. Poi che sia 62/65 o 70 sti cavoli basta che si finisca con questo strazio. Per paradosso che sia Melo potrebbe andare ai Lakers alla faccia dell’equilibrio. Non accadrà mai ma con le regole attuali sarebbe fattibilissimo.

  76. Alert

    Ma quei giocatori vanno tutti rifirmati e questo senza contare anche i rookie cui gli scade il contratto e che sparano cifre astronomiche.

    Alfredo

    1)L’unica cosa fattibile è una progressione graduale. Del tipo fissare il cap rigido nel 2014, dando quindi 4 anni alle squadre una possibilità per scaricarsi di tutti gli stipendi inutili.
    2) Fissare una cap rigido a non meno di 65 milioni
    3) Altra cosa da ritoccare sarebbero le estensioni; abbassare i massimi salariali.

    Ma in questo ragionamento va tutto a favore dei proprietari; che minchia ci guadagnano i giocatori???

    • in teoria ci guadagnerebbero comunque.
      poichè si andrebbe inevitabilmente per un livellamento della lega, ed i giocatori andrebbero a distribuirsi omogenamente in tutte le squadre, prendendo i contratti che “meritano”.
      un altro lato positivo sarebbe l’abolizione di tutte quelle cazzo di eccezioni che rendono il cap una buffonata…
      Si parla di utopie eh..

  77. ma diminuire il n° di squadre pare una cosa brutta?
    se si portasse l’nba a 22-25 max squadre,allora sì che ci sarebbe più equilibrio,meno taletno diluito,più spettacolo

  78. tifosokincks

    Sarebbe stupendo, ma è più impensabile delle dimissioni di Berlusconi…

  79. ieri sera parlavo con un tizio dai los angeles (un americano e un italiano che parlano dei clippers a buenos aipres è stata una bella scena) e lui mi ha detto che il problema è sterling ma non perchè è tirchio ma perchè ha la fama di essere un razzista. (il tipo mi ha raccontato un non so che episiodio famoso negli states ma ero ubriaco e nn ricordo). insomma c puô tende a non andare aip velieri per questo motivo.

    a chi chiedeva chi ha interesse a orendere il barone: secondop me i knicks lo prenderebbero eccome.

  80. per lo spettacolo sarebbe anche giusto ridurre le squadre.
    però ormai la frittata e fatta e sarebbe ingiusto togliere a certe città la loro squadra nba…

    vallo a spiegare a quelli di minneapolis di non vedersi più i twolves.
    poi sappiamo tutti che e nell’interesse di stern aumentare le squadre e portare la nba in nuove realtà(tipo las vegas).
    a stern dello spettacolo interessa fino ad un certo punto,anche perchè e consapevole che gli americani preferirebbero vedere una finale kobe vs lebron magari con 11 giocatori mediocri al loro fianco piuttosto che una finale dove il livello delle squadre e alto ma magari e privo di certi personaggi che alzano l’audience…

    la finale pistons-spurs e stata di altissimo livello,oltre ad essere molto equilibrata,eppure gli ascolti sono stati bassi perchè le finals 2005 non avevano quel personaggio in grado di attirare gli americani…

  81. è il maledetto ipad, non ci sono ancora bituato…
    comque si, ancora mezzo cappottato

  82. sarebbero tante le cose da cambiare.
    ad esempio ridurre il numero di time out o comunque eliminare certe pause che spezzano troppo il ritmo partita.
    poi voglio dire,una partita non può durare 2 ore e mezza…

    si potrebbero abbassare il numero di gare di stagione regolare.
    però e tutta una questione di interessi extra-basket,quindi e ovvio che non cambieranno niente…

    fosse per me obbligherei i giocatori a restare almeno 2 anni al college invece che uno.
    ormai il college basketball non si può più vedere,troppi interpreti importanti che fanno subito il grande salto.
    non mi sarebbe dispiaciuto vedere un wall un altro anno a kentucky,anche se dimostra che e già super pronto per la nba.
    però a quanti giocatori farebbe bene restare al college qualche altro anno,penso a beasley che magari sarebbe uscito più disciplinato…

  83. il barone lasciatelo ai clippers,giocatore senza più voglia di fare un cazzo,da quando i clippers lo firmarono,dopo che aveva detto di essere contento per il ritorno ad LA ha giocato nlla mediocrità assoluta,poi è sempre infortunato,sovrappeso,insomma che rimanga ad LA.
    e questo lo dice uno che era pure estimatore del barone ma in questi anni mi ha deluso

    • io dicevo nel senso che a cifre più basse è pur sempre una pg con tiro e penetra e scarica. magari una nuova destinazione lo rianima un po’…

  84. gallo

    concordo al 100%,bisognerebbe aiutare il college basketball,che mi affascina molto,insomma l’ultimo anno ha vinto duke grazie ad una grande programmazione,purtoppo è cambiata parecchio la mentalità,prima uno si faceva min 3 anni di college,ora invece troppi one and done,alcune di squadre ncaa partono da 0 ogni anno,invece di programmare,per me il college servirebbe davvero per i giocatori,perchè

    1)ti formano dal punto di vista del gioco
    2)ti formano dal punto di vista della persona(dovresti diventare più maturo,responsabile cc.)

