No Durant, no problem: firmato Russell Westbrook

11 le partite della notte, tanta carne al fuoco: impressionano le vittorie esterne di Oklahoma City a Boston, Chicago a Dallas e San Antonio a Salt Lake City.

Vediamo com’è andata.

Oklahoma City 89 – Boston 84
Senza Durant e senza Green, tirando il 43%, i Thunder vengono via da Boston con una preziosa W ottenuta grazie a Westbrook (31p 6a 4r) e al modo aggressivo di interpretare la partita (32 tiri liberi ottenuti, di cui 27 segnati). Per Garnett 16p ma solo 2r.

Memphis 86 – Washington 89
Ancora senza Wall, i Wizards vincono col loro inedito back court formato da Hinrich (22p 6a) e Arenas (24p 4a). I poco convincenti Grizzlies di questo inizio di stagione si affidano come al solito a Randolph (19p 12r) ma non basta.

Milwaukee 79 – Philadelphia 90
Attacchi in difficoltà nella partita giocata a Philadelphia: i padroni di casa vincono tirando il 40% (Young 23p 6r) mentre i Bucks riescono a fare peggio col 33% dal campo (Maggette 20p 6r).

Houston 96 – Toronto 106
Bella vittoria casalinga dei Raptors guidati da Bargnani (26p 6r) ben assistito da Kleiza (17p 4r). Non bastano i 31p di Martin e la buona prestazione di Lowry (11p 12a 7r).

Charlotte 87 – Miami 95
Pratica evasa per gli Heat, nonostante un poco incoraggiante 42% dal campo (James 32p 5a; Bosh 22p 14r); Jackson (30p) predica nel deserto, deludente Wallace (6p 9r).

Cleveland 101 – New Orleans 108
Nessun problema per gli Hornets, guidati questa volta da West (34p 11r); bene anche Belinelli (20p 5a) e ovviamente il direttore d’orchestra CP3 (15p 10a 5 palle recuperate). Bene come sempre la panchina dei Cavs, molto profonda (Jamison 20p, Session 16p) ma manca la stella a cui affidarsi nei momenti caldi.

LA Lakers 112 – Minnesota 95
I Lakers passano in scioltezza a Minneapolis annichilendo i padroni di casa con la loro difesa (Wolves tenuti al 39% dal campo, Love 0p con 0/7). Si salvano solo Beasley (25p 10r) e Milicic (23p 16r 5a). Per LA 16p e 14r per Gasol e 23p e 8r di Bryant.

San Antonio 94 – Utah 82
I Jazz perdono questa volta dopo essere stati davanti per lungo tempo: la rimonta si chiama Tony Parker (24p 7a 4r) e Tim Duncan (19p e 14r). Per il Caraibico punto n. 20.791 che ne fa il miglior realizzatore di sempre in maglia nero argento. Non basta, per i Mormoni, il solito Williams da 23p 4r 5a.

Chicago 88 – Dallas 83
Vittoria in rimonta a Dallas per i Bulls che sembrano trasformati dalla cura Thibodeau: bene Rose (22p 6a) e Gibson (17p 18r), sfidato dal suo coach ad essere più cattivo sotto canestro: missione compiuta. Non basta il solito Nowitzki da 36p e 8r.

New Jersey 81 – Sacramento 86
Tyreke Evans (20p 3r 4a) guida alla vittoria i suoi Kings, ben supportato anche dal rokkie Cousins (8p 10r). Se Kris Humpries (18p 10r) è il miglior giocatore dei Nets, allora c’è qualcosa che non va per la squadra di Avery Johnson.

New York 125 – Golden State 119
Sfida ad alto punteggio, e non poteva essere altrimenti, fra Knicks e Warriors: D’Antoni questa volta ha la meglio, anche perchè senza Lee Golden State fatica molto sotto canestro (42 a 33 i rimbalzi per i Knicks). 35 e 11 a per Felton, 26p e 11r per Stoudemire, 23p per il Gallo; dall’altra parte non bastano i 40p del solito Ellis e i 29p di Curry.

Post By Max Giordan (980 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

89 thoughts on “Thunders vincenti anche senza Durant, i Bulls espugnano Dallas

  1. dai numeri sembra che i tre italiani abbiano giocato bene. vorrei sapere però come ha giocato il mago nei minuti finali, che secondo me fa tutta la differenza tra un buon giocatore ed un ottimo giocatore.
    importante la vittoria dei thunder perchè sul campo dei celtics e sopratutto perchè senza durant. westbrook sempre più decisivo.
    lakers con un bryant che sparacchi un po’, 8/27 se non sbaglio. comunque sarà anche banale come commento, ma avere una panchina che ogni partita ti può sfornare prestazioni come quella di barnes stanotte (24pt) indubbiamente ti permette di gestire meglio per tutte e 82 partite le forze. sinceramente li vedo quelli messi meglio. comunque beasly MIP se ce ne è uno in questo momento.
    chi mi sorprende sono gli spurs…per carità mai sottovalutarli, ma una partenza con un 9-1 penso l’avrebbero pronosticata in pochi, vediamo se e quanto reggono. per me se in condizione possono ancora dire la loro, aspettando anche splitter ovviamente.
    hornets che continuano a non fermarsi. sinceramente credo molto in questa squadra, oltre ad essere follemente innamorato di cp3 :D.

