Insieme alla IndyCar, parte nel weekend a St.Petersburg anche il campionato Indy Lights. Il calendario prevede 18 gare, quasi tutti appuntamenti doppi nei weekend IndyCar. Come lo scorso anno finale a Laguna Seca. La stagione che parte vede un leggero incremento delle vetture al via, con 16 vetture attese al via della prima gara.

I test invernali hanno mostrato uno Schmidt Peterson Motorsports tornato al vertice. Il team pluricampione della categoria è stato il più veloce sia nei test sull’ovale di Phoenix, con RC Enerson, sia sul Barber Motorsports Park con il rookie Santiago Urrutia. Sono loro due le punte della squadra, con il primo forte dell’esperienza dello scorso anno e il secondo fresco vincitore del campionato Pro Mazda. Terzo pilota della squadra sarà il brasiliano Andre Negrao, reduce da alcune stagione non molto esaltanti in GP2. Il principale rivale dello Schmidt Peterson Motorsports dovrebbe essere il Team Carlin. La squadra ha avuto un grande impatto lo scorso anno all’esordio, anche se Ed Jones dopo aver vinto le prime tra gare è andato in calando. Il pilota anglo-arabo potrebbe essere il vero favorito, ma deve essere più costante e migliorare sugli ovali. Gli altri due piloti della squadra saranno Neil Alberico, molto considerato ma che nei test invernali non ha particolarmente impressionato, e Felix Serralles, vincitore di una gara lo scorso anno.

Il team campione in carica, lo Juncos Racing, non sembra quest’anno poter puntare al titolo. Il confermato Kyle Kaiser è un buon pilota ma non sembra in grado di inserirsi nella lotta al vertice, mentre il rookie Zachary Claman De Melo è sempre stato nelle retrovie nei test. Molto più interessante il team campione 2014, il Belardi Auto Racing, che presenta una delle migliori lineup della categoria: il rientrante Zach Veach, reduce da un anno di sostanziale inattività, e il rookie svedese Felix Rosenqvist, vincitore del campionato europeo di Formula 3 nel 2015 e delle ultime due edizioni del prestigioso GP di Macao. Se si ambienta in fretta potrebbe essere la sorpresa della stagione, mentre Veach, giovane ma già esperto della categoria, va inserito di diritto tra i favoriti. Tre vetture per l’Andretti Autosport, i cuoi piloti, il confermato Shelby Blackstock e i rookie Dalton Kellett e Dean Stoneman, non sembrano però l’altezza di lottare per il titolo. Infine il Team Pelfrey, team nuovo nella categoria ma che schiera uno dei piloti più esperti, Juan Piedrahita, e almeno per il primo weekend Scott Hargrove, pilota molto interessante che meriterebbe di correre tutta la stagione, come dimostrato anche dal secondo tempo nei test sul Barber Motorsports Park della settiana scorsa.

Post By Marco Strazzulla (136 Posts)

Sono un grande appassionato di sport americani, in special modo di basket NBA e football NFL, ma soprattutto di automobilismo. Considero la IndyCar la migliore categoria al mondo per spettacolo, sportività e completezza dei piloti. Ho assistito di persona alla 500 Miglia di Indianapolis 2008, uno spettacolo indescrivibile.

Website: → Indycar Italy

Connect

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenta