Pocket

Le vincitrici delle ultime due World Series si ritrovano questo anno per l’attesissima finale della National League. Entrambe hanno sudato le proverbiali sette camicie per arrivarci, con San Francisco che ha sconfitto Cincinnati dopo essere stata sotto 2-0 nella serie, mentre St.Louis é stata ad uno strike out dall’eliminazione in gara 5 contro i Washington Nationals ma é riuscita a pareggiare e poi vincere la partita. Serie apertissima tra due squadre che non muoiono mai.

Gara 1: San Francisco per sfatare il tabu’ casalingo.

Eh si, perché i Giants hanno perso le prime due partite all’AT&T Park contro i Reds e puntano a partire bene questa volta davanti al pubblico amico. Non possono schierare il loro miglior pitcher Matt Cain, reduce da una gara 5 disputata solo tre giorni prima. Sul monte va quindi il giovane Madison Bumgarner per affrontare uno degli attacchi migliori della lega. Bumgarner é in calo dal mese di settembre e non va meglio ad ottobre, considerate le 4 runs subite in 4.1 innings nella sua partenza delle Division Series.

Per i Cardinals il partente é Lance Lynn, 1-1 in postseason fino a questo momento pur senza lanciare mai da partente.

Il primo inning vede concedere ai due lanciatori solo una base ball (Lynn), ma nel secondo vanno a referto i primi punti grazie a un singolo di Molina seguito subito dopo da l’home run di David Freese che in un at bat combattuto sbatte il settimo lancio di Bumgarner, una fastball a soli 88 mph giusto in mezzo al piatto, sugli spalti del left field. Sono i primi punti della serie, 2-0 Giants.Bumgarner concedera’ un singolo a Descalso e una base ball a Lynn prima di chiudere l’inning senza ulteriori danni.

Mentre Lynn va tranquillo per i primi 3 innings, Bumgarner si trova ancora nei guai nel quarto, dopo un leadoff double dell’incontenibile Descalso, mandato subito a casa da Peter Kozma con un altro doppio. Gli eroi di gara 5 contro i Nats si rifanno vivi anche nelle Championship Series. Bumgarner é in difficolta’ e concede il punto del 4-0 su un singolo di Jay. É non é finita qui: sul conto di 2-2 offre una slider comoda comoda a Carlos Beltran per l’home run che porta il vantaggio Cardinals a 6 lunghezze. Col senno di poi hanno ragione tutti, ma rimangono tutti i dubbi di lasciare il giovane lanciatore dei Giants sul monte ad affrontare un giocatore caldissimo come appunto é Beltran in questo momento, uscito dalle Division Series con .409 di media battuta e 2 HR. Entra il bullpen quando é troppo tardi, ma riuscira’ a garantire una buona prestazione perché nessun giocatore dei Cardinals correra’ piu’ a casa base.

Nel quarto inning é Lynn ad essere in difficolta’. Concede un leadoff single a Scutaro per poi collezionare due veloci out. E’ Hunter Pence a far avanzare in terza Scutaro con un single, ed é poi Brandon Belt a portarlo a casa con un’altra valida. 6-1 Cardinals. Lynn non ha piu’ fortuna con il lanciatore successivo visto che il triplo di Gregor Blanco porta a casa altri 2 punti. 6-3.

Finita qui? No perché anche Crawford partecipa al big inning con un doppio che fissa il punteggio sul 6-4. Il lanciatore dei Cards é in grande difficolta’ ma viene tenuto sul monte e permette a Huff di andare in base con una walk. Il battitore successivo é Pagan che batte un’ottima grounder verso il buco tra seconda e shortstop. Descalso si tuffa sulla sua destra, agguanta la palla e riesce a tirare in seconda per quello che é il terzo out. Fantastica presa e un punto salvato.

Da qui alla fine i rilievi congelano la partita: quello di San Francisco non concedera’ nemmeno una valida in 5 innings di lavoro. Per quello di St.Louis le valide concesse sono solo 2, compresa una di Motte nell’ultimo inning che pero’ non porta a nulla, visto che la grounball di Scutaro porta all’eliminazione in prima.

Momento della partita: non ve ne é uno che svetta sugli altri, voto comunque per l’Home Run di David Freese che porta la partita verso il Missouri.

Uomo Partita: Lanciatori partenti bocciati, voto David Freese che supera Carlos Beltran. Per entrambi 2 RBI.

Gara 2: Il lanciatore che non ti aspetti.

Riusciranno i Giants a fare contenti i loro tifosi accorsi in massa sugli spalti? Per farlo si rivolgono a Ryan Vogelsong che sale sul monte per affrontare in un difficile match up Chris Carpenter. I favori sono tutti per i Cardinals per una seconda vittoria e un vantaggio importante nella serie.

Vogelsong concede subito qualcosa lasciando andare in base lo scatenato Carlos Beltran con una walk e poi subendo un singolo da Matt Holliday. Lo stesso Holliday é protagonista di un episodio che fara’ discutere: Allen Craig batte una grounder per un possibile doppio gioco che pero’ Holliday rompe andando a franare sulla seconda base ma anche travolgendo Marco Scutaro, con un entrata molto pericolosa che poteva avere conseguenze ben peggiori. Injury delay ma Scutaro potra’ proseguire la partita. L’inning si chiude senza alcun punto subito.

Il punto arriva invece nella parte bassa del primo, quando Angel Pagan impatta bene il quarto lancio di Carpenter e lo manda sugli spalti. E’ 1-0 Giants. Il campione di St Louis non appare nella sua giornata ideale ma riesce a chiudere l’innings senza ulteriori danni. St Louis non ci sta e pareggia subito nel secondo,quando Carpenter si fa perdonare e subito ristabilisce la parita’ con un doppio che fa segnare Kozma. 1-1.

Nel terzo si prosegue in parita’, mentre é nel quarto che si rompe la partita: Carpenter subisce un doppio da Belt, singoli da Blanco e Crawford. Segna Belt ed é 2-1 con nessun out nell’inning. Un bunt di sacrificio di Vogelsong fa avanzare i corridori, ma le basi si riempiono quando Pagan si guadagna una walk. Al piatto c’é Scutaro che con il suo singolo, aiutato anche da una goffa giocata difensiva di Holliday, sparecchia le basi per 3 punti. E’ 5-1. Incubo terminato per Carpenter, che chiude subendo ben 5 runs in 4 innings.

Vogelsong é invece stupendo per San Francisco e alla fine lancera’ per 7 inning subendo solo 4 valide e 1 punto.

Il Bullpen di St Louis questa volta concedera’ qualcosa nell’ottavo e la partita non si riaprira’ piu’ . Affeldt e Romo sono ottimi in rilievo per i Giants e non subiscono nulla. La partita si chiude sul punteggio di  7-1 e la serie si sposta nel Missouri per le prossime 3 gare.

Momento della partita: Sicuramente il singolo da 3 punti di Marco Scutaro che contribuisce al big inning di San Francisco.

Uomo Partita: Ryan Vogelsong lancia alla grande e permette ai tifosi nero-arancio di vedere una vittoria dei loro giocatori in casa per la prima volta in questa postseason. Era ora!

Post By Kromfel (14 Posts)

Seguo il baseball dal 2003, da quando mi sono ammalato di Royalsite acuta. Mi piace molto seguire le minors e l'andamento dei prospetti. Non do valore all'OBP perché se avesse tutta questa importanza, sarebbe segnato sullo scoreboard, no? Vivo in Turchia dal 2008 e lotto quotidianamente con la lingua locale.

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.