  2. che dire vittoria ad oakland con punteggi molto alti,partita mostruosa di felton,bene gallinari che nel finale mette 2 triple pesanti,stat 26+11 con 10-12 al tiro,knicks con il 55% al tiro e il 44 da 3,insomma l’impressione è sempre quella…
    spurs che continuano a macinare vittorie,questa volta in casa dei jazz…
    saranno loro l’antagonista dei lakers?dureranno con l’andare della stagione?
    vittoria di okc a boston senza durant,westbrook dimostra di essere uno con i controcazzi.
    bene bargnani,che tira con ottime percentuali,raptors 2 vittorie in fila,kleiza ha un buon impatto dalla panchina.
    infine vittoria di chicago a dallas,prestazione di gibson da 17+18,non sò voi ma a me i buls intrigano parecchio,e deve pure giocare ancora boozer che può aumentare il livello di pericolosità in post.
    attenti ai bulls,potrebbero essere una pericolosa mina vagante ad est

  3. oh mamma un Love da 0 a 7r, un Milicic da 23 e 16r….non avranno mica invertito le righe del tabellino???
    cmq Minnesota è una squarda in forma, i Lakers quando non hanno partite ravvicinate e quindi non fanno tanti calcoli sulle energie da sprecare sono imbattibili per chiunque…se poi ci si mette anche quel pazzo di Barnes…….

  4. Parliamo di basket che è meglio: thunder spettacolari, con Durant e Green fuori espugnano il Garden, Westbrook io l’ho indicato come mip ad inizio anno, quest’anno come minimo vinceranno un turno di play-off e l’anno prossimo verosimilmente con un ultimo pezzo saranno contender…! bulls tosti tosti, sono un pò i thunder dell’est, altra squadra a cui manca l’ultimo tassello, con il rientro di Boozer avranno un’altra arma, ma già ora per me valgono la quarta piazza ad est (superiori ad Atlanta), ed il secondo turno dei play-off è alla loro portata! sono giovani e hanno un leader con i controcaxxi! heat che provano a trovare la chimica difendendo a 1000, è la strada giusta, anche se c’è molto da fare! lakers quest’anno hanno una panchina, e se hanno vinto senza averla, figuriamoci ora! due parole per odom: aveva ancora in testa cosa aveva fatto love allo staples, ha difeso seriamente, e il buon Kevin ha vissuto una serata da incubo! spurs bravi, io continuo ad essere scettico su di loro, son sempre gli stessi, quelli della disfatta 4-0 contro i suns, solo che gli anni passano, o hanno bevuto un elisir oppure a lungo andare pagheranno…

  5. cioè quest anno i lakers hanno pure la miglior panchina della lega,sopratutto con il rientro di bynum…
    che giocata di bryant sulla linea di fondo…
    concrodo con chi ha detto che beasly fino ad ora è l’MIP

  6. Direi che adesso è sicuro: i jazz hanno grossi problemi a rimbalzo!!In 13 partite di regular season hanno vinto un paio di volte di stretta misura il confronto sotto le plance e perso i restanti con ampio margine, come avvenuto anche stanotte contro gli spurs. e’ vero che boozer era molto più rimbalzista di jefferson, ma è mai possibile che stia tutta li la differenza? spero che il rientro del turco porti benefici, anche se ho un pò di dubbi.

  7. no ma comunque non è westbrook il leader dei thunders…no per niente.
    Ottimi gli italiani, heat che vengono trascinati da james e bosh, mentre wade sta toppando troppe partite, non sta benissimo, però per adesso è troppo discontinuo.
    Lakers minnie, gara delle non stelle come milicic e barnes, fa impressione vedere barnes che mette 24pts con 7 tiri, e kobe 23pts con 27 tiri, non capisco perchè continua ad avere ste sfuriate insensate, 27 tiri in 31 min…boh, inspiegabile anche considerando il roster che gli permetterebbe in teoria di giocare 33 minuti a gara senza mai forzare, boh?
    Lo odio quando fa così, così come odio vedere un james sparacchiare invece di giocare sistematicamente in post, dove con quel fisico non è fermabile, ma lui no, preferisce tirare da 9 metri, e vabbè.
    Spurs che se arrivano in forma ai playoffs possono far piangere chiunque.

  8. Al Jefferson è ancora in fase di rodaggio, se riuscisse ad entrare a pieno nei meccanismi di Sloan diventa un brutto cliente lì sotto….. ma la vera svolta è il recupero “mentale” di Kirilenko…. se torna ad essere il “cancellatore” di qualche anno fa allora la difesa Jazz cambia radicalmente….

      • Dai Matteo, non essere troppo severo nel giudizio su Jefferson…. Considera pure che con la penuria di lunghi di questi tempi uno col suo gioco interno può tornare molto utile….. Se Millsap continua a migliorare nel tiro da fuori I Jazz potrebbero schierare una front-line Millsap-Jefferson-Okur, con AK 47 dalla panca…. mica male in termini di tonnellaggio e rebounding….

        • io dico che è un giocatore fortissimo per certi aspetti e incompleto x altri, come la fase difensiva e non cerdo che su questo possa migliorare molto. inoltre ha già subito 2 brutti infortuni al ginocchio e la sua dinamicità ne ha risentito, certo se si fa un ragionamento nel sistema di dei Jazz posso capire la sua utilità ma non è certo un giocatore decisivo che può cambiare volto ad una franchigia. è arrivato a minneapolis come “pietra miliare” con lo scambio con Garnett e dopo 3 anni pur essendo la mia una franchigia disastrata non ne sentiamo la mancanza…

          sono invece d’accordissimo sull’importanza del ritorno del vecchio kirilenko, lui si che potrebbe fare la differenza tra una buona stagione ed una super!

  9. James tre volte ha superato quota 30 in questa stagione, tutte e tre le volte Wade ha toppato la partita tirando disastrosamente, strana sta cosa….

