Pocket

Era dal 2002 che due Wild Card non si affrontavano nella finalissima. Quell’anno furono Angels e Giants (ancora loro) e la serie finì a gara 7. Ed anche quest’anno potrebbe andare così…

Certo non si può dire non siano arrivate in finale le due squadre che hanno giocato meglio: i Royals hanno vinto tutte le 8 partite disputate, sweppando sia gli Angels sia gli Orioles. I Giants hanno sofferto di più, ma hanno comunque avuto la meglio su Dodgers e Cardinals con autorità.

Due formazioni che giocano la small ball, anche se partendo da presupposti differenti: i Giants vi sono costretti, dato l’enorme A.T. & T. Park, il più “pitcher friendly” tra gli stadi della NL.

I Royals invece, con uno stadio meno difficile e con giovani potenti avrebbero dovuto trovare maggior fortuna con i fuoricampo. Invece sono giunti ultimi nell’MLB in questa speciale classifica (meno di 100 HR battuti, unica squadra sotto le 3 cifre) e pertanto si sono ingegnati altrimenti.

D’altronde nel lineup hanno ben 3 velocisti nei primi tre posti (Escobar, Aoki, Cain), mentre la quasi totalità delle altre squadre MLB al terzo posto presenta uno slugger, per relegare eventuali velocisti in eccesso nell’ottavo o nono spot.

In ogni caso, sia i Royals sia i Giants sono riusciti in questi playoff a sfoderare anche alcuni HR inaspettati, che hanno contribuito alle vittorie.

Anche sul piano difensivo i due team hanno mostrato grandi cose, con prese spettacolari specie negli esterni. Piccolo punto debole per i Giants, come palesato in gara 5 con i Cardinals, Ishikawa in esterno sinistro.

Poi entrambe le squadre hanno sfoggiato bullpen solidissimi con closer affidabili: questa è stata la principale differenza rispetto ai loro rivali nelle LCS.

La gestione degli stessi però, mentre è apparsa limpida e inappuntabile da parte di Yost, ha lasciato qualche dubbio sul versante Giants: l’impiego di Casilla e Strickland in particolare è stato a volte criticabile. Le rotazioni invece non sono sembrate insuperabili.

I Royals avranno dalla loro pertanto i seguenti elementi: il vantaggio del campo, anche se i Giants (e Bumgarner in particolare) hanno dimostrato di trovarsi meglio fuoricasa che nel proprio stadio; l’enorme entusiasmo dovuto alle 8 vittorie di fila ed al ritorno ai playoff dopo 29 anni di assenza; il bullpen stellare con un closer mai in difficoltà; un Vargas che è sembrato in ottima forma, ed uno Shields che invece ha fornito alti e bassi ma in situazioni delicate è sempre una sicurezza; una difesa fenomenale, specie negli esterni; una grande vivacità nelle basi, con basi rubate, hit and run, avanzamenti alla minima titubanza avversaria.

I Giants hanno dalla loro certamente la maggiore esperienza: sono alla terza World Series in 5 anni (ed hanno vinto entrambe le altre occasioni, nel 2010 e 2012); hanno un manager abituato ai playoff (Bochy) contro un esordiente; hanno una rotazione molto esperta (Hudson, Peavy, Volgelsong) ed un asso di assoluto valore (Bumgarner) che se verrà utilizzato in modo tale da lanciare 2 volte in trasferta (gare 2 e 6 anziché 1 e 5 come fatto contro i Cardinals e come direbbe la logica), dato che i suoi numeri nello stadio californiano sono (stranamente) molto peggiori, potrà dare il massimo; un bullpen altrettanto esperto ed affiatato (la maggior parte dei suoi membri ha due anelli di campione del mondo); uno stadio molto difficile da affrontare, specie in fase difensiva, con Blanco e Pence che riescono a far prese spettacolari e che potrebbe invece creare qualche imbarazzo ai Royals.

Il nostro pronostico prevede almeno 6 gare, ma riteniamo che i Royals siano in un momento magico e quindi capaci di fare il miracolo, dato che comunque partono sfavoriti.

 

Post By piersilvioc (218 Posts)

Website: → MLB Market

Connect

3 thoughts on “World Series 2014: Preview

  1. forza Royals… fate il miracolo… magari con un fantastico 4-0 per una striscia finale di 12-0 nei play offs

  2. Il closer dei Royals è stato messo molto in difficoltà dagli A’s, gli unici ad avere una mentalità vincente (come i Giants e i Royals) al contrario delle squadre incontrate successivamente. Non penso che i due bullpen avranno vita facile questa volta.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.