    • sì, non avevo guardato il contratto. quello che voglio dire è che i knicks mi sembrano l’unica squadra seriamente interessata ad acquisire un play in stile davis. però pensandoci bene felton sta giochicchiando, e il barone non so come se la caverebbe col pick and roll con stoudmire. in definitiva forse ha ragione il postino. sono ancora rincoglionito da ieri. con buona pace di davis. comunque davvero mi sembra strana questa storia su sterling razzista, se stasera ribecco l’americano me la faccio raccontare meglio. e cercherò di essere più lucido. certo è che lui si definisce tifoso clippers da 20 anni, quindi qualcosa ne saprà.

  85. Gallo

    Ma c’è l’altra parte della frittata, ci può essere il caso del giocatore del ghetto povero e dal talento sconfinato che ha tutto il diritto di andare a giocare e guadagnare in NBA perchè altrimenti fa una brutta fine.

    Non tutti sono figli di Jelly Bean o di Rick Barry e hanno situazioni familiari stabili dal punto di vista economico.

  86. bodiroga

    vero anche quello,però insomma non è che prima fossero tutti giocatori ricchi e ora tutti dei morti di fame,che da un giorno all’altro rischiano la vita…
    ripeto,per me è cambiata proprio la mentalità,corey brewer tanto per dire,che mi sembra aveva molti problemi con la famiglia,perchè insomma non avevano il becco di un quattrino,dopo il 2° anno a florida dove vinse il titolo rimase il 3° anno per provare il back to back(e ci riuscì).
    kevin love che viene da una famiglia che se la passava piuttosto bene dopo un solo anno ha deciso di andare in nba.
    gente come kwame brown,curry,chandler per me almeno un paio di anni di college gli avrebbero fatto bene

  87. bodi

    vero che la maggior parte dei talenti dei college non navighi nell’oro pero anche 20 anni fa il problema esisteva solo che c’era una regola non scritta che obligava i giovani a restare minimo 3 anni al college.il college veniva visto come un percorso formativo non solo sportivo ma anche di vita,ecco quella mentalita e in via di estinzione ed e un vero peccato…

  88. insomma ognuno può fare quello che gli pare e quello che ritiene più giusto,io parlo così davanti al mio computer,magari con le offerte dalla nba,le compagnie che ti consigliano”ma che rimani a fare qui,vai a guadagnare i soldi” lo farei pure io,però magari non riesci a svilupparti come si deve riguardo il gioco e l’aspetto umano.
    non fatemi esempi come bryant,garnett,james,quelli rimangono dei fenomeni e delle rare eccezioni

  89. Facile parlare dietro una tastiera. Bisogna trovarsi in certe situazioni: Povero disgraziato con grande talento e possibile chance NBA.

    Cosa fai?

    1) Ti giochi l’NBA (con il rischio di fallire) ma hai gli anni garantiti dal contratto se finisci tra le prime 30 scelte;

    2) Fare il disgraziato, spacciare droga rischiando di essere ammazzato.

    Ognuno può fare quel che vuole con la propria vita quindi tornerei all’obbligo dell’high school e poi si fa una scelta, college, Europa o NBA.

  90. Il problema giovani si risolverebbe con una regola certa, ovvero due anni di NCAA per essere elegibile nella NBA. Punto.
    La NCAA se ne gioverebbe, i giocatori pure perchè seguiti da maestri e forse diverrebbero un filino più maturi.
    Così si eviterebbe che i talenti arrivino impreparati al piano di sopra. Il problema di essere poveri in canna, spacciatori etc… non sussiste. Le famiglie lo saprebbero e aspetterebbero un altro anno prima di intascare l’assegno dal loro figliolo.

    Sul fatto di essere una testa di caxxo beh l’NBA non li “aiuta” più di tanto, anzi la storia è piena di idioti strapagati che combinano casini, e non parliamo necessariamente di bambini di 19/20 anni.

    Sul salary ci sono tante idee. Ritengo che renderlo rigido sia l’unica chance di ripristinare un minimo di ordine e di equilibrio. Farlo in 2/3 anni andrebbe anche bene basta che si faccia.

  91. ragazzi non per fare il polemico a tutti i costi, ma l’articolo di playitusa sui tre di miami di oggi è veramente scandaloso. a parte jjhickosn (esaltato come pochi e col sangue agli occhi chissà poi perchè) credo che anche i più accaniti anti lebron di questo forum lo troveranno fazioso.

    che dite?

    • scusa, ma di quale articolo parli? degli “antipatici”?
      beh, mi sembra un pò troppo “pompato” ma non eccessivamente partigiano.
      poi di JJ non mi pare parli… mi sbaglio?

      • jjhickson intendevo l’utente del blog che continua a lanciare messaggi tipo “lebron testa di cazzo pezzo di merda eccetera”.

        beh a un certo punto arriva a dire che james non segna quando conta…

        come non segna quando conta?

    • assolutamente ridicolo quando dice”lebron segna quando non conta e non segna quando conta”!!!!

  92. crisi lakers,terza sconfitta di fila,quinta nelle ultime otte.
    phil jackson dovrebbe dimettersi,kobe dovrebbe ritirarsi,artest andrebbe tagliato e gasol e meglio che va a giocare nelle los angeles sparks…eheh

  93. Ahimè, credo che oggi non si farà altro che parlare dei motivi della “crisi” dei Lakers… chissà che non si rispolveri il famoso shampoo di Kobe heheh

  94. Fin quando non si arriva a 13 sconfitte, e Mailman perde la scommessa, la vedo dura per i Lakers…

Commenta