    • mamba
      non è molto strana questa cosa a mio avviso: se non si è capito lebron è il costruttore di gioco di questa squadra…e wade dovrebbe essere il leader offensivo.
      Ma se wade stecca la partita allora lebron deve salire di colpi.
      cmq parlando della vittoria thunder su boston…questo davvero mi fa pensare che è westbrook che ha le redini del team in mano…
      del resto, quando vedo giocare i thunder ho sempre l’impressione che sia westbrook a decidere cosa fare nei momenti decisivi,ho come l’impressione che sia lui che tenga sotto controllo la partita.
      Da questo punto di vista mi sembra che durant sia molto ma molto indietro…infatti per me non è tra i 5 piu forti della lega.
      PersonAalmente davanti a luii metterei sempre e cmq lebron kobe wade melo deron williams e cp3….

  10. Credo che si confonda “l’andare contro gli italiani” con il “non mi interessano particolarmente”. Perdonate, ma ho mentalmente buttato giù le frontiere degli stati da diverso tempo, sia a livello politico-sociale che cestistico. Non mi interessa da dove venga un giocatore, mi interessa come gioca e se rispecchia i miei gusti, tutto qui. A me gli italiani non piacciono particolarmente, quindi me ne disinteresso, ma ripeto: è solo una questione di gusti personali. Se alla gente piacciono, anche solo per il fatto di essere italiani, va bene così, affari loro. La cosa che però mi provoca noia è sentire ogni giorno una difesa a spada tratta e “speciale”. Per speciale intendo che per i 3 italiani si son fatti diecimila discorsi (adattamento, compagni, allenatore, rotazioni, sistema di gioco…) che potevano essere fatti per un buon 80% dei giocatori, ma ovviamente, se come dice Larrok hanno le palle nere (un po’ alla Gran Torino), allora sti cazzi…

  11. MP

    Mi sa che è la prima volta che concordiamo su Bryant… è vero, sputare fuoco in quel modo non ha minimamente senso

  12. sconfitta interna contro OKC
    abbiamo giocato completamente scazzati eppure bastava fare il minimo per vincerla
    comunque siamo una squadra che si deve gestire quindi ci sta di perdere qualche partita
    ok che mancava Durant ma i Thunder mi sembrano in involuzione
    l’anno scorso difendevano forte mentre quest’anno difendono poco e male

  13. Difetto che aveva a 20 anni, ce l’aveva a 25, ce l’ha ancora adesso e ce l’avrà per sempre, Kobe è questo, prendere o lasciare, concordo, non ha il minimo senso.

  14. La maggior parte della produzione del Mago è arrivata al solito nel primo tempo…però questa volta ha piazzato dei canestri decisivi per stoppare il parziale del 3° quarto di Houston e negli ultimi minuti del 4° per chiudere il discorso..speriamo duri.
    A leggere la Gazza il Gallo ha piazzato 11 dei suoi 23 nel finale della partita..speriamo sia anche lui in crescendo.

    Per quanto riguarda la nottata..partitONA di Westbrook e Celtics un pò col fiatone..

  15. mà..a me degli italiani interessa zero,diciamo che non li tifo a priori in quantom italliani(cosa di cui,tra l’altro,non ci sarebbe da andare troppo fieri direi),per cui li valuto come valuterei chiunque altro..di consegenza,dato che detesto i lunghi perimetrali e molli,detesto bargnani,tanto per non far esempi..partite notturne..bellissima w thunder, questi andranno lontano..per i celtici,in regular,capiterà,data età e dato che non credo che la regular gli interessi poi molto..miami cantiere aperto,ovvio che lebrone e wade ancora non si trovino.bene gli spurs,ma confido che i problema arriveranno..una cosa..x una volta che i sixers vincon una partita,non metete il tabellino?

  16. no vabè, io sono la persona meno nazionalista che esista al mondo, solo che vedere dei ragazzi nati e cresciuti in contesti italiani che sfondano in NBA è un segnale importante che può portare il basket a crescere come visibilità e seguito nel paese in cui viviamo. E’ soprattutto per questo che parteggio per loro.

  17. direi che con la sconfitta di stanotte inizia il grande inverno dei celtics, speriamo di non perderne troppe per avere almeno il primo turno playoff col fattore campo, poi se recuperiamo perkins, non abbiamo altri infortuni e non ci spremiamo troppo sapremo vendere cara la pelle anche quest’anno.

    • per me i celtici possono almeno arrivare secondi a est…non mi sembra ci sia una squadra schiacciatutto in regular season quest’anno…
      poi se i celtici hanno i primi 3 turni col fattore campo questi ddavvero fanno paura,….
      per me sono i favoriti numeri uno per il titolo….l’hanno scorso hanno giocato gara7 senza ricambio per i lunghi…altrimenti chissa cm sarebbe andata

  18. Ma come fa Boston ad avere il primo turno con il fattore campo avverso? arriva dietro Atlanta e Chicago?
    melo 91
    ma perchè Sheed Garnett e ciccio Davis non c’erano in gara 7? erano 3, pensa ai Lakers che invece ne avevano 2 e mezzo (ad essere buoni)! ne avessero avuti 3 di lunghi in quella serie…forse neanche si arrivava alla settima

    • si ma con perkins probabilmente avrebbero gestito meglio la partita…
      poi ovviamente sono stati i celtici a mangiarsi gara7…hanno sciupato il vantaggio seppur dall’altra parte kobe non era nella partita…

  19. Non è un discorso di italiani o non italiani, quando si gioca male è giusto criticare, ma quando si fa bene come nelle ultime partite è altrettanto giusto rimarcarlo! Poi qualcuno lo fa apposta, adirittura paragonare il Gallo a Trkoglu, un pò ridere mi fa!

  20. sheed infatti c’era e giocò benissimo gara 7 nonostante una schiena a pezzi, stendiamo un velo pietoso sui falli inventati che gli chiamarono per toglierlo di mezzo.

  21. bella vittoria dei thunder senza durant e green con westbrook sugli scudi.
    fa tanti assist perche gioca accanto a dei fenomeni bravi a buttare la palla nel cesto pero quando questi sono in una giornata no,non e in grado di caricarsi la squadra sulle sue spalle come il westbrook di ieri.
    il fatto di non essere un grande realizzatore a volte lo penalizza quando gli altri sono in difficolta.
    penso che il vero guidizio su rondo lo avremo tra qualche anno quando i celtics saranno la sua squadra,per adesso i suoi numeri sono un po falsati dai compagni che ha accanto.

    spurs e hornets che continuano a vincere e convicere.si propongono come alternative ai lakers ad ovest.
    vedremo quanto durera….

    ah spero in una finale nba senza la kers,celtics e heat

    continuo a pensare che rondo sia il punto forte dei celtics ma anche il punto debole della squadra per i suoi limiti tecnici.

  22. E sono 9 di fila. Espugnato anche il campo dei Jazz, forse la squadra più in forma della lega in questi ultimi 10 giorni. Certo, le batterie si esauriranno e molti qui dentro tireranno fuori coriandoli e stelle filanti, ma che piacere veder giocare così Duncan, Gino e Tony.. mi sembra di essere ringiovanito! Una vera delizia per i veri appassionati

  23. Come si possa gufare una squadra di campioni, sperare che giochino male, quando se stanno in forma mostrano una delle più belle palalcanestro di squadra, è davvero un mistero. Mai e poi mai io mi augurerei di veder calare il rendimento di KG, di Kobe, di Billups… questo vuold ire volere il male di questo sport. Alcuni membri di questo forum mi lasciano davvero a bocca aperta, mi sembra di stare sul sito del corriere dello sport a volte…

  24. Ma perchè? Adesso è un delitto se ti stanno sui coglioni gli Spurs? Ma guarda te…

  25. IO personalmente amo Ginobili alla follia, e gli Spurs mi piacciono..però le opinioni sono libere…se a qualcuno stà sulle palle una squadra o un giocatore esprime un’opinione..a me ad esempio venisse giù lo Staples durante un’allenamento degli amatisssssssssimi Lakers mi dispiacerebbe per le persone in quanto tali..ma per la squadra mica poi tantissimo…..

  26. a me gli spurs stanno sulle palle,preferirei che perdessero ma se son più bravi di altri è giusto che vincono.

  27. Brazzz

    Non capisco il tuo ragionamento. Che significa un lungo perimetrale mollaccione che tira da fuori. Allora ti stà sulle palle anche Nowitzki che è un mollaccione visto che in difesa è un cancello aperto. E chissà quanti altri.
    Il punto permettimi è che l’altezza non conta nulla. Non è che essere 2.13 ti obbliga nel basket attuale a stare a 1 metro dal ferro. Se uno non ha caratteristiche da centro lo sfrutti per le potenzialità che ha.
    Bargnani non è un centro, è un 4 naturale che in attacco può fare tutto. E’ migliorato nei movimenti in post basso ed ha un reportorio in attacco pauroso. Ieri ha segnato in tutti i modi. Da notare che tira ormai pochissimo da tre. Se parli di atteggiamento difensivo allora concordo con te tutta la vita. In questo è da calci nel culo.

    Io tifo gli italiani perchè sono cestisticamente cresciuti in Italia e non nelle università USA come molti altri europei e spero che in propsettiva nazionale ci possano dare soddisfazioni.

    Tornando alle prestazioni di ieri: big shot, ieri Bargnani ha giocato bene. Negli ultimi 2.30 minuti 4 punti e un assist ad Amir in campo aperto che di fatto ha chiuso la gara. La vedi negli highligts. Ottime percentuali al tiro ma la squadra nel suo complesso ha giocato dignitosamente. Le pecche sono nei recuperi difensivi, lento e nello sbattersi “troppo” sotto canestro. Diciamo che lascia l’incombenza agli altri. Rockets senza Brooks e Yao. Scola non ci ha capito nulla su Andrea.

    Da notare che è la prima volta che i tre italiani segnano più di 20 punti a testa. Belinelli benissimo, fa il compito perfettamente e in 31 minuti ne segna 20 con un eloquente 5/11 dal campo. Hornets perfetti.

    NY ha vinto la maratona a chi segnava di più. Folle Felton mentre convincente la gara di Gallinari. Da segnalare 0 rimbalzi.

    Non mi aspettavo la W dei Thunder senza Durant. Partita strana con Westbrook vero trascinatore mentre i Celtics mi sono sembrati scarichi. E’ stata solo una gara.

    Spurs che senza ielle vincono nella terra dei mormoni che dimostrano di soffrire a rimbalzo. Il duo Millsap Jefferson ha sofferto il Duncan d’annata.

    Chicago vince a Dallas e gli Heat dimostrano di amare il brivido. Si accendono e si spengono facilmente. Milicic fa un partitone (23 p. 16 r. 5 ass. 6 block) mentre il celebrato Love stecca. Kobe sparacchia.

    Inaspettata per me W di Phila contro i Bucks mentre i Kings finalmente festeggiano una W.

