Pocket

04-21-Sato-Wins-Toyota-Grand-Prix-Of-Long-Beach-StdDominando la terza prova stagionale comandando per 50 giri degli 80 previsti, Takuma Sato diventa il primo giapponese a vincere nella Indycar.

La sua vittoria è anche la prima dell’ A.J.Foyt Enterprises da 11 anni ( ultima vittoria 7 Luglio 2002 con Airton Dare sul Kansas Speedway). Il podio è stato completato dal figlio di Bobby Rahal, Graham e dall’ inglese Justin Wilson, autore di una prova magistrale partendo dalla 24° casella.

Alla prima bandiera verde Franchitti scatta bene e si prende il comando della corsa ma dopo due soli giri, la gara perde i primi elementi: Dixon fora e Saveedra finisce contro le barriere protettive.

Alla ripartenza, Hunter -Reay e Franchitti sono appaiati di nuovo: lo scozzese resiste all’ assalto del portacolori di Andretti, mentre nella pancia del plotone Castroneves tampona Conway con il conseguente rientro ai box.

Al giro 23 Sato supera agevolmente Hunter-Reay alla prima curva e va a caccia di Franchitti per la leadership; obiettivo raggiunto grazie ad una sosta non impeccabile dello scozzese.

Dietro all’ ex Formula 1 Takuma Sato, succede di tutto: incidente tra AJ Allmendinger e Hildebrand, mentre Conway è costetto al ritiro per problemi tecnici e Hinchcliffe tocca “ il diavolo di Caracas”, Ernesto Viso, portando a tre i cautions di giornata.

Quindi Sato guida su Rahal, Franchitti, Kanaan e il rookie Vautier quando alla 50° fermata il campione 2012 finisce nelle barriere nel tentativo di superare un doppiato.

All’ ultimo restart Sato tiene a bada Rahal che dal canto suo, cerca di tenere il passo del nipponico ma deve fare i conti con il risparmio di combustibile.

Sato vola verso una vittoria in una gara praticamente perfetta, Rahal e Hildebrand lo seguono mentre Pagenaud, de Silvestro e Castroneves completano il top ten.

Post By Davide Sarti (247 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

One thought on “A Long Beach si parla giapponese

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.