Pocket

JoeyLoganoPureMichigan400CWy5nLndEXyl_zps0d985a48Domenica scorsa, la Sprint Cup Series si è spostata nuovamente in Michigan per accogliere i piloti nel grande ovale da 2 miglia secche, dove in pole partiva il neo arrivato Penske, Joey Logano.

La situazione in griglia prometteva scintille: i diretti rivali di Johnson partivano nelle prime file, mentre “Superman” è stato relegato all’ ultima posizione causa incidente nelle pratiche del giorno prima. La gara ha riportato tante emozioni, in primis la battaglia di Kurt Busch contro Logano, mentre un rampante Johnson risaliva il plotone freneticamente dalle retrovie e i vari Kahne, Earnhardt jr e Kyle Busch inseguivano i due leader.

Michigan, ha portato sfortuna all’ Hendrick Motorsports nella loro ultima visita e anche stavolta si ripete: Johnson dopo 50 giri ha problemi al motore ed è costretto al ritiro permettendo a Bowyer di recuperare in parte lo svantaggio accumulato nella generale. Poi Earnhardt Jr, vincitore l’anno scorso abdica a 60 giri dal termine per l’esplosione della posteriore destra quando fino a quel momento girava nel top 10.

Logano, dal canto suo ha mantenuto il passo dei migliori per tutta la gara, Kurt Busch invece, dominatore per almeno 90 giri sprofonda oltre la decima piazza nell’ ultimo quarto di gara. Con il 78 a distanza, Logano sembrava lanciarsi verso la vittoria. La sorte però voleva il “Vecchio” Martin, che veniva con una strategia diversa rispetto agli altri piloti, come avversario diretto del 22 per il tratto finale della competenza.

Martin ha giocato il tutto per tutto con gomme usate, rischio di rimanere a secco ma con un vantaggio enorme su Logano. Alla fine a prevalere però è il giovane pilota di Penske capace di sfruttare gomme fresche, stabilità e guida pulita. Supera il veterano a 4 giri dal termine andandosi a prendere una bandiera a scacchi che non arrivava da Pocono nel 2012.

Harvick secondo, non può nulla contro lo strapotere dell’ avversario e si accontenta del suo 200esimo piazzamento nella top 10 in carriera. Finalmente, dopo 23 gare anche Captain Roger Penske si iscrive alla lista dei vincitori di quest’anno potendo contare su due forti piloti come Joey Logano e Brad Keselowski.

Post By Davide Sarti (237 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

One thought on “Michigan: scocca l’ora di Logano

Commenta