  28. ma questa è curiosa..non si possono avere antipatie a questo mondo?nulla contro i singoli giocatori,ma mi sta sulle palle gino non per colpa sua,ma per gente come,ad esempio,tranquilo,che ha passato anni a celebrare come fantasmagoriche perfino le sue rimesse dal fondo..non mi è mai piaciuto come giocano,specie in attacco,perchè han pasato anni ad avere un attacco con grande tendenza ad incartarsi..poi perchè han avuto in squadra carogne alla bowen..poi perchè leggere di dinastia,se penso alle dinastie tipo celtici,o lakers di magic,o bulls,mi fa capire quanto il livello sia sceso..bastan come motivi?ammesso che debba giustificarmi,ovvio..ah,poi ci scherzo su,sia chiaro..ah,poi esiste l’antipatia di pelle,naturalmente..

  29. alert
    la parola chiave del tuo discorso è ATTUALE..il basket attuale mi piace abbastanza meno di tempo fa..se il basket attuale prevede lunghi alla dirk,o andrea,o okur..dal mio punto di vista c’è qualciosa che non mi torna..son gusti,che ti devo dire..

  30. insomma metà(ad essere buoni) di appassionati nba italiani,ha voluto la crocifissione di bosh,ora vienamo a fare i moralisti?(riferito in generale sia chiaro)
    ha ragione brazzz, tranquillo su certe cose è talmente fazioso che da fastidio…

  31. brazzz

    Ci mancherebbe. Infatti ho scritto attuale perchè il basket è cambiato. 15/20 fa ad Andrea lo avrebbero sodoxizzato pur di farlo giocare da centro. Tranquillo è un grande ma concordo sul fatto che sia sbagnato sperticarsi in lodi eccessive. Un telecronista deve essere il più oggettivo possibile.

    tfosoknicks

    A me Bosh non piace ma riconosco il lui tanto talento. Ho scritto giorni fa che andava ceduto per fare posto ad un centro e che a parer mio non c’entrava nulla nel progetto Heat. Lo penso tutt’ora e sono altresì convinto che se Riley avesse la chance di prendere un centro vero non esisterebbe a sbarazzarsene. Il vero nodo sarà quanto Chris riuscirà a tenere i pezzi da 90 del pitturato e contemporaneamente avere la lucidità nell’essere un fattore in attacco. I miei dubbi sono tutti lì.

  32. Qui nessuno deve giustificarsi di nulla, ognuno la pensa come vuole. Allo stesso modo, io non capisco il concetto di tifare contro, l’augurarsi che qualcun altro giochi male e perda. Poi per carità, ognuno vive lo sport a modo suo, basta che gli dia soddisfazione

  33. alert

    io ho fatto un discorso su bosh riguardo a quando lui era ai raptors,cioè era sempre colpa sua di qualsiasi cosa e molti italiani lo avrebbero crocifisso in quanto “rovinava” bargnani.
    poi son d’accordo con te per il discorso miami,per me poteva rimanere haslem senza prendere bosh,ma è stato pure grazie a bosh l’arrivo di lbj

  34. big o

    io non tifo contro le sqaudre,e non auguro a nessuno di farsi male,gli spurs mi stanno sulle palle insomma,però se vincono vuol dire che sono più bravi di altri,tutto qui

  35. big o
    pure io mica tifo contro ..spero perdano perchè non li reggo..poi se vincono perchè son i migliori tutto ok..ci mancherebbe..certo,se loro son i migliori si torna al mio discorso principale..ma quanto è calato il livello?..

  36. tifoso

    E’ stato un bene che i due ragazzi si siano separati. “Forse” in un mondo pefetto potevano convivere ma ora possiamo vedere quanto valgono senza che si calpestino i piedi. La differenza lampante è nella fluidità dell’attacco. Andrea non blocca la circolazione della palla. A volte la tiene quando vorrebbe partire in palleggio per poi darla ad un compagno ma in definitiva non è un’accentratore alla Bosh. Lo scorso anno si sapeva che Calderon e Jack la davano a lui per poi assistere agli eventi. Un’attacco troppo monodimensionale che hanno pagato caro in sua assenza.
    Quest’anno Bosh non è la prima opzione e giocoforza deve dimenticarsi il suo stile di gioco ma adattarlo al contesto che non è formato da Andrea, DeRozan, Jack… ma da Wade e James, un filino diverso.

  37. Hanzo

    “Ave al Postino, futuro cavaliere dal Triste epiteto”
    Mica ho capito se è un complimento o un insulto… eheheheh

    Ragazzi, è ufficiale! Si sta formando uno “scontro” e l’argomento principale è il “The Big Inconsistent”, o gli italiani in generale. Aperte le primarie per i leader!!!

  38. Vediamo se veramente i Jazz sono messi male sotto canestro…
    Vediamo se stanotte i miei Camby Aldridge Batum e Cunnigham sapranno fare un buon lavoro…

  39. Si, si, facciamo l’alleanza, ma siamo pochini (io, te, Brazz e il postino), è una guerra già persa…

  40. alfredo

    noi abbiamo le armi di distruzione di massa…ehehehe

    alert

    anche per me bosh e bargnani non erano compatibili,insomma tutti e 2 avevano delle colpe in quella squadra,non solo il primo

  41. Brazz

    come dici tu, a te gli Spurs stanno sulle palle a prescindere…questione di gusti…ma nn mi parlare di livello calato, la finale 2005 è stata la migliore tecnicamente e nn solo da 20 anni a questa parte, molto meglio delle finals tra Bulls e Jazz, solo per fare un esempio…nn bastasse questo, in panca c’erano due dei migliori allenatori della storia

    Gli Spurs o i Pistons 2005 avrebbero fatto cagare sangue anche ai Bulls del three peat, poco ma sicuro

  42. Alfredo, brazz e tifosokincks

    è ufficiale che ormai stiamo sui coglioni ad una buona fetta del blog per il fatto che non simpatizziamo i tre nostrani. E allenza sia! ehehehehe

  43. Big “O”

    Ti voglio citare una cosa letta su american superbasket circa 3 anni fa, con la quale concordavo completamente…riassumendo, si parlava dei tifosi Lakers, e di quelli Spurs…dei primi, il giornalista dicevano che per la maggior parte era gente che di basket ci capiva poco o niente, i classici tifosi della domenica, attirati dal nome “Los Angeles”, dalle manfrine Kobe Vs Shaq, dagli attori a bordocampo, insomma da una serie di fattori che con il basket giocato nn avevano nulla a che fare…

    Tifare Lakers vuol dire nn capirci nulla di basket? No, affatto…vedere giocare certi campioni e farseli piacere è tutto fuorchè da incompetenti. Ma, come capita sempre per i nomi più famosi di ogni sport (Ferrari, Real Madrid, etc), la maggior parte dei “tifosi” sono persone che il basket lo conoscono poco o nulla

    Sugli Spurs, il discorso era opposto…nn ci sono personaggi da copertina, stelle a bordocampo, Hollywood in città, stupri veri o presunti, drogati, gente piena di tatuaggi, le stelle si rispettano tra loro e nn litigano…insomma, con loro si parla solo di basket.

    Il tifoso medio nn saprebbe neanche trovare San Antonio sulla mappa, pensate se conosce uno come Tim Duncan, da 15 anni fidanzato con la stessa ragazza, che nn va a puttane, nn gira in SUV, nn va a cena con dei ritardati alla PDiddy o NAS, la banalità fatta persona, almeno per il buzzurro medio

    No, gli Spurs li puoi apprezzare solo se ti piace davvero il basket, per i Lakers basta sapere dov’è Los Angeles. Poi certo, può anche piacerti il basket, senza amarli troppo, o per nulla. Le due cose nn si escludono a vicenda

    Rimane il fatto che, simpatie o antipatie varie, questa è una squadra ed un gruppo di giocatori che fa onore al basket, dentro e fuori dal campo. Duncan o Ginobili sono 10 volte le persone che sono un Melo o un TMac qualsiasi.

    Vedere osannati degli individui che per carità, a basket sanno giocare, ma fuori (e spesso anche dentro) dal campo sono omini di cartapesta, con le loro Ferrari, il loro codazzo di ruffiani, le loro puttane, i loro cantanti RAP (lo dico con disgusto, se NAS è rap io sono Rocco Siffredi), le loro feste riservate a presunti Vips e veri Pimps, questo si, mi fa specie. Specie se poi un individuo infinitamente migliore come Manu diventa antipatico a prescindere

    • all’epoca una diatriba molto simile riguardava la rivalità Bird-Magic… La concretezza, la ruvidità, la “serietà” di Larry contro la fantasia, il colpo ad effetto, la simpatia gigionesca di Johnson…. ricordo un video “preistorico” in cui i due si prestarono a fare gli attori. Magic, avvolto in mega-accappatoio bianco a spasso per la sua lussuosissima villa a BelAir, che intravede in una sorta di sfera magica Bird che, vestito da tagliaboschi con tanto di camicia di flanella a scacchi, spacca la legna con un’ascia….. Due interpretezioni del basket diametralmente opposte ma nondimeno fascinose….

  44. Scusa inyourweis, ma a me di NAS, P.Diddy, delle star a bordo campo, Jack Nicholson, David Beckham, macchine di lusso, festini “bunga-bunga”, puttane, nani e ballerine quando guardo una partita di basket non frega assolutamente niente. Così come non mi frega nulla se una stella NBA nel tempo libero fa gli sgambetti alle vecchiette per strada o preferisce dar da mangiare ai poveri diseredati.
    Penso solo alla meraviglia che mi si manifesta davanti agli occhi sul parquet: al fade away irreale del signor Kobe Bryant, al bank-shot che sfiora la perfezione artistica del signor Tim Duncan, ai voli di Lebron, alla fantasia di Rondo, alle penetrazioni di Rose, etcetera, etcetera…
    Non viene osannato l’uomo, ma l’eroe che veste quella casacca in quei 48 minuti. Se poi nella vita privata è meschino e insulso o onesto e santo, saranno fatti suoi e di chi gli vive intorno, non siamo qui a giudicare la moralità della gente, ma a goderci uno spettacolo.

    • Logico pensare che una persona poco esperta del basket privilegi alcuni aspetti più “spettacolari ” del gioco…. Logico anche pensare che molti pseudo-tifosi gongolino a salire sul carro dei vincitori, e tifare Lakers ti da da questo punto di vista una certa sicurezza…. Personalmente faccio del tifo una questione prettamente affettiva…. Tifo Sixers da una vita, da quando feci sega a scuola per andare a vedere THE DOCTOR JULIUS ERVING al palazzetto dello sport di viale Tiziano a Roma che faceva il testimonial per la Converse…. e nonostante di merda ne abbia ingoiata tanta in anni e anni di delusioni a livello di risultati continuo a tifare spudoratamente Sixers….

