Pocket

Se durante queste settimane la Ford si era “nascosta” per lasciare spazio alle Chevrolet, ora con Keselowski la casa americana è uscita allo scoperto.

Si, proprio il campione 2012, che vinse qui proprio quell’ anno si è ripetuto in una prova mai vista finora: il duo Penske ha dominato letteralmente la gara rimanendo ai vertici per 239 giri, e fatta eccezione di Kyle Busch (31 giri in testa), le due Ford potevano imporre decisamente un altro passo, un ritmo che gli avversari non potevano sopportare.

Quello di Keselowski è stata una gara simile a quella di Harvick a Phoenix e di Johnson a Dover: 199 giri senza mai essere disturbato da nessuno, mostrando un salto di qualità quasi da veterano dopo aver clamorosamente vinto due anni fa.

Kyle e sopratutto Logano hanno provato in tutte le maniere a tenere testa con tenacia lo scatenato “Bad Brad” ma non c’è stato nulla da fare .

Primo podio per il “razzo” o meglio ancora “the rocket man” Ryan Newman bravo ed audace a tenere nei suoi scarichi due piloti che hanno avuto una serata gloriosa di sorpassi: Kenseth scattato 14° e Dale Earnhardt jr addirittura partito dalla 29° posizione. Stesso discorso vale per gli altri due Hendricks Johnson e Kahne autori di rimonte discrete.

Una gara in notturna che ha regalato emozioni dietro agli scarichi di Brad K ma ai fini della gara si era capito che la Ford numero 2 era l’auto da battere. Così è stato e c’è solo da complimetarsi.

Dopo il Kentucky giro di boa a Daytona, dove con restrittori altri piloti oltre a quelli famosi possono dire la loro.

Post By Davide Sarti (247 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.