  45. Per me Larrok ha ragione. Guardando in altri campi, per esempio la musica, io ascolto bene o male tutta gente o tossica o alcolizzata, se non entrambe le cose. Questo non significa che li stimi nella loro vita quotidiana; li apprezzo solo ed esclusivamente quando salgono su un palco.
    Stesso discorso per il basket; tifo Lakers perchè c’è Kobe Bryant. Della città di Los Angeles non me ne frega un emerito cazzo, conosco di nome due strade si e no…

    • ma tifare Sixers non mi impedisce di rimanere basito di fronte alla tecnica di Duncan, di spellarmi le mani per una schiacciata in traffico di James, di portare rispetto alla letalità del Mamba, di vedere un redivivo McHale nelle movenze di Gasol… insomma di amare questo gioco nella sua interezza rimanendo cmq imparziale nel giudizio nonostante il cuore batta Phila…

  46. In Your Ways

    Guarda, certo avvicinarsi a una franchigia famosa e gloriosa come i Lakers, che peraltro giocano e fanno ormai parte di una delle città più “luminose” al mondo è certamente più facile che non tifare per San Antonio. Devo però confessart(v)i una piccola cosa: tifo San Antonio da quando avevo 9 anni, ergo dal lontano 1996, e non per chissà quale motivo legato alla tecnica o alla personalità dei suoi giocatori, ma semplicemente perchè il mio nome di battesimo è… Antonio. Originale, no? Però ero un nano di 9 anni, quindi penso la cosa possa essere perdonata :-)

    Per il resto, il tuo discorso amplia a dismisura quanto intendevo io. Non parlavo di tifare PER, bensì di tifare CONTRO. Se anche il 90% delle persone tifasse L.A., mi interesserebbe poco. Semplicemente, io oltre a tifare San Antonio è un po’ come se tifassi anche tutte le altre franchigie, perchè è lo spettacolo intero a guadagnarci: più squadre forti e in forma ci sono, più competizione e rivalità c’è, meglio è! E mi sorprendo che non sia così per tutti.

    Poi naturalmente, come detto prima, ognuno tifa, pensa e scrive quello che vuole.

  47. brazz
    ogni volta tiri in ballo sta storia del livello calato, ma rispetto a cosa? Ai fantastici anni ’80?
    Una frase del genere si poteva capire l’anno della finale San Antonio-Cleveland, ma io oggi come oggi, nonostante le 30 squadre, vedo solo 4-5 franchigie completamente da buttare (Toronto,Detroit, Charlotte,Clippers e qualcun altro) le altre sono tutte di livello, medio, alto o altissimo.

  48. ahahah in your wais immagino che idea tu abbia del mio dio diego maradona…auhuhauahahahah

  49. in your weis

    io credo che la finale dello scorso anno tra lakers e celtics per equilibrio,bellezza e soprattutto livello delle due squadre,abbia superato anche la finale del 2005 tra spurs e pistons.
    pensiamo agli interpreti,kobe,garnett,gasol,rondo,allen,artest,pierce,odom,sheed,bynum,quanti duelli super abbiamo visto…

    per quanto riguarda gli italiani.
    non voglio entrare in quei inutili discorsi se e giusto tifare per i nostri giocatori oppure no,ognuno fa quello che gli pare…

    dico solo che con bargnani forse qualcuno e stato troppo frettoloso nei giudizi.
    i raptors forse non sono così scarsi come si pensava,nell’ultima settimana hanno fatto molto bene,mentre bargnani sta incominciando ad ingranare per davvero.
    io so che lui il meglio di solito lo tira fuori verso gennaio.
    meglio aspettare la fine della stagione e poi vediamo se ha veramente fallito,bosh o non bosh…

    per quanto riguarda gallinari,poche storie,ho visto la partita,per i primi tre quarti i knicks hanno dominato i warriors,grazie soprattutto al duo felton-stoudemire,poi una volta che i warriors sono definitivamente tornati in partita ci ha pensato gallinari a far vincere i knicks con tre triple nel giro di due minuti.
    ripeto,se i knicks vogliono sperare hanno bisogno che la leadership della squadra la prenda in mano il gallo,lui deve essere il go to guy.
    comunque ellis e diventato veramente un attaccante di livello pazzesco…

    felice per belinelli.
    ricordo che quando andò agli hornets lui stava ancora disputando il girone per i prossimi europei con la nazionale.
    veniva ormai definito come un giocatore che in nba non poteva starci,ed invece proprio agli hornets ha trovato la sua dimensione ideale.
    credo che questo in nba ci starà ancora parecchi anni…

    intanto mi godo il momento pensando che con questi tre la nostra nazionale per i prossimi anni potrà fare ottime cose.
    sono ancora giovani e possono ancora crescere,quindi…

    discorso lakers.
    lo scorso anno,tolto odom,non vedo chi altro delle riserve potesse fare una prestazione come l’ha fatta barnes contro i twolves.
    upgrade clamoroso,pensiamo che lo scorso anno l’alternativa ad artest era walton o le due guardie vujacic-brown(non il brown di quest’anno).
    questi lakers fanno il parziale che spacca in due la partita con il trio d’esterni composto da blake-brown-barnes,quando e così si capisce che questa squadra ha un altra marcia.
    il bello che quando rientrerà bynum i lakers potranno aggiungere a questa panchina il miglior sesto uomo della lega,un certo odom.
    comunque di barnes ormai ho capito che questo e l’esempio perfetto di cosa voglia dire nel basket uomo squadra,perchè si adatta ad ogni match,quasi sempre da una grossa mano a rimbalzo,difende,aiuta, e altruista e può dare un energia positiva anche in fase offensiva,il classico collante che tanto farebbe comodo alla nostra nazionale…

  50. ah dimenticavo lamar odom e la sua difesa su love,nella voce difensori sottovalutati…

    certo che se odom finirà la carriera senza neanche una partecipazione all’all star game,definirlo scandaloso e dire poco,soprattutto se penso a certi lunghi che hanno partecipato a quella gara nell’ultimo decennio(okur-magloire-ilgauskas-miller-kaman ecc.)…

  51. per quanto riguarda milicic,impressionante soprattutto il suo primo quarto.
    in difesa su gasol ha fatto paura,solo nel primo quarto l’avrà stoppato 3 volte…

    forse sta facendo intravedere quel talento che solo i pistons(non solo loro a dir la verità) avevano capito nell’estate 2003…

  52. grande in your weis predicatore apocalittico alla saviano contro i vizi di los angeles gomorra!

  53. IND-ORL ORL
    CHA-PHO CHA
    ATL-DAL DAL
    MEM-MIA MIA
    MIL-OKL MIL
    SAN-CLE SAN
    DEN-NJ DEN
    POR-UTAH UTAH
    LAC-NY NY

  54. IND-ORL ORL
    CHA-PHO CHA
    ATL-DAL ATL
    MEM-MIA MIA
    MIL-OKL OKL
    SAN-CLE SAN
    DEN-NJ DEN
    POR-UTAH POR
    LAC-NY LAC

  55. in your weis

    faccio finta di non aver letto riguardo al ritardato mentale dato a nas,almeno lo conosci?
    su p diddy posso concordare su nas assolutamente no

  56. in your weis

    allora mi sa che sei rocco siffredi…
    ora che ci siamo alleati non puoi dirmi che tutto il rap è solo merda :-)

  57. gallo

    peccato che milicic quel talento lo fa vedere a dir tanto una volta all’anno…

  58. Dr.Dre

    No, NAS nn è un rapper, per me Rap significa Public Enemy…

    Larrok

    Beh, mi piace il basket e se anche sei un criminale nn potrò mai nn rimanere affascinato da gesti tecnici o estetici. Ma nn ho più 20 anni, gli eroi per me nn stanno su un campo da basket ma in altri luoghi al limite

    Posso pensare che TMac sia (stato) una cosa bellissima da guardare, rimanerne ammirato, ma nn riesco poi a staccare il suo essere giocatore dal suo essere uomo. Nn posso non pensare al fatto che uscendo dal campo l’80 dei giocatori ha come massima aspirazione fottere ogni ragazza che incontra, esibire gioielli inutili, riempirsi di tatuaggi, collezionare macchine, fare il figo a eventi mondani pieni di persone di plastica

    Non sono mai andato a cena con Duncan e Nash, ma mi sembra evidente che si tratta di personaggi milioni di anni luce lontani dall’atleta americano medio. E preferisco veder vincere gente del genere, che vede la vita come qualcosa che vada oltre infilare un pallone in un canestro. Poi ovvio che da amante del basket apprezzo tutto quello che viene, e nn potrò mai essere del tutto dispiaciuto anche se vince gente che nn amo più di tanto

  59. in your weis

    anche per me il rap significa public enemy(e non solo loro),ma non puoi dirmi che nas non è un rapper paragonandolo a diddy,ognuno ha i suoi gusti sia chiaro,ma nas rimane uno tra i migliori per come la vedo io.
    i run dmc ti piacciono?

  60. cmq la vittoria dei thunder a boston ha un peso specifico notevole per le condizioni in cui oklahoma city è arrivata a giocare la partita. se difendiamo con continuità e bene solo i lakers ci potranno fermare ad ovest.

  61. il primo nas quello di illmatic(album) e’ stato e sara’ uno dei migliori rapper di sempre poi vabbe’ i gusti son gusti.

  62. E’ chiaro che preferisco gente come Duncan e Nash come stile di vita, umiltà, ecc…ma parlavo del gesto tecnico, dell’emozione che ti crea vedere una giocata che è la manifestazione del genio, come può essere un tiro di Van Basten o di Maradona, un rovescio di Federer e così via..
    Per eroi intendevo ovviamente eroi all’interno del campo di basket, non nella vita reale, mi pare ovvio.

  63. kaiser

    La trade è praticamente fatta. Per Bayless c’è l’inghippo che per due mesi, fino al 23 dicembre non può essere coinvolto in una trade visto che proviene da Portland. Comunque sabato Peja sbarcherà a Toronto. Per i Rapt un giocatore buono per abbassare il salary. Bayless invece può essere un buon prospetto.
    La mossa NO non la capisco molto, comunque Jack farà il backup di Paul mentre Andersen affollerà le file delle ali grandi. Forse potevano prendere qualcosa di meglio.

  64. leggo sempre ma da quando è cambiato il sito non ho ancora scritto

    cmq se nas non è un rapper allora kobe non sa giocare a pallacanestro

    capivo se dicevi 50cent, ma cazzo nas è pure uno che scrive testi straseri

    Bargnani è un più che buon giocatore nell’nba attuale.
    fate la prova: sostituitelo a tutte le ali grandi delle altre franchigie e vedete quante migliorerebbero e quante peggiorerebbero.
    ok, non è da quintetto a boston o ai lakers, ma magari già ad orlando
    magari a minnesota e ai clippers stanno già messi meglio e pure a memphis
    ma i thunder? forse pure con gli spurs
    secondo me più della metà delle squadre migliorerebbe con lui in ala grande.

    lo stesso non credo si possa dire degli altri due.
    E’ una questione di concorrenza, ed è pure una questione di trovere l’ambiente ideale.

    Inoltre non sono neanche così sicuro che come difensore faccia così schifo, quest’anno devo ancora vederlo giocare ma ricordo che l’anno scorso aveva fatto parecchi miglioramenti nell 1vs1
    di difesa di quadra non si può parlare visto che i raptors non hanno una difesa di squadra, cioè ai raptors nessuno difende bene di squadra.
    per il poco che ho visto dagli highlight mi pare la stessa situazione dello scorso anno, gente che si guarda intorno e non sa cosa fare.

  65. Gallinari 31 punti di cui 17 nell’ultimo quarto e vittoria dei suoi sui Clippers.

    Griffin è esploso: 44+15+7